News Tablet

Apple iPad Mini: 3 motivi per comprarlo, e non (pro e contro)

Ott 26, 2012

author:

Apple iPad Mini: 3 motivi per comprarlo, e non (pro e contro)

 

iPad Mini: analisi dei pro e contro

 

Ogni attesa porta con se delle aspettative, dei rumors e perché no critiche ed apprezzamenti preventivi e se poi ciò che si attende è un dispositivo della Apple, ognuno dei suddetti punti risulta essere amplificato, spesso a dismisura. Il periodo pre-lancio del nuovissimo iPad Mini è stato costellato di news, talune attendibili, altre decisamente meno, di indiscrezioni, di immagini rubate e di considerazioni di ogni genere, ma a partire da ieri, giorno in cui il nuovo mini tablet della Apple è stato presentato ufficialmente, tutto questo insieme di voci, immagini ed opinioni sta cedendo inesorabilmente il posto ad un nuovo ordine di considerazioni basate su ciò che realmente e definitivamente ne sappiamo in tema di caratteristiche, specifiche, prezzi e design. Ed è proprio basandoci su questi dati certi di nuovissima acquisizione che cercheremo di comprendere quali siano le ragioni che potrebbero spingere un appassionato di tecnologia a comprarlo oppure ad optare per l’opzione opposta, nonché sollevare alcune incognite e valutazioni comparative con i suoi classici contender, quali il Google Nexus 7 (di cui vi ricordiamo la recensione completa) e l’Amazon Kindle Fire HD.

 

Perché comprarlo (Pro)?

Di ragioni se ne potrebbero trovare tante, e non solo perché è un dispositivo Apple e dunque di per se stesso un prodotto di ottima qualità, ma ci sembra che tre spicchino su tutte: il rapporto tra dimensione e peso, processore utilizzato e la presenza di iOS 6. Andiamo per ordine ed iniziamo a parlare delle dimensioni di questo dispositivo, che come avrete certamente letto (link) sono pari a 7.87 x 5.30 x 0.28 pollici (200 x 134.7 x 7.2 mm); senza dubbio una scelta azzeccata che consente di avere un ottima praticità dello schermo senza l’eccessivo ingombro che comportano i tablet classici da 10 pollici, in poche parole tanta praticità e comodità condite dal peso “piuma” di 312 gr (il più basso del settore).

Piccolo, ma non troppo, leggero il giusto e dotato di un processore di tutto rispetto, l’Apple A5 Dual Core, un chipset  ARM Cortex-A9 MPCore con set di istruzioni ARMv7 ed unità NEON SIMD più l’ottima GPU dual core PowerVR SGX543MP2. Ci convince e molto perché nel suo complesso il processore, in perfetta integrazione con l’unità di elaborazione grafica, sembra esser perfettamente in grado di fornire prestazioni ottimali. Si tratta, inoltre, di un chipset piuttosto rodato visto che è lo stesso utilizzato da iPad 2 e iPhone 4S.

Passiamo ora a quello che sembra essere veramente il pezzo forte di questo mini tablet, ovverosia la presenza di un sistema operativo di ultimissima generazione come iOS 6 che porta con se una nuova funzionalità in grado di rendere l’iPad Mini decisamente più fruibile rispetto ad ogni sua versione precedente: trattasi della capacità di distinguere i tocchi sullo schermo volontari da quelli involontari, una funzione che assume ancora più importanza vista la cornice molto più sottile dell’iPad mini. Senza contare le novità, come Passbook, o le certezze evolute, come Mail, Messaggi e quant’altro. Un mini tablet leggero, dalle dimensioni “intelligenti”, supportato da un sistema operativo e da un processore, entrambi in lizza per esser considerati i top a livello mondiale, perché mai non compralo?

Se vi interessano i motivi per cui non comprarlo, proseguite alla pagina successiva.

Si divide tra Roma e Londra, sempre alla ricerca del modo migliore per fare soldi senza lavorare, si dedica all'alchimismo nutrizionale e alla costante ricerca della dieta magica che gli consenta di mangiare chili di gnocchi ai 4 formaggi senza ingrassare. Nel tempo libero appassionato di smartphone, PS3, diritto, finanza, ogni tipo di sport e... Snoopy.