News Smartphone

ASUS Zenfone AR: la nostra prova al MWC 2017

Mar 4, 2017

author:

ASUS Zenfone AR: la nostra prova al MWC 2017

Asus Zenfone AR: l’innovazione di Project Tango

Chi si aspettava nuovi dispositivi Asus da questo MWC è rimasto a bocca asciutta. Nonostante questo, lo stand di Qualcomm rappresenta un’occasione appetibile per provare il nuovo Zenfone AR, presentato in occasione del CES di Las Vegas. Uscirà entro quest’estate e sarà senza dubbio tra gli smartphone più innovativi sul mercato: si tratta infatti del primo smartphone a supportare Project Tango.

Cos’è Project Tango?

Project Tango è una nuova tecnologia di Google, che, attraverso un mix di fotocamere, consente di “mappare” l’ambiente circostante e di riprodurlo sullo schermo. Uno scanner 3D che potrebbe aprire a nuovi interessanti applicativi, tra cui videogiochi in grado di sfruttare la realtà aumentata, giusto per citare un esempio, attraverso il visore Daydream View. Tutto ciò è reso possibile dall’avanzato comparto fotografico, che sfrutta 3 diversi sensori: un sensore principale Sony IMX318 da 23MP con stabilizzatore ottico (OIS) a 4 assi ed elettronico (EIS) a 3 assi, un sensore dedicato al Motion Tracking e l’altro per rilevare la profondità degli oggetti.

thumb__DSC1131_1024

Asus Zenfone AR: caratteristiche tecniche

Le specifiche tecniche dell’Asus Zenfone AR descrivono un dispositivo con un hardware di altissimo livello, a supporto della potenza computazionale necessaria per la realtà aumentata: un chip Snapdragon 821 e GPU Adreno 530 affiancato da ben 8GB di RAM LPDDR4, oltre ad una memoria interna che arriva fino a 256GB nella versione più costosa.

Il focus principale del dispositivo è la multimedialità, supportata non solo da un display Super AMOLED da 5.7 pollici con risoluzione WQHD ma anche da un comparto sonoro di spicco, basato su uno speaker a 5 magneti, Audio Hi-Res a 192Khz e 24-bit. La batteria da 3300 mAh è forse sottodimensionata per l’utilizzo per cui è pensato Asus Zenfone AR, ma non c’è dubbio che sarà uno smartphone che non passerà inosservato quando uscirà sul mercato. Il prezzo non è ancora stato reso noto, ma è lecito aspettarsi che sarà lo smartphone Asus più costoso di sempre.

Asus Zenfone AR: i commenti

A vederlo dal vivo, si capisce subito che Zenfone AR è lo smartphone di Asus più interessante di sempre. Purtroppo, non abbiamo potuto testare la tecnologia Project Tango, ma anche senza di questa si capisce che è uno smartphone potentissimo e molto promettente.

Il grande display non lo rende chiaramente uno smartphone pratico, ma la visualizzazione regalata dalla risoluzione WQHD è certamente di un altro livello, niente da dire. Lo schermo sembra regalare un’esperienza 3D anche solo a guardarlo così, siamo rimasti incantati davvero.

thumb__DSC1126_1024

La presenza dei tre sensori fotografici sul retro non aiuta il design, questo è vero, ma credo che gli si possa perdonare, visto quello che promette di fare questo comparto.

Che dire, non vediamo l’ora di vedere in azione questo Asus Zenfone AR, uno smartphone che potrebbe davvero rivoluzionare, più di qualsiasi altro dispositivo proposto recentemente, la concezione della visualizzazione dei contenuti. Il prezzo sarà sicuramente proibitivo per moltissimi utenti e la tecnologia verrà quindi sperimentata da pochi, ma chi dice che, aprendosi un mondo nuovo, l’innovazione non porterà nel tempo passi avanti anche in questo senso.

 

La vostra opinione

Cosa pensate di Asus Zenfone AR? Secondo voi può fare bene nel panorama attuale degli smartphone?

Raccontateci la vostra opinione qui nel box dei commenti oppure sui nostri canali social, siamo su Facebook, Instagram, Twitter, Google+, YouTube!

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.
  • jose manu

    Se questo non è un top di gamma allora nulla lo è