News Recensioni

Caricabatterie Choetech da Muro Q3001 QC 3.0: la prova

Set 7, 2016

Caricabatterie Choetech da Muro Q3001 QC 3.0: la prova

Ultimamente mi si è rotto uno dei tanti caricabatterie che girano per casa e sono stato in cerca di uno sostitutivo: mi sono imbattuto in un prodotto di Choetech, un marchio che non conoscevo e che invece mi è risultato subito interessante. Ho preso un caricatore da muro Choetech con tecnologia Quick Charge 3.0: questo prodotto è tanto semplice quanto funzionale.

IMG_1908-copy

Il motivo della scelta sta in primis nel supporto alla ricarica più veloce per i dispositivi compatibili, in secondo luogo nel fatto che nella confezione è incluso anche un cavo standard USB-A lungo circa un metro, in modo da renderlo subito versatile e comodo nell’utilizzo. Ho testato questo prodotto con un Galaxy S7, con un Galaxy S6, con un Motorola Moto X Play e un Nexus 7 2013, senza dimenticare gli immancabili cinafonini che spesso mi capita di provare, come ad esempio il Cubot X16S. Il risultato è stato ottimo: la velocità di ricarica è stata quella massima e non ho notato problemi seppure non fosse il cavo originale, anzi in alcuni casi (come col Moto X Play) la velocità è stata anche superiore.

IMG_1909-copy

Il caricatore da muro Choetech è in grado infatti di erogare una tensione pari a 5V/3A, 9V/2A, 12V/1.5A, questo gli assicura sempre la possibilità di erogare la giusta tensione a seconda di quanto sia capace di “prendere” il dispositivo in ricarica. Esteticamente si presenta anche molto bene con materiali plastici, ma resistenti (ndr: mi è caduto in un paio di occasioni e non si notano graffi o segni di usura). Le dimensioni sono abbastanza grandi, ma nulla che non lo renda comunque tascabile e facile da portare in borsa.

IMG_1907-copy

Il prezzo di acquisto su Amazon.it è 12.99€ ed è possibile acquistarlo sulla seguente pagina, con spedizione rapida garantita dal colosso e-ecommerce.

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

 

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.