News Smartphone Tablet

Come proteggere la vostra privacy su smartphone e tablet Android

Mar 13, 2016

author:

Come proteggere la vostra privacy su smartphone e tablet Android

main

Il tema della privacy si sta facendo sempre più insistente visto e considerato come all’interno dei nostri dispositivi mobili, smartphone o tablet che siano, tendiamo a conservare sempre più dati ed informazioni “sensibili” oltre ad immagini e documenti personali. Per questa ragione vi proponiamo in questo articolo alcune modalità per proteggere al meglio la vostra privacy ed ovviamente il contenuto dei vostri smartphone o tablet con sistema operativo Android. Ovviamente la raccomandazione di base è quella di usare sempre passorwd complesse e non banali ma vi sono altre cose da sapere, scopriamo quali. Buona lettura!

Usare la schermata di blocco

Tutti gli smartphone ed i tablet con sistema operativo Android vi permettono di utilizzare il “blocca-schermo” in una doppia modalità. Quella standard dove per arrivare alla home è sufficiente sfiorare lo schermo ed una più sicura, quella che vi consigliamo, dove invece dovete, ogni volta che lo schermo si blocca, inserire un PIN, una password od una gesture per accedere alla home.

Vi sembrerà un suggerimento superfluo ma i dati raccolti in giro ci dicono che circa il 34% degli utenti Android utilizza il blocca-schermo base senza PIN o gesture  ed alcuni di loro non usano proprio il blocca-schermo.  Se siete tra quesit, dovete andare subito sulle “impostazioni” poi su “Scherm. Blocco e Sicurezza” e poi su “Tipo di Blocco Schermo” e poi selezionare PIN, password o gesture.

Crittografia dispositivo

Altra soluzione davvero interessante e sicuramente di gran protezione per i vostri dati è quella relativa alla crittografia del vostro smartphone o tablet Android. In questo modo nessuno tranne noi potrà sbloccare il dispositivo ed accedere ai dati in esso contenuti. Il procedimento da seguire è questo: caricare la batteria al 100% o collegare il dispositivo al caricatore. scegliete un PIN che possiate ben ricordare poi andate su “impostazioni” poi in “altre impostazioni di sicurezza” e poi in “crittografia dispositivo” e poi su “esegui crittografia”. A questo punto seguendo le indicazioni del vostro dispositivo ed usando il PIN che avete scelto potete procedere alla crittografia dei dati (lo stesso processo può essere fatto per la MicroSD).

Android Device Manager

Android Device Manager è un sistema, che, senza il bisogno di installare nulla sul device, vi consente di rintracciare il vostro dispositivo in caso di furto o smarrimento. Come fare? Molto semplicemente dovete andare su Google, digitare “Android Device Manager” ed accedervi con i vostri dati utente di Google.

A questo punto potete entrare nel sistema ed una mappa vi farà vedere, con approssimazione, dove è stato rilevato l’ultima volta il vostro smartphone od il vostro tablet sulla mappa.

Se avete più di un dispositivo connesso con Google vi verrà mostrate sulla sinistra la lista di questi ultimi per visualizzarli uno ad uno. Fatto ciò esiste una funzione che vi permetterà di far squillare lo smartphone e di cancellare i dati dai vostri device. Ovviamente il servizio per funzionare richiede che lo smartphone o il tablet siano connessi alla rete mobile o al Wi-Fi.

VPN

All’inizio le VPN era usate solo in azienda ma ormai si stanno diffondendo sempre di più anche tra i privati visto e considerato che offrono un ottimo livello di sicurezza. Con VPN infatti intendiamo l’acronimo di Virtual Private Network (rete privata virtuale) e va detto che sono ottime per navigare sul web in anonimato soprattutto quando si usano reti Wi-Fi pubbliche. Vi consigliamo dunque di utilizzarle tutte le volte che potete per essere tranquilli sull’anonimato e sulla sicurezza dei dati.

Autorizzazione all’accesso per le app “meno sicure”

Sicuramente vi sarà capitato di scaricare app sul vostro device senza passare dal Google Play Store e per tutta risposta il vostro sistema operativo vi avrà avvertito sulla poca sicurezza di queste app. Il nostro consiglio in merito è molto chiaro: non scaricate app se non provengono da fonti credibili e sicure. Ad esempio alcuni noti siti di scommesse hanno le app fuori dal Play Store ma comunque possono essere considerati fonte sicura mentre se non si tratta di siti o di servizi ben noti vi consigliamo di evitarne il download.

Cosa ne pensate di questo nostro articolo sulla privacy per coloro che possiedono uno smartphone o tablet con sistema operativo Android? Utilizzavate già queste accortezze od inizierete ad usarle da oggi in poi?

Diteci la vostra qui sul sito e seguiteci sempre anche su Facebook, Twitter, Google+ ed all’interno del nostro canale di Youtube. Vi aspettiamo.

Via

Si divide tra Roma e Londra, sempre alla ricerca del modo migliore per fare soldi senza lavorare, si dedica all'alchimismo nutrizionale e alla costante ricerca della dieta magica che gli consenta di mangiare chili di gnocchi ai 4 formaggi senza ingrassare. Nel tempo libero appassionato di smartphone, PS3, diritto, finanza, ogni tipo di sport e... Snoopy.