Guide Guide tecniche News

Come ridurre il consumo ed il traffico dati in 3G

Gen 23, 2012

Come ridurre il consumo ed il traffico dati in 3G

 

In Italia abbiamo un nodoso problema riguardante la connessione 3G: se avete comprato uno smartphone avete imparato a vostre spese quanto sia bello avere la possibilità di connettersi ad Internet dovunque voi siate. La soluzione più bella e più economica sarebbe quella di disporre di reti Wi-Fi che coprono l’intero territorio nazionale, ma nonostante questa sia una delle priorità del governo (almeno a parole) siamo tutti d’accordo nell’osservare che si tratta di una forte limitazione nazionale.

Gli operatori, al tempo stesso, offrono tariffe che non sono ancora al pari di quelle del resto del mondo: tra i 2€ ed i 3€ settimanali per poter usufruire di un massimale di 250MB/settimana, circa 10€ per poter usufruire di 1GB/mese. Nessuno degli operatori pare volersi orientare su offerte illimitate. E’ vero che uno smartphone non consuma una quantità esorbitante di dati, ma è altrettanto vero che può capitare di volere utilizzare il proprio terminale per fare una chiamata con Skype o Viber (quindi attraverso il protocollo VOIP – voice over internet protocol), oppure guardarsi un video su Youtube. Ebbene queste operazioni implicano un ingente consumo di dati.

Obiettivo di questa guida è quello di darvi alcuni piccoli consigli, tips in gergo, su come cercare di limitare i vostri consumi di connessione 3G e comunque sfruttare le potenzialità che il vostro smartphone, Android, iOS o Windows che sia, può offrire. A maggior ragione ora che stanno uscendo i primi smartphone che supportano le reti LTE o 4G (che permettono velocità di download e di upload ancora maggiori) occorre prestare più attenzioni ad i consumi.

 

 

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.