Hardware

Display LCD: tecnologie a confronto

Set 17, 2011

author:

Display LCD: tecnologie a confronto

Quali sono le tecnologie alla base dei display? Cosa differenzia il display Retina dell’Iphone 4 dal NOVA dell’LG Optimus Black o ancora dal Super AMOLED Plus del Samsung Galaxy S2?

In quest’articolo cerchiamo di fare chiarezza e spiegare vantaggi e difetti relativi a ciascuna tecnologia.

LCD IPS (In-Plane Switching) vs SLCD

I tradizionali schermi LCD sono basati sulle proprietà ottiche dei cristalli liquidi e richiedono di essere retroilluminati  da una sorgente luminosa. Gli ultimi anni, grazie anche alla spinta mediatica della Apple, hanno visto l’espansione della tecnologia IPS (In-Plane-Switching).

L’IPS è una tecnologia sviluppata da Hitachi che consente di migliorare l’angolo di visione e la riproduzione dei colori dei pannelli TN (Twisted Nematic), i più comuni display LCD sul mercato, che soffrono in primis di cambiamenti cromatici al variare dell’angolo di visione.

Il suo nome deriva dal fatto che  le molecole di cristallo si muovono parallelamente al pannello e non perpendicolarmente, riducendo notevolmente la quantità di luce dispersa sulla matrice.

Il display dell’Iphone 4, noto come Display Retina, utilizza la tecnologia IPS e ha una risoluzione di 640 x 960 pixel. La sua migliore caratteristica, oltre all’angolo di visione, è nella luminosità dello schermo che raggiunge i 500 nit (unità di misura della luminanza, pari al numero di candele al metro quadrato). Offre inoltre un buon contrasto, anche se in misura inferiore agli AMOLED, e consumi più bassi dei tradizionali schermi LCD, grazie ad un’ottimizzazione al design dei pixel.

Ma in termini di luminosità è l’emergente display NOVA (LG Optimus Black) ad avere la meglio tra tutti gli LCD con tecnologia IPS. Lo schermo a 4 pollici dell’LG Optimus Black ha una risoluzione di 480 x 800 pixel e l’azienda dichiara una luminanza massima pari a 700 nit, surclassando in tal senso il display Retina. Sempre la stessa casa coreana dichiara anche un aumento di efficienza per cui l’aumento della luminosità dello schermo non avrebbe ripercussioni sull’autonomia della batteria.

Inoltre il display NOVA consuma potenza di gran lunga inferiore agli altri IPS-LCD, anche se non nulla come avviene invece negli AMOLED, i quali basandosi su una tecnologia emissiva, il nero corrisponde di fatto al pixel spento. A differenza però degli AMOLED, che soffrono di un notevole consumo energetico  per emettere il colore bianco, consumano solamente 0.7W nella visualizzazione di una pagina completamente bianca. Il display retina consuma invece 0.42W nei 2 casi precedenti ma regge il confronto dato che la maggior parte dei siti internet e degli ebook hanno sfondo bianco.

La straordinaria luminosità del Display NOVA, rende lo schermo adatto all’utilizzo in ambienti esterni dato che non soffre la luce diretta.

Sempre in ambito IPS-LCD si sente poi spesso parlare di tecnologia Super LCD (SLCD), nata da una joint venture tra Sony e Samsung nel 2004 per i pannelli LCD per TV. Utilizzato da HTC negli schermi da 3.7 pollici, in sostituzione degli AMOLED, si distingue per gli ottimi livelli di nero e per una buon angolo di visione.  E’ disponibile attualmente solo nella risoluzione 800 x 480 pixel.

Si parla poi di qHD se la risoluzione è di 540 x 960. Il display da 4.3 pollici dell’ HTC Sensation rientra in questa categoria. qHD identifica solamente la risoluzione e non  il tipo di display e sta ad indicare una risoluzione pari a un quarto del Full HD (1920 x 1080). Il prezzo di una risoluzione così alta è pagato in termini di minore angolo di visione, una resa cromatica non ottimale del nero, che a tratti tende al blu scuro e un maggiore consumo di potenza, anche se in alcuni dispositivi (come il Motorola Atrix) utilizza una configurazione dei sub-pixel del tipo RGBW, dove ai tradizionali Rosso-Verde- Blu si aggiunge il pixel bianco, consentendo un risparmio di energia fino al 50% rispetto ai tradizionali schermi LCD.

 

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.