News Smartphone

Galaxy S3: nuovo processo per il display Super AMOLED Plus HD

Apr 11, 2012

author:

Galaxy S3: nuovo processo per il display Super AMOLED Plus HD

Galaxy S3: il processo produttivo dietro al display

 

Samsung Galaxy S3 è lo smartphone più chiaccherato tra quelli in uscita, soprattutto dopo l’incredibile successo dell’S2 che è riuscito a vendere oltre 20 milioni di pezzi in tutto il mondo, con un quarto di questa cifra solo in Corea. Perché piace così tanto questo smartphone? E’ considerato il vero smartphone antagonista dell’iPhone e questo grazie ad un continuo e crescente miglioramento in tutte le sue funzioni.

Mentre pare assai probabile l’annuncio di questo Galaxy S3 il 22 Maggio, per cui sono stati anche girati diversi inviti alla stampa, con un probabile lancio sul mercato globale entro il mese di Giugno; segno che quest’anno Samsung ha deciso di puntare molto forte sul mercato statunitense. Le caratteristiche tecniche, più o meno immaginabili, prevedono un ottimo processore Exynos quad-core che vada a concorrere con il Tegra 3 e magari aggiunga il supporto alle connessioni LTE (che cosa sono le reti 4G LTE?), a discapito quindi di terminali come HTC One X.

 

 

Il display è poi una delle componenti più attesi di questo smartphone, in quanto Samsung ci ha ben abituati con i suoi AMOLED, e stavolta pare si stia preparando uno scoppiettante super AMOLED Plus HD che permetta l’utilizzo di una risoluzione HD da 1280x720pixel senza il bisogno di ricorrere a una matrice PenTile, notoriamente più “economica” e meno pregiata di una matrice classica RGB (che cosa è una matrice PenTile?).Attualmente il processo per la creazione di un display AMOLED è detto Fine Metal Mask (FMM) che risulta alquanto costoso sia in termini economici che di tempo, inoltre non permette la creazione di pixel più piccoli di 15 micrometri, il che significa che la massima densità ottenibile è di 250 ppi. Esattamente quello che accade sull’S2.

Per ovviare a questo problema e quindi garantire una risoluzione HD, finora, Samsung ha utilizzato lo stratagemma di utilizzare la matrice PenTile, ma per i puristi del display ci rendiamo conto che la leggera colorazione tendente al verde non aiuta. A questo proposito, Samsung ha creato un nuovo processo produttivo, detto Laser-Induced Thermal Imaging (LITI), molto più conveniente economicamente e che permette pixel più piccoli fino a 2.5 mm. La cosa particolare è che questo processo non è mai stato utilizzato su scala commerciale e se dovesse accadere, come prevedibile, che il Galaxy S3 sfrutti questa nuova tecnologia sarebbe la prima volta sul mercato.

Samsung non si è sbilanciata ufficialmente su questa nuova mossa, ma pare certo che stiano combinando le tecniche FMM e LITI proprio per creare uno straordinario display da 4.65 pollici e risoluzione a 720p. Garanzia: 316 ppi di densità, il che equivale al superare quel limite umano di riconoscimento di singolo pixel che vale il titolo di RETINA display, iniziato da iPhone.

Questo tipo di discorso, affrontato da DDaily, accresce notevolmente l’interesse attorno al top di gamma Galaxy S3.

Per ora si tratta di speculazioni, ma il risultato finale sembra affascinante ed in grado di garantire il raggiungimento di nuovi standard per tutti gli smartphone Android, anche di fascia inferiore. Difatti pare che Samsung stia investendo su diversi componenti, oltre al display, come ad esempio il fondamentale processore. Ci si domanda infatti se vedremo questo smartphone dotato di un processore quad-core Exynos costruito con i nuovi processi a 28 nm (ndr: nanometri), che implica un’efficienza molto più elevata nei consumi, oppure un più rodato processore costruito a 32 nm, ma affidabile e stabile sin da subito. Inoltre, per quanto riguarda il lato estetico, pare che Galaxy S3 avrà comunque il tasto fisico centrale Home, così come, riprendendo le linee del Galaxy Note, una riga a 5 app nel menu piuttosto che 4, come nel caso classico dell’interfaccia TouchWiz.

Le notizie su Galaxy S3 si susseguono giornalmente, noi cerchiamo di aggiornarvi anche su tutte le nuove tecnologie utilizzatex perciò stay tuned!