Guide Guide tecniche News

Guida al flash delle ROM su Galaxy S2: MIUI e CyanogenMod

Lug 22, 2012

author:

Guida al flash delle ROM su Galaxy S2: MIUI e CyanogenMod

guida ROM miui cyanogenmod

Guida al Flash delle ROM: MIUI e CyanogenMod

Dopo aver ottenuto i permessi di root e installato la recovery modificata, finalmente abbiamo tutti i permessi necessari per poter flashare una Rom cucinata e dare il via alle personalizzazioni del nostro Samsung Galaxy S2. Se non avete questi requisiti allora dovete prima andare a leggere le guide per ottenere i permessi di root e come installare una recovery modificata. Ricordiamo inoltre di effettuare un backup della cartella EFS per sicurezza e di tenerlo da parte anche se non riscontriate problemi con l’istallazione della rom (in questo caso potete consultare questa guida).

ATTENZIONE! La procedura, come tutte le procedure di modding invalida la garanzia e se non eseguita bene può causare il brick del dispositivo. Non ci riteniamo responsabili di eventuali problemi al vostro smartphone ma se ci scrivete possiamo provare ad aiutarvi.

 

Cerchiamo prima di capire innanzitutto che cosa si intende con la parola ROM. Una ROM cooked o ROM cucinata o anche rom custom, non è altro che un sistema operativo creato da sviluppatori non professionisti che permette una totale personalizzazione del dispositivo. Si distinguono essenzialmente due tipi diversi di rom: wipe o no wipe. Le rom wipe vogliono obbligatoriamente un wipe data/factory reset (ripristino delle impostazioni di fabbrica) prima della loro installazione. Le rom no wipe invece possono essere installate senza effettuare questo wipe anche se è sempre consigliata una partenza pulita prima di installare un nuovo sistema operativo. E’ possibile fare anche un ulteriore tipo di distinzione: rom stable, experimental o developer. Le rom stable sono versioni stabili, testate su uno o più terminali, e quindi in teoria prive di bug mentre quelle experimental sono invece le versioni in via di sviluppo. Sono in continuo aggiornamento, sia per far funzionare tutte le componenti (come la fotocamera e il Wi-Fi) sia per risolvere tutti i bug, fino a che non diventano stabili e quindi cambiano denominazione.

 

Analizziamo ora 2 delle rom più famose: la MIUI rom e la CYANOGENMOD.

La MIUI è una rom veloce e fluida creata da sviluppatori cinesi. E’ stata la prima ad inserire radio fm nella sua rom, ripresa in seguito anche dalla cyanogenmod. Per quanto riguarda la grafica, il launcher stock e le impostazioni ricordano molto quelle di iOS. Nonostante questa somiglianza, bisogna sottolineare che nell’uso comune la MIUI è davvero diversa dal sistema operativo di Apple. Inoltre, nel caso in cui il laucher non sia di vostro gradimento è possibile modificarlo tramite applicazioni come GOLaucher, Apex Launcher o Nova Launcher. Questa complessa rom è ancora in versione beta, dato che gli sviluppatori non hanno ancora trovato una forma definitiva ed è quindi soggetta a continue modifiche e aggiornamenti che non per questo la rendono meno stabile delle altre. E’ definitiva in via di sviluppo, ma se il vostro dispositivo risulta compatibile esisterà sicuramente una versione in cui tutte le componenti dello smartphone funzionano. Ecco un video che la mostra all’opera:

 


La ROM CyanogenMod nasce dalla geniale mente di Steve Kondik ed è disponibile per oltre 60 modelli di smartphone e tablet android. Le CyanogenMod offrono funzioni aggiuntive particolari non presenti su altri firmware ufficiali e alla loro installazione montano anche la recovery custom di ClockworkMod. Queste rom hanno la particolarità di avere, oltre alla versione experimental e stable, un’altra versione chiamata nightly. Le nightly sono versioni della rom sempre in via di sviluppo, quindi non stabili ma con aggiornamenti approssimativamente ogni 24 ore permettendo così agli utenti di provare gli aggiornamenti più recenti. Pensate quindi al numero di versioni nightly che escono subito dopo l’annuncio di una nuova versione di Android, come Jelly Bean ad esempio. A livello grafico sono più simili alla versione pura del sistema operativo Android che è contenuto (si parte dalla versione stock e si aggiungono funzionalità, estromettendo le personalizzazioni di aziende ed operatori) e ovviamente permettono una completa gestione della personalizzazione grafica. Inoltre è possibile gestire manualmente qualsiasi opzione, dall’attivazione del Flash con batteria semi-scarica alla disattivazione della conversione sms-mms tipica del sistema operativo di Google.

 

Vera amante di Android, le piace smanettare con ROM e Flash ogni volta che ne ha la possibilità. Modder nell'animo alla ricerca della funzionalità perfetta.