Guide News Smartphone

Guida all’acquisto smartphone: conviene comprare uno smartphone appena uscito sul mercato?

Ott 16, 2012

author:

Guida all’acquisto smartphone: conviene comprare uno smartphone appena uscito sul mercato?

Guida all’acquisto: semplici consigli per scegliere il momento migliore

 

Ogni anno colossi come Samsung, Apple, HTC, Nokia e chi più ne ha più ne metta lanciano sul mercato degli smartphone un elevato numero di prodotti, spesso top di gamma, che vengono presentati al pubblico come l’ultimo derivato di una tecnologia d’avanguardia, come un “must” da acquistare per tutti coloro che senza uno smartphone non possono o non vogliono stare. Ciclicamente, ed in corrispondenza con l’uscita di questi nuovi telefonini di ultima generazione, assistiamo a scene e polemiche a noi ben note, soprattutto nell’era dei social network e della comunicazione digitale: l’eterno scontro tra coloro che si affrettano ad entrare in possesso dell’iPhone 5 di turno, magari passando una notte insonne fuori da un punto di rivendita ufficiale e coloro che criticano profondamente questo atteggiamento, soprattutto in tempi di tempeste finanziarie. Dall’osservazione di queste dinamiche nascono varie riflessioni e molteplici considerazioni oltre che una pluralità di domande, talune di carattere sociologico e di marketing, altre di ordine più strettamente collegato con le ragioni del nostro portale Tecnologici.Net e relative all’effettiva convenienza o meno di un acquisto di prima ora rispetto ad un eventuale acquisto “ragionato” e rimandato nel tempo. Se per quanto riguarda gli spunti sociologici e di marketing non sta di certo a noi esprimere opinione alcuna, ben più ci è concesso il prendere una posizione rispetto alla seconda categoria di deduzioni ricordate poco fa, quella relativa all’opportunità di un acquisto immediato di uno smartphone appena uscito sul mercato. Prima di addentrarci in questa riflessione, che ci guiderà attraverso problematiche di ordine tecnico ed economico, pare opportuno sottolineare come lo scopo di questo articolo è l’approcciare la questione da un punto di vista “generico” e relativo a tutti gli smartphone che escono sul mercato e dunque gli esempi di casi concreti citati nel pezzo sono stati riportati solo ed esclusivamente per ragioni di logicità e coerenza interna nella sua costruzione. Fatta questa doverosa premessa ci accingiamo ora a dare risposta ad un annosa questione: comprare uno smartphone appena uscito sul mercato conviene o no ?

 

Problemi con le specifiche ed il sistema operativo

La nostra analisi parte proprio da qui, da una delle più grandi seccature che possono accadere a chiunque acquisti un nuovo smartphone, l’incappare in qualche suo difetto, strutturale o meno, che rende poco  fruibile o talvolta del tutto non utilizzabile il dispositivo. La casistica al riguardo è ampissima, ci basti rivolgere la nostra attenzione a quanto accaduto di recente con l’iPhone 5 (i problemi del melafonino) che ha presentato e tuttora presenta problemi nella connessione Wi-Fi, nel funzionamento di iOS 6, del cavo di ricarica e nella corretta visualizzazione del display, e o tornando indietro di qualche mese si può facilmente ricordare come il Samsung Galaxy S3 suscitò il malcontento di molti clienti a causa della poca resistenza della sua “scocca” spesso troppo soggetta a graffi e piccole ammaccature (ricordiamo l’articolo riguardante i problemi). Da un punto di vista tecnico è normale che tutto ciò accada, anche perché non si può certo pensare che due colossi come Samsung e Apple, o più in generale che un qualsiasi produttore di smartphone  metta in vendita un prodotto senza averlo testato e ri-testato, pare dunque ovvio che la vera prova del nove sia sempre e solo l’utilizzo quotidiano di un telefonino, perché proprio mediante questo utilizzo i suoi veri difetti vengono a galla. Se da un lato dunque non si possono accusare la case produttrici di negligenza, dall’altro si può certo comprendere come prima di spendere denaro contante, spesso in ingenti quantità, sarebbe opportuno attendere poche settimane dall’uscita del prodotto per comprendere appieno quali sono i suoi pregi e quali sono i suoi difetti strutturali, ad esempio l’eccessiva fragilità dello schermo. Inoltre per quanto riguarda i difetti “risolvibili” dal produttore, si pensi al sistema operativo che può essere facilmente ripristinato o sottoposto ad un upgrade, pare evidente come l’acquisto posticipato dello smartphone consenta spesso e volentieri di acquistare un prodotto le cui problematiche sono già state risolte o che sono in via di risoluzione in tempi molto stretti. Dovendo dunque dare una primissima ed ancora incompleta risposta alla domanda centrale di questo articolo, non si può che definire come strategia migliore quella dell’attesa rispetto ad un acquisito immediato del dispositivo.

 

Mutamento delle condizioni contrattuali e tariffarie

Passiamo ora d un argomento spinosissimo ed attuale, ovvero la possibilità che le condizioni contrattuali e tariffarie possano nel tempo migliorare, da un punto di vista del consumatore, a scapito di chi ha sottoscritto abbonamenti o piani tariffari nell’immediata uscita dello smartphone. Ultimissimo caso è quello della TIM che ha stravolto tutti i suoi piani tariffari per chi desideri acquistare un iPhone 5 mediante contratto (le nuove tariffe TIM); in poche parole a prezzi invariati o leggermente ribassati corrispondono un numero superiore di sms e chiamate verso tutti gli operatori nazionali. Ovviamente queste nuove tariffe sono attive da pochi giorni con grande discapito per tutti coloro che hanno acquistato un iPhone 5 mediante contratto nelle prime settimane dopo la sua uscita sul mercato italiano. L’unica considerazione che possiamo fare in casi simili è quella che fenomeni  del genere non si sono mai registrati in verso opposto, anche perché più ci si allontana dall’effetto “novità” dell’uscita dello smartphone più i costi ad esso correlati tendono a scendere. Senza dubbio un attesa di qualche settimana, o nel caso di specie di pochi mesi, consente al fruitore di ottenere condizioni contrattuali decisamente migliori rispetto ai sottoscrittori di prima ora: anche sotto l’aspetto dei piani tariffari par dunque saggio un acquisto posticipato dello smartphone rispetto ad uno nell’immediatezza della sua uscita. Noi comunque vi proponiamo la nostra guida: conviene iPhone 5 con Tre?

 

Promozioni on-line e festività prossime

Passiamo ora ad analizzare il terzo ed ultimo punto della nostra indagine, quello relativo alla presenza di offerte d’acquisto on –line e di promozioni “in store” relative alla eventuale vicinanza con un festività, spesso e volentieri il natale. Sul punto abbiamo ben poco da dire semplicemente perché è intuitivo come nel corso del tempo il prezzo di uno smartphone tende a scendere e dunque un poco di pazienza nel suo acquisto sembrerebbe caldamente consigliata. La casistica è sterminata, e per ragioni di battitura vi riportiamo solo un paio di casi, i più recenti, relativi a smartphone messi in vendita on – line a prezzi decisamente più bassi rispetto a quelli di lancio, come avvenuto nel caso del Samsung Galaxy S3 messo in offerta a 450 Euro (offerta speciale per Galaxy S3) o dell’HTC One x offerto a soli 469 Euro (l’offerta di HTC One X), in entrambi i casi il prodotto raggiunge un costo finale ribassato del 30 – 35% in meno rispetto a quello di uscita sul mercato. Va poi considerata l’opzione “festività”, soprattutto quando lo smarthpone di turno viene messo in vendita nel periodo autunnale ergo pre-natalizio; va da se come l’avvento delle festività natalizie porta i rivenditori, sia in negozio sia on-line, a predisporre “pacchetti offerta” spesso vantaggiosi rispetto ai prezzi di listino. Pare dunque evidente che l’attesa premi in termini economici molto più di quanto sia stato riscontrato in ambito di cambiamenti tariffari.

 

Valutazioni finali

Da qualunque punto di vista si sia affrontata la questione oggetto della sopra estesa analisi il risultato è stato sempre ed inesorabilmente lo stesso: acquistare uno smartphone appena uscito è sconveniente sia sotto il profilo dei costi sia per quanto riguarda la scarsa conoscenza dei difetti di produzione ad esso connaturati. Ovviamente il limite di un analisi come la presente sta nello scorporare il lato economico -utilitaristico da quello emotivo, secondo il quale l’entrare nel possesso di un bene nel più breve tempo possibile può esser prospettiva allettante, al punto di voler soprassedere ad ogni altro genere di valutazioni. Appurata dunque la convenienza nell’attendere e sottolineato quello che è il limite principale della ricerca, non ci resta che rispondere ad un ultima domanda: quanto è necessario attendere prima di comprare uno smartphone al fine di non incappare negli inconvenienti stanti al presente articolo ? Ovviamente non si può stabilire un periodo di tempo esatto, ma solo fornire un indicazione di massima; considerando che nel primo mese vengono ad emergere i difetti di maggior spicco di ogni tipo di dispositivo (quali ad esempio una batteria a carica ridotta), e tenuto poi conto del fatto che dopo due o tre mesi dall’uscita sul mercato di uno smartphone il suo prezzo inizia a scendere ed è possibile trovarlo in offerta (ad esempio on –line o nei grandi megastore), pare quindi opportuno indicare in dieci – dodici settimane il tempo ideale di attesa prima di andare ad acquistare un nuovo smartphone. In tal modo si potranno coniugare esigenze che spesso sembrano esser inconciliabili ovverosia quella del risparmiare denaro (acquisto al 10 – 15 % del prezzo di lancio), quella dell’evitare di rimanere spiazzati da ulteriori offerte al ribasso come avvenuto nel citato caso TIM – iPhone 5, quella dell’esser a conoscenza dei difetti e dei pregi più comuni del prodotto che si va ad acquistare (compiendo dunque un acquisto mirato e non a scatola chiusa) e quella di comprare uno smartphone che sia comunque all’avanguardia (poco più di due mesi dalla sua uscita sul mercato non sono di certo un lasso temporale idoneo a far ritenere il dispositivo “superato”). Siete d’accordo con questa analisi oppure non vi convince ? Il dibattito prosegue sulla nostra pagina Facebook e sul nostro nuovissimo forum, fateci sapere le vostre idee al riguardo nonché le vostre esperienze.

Si divide tra Roma e Londra, sempre alla ricerca del modo migliore per fare soldi senza lavorare, si dedica all'alchimismo nutrizionale e alla costante ricerca della dieta magica che gli consenta di mangiare chili di gnocchi ai 4 formaggi senza ingrassare. Nel tempo libero appassionato di smartphone, PS3, diritto, finanza, ogni tipo di sport e... Snoopy.
  • mauro

    solo per dire che “sconveniente” non è sinonimo di “non conveniente”.