News Recensioni smartphone Smartphone

HTC Explorer: nuovo smartphone entry level

Ott 1, 2011

HTC Explorer: nuovo smartphone entry level

 

HTC Explorer è il nuovo smartphone entry level prodotto dalla casa di Taiwan. Le caratteristiche tecniche ci mostrano subito un prodotto che potrebbe rappresentare il primo smartphone Android per molte persone. Come architettura e come fascia sembra molto simile all’HTC Wildfire (e la sua evoluzione Wildfire S).

Le prime caratteristiche che devono saltare all’occhio sono la versione 2.3.5 di Android Gingerbread, si tratta di una delle ultime versioni che verrà montata nativamente, accompagnata dalla più recente versione dell’interfaccia HTC Sense 3.5. Questa rappresenta sicuramente un valore aggiunto per questo smartphone poiché si tratta di un’interfaccia che permette la gestione dei contatti e delle email, nonché delle skins, totalmente intuitiva e facile da utilizzare. La Sense è probabilmente una delle maggiori espressioni di Android, una delle personalizzazioni del sistema operativo più efficaci ed efficienti. Da segnalare che questa versione rinnovata della Sense permette di raggruppare i messaggi con utenti preferiti, ma anche di vedere lo status dei vari social network prima di rispondere ad una chiamata.

Tornando alle caratteristiche tecniche vere e proprie ci troviamo di fronte un display touch capacitivo da 3.2 pollici che garantisce una buona compattezza ed accompagnato da una risoluzione di 320×480 HVGA. Le  dimensioni sono 102.8 x 57.2 x 12.9 mm in 108 gr di peso, comprensivi della batteria. Il processore invece è una CPU da 600 MHz che forse rappresenta il vero tasto dolente di questo terminale, in quanto, nonostante le buone ottimizzazioni software che offre solitamente HTC,  probabilmente vedrà la presenza di qualche lag durante il multitasking o durante la navigazione WEB. La memoria RAM è di 512MB e rappresenta un buon compromesso per un terminale di questa fascia.
Sono presenti i comodi di sensori di prossimità e di luminosità e l’a-GPS. Per quanto riguarda il lato multimediale forse si poteva osare qualcosa di più, invece abbiamo una fotocamera posteriore da soli 3MP. La connettività è di buon livello, anche se sul mercato americano uscirà privo del supporto alle reti 4G. La batteria in dotazione è da 1230 mAh, il che la rende una batteria non in grado di durare più di una giornata se il terminale è sempre connesso alle reti mobili.
Saranno disponibili alla vendita diverse cover intercambiabili e di base si potrà scegliere di acquistare il terminale in 3 colori diversi: Metallic Black, Active Black e Metallic Navy.

Cosa viene fuori da questo terminale? Si tratta di un prodotto di bassa fascia, adatto a ragazzi giovani che dispongono di un budget limitato e che potrebbe rappresentare chiaramente la prima esperienza con il mondo Android e la comodissima interfaccia HTC Sense. I problemi che emergono da questo terminale sono sicuramente un processore non molto performante, che ovviamente non supporta il Flash Player, ma anche la presenza di una batteria poco capiente. Con un processore da 800MHz, una batteria da 1500 mAh sicuramente ci saremmo trovati di fronte ad un ottimo prodotto. Rimane tuttavia un prodotto che nell’ottica di un prezzo massimo di 199€ potrebbe diventare un buon entry level per Android.

 

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.