News Recensioni Recensioni smartphone Video

Huawei Nexus 6P: la recensione non convenzionale

Gen 4, 2016

Huawei Nexus 6P: la recensione non convenzionale

huawei-nexus-6p-featured

Il Nexus 6P di Huawei è uno smartphone Google ormai noto, forte della sua presenza sul mercato da oltre un mese. Proprio per questo motivo, abbiamo deciso, anche in virtù delle molteplici recensioni presenti su web, di scrivere una recensione di Nexus 6P un po’ meno convenzionale. Non divideremo il testo su più paragrafi con una descrizione standard delle funzionalità, ma cercheremo di concentrarci di più su quali sono gli aspetti focali che hanno colpito due persone a cui lo abbiamo fatto provare.

Ovviamente prima di procedere vi ricorderemo, man mano, le principali caratteristiche tecniche dello smartphone di punta di Google, prodotto da Huawei, che arriva sul mercato direttamente con Android 6.0 Marshmallow.

Specifico sin da subito che si tratta di un esperimento e che, come tale, potrebbe non risultare perfetto. Proprio per questo, se avete qualche domanda o dubbio, scrivetelo qui attraverso il box dei commenti oppure direttamente sui nostri canali presenti sui vari social network.

huawei-nexus-6p-design

I testimonial d’eccezione, o meglio le cavie per l’esperimento, sono Claudia M, nostra editor che ama vivere la tecnologia dal punto di vista rosa della questione, e Massi R, ragazzo passato da iPhone ad HTC One M8 pochi mesi fa ed attratto dalla tecnologia pura di Google. Perché un lui ed una lei? Per capire come Huawei Nexus 6P si può (o non si può) adattare alle esigenze diverse di due persone diverse. Questi due ragazzi hanno avuto modo di provare giorno per giorno le prestazioni del Nexus 6P, utilizzandolo come smartphone quotidiano. Vediamo quali sono state le loro impressioni!

Per brevità: T sta per Tecnologici.net, C sta per Claudia e M per Massi. Buona lettura!

Videorecensione e intervista: Nexus 6P

Design

huawei-nexus-6p-in-mano

T: Huawei Nexus 6P, nonostante il “sei” presente nel nome è uno smartphone molto compatto, con un display da 5.7 pollici che occupa la maggior parte della superficie. Ufficialmente si presenta con 159.3 x 77.8 x 7.3 mm, uno spessore davvero sottile che riesce a ridurre notevolmente l’impatto quando si tiene in mano e favorisce l’ergonomia. Come vi siete trovati Claudia e Massi?

C: E’ vero, i pollici sono tanti e potrebbe sembrare grande. Però devo dire che per me è un po’ troppo comunque…

M: Pur essendo quasi sei pollici di display, sono riuscito a tenerlo comodamente con una sola mano!

huawei-nexus-6p-design-1

T: Quindi volendo chiosare… le dimensioni sono uno dei punti discriminanti nella scelta del Nexus 6P? Se fosse stato più piccolo lo avreste comprato entrambi più facilmente, ma anche così vi ha dato l’impressione di non essere esagerato come invece si può capire dalla lettura delle specifiche tecniche?

C: Se fosse stato più piccolo, sicuramente avrei fatto meno difficoltà a pensare all’acquisto. Però c’è da ammettere che la visualizzazione dei contenuti è bella proprio perché ha un pannello così grande.

M: Invece ho trovato la dimensione uno dei punti di forza, perché nonostante le dimensioni risulta compatto ed è piacevolissima la fruizione dei contenuti.

 

T: Alluminio, pochissimo policarbonato e vetro. Effetto premium assicurato? Oppure no?

C: Sì, sicuramente! Però sono dei materiali che troviamo in tanti altri top di gamma.

M: Sì, non ho dubbi! Sì!

huawei-nexus-6p-banda-nera

 

T: La banda della fotocamera vi piace o non vi piace?

C: Mmm, non l’avrei fatta nera.

M: E’ probabilmente il punto debole del design, troppo messa in contrasto con il colore chiaro della scocca.

 

Display

huawei-nexus-6p-display-angoli

T: Odi et amo? Davvero c’è motivo di odiare il display del Nexus 6P? Stiamo parlando di un pannello da 5.7 pollici con risoluzione 2K (2560 x 1440 pixel) che supera il tetto dei 500 ppi e che sfrutta la tecnologia AMOLED. Qui ho due domande per voi: vi siete resi conto della risoluzione così elevata? La avete reputata fondamentale nella prova quotidiana? E come si comporta? Qui il problema delle dimensioni è superato, per cui vogliamo sapere: vale la pena portarsi dietro un padellone per sfruttare un display così ampio e risoluto?

M: Ci siamo resi conto subito che la risoluzione è molto elevata e anche nella prova di tutti i giorni si avverte questa risoluzione così alta.

C: Io l’ho adorato! A volte sembra di avere quasi le immagini in 3D per questa nitidezza, l’ho trovato bellissimo.

huawei-nexus-6p-in-mano-2

T: Quale è stata la attività per cui avete apprezzato di più il display del Nexus 6P? Siete anche voi Netflix-addicted o preferite videogiocarci?

C: Io l’ho usato molto per videogiocarci!

M: Io invece sono un Netflix addicted, ne ho fatto parecchio uso!

huawei-nexus-6p-spessore-2

T: Il sensore di luminosità si è adattato bene alle vostre esigenze? Impronte? Facile pulizia? Ditemi qualcosa di più su tutti gli aspetti di vita quotidiana che possono coinvolgere il display.

C: la luminosità è buona, ma soprattutto all’interno ho avvertito che il sensore si è adattato poco, facendo risultare la luminosità un po’ eccessiva.

M: Io invece ho notato che le impronte rimangano sul display…

huawei-nexus-6p-display

 

Hardware

Google ha scelto Huawei per la produzione del prodotto top di questo anno, è indubbio che si sia trattata di una scelta interessante perché il Nexus 6P rappresenta un esperimento (come anche i Nexus passati) sullo stato dell’arte di Android correlato ad un hardware molto potente. Il chipset, al di là delle aspettative dei puristi non è proprietario Huawei, ma è un chip Qualcomm Snapdragon 810 con il potente processore octa-core. Questo era famoso, almeno nella prima versione, per essere super-potente, ma anche super-caloroso. Quindi entriamo subito nel vivo della critica: si è mai surriscaldato il Nexus 6P? L’alluminio dei materiali è stata una buona scelta per questo problema del calore? E quando si è scaldato come si è comportato?

C: Il calore si nota quando videogiochi a lungo, si sente che si surriscalda un po’ nella back cover all’altezza del processore. Probabilmente era un calore “fisiologico” perché le prestazioni non sono affatto calate. Forse con l’uso di una cover non si avvertirebbe questo calore. (ndr: dopo altre prove si è assestato intorno ai 45 gradi durante il gaming, motivo per cui è più l’alluminio a far avvertire il calore che un reale problema).

M: Non giocando praticamente mai ed usando altre app come Netflix non ho mai avvertito il problema del surriscaldamento. Le prestazioni erano OK!

 

nexus-6p-geekbench nexus-6p-antutu-classifica nexus-6p-antutu-punteggio

T: Quali sono le attività che avete svolto più comunemente? Immagino che nella vita quotidiana dei test benchmark vi freghi ben poco, quindi vi chiedo… Apertura delle app? Multitasking? Come si è comportato Nexus 6P durante la vostra prova?

M: Il passaggio è rapido, si svolge tutto con naturalezza e non ti accorgi quasi delle prestazioni così elevate. Avviene tutto in modo fluido.

 

T: Immagino lo abbiate usato anche per ascoltare la musica o per collegarlo a qualche speaker Bluetooth. Bene, come si è comportato?

C: L’audio è in generale buono, anche se sulle tonalità più alte ed in alcuni videogiochi l’altoparlante esterno tendeva a gracchiare un pochino.

M: Io l’ho collegato alla soundbar, tramite Bluetooth. Accoppiamento facile, resa veramente buona!

 

T: Lettore di impronte digitali. Il tema stavolta è semplice. All’estero è facilmente impiegabile non solo per il tema della sicurezza e per lo sblocco dello smartphone in sé, ma anche per i pagamenti (ad esempio Apple Pay). Qui in Italia non siamo così avanti, ma come vi siete trovati con questa tecnologia? Avete usato il sensore di impronte? E’ comodo posto sul retro? Ha mai sbagliato? Raccontateci la vostra esperienza.

M: Francamente non ho mai usato lo sblocco tramite impronte digitali.

C: Io ho usato il sensore di impronte solo per lo sblocco, niente pagamenti ovviamente. L’ho trovato comodo perché alla fine la posizione è la stessa di altri smartphone Android, inoltre è veloce e reattivo a sbloccarsi.

 

Fotocamera

huawei-nexus-6p-back-cover

T: La fotocamera di Nexus 6P è esaltante. La mia impressione è che Google abbia lavorato sapientemente gli algoritmi software delle foto basandosi sull’ottimo hardware messo a disposizione da Huawei. Ci sono una serie di comodità (come lo sblocco della fotocamera con la doppia pressione sul tasto di standby), ma soprattutto c’è la qualità. E ci sono le specifiche perché parliamo di un sensore da 12 Megapixel con apertura f/2.0, il dual LED Flash per cogliere al meglio l’illuminazione notturna e frontalmente invece abbiamo una fotocamera da 8 Megapixel. In poche parole, come è la fotocamera del Nexus 6P.

M: Mi è piaciuta moltissimo, devo dire la verità che mi ha impressionato lo zoom digitale. Massima resa anche a grandi distanze, senza perdita di dettagli come mi sarei aspettato.

C: Io l’ho provato principalmente con foto in notturna e con i selfie, si nota molto la differenza con gli altri smartphone perché la qualità rimane molto alta anche in caso di condizioni più difficili come quelle in cui l’ho provato.

 

IMG_20151227_184146 IMG_20151224_194950
IMG_20151224_194940 IMG_20151224_092320
IMG_20151223_182057 M:2015-9-8-6-5-3 L:12-5
M:2015-9-8-6-5-3 L:12-5 IMG_20151231_234629

T: Fotocamera fantastica, questo è sicuro. Ma che smartphone avete? Per capire il vostro parametro di confronto!

M: Io ho un HTC One M8.

C: Io invece ho un Huawei P8.

 

T: Video? Troppo spesso “sorvoliamo” su questo tipo di possibilità offerta dagli smartphone. Però Nexus 6P può registrare in 4K (ndr: sì, come iPhone) e può registrare in slow-motion e possiede uno stabilizzatore. Per cui la domanda è d’obbligo: durante la prova come si è comportato? E’ una di quelle caratteristiche che vi è piaciuta?

C: Ho fatto un video la notte di Capodanno, sia ai fuochi di artificio che alle persone. Non ho usato funzionalità speciali come, ad esempio, lo slow-motion ma la resa è stata davvero buona. Ho registrato in 4K, circa un minuto e mezzo, senza avvertire surriscaldamenti o vedere perdita di frame.

 

 

Sistema operativo

T: Android Marshmallow, la sesta versione di Android, è finalmente arrivata e Nexus 6P lo monta nativamente. Molti utenti si sono lamentati delle poche differenze rispetto ad Android Lollipop, ma bisogna ammettere che l’esperienza Nexus, quella di Android stock, sa essere davvero piacevole. Voi utilizzate uno smartphone Huawei e uno HTC: che impatto avete avuto nel passaggio da questi a Nexus 6P?

C: Sicuramente l’impatto si avverte perché venendo da uno smartphone Huawei, avere un Nexus 6P con Android puro fa un altro effetto. Diciamo però che non ho avvertito grandi differenze tra Lollipop e Marshmallow, forse l’effetto più grande si avvertiva tra KitKat e Lollipop. Inoltre avevo già utilizzato altri smartphone con Android puro… (NdC: come i chinaphonini. Chiaramente si avverte la differenza di prestazioni.)

M: Venendo da Lollipop anche io, non ho avvertito grandi differenze in termini di funzionalità.

T: Now on Tap è quella nuova feature di Android che permette di tappare su ogni singola parola (sulle Google Apps e poche altre apps, presto sulla maggior parte) e avere subito una ricerca google sul possibile significato. Siate sinceri: la avete mai utilizzata? Ora che la conoscete, la utilizzerete spesso?

M: Non l’ho mai utilizzata, lo ammetto!

C: Mai usata, sono onesta! Però ora probabilmente la userò!

T: Il launcher è quello puro di Android, fatto ora con un drawer (menù di applicazioni) totalmente verticale, ma al tempo stesso molto pulito. L’interfaccia è piacevole? O avete sentito il bisogno di passare subito ad altro? Con quale impostazione avete smanettato di più?

M: Ho trovato l’interfaccia molto familiare, perché nonostante HTC personalizzi la sua Sense, ha comunque un drawer a scorrimento verticale.

C: Io invece non sono abituata ad avere il menù, per cui un minimo di differenza si avverte. (NdC: Quello di Huawei mi piace, per cui non ho installato launcher alternativi come Nova) Usando altri smartphone non si fa fatica ad abituarsi. L’impostazione con cui ho smanettato di più?! Forse la connettività del Nexus 6P.

 

T: Android Marshmallow è puro, è soprattutto essenziale su Nexus 6P. Non ci sono le tonnellate di apps preinstallate o fastidiose che magari potreste trovare su altri smartphone Samsung o HTC o Huawei o LG o chi più ne ha più ne metta. Che effetto fa?

C: Io non sono una fan delle Google Apps per qualsiasi cosa, ad esempio per la posta mi trovo meglio a gestire la mia mail con Yahoo! piuttosto che GMail. Preferisco anche Dropbox a Drive. (NdC: soprattutto perché mi interessa solo lo storage online.)

M: Io venivo dal sistema di galleria classico proposto da HTC; passare a qualcosa di tutto online come Google Foto mi ha fatto un certo effetto. Niente di traumatizzante, ma è sicuramente una cosa a cui mi sono dovuto abituare. Però ci si abitua ed anche bene!

 

Batteria

huawei-nexus-6p-usb-tipo-c

T: La batteria montata dal Nexus 6P è da 3450 mAh, al di là dei tecnicismi sicuramente nexus-6p-batteria-schermo-attivol’autonomia non è mai stato uno di quei fattori a favore della serie Nexus. Come si è comportata la batteria in questi giorni di utilizzo? E soprattutto cosa ci avete fatto? Vi è capitato di usare qualche impostazione di risparmio energetico?

nexus-6p-batteria-schermo-attivoC: Se lo utilizzi per la classica navigazione, Nexus 6P non delude. Però io ci ho videogiocato e non sono praticamente mai arrivata a sera. Durante il gaming si avverte proprio come la batteria scende in modo drastico.

M: Io non videogioco con lo smartphone, per cui l’autonomia di Nexus 6P mi è sembrata adeguata. Mi ha sempre portato a sera.

 

T: USB Type C. Il nome è altisonante per questo nuovo standard utilizzato anche da Nexus 6P, la cui comodità è quella di avere l’input di tipo reversibile. Da qualsiasi posizione lo inserirete non ci saranno problemi. Solo luci? O anche qualche scomodità? Ad esempio non potete usare un caricatore altrui perché non compatibile. Vi ha dato noia o avete apprezzato questa caratteristica di Nexus 6P?

M: L’aspetto del caricatore è quello un po’ limitante della questione. Io preferisco un caricatore standard, utilizzabile in ogni situazione per comodità, anche quando te lo prestano.

C: Mi piace molto l’idea della reversibilità del cavo, è comoda. Però, non durando la batteria del Nexus 6P una giornata intera, ho avuto qualche difficoltà perché le mie PowerBank non avevano cavi adattabili. E non ho ancora acquistato qualche cavo con formato USB-type-C.

 

Disponibilità e prezzo

Essendo uno smartphone uscito più di un mese fa, la disponibilità online di Nexus 6P propone già prezzi di molto scontati. La versione da 32 GB di memoria interna, il cui prezzo di listino si appostava sui 649€, si trova facilmente, attualmente, ben sotto i 600€.

Nexus 6P è disponibile nelle colorazioni Argento e Grigio. Consigliamo di acquistarlo su Amazon.it al seguente link.

 

Conclusioni

huawei-nexus-6p-spessore-2

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

 T: Arriviamo al dunque: in passato si considerava la gamma Nexus quella dedicata solo ai puristi e solo a chi voleva smanettare con ROM e modifiche varie. Ora vale ancora la stessa cosa? Lo usereste nella vita di tutti i giorni?

C: Trovo che si possa usare nella vita di tutti giorni.

M: Assolutamente sì, è assolutamente paragonabile ad altri smartphone top di gamma.

 

T: Problemi o difetti noti? Cose che vi hanno dato fastidio?

C: La batteria sicuramente. Non riesco ad utilizzarlo con una sola mano, quindi come design perde un po’, così come l’audio che non mi ha convinto in tutte le situazioni. (ndC: chiaramente rispetto ai problemi di due anni fa con il Nexus 5 ci sono stati grandi avanzamenti, ma non è ancora perfetto o paragonabile al BoomSound di HTC, per dire).

M: La parte posteriore del design e la scritta pacchiana non mi ha convinto affatto. Inoltre ho scaricato la tastiera Swype perché con quella di Google non mi sono trovato molto bene. La memoria non espandibile è l’ultimo grande contro, visto che mi capita di archiviare molti dati e non mi piace farlo sempre online.

 

T: Cosa vi è piaciuto di più in definitiva? Quella o quelle caratteristiche a cui adesso sarà difficile rinunciare tornando al vostro “vecchio” smartphone.

M: Display assolutamente, insieme alla fotocamera. L’esperienza Nexus è irripetibile!

C: Fotocamera e display tutta la vita. Sul lato dei videogiochi non c’è mai perdita di frame-rate, si va veramente a tutta potenza.

 

T: Premesso che l’ho provato anche io in precedenza ed il giudizio non può che essere positivo. In poche lo definisco il miglior smartphone Android che ho provato, adeguato alle mie esigenze e divertente da usare. Quale è invece il vostro giudizio definitivo?

C: 9-, per la batteria.

M: Tutto sommato io invece do 8+.

 

PRO

✔ Display incredibile
✔ Qualità della fotocamera, anche dal punto di vista software
✔ Prestazioni nel gaming davvero buone
✔ Esperienza Google irripetibile

CONTRO

✖ Batteria con risultati altalenanti e un po’ deludenti
✖ Design della back cover pacchiano
✖ La memoria non è espandibile

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.
  • Alfonso Falcone

    Recensione buona su un ottimo device, quello che mi domando è perche hauwei non abbia consigliato anzi imposto l sd? Loro non fanno device senza sd e in più su mate7 la batteria è da 4000 perché non l hanno installata anche qui. Sotto sotto penso che la collaborazione sia stata non totale si sono mantenuti per non renderlo eccellente

    • Ciao Alfonso, la tua è una opinione sicuramente condivisibile, tieni conto però che probabilmente Google ha insistito moltissimo su alcune caratteristiche tecniche proprio per ottenere il massimo (scrivere su una memoria flash interna è più veloce che scrivere su una microSD). Credo che alla base della collaborazione, l’ultima parola rimane comunque a Google 🙂
      Ci supporti già con un like su FB? Siamo anche su YouTube, Twitter, Google+! Grazie, a presto 🙂

  • Bio’

    Ottima review! anche se, questo nexus ha preso troppi applausi dal ragazzo in tutta la sessione di domande nel video.

    • Ehehehe, per stemperare un po’ la tensione un applauso al Nexus ci stava tutto! 😀
      Grazie mille per i complimenti, aiutaci a diffondere questa recensione se puoi! 🙂

      • Bio’

        Certo, lo farò volentieri. Il buon lavoro va sempre premiato in qualche modo; )