I migliori smartphone Android economici (max 200 euro)

I migliori smartphone Android economici (max 200 euro)

2500
CONDIVIDI

migliori smartphone android 200 euro I migliori smartphone Android economici (max 200 euro)

Fino a non molto tempo fa era difficile acquistare uno smartphone con una spesa di 200 euro senza rinunciare ad un’esperienza multimediale di buon livello. L’interesse crescente verso l’acquisto di smartphone senza vincoli con gli operatori, ha abbassato il budget medio nel range 100-200 euro, con la conseguente uscita sul mercato di un gran numero di modelli adatti a tutte le tasche. Dopo la guida ai migliori smartphone con un prezzo massimo di 100 euro, e dei migliori sotto i 150 euro, vogliamo ora presentarvi una guida, costantemente aggiornata, dei migliori smartphone che è possibile acquistare con un budget di circa 200 euro cercando di dare una risposta chiara alle seguenti domande: quali sono i migliori smartphone Android acquistabili con 200 euro di spesa? Cosa dobbiamo aspettarci di più rispetto ad uno smartphone da 100 o 150 euro?

Come osserverete dalla nostra classifica, la differenza di posizione è molto labile e quindi uno smartphone, piuttosto che un altro, potrebbe rispondere meglio alle vostre esigenze. Partendo da questo presupposto abbiamo inserito un ordine solo per i primi tre posti, fermo restando che sarà la vostra opinione a decidere realmente la posizione finale di questi ultimi. Inoltre è chiaro che stiamo esprimendo una preferenza e, come tale, potrebbe non essere uguale alla vostra. Però vogliamo offrirvi un consiglio per avvicinarci al massimo alle vostre esigenze.

A nostro parere, le caratteristiche da ricercare con il budget indicato sono le seguenti:

– uno schermo di dimensioni pari ad almeno 4.5 pollici, per non rinunciare ad un’esperienza multimediale di alto livello;
– l’installazione di una versione di Android recente (almeno Android Lollpop), per la piena compatibilità con le app del play store e una maggiore stabilità del sistema; Chiaramente la presenza di Android Marshmallow potrebbe considerarsi un plus decisamente rilevante.
– un minimo di 8 GB di memoria interna (meglio 16 GB), per installare spensieratamente un buon numero di app senza incappare in problemi di spazio;
– schermo con risoluzione HD (720×1280 pixel), a favore della massima visibilità dei dettagli;
– (opzionale) supporto alle reti 4G, compatibilmente con la crescente diffusione dei servizi in 4G, e l’abbassamento delle offerte da parte degli operatori;
– una discreta autonomia, capace di garantire una giornata di pieno utilizzo
– una fotocamera di qualità accettabile, capace di scattare buone foto almeno per la condivisione sui social

Alcune doverose precisazioni:

– In questa guida abbiamo voluto scegliere i migliori smartphone sul mercato limitandoci, come già indicato, ai soli modelli con sistema operativo Android ed un prezzo inferiore (o di poco superiore) ai 200 euro; 
– I prezzi di riferimento sono quelli degli store online più conosciuti (come Amazon), mediamente più vantaggiosi rispetto a quelli dei negozi fisici: è possibile quindi che i prezzi degli smartphone nei centri commerciali differiscano sensibilmente da quelli indicati su questa guida; alcuni modelli hanno un prezzo su Amazon superiore a 200 euro, ma abbiamo voluto inserirli in questa guida perchè online è possibile acquistarli a meno;
– Abbiamo deciso di includere in questa guida anche gli smartphone cinesi per la crescente disponibilità in molti store online italiani (che preferiamo non citare), e che non costringono più l’utente ad affidarsi a rischiose spedizioni dalla Cina.

Quali sono gli smartphone economici che vogliamo consigliarvi con un prezzo di 200 euro? Ecco qui la lista! Fateci sapere cosa ne pensate attraverso i commenti, e se vi piace la classifica che abbiamo stilato supportateci con un like alla pagina!

1. Wiko Fever

3 GB di RAM per arrivare al top

Se dovessimo dare in poche parole una descrizione di questo smartphone, potremmo dire che Wiko si è proprio superata. Da tempo ci ha abituati a smartphone di fascia media che fanno il loro dovere di compagni quotidiani, ma con Wiko Fever l’esperienza d’uso giornaliere raggiunge davvero livelli molto alti (sempre rapportato alla fascia di appartenenza). Sulle specifiche tecniche c’è poco da dire: ampio display da 5.2 pollici, risoluzione FHD, processore Mediatek ben integrato e, soprattutto, 3 GB di RAM. Non è un caso che la velocità e la fluidità siano le parole chiave per questo dispositivo, anche nel gaming. Mai, se non su alcuni chinaphonini, si era arrivati a tanto e, all’atto pratico, questa caratteristica fa ben sentire la sua voce.

Altro punto di grande sorpresa è piacere è la memoria interna: 16 GB, in grado di lasciare il sufficiente spazio di archiviazione per l’utente e che permettono ulteriormente l’espansione tramite MicroSD. Pollice alto anche per questa feature.

La batteria removibile da 2900 mAh permette il tranquillo arrivo a sera e, quindi, dà buone soddisfazioni, così come il fattore LTE e l’esperienza di Android Lollipop. Il supporto al Dual SIM chiude questo quadro di specifiche, specifiche che “parlano da sole” e da sole testimoniano la piacevolezza di Wiko Fever.

Wiko Fever: è tutto oro quel che luccica?

I lati meno convincenti di Wiko Fever si trovano forse nei “dettagli”, in quanto, come detto, per funzionalità generali è uno smartphone promosso con lode. Quando parliamo di dettagli arriviamo al “tasto dolente” della Fotocamera. Cosa non convince di Wiko Fever? La messa a fuoco. Il sensore principale da 13 MP in potenza è un ottimo alleato per gli amanti delle foto, ma un po’ fastidiosa risulta la non perfetta sincronia della messa a fuoco, che può portare a spiacevoli sorprese al momento dello scatto. Niente di irrisolvibile, certo, serve solo molto attenzione e un po’ di pazienza.

Wiko Fever: la nostra opinione

Ottimo rapporto qualità/prezzo e caratteristiche di qualità (soprattutto 3 GB di RAM) fanno schizzare di diritto Wiko Fever al vertice della classifica nella sua fascia di appartenenza. Nella scelta di uno smartphone al di sotto dei 200€, se vi convincono le dimensioni del display (anch’esso piacevolissimo) e l’ergonomia generale, non c’è da esitare: Wiko Fever merita di essere la prima scelta.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Settembre 2015 | Peso: 143 gr | Spessore: 8.3 mm | Sistema operativo:Android Lollipop 5.1 | Aggiornamento disponibile: - | Display: 5.2 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (424 PPI) | Processore: Mediatek MT6753 Octa-core 1.3 GHz. GPU Mali-T720| RAM: 3 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: -| MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2900 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SI | Dual SIM: SI

PRO

✔ 3 GB di RAM, eccezionali in questa fascia di prezzo
✔ Supporto Dual SIM
✔ Memoria interna da 16 GB

CONTRO

✖ La fotocamera ha qualche problema di messa a fuoco

 

2. Moto G 2015

Moto G 3rd gen: connettività LTE e resistenza all’acqua

Rispetto al modello direttamente precedente dello scorso anno 2014, la nuova terza generazione di Motorola Moto G mantiene le linee guida della casa in molti aspetti, a partire da ciò che riguarda design e display. La versione che vi proponiamo in questa guida, e che attualmente risulta l’unica a rientrata nella fascia di prezzo under 200€, propone delle novità in fatto di hardware, grazie a processore Qualcomm Snapdragon 410 con CPU Quad-core @1.4 GHz. Invariati risultano, invece, i numeri relativi alla memoria: 1 GB per la RAM e 8 GB per l’archiviazione interna. Se già, quindi, avevamo apprezzato le prestazione e la buona fattura di Moto G 2014, non possiamo che confermarlo per la nuova versione, anche se le più importanti novità si trovano nella versione da 16 GB (che non introduciamo nella guida in quanto supera il budget che essa si propone di rispettare, ndr).

Il supporto alla connettività 4G rientra tra le aggiunte più interessanti rispetto ai modelli “base” precedenti e conferisce un sicuro valore aggiunto a Moto G 2015, vista la spietata concorrenza, in campo cinese e non, di smartphone dotati di antenna LTE anche nelle fasce più basse. Moto G 2015 3rd gen è un terminale dotato di certificazione IPX7, che lo rende adatto alle immersioni in acqua fino alla profondità di 1 m per un tempo massimo di circa 30 minuti. Novità, infine, si ritrovano anche nel comparto fotografico, in cui si è passati ad un sensore principale da 13 MP e camera anteriore da 5 MP, che sono in grado, in generale, di regalare buoni scatti, anche se con bassa luminosità ancora un po’ si zoppica.

Moto G 2015: manca il Dual SIM

Cosa non piace di Moto G 2015? Al primo posto c’è sicuramente il mancato supporto Dual SIM. Se, infatti, Moto G 2014 aveva come ulteriore punto a suo favore la possibilità di gestione due utenze telefoniche, questa caratteristica si è persa, almeno per quanto riguarda i modelli direttamente commercializzati nel nostro Paese, con l’avvento della versione 2015.
Come accennato, le più importanti novità si ritrovano nella versione da 16 GB, che porta con sé anche 2 GB di RAM, un importante passo avanti rispetto a tutte le versioni precedenti di Moto G, ma in questo caso il prezzo sale e lo troverete nella guida dedicata alla fascia di prezzo superiore.

Moto G 2015: vale la pena comprarlo!

Moto G 2015 è uno smartphone certamente di punta, il cui lascito è succeduto a grandi mesi di attesa e ai tanti rumors che si sono ascoltati sul suo conto. Le prestazioni continuano ad essere ottime per la fascia di appartenenza, che, sebbene leggermente più alta rispetto ai modelli precedenti (il prezzo di lancio si appostava al di sopra dei 200€), mantiene un rapporto qualità/prezzo davvero interessante. La presenza di Android Lollipop, Connettività 4G e l’impermeabilità accrescono il valore di questo terminale, anche se rimane un po’ l’amaro in bocca per la non diretta commercializzazione della versione Dual SIM.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2015 | Peso: 155gr | Spessore: 11.6mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.1.1 | Aggiornamento disponibile: - | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (293 PPI) | Processore: Qualcomm Snapdragon 410 Quad-core da 1.4 GHz. GPU Adreno 306 | RAM: 1GB | Memoria interna totale: 8GB | Memoria interna disponibile: circa 12GB | MicroSD: SÌ, fino a 32GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2470mAh, Rimovibile: NO | 4G: SI | Dual SIM: NO

PRO

✔ Processore rinnovato, anche se intatto rimane il settore memoria
✔ Comparto fotografico potenziato, grazie a sensore principale da 13 MP
✔ Connettività LTE
✔ Certificazione IPX7

CONTRO

✖ In Italia non c’è la versione Dual SIM
✖ Il design un po’ anonimo

LG G4s

In cerca di equilibrio per ampliare la famiglia G4

LG G4S è uno dei tanti modelli che hanno accompagnato l’uscita dell’ultimo top di gamma LG, G4. Esso è stato affiancato da una ampia gamma di dispositivi, che hanno arricchito la famiglia LG. LG G4S, o LG G4 Beat, è lo smartphone “piccolo” di questa famiglia, ma, soprattutto per le sue dimensioni, proprio di un modello “piccolo” non si può parlare.

L’aspetto che spicca su tutte le specifiche è sicuramente il display, un pannello da 5.2 pollici di diagonale e con risoluzione che raggiunge il FHD. Si tratta di una feature difficilmente riscontrabili in questa fascia e che permette di godere al massimo del mondo di contenuti che LG può offrire. Il display, per quanto sia “grande”, riesce comunque a non impattare in maniere eccessiva sull’ergonomia e sulla maneggevolezza, grazie anche al peso contenuto.

Molto gradevoli anche le prestazioni in fatto di comparto hardware, ma non del tutto sufficiente sembra invece l’estensione della RAM: arrivare a 2 GB avrebbe facilitato l’esperienza d’uso e, soprattutto, avrebbe permesso il vero confronto con smartphone simili della stessa fascia.

LG G4S: dove sono le pecche?

A tal proposito, oltre al settore RAM cui abbiamo già accennato, non possiamo non citare lo spazio di archiviazione. 8 sono i GB che vengono “concessi” da LG e, se già di per sé non lascerebbero molta autonomia all’utente, questa viene ancor più limitata nella pratica, in quando lo spazio realmente disponibile per l’archiviazione risulta inferiore ai 4 GB.

Non molto performante sembrano anche le scelte in fatto di fotocamera, che presenta sensore principale da 8 MP (13 MP nella versione dell’America Latina). Abbiamo detto spesso che i MP non fanno da soli la qualità del comparto, ma in questo caso, ahimè, i risultati sono al di sotto delle aspettative.

LG G4S: i nostri commenti

Le caratteristiche complessive di LG G4S permettono di affermare che si tratta di un dispositivo di tutta dignità, che si colloca nella fascia di prezzo a cui appartiene come un buon prodotto dall’equilibrato rapporto qualità/prezzo. Questa affermazione non trova diretta riscontro se si pensa al prezzo originario di vendita, superiore ai 300€, ma se ci si focalizza sul prezzo attuale, allora ne vale certamente la pena.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Luglio 2015 | Peso: 139 gr | Spessore: 9.9 mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.1.1 | Aggiornamento disponibile: - | Display: 5.2 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (423 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8939 Snapdragon 615 Quad-core 1.5 GHz & quad-core 1 GHz. GPU Adreno 305 | RAM: 1.5 GB | Memoria interna totale: 8 GB | Memoria interna disponibile: circa 4 GB | MicroSD: SÌ, fino a 32GB | Fotocamera principale: 8 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP | Batteria: 2300 mAh, Rimovibile: SI | 4G: SI | Dual SIM: NO

PRO

✔ Ottima qualità del display
✔ Buona ergonomia, grazie a dimensioni equilibrate e peso contenuto
✔ Connettività LTE

CONTRO

✖ Con 2 GB di RAM l’esperienza d’uso sarebbe stata certamente più all’altezza
✖ La fotocamera non è in linea con smartphone “top” della stessa fascia
✖ Memoria a disposizione dell’utente inferiore ai 4 GB

 

Zenfone 2 Laser ZE500KL

Un nuovo modello che arricchisce la gamma ZenFone2

La famiglia ZenFone 2 di Asus si sta arricchendo sempre più di componenti, smartphone adatti a tutti gli utenti e in tutte le fasce di prezzo. Apparentemente, si tratta di modelli molto simili tra loro, soprattutto dal punto di vista estetico, ma ognuno di loro si arricchisce per alcune specifiche che lo rendono unico nel proprio genere. Tra questi dispositivi, tra gli ultimi usciti troviamo Zenfone 2 Laser, che inseriamo in questa guida nella versione ZE500KL, caratterizzata da display da 5 pollici. Si tratta di uno smartphone che rispetto in pieno lo spirito della “fascia media”, con prestazioni equilibrate e adatte a chi non cerchi il top di categoria, ma necessiti di funzionalità all’altezza della vita quotidiana.

Il comparto hardware è certamente complice dell’equilibrio che caratterizza Zenfone 2 Laser, grazie al processore Snapdragon 410, che sfrutta l’architettura a 64 bit per dare soddisfacenti prestazioni in ogni ambito, dalla classica navigazione al gaming. Il binomio di memoria, 2 GB per la RAM e 16 GB per lo spazio interno, costituiscono una scelta vincente per gli smartphone di fascia media e anche in Zenfone 2 Laser sicuramente questo aspetto si sente.

La presenza di display da 5 pollici che “ferma” la propria risoluzione a 720 x 1280 pixels permette di gestire in modo sapiente l’autonomia della batteria da 2400 mAh. La possibilità di rimuovere quest’ultima, inoltre, costituisce un punto a favore di questo modello.

Asus Zenfone 2 Laser: ergonomia non sempre assicurata

Se dobbiamo pensare ai difetti di questo smartphone, la posizione dei tasti costituisce forse l’aspetto più evidente. La scelta di inserire il tasto di standby al centro del lato superiore rende il suo utilizzo un tantino scomodo e non comodo se si vuole usare una sola mano. Lo spessore risulta un po’ imponente, ma si tratta del classico design Asus, e i 10.5 mm fanno riferimento alla zone più “bombate” della back cover.

Un aspetto che appesantisce un po’ l’utilizzo quotidiano di Asus Zenfone 2 Laser è la personalizzazione: massimo spazio è dato all’utente per arricchire l’interfaccia, ma moltissime sono le app preinstallate sullo smartphone, alcune delle quali risultano inutili. Non è certo un grave danno, ma se si pensa alla memoria interna da 16 GB, spaziosa, ma non infinita, forse qualche dubbio può sorgere.

Asus Zenfone 2 Laser: i nostri commenti

Zenfone 2 Laser si è confermato come un prodotto di successo, che mira a chi cerca qualcosa in più in termini di fotocamera e che sfrutta benissimo una memoria molto ampia se paragonata ad altri smartphone della stessa fascia di prezzo.

La costruzione è solida, resistente e si presta benissimo ad essere utilizzato sia come smartphone di design che come smartphone per tutte le occasioni. Asus ha alzato il tiro e il risultato si vede eccome.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2015 | Peso: 140.5gr | Spessore: 10.5mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.0 | Aggiornamento disponibile: Pianificato per Android 6.0 Marshmallow  | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (293 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8916 Snapdragon 410 – chip Quad-core 1.2 GHz Cortex-A53. GPU Adreno 306 | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 16GB | Memoria interna disponibile: circa 12GB | MicroSD: SÌ, fino a 128GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2400mAh, Rimovibile: SI | 4G: SI | Dual SIM: SI

PRO

✔ Batteria removibile
✔ Chip Snapdragon 410 rodato ed affidabile
✔ Binomio da 2 GB/16 GB tra RAM e memoria interna
✔ App fotocamera ricca di funzionalità

CONTRO

✖ Pulsante di standby in posizione scomoda
✖ Display che trattiene le impronte
✖ Troppe app preinstallate da Asus

Meizu M2 Note

Tra qualità e competizione con il suo predecessore

Dopo il successo riscosso da M1 Note, Meizu ha lanciato il suo successore, il modello M2 Note, che, lo diciamo subito, sebbene sulla carta risulti molto simile, su molti aspetti nella pratica si discosta dal primo smartphone. Cominciamo subito dal design: la grande novità di Meizu M2 Note, e che diventa sua caratteristica peculiare, è la presenza del tasto mBack, in grado di riconoscere sia il click che il tap, che migliora e facilita prestazioni ed utilizzo quotidiani.

Rispetto al suo predecessore, Meizu M2 Note permette l’espansione della memoria interna tramite MicroSD esterna, anche se quest’ultima va ad occupare il secondo slot dedicato alle SIM. Vantaggi si trovano anche sul lato connettività, visto che le frequenze LTE italiane, eccezion fatta per alcuni problemi con la Wind (vero tabù dei cinafonini), sono ampiamente supportate e ben recepite.

La disponibilità di Meizu M2 Note risulta un ulteriore suo punto di forza, grazie alla facile reperibilità anche sul mercato italiano, al contrario di quanto accaduto con M1 Note.
Al di là del confronto tra i due smartphone, comunque, va assolutamente riconosciuto che Meizu M2 Note è un prodotto riuscito e adatto a chi vuol spendere poco avendo praticamente tutto. Switch a caldo tra le due SIM, navigazione 4G, display Full HD e buone fotocamere, rappresentano solo alcuni degli aspetti più interessanti di questo smartphone.

Meizu M2 Note: meglio o peggio del predecessore?

La risposta a questa domanda va certamente data ricordando che non esiste un “vero assoluto” ed ognuno, in base alle proprie esigenze, può scegliere di favorire un modello piuttosto che un altro. Vista l’esperienza d’uso quotidiana, però, nonostante gli aspetti positivi che abbiamo citato nel paragrafo precedente, Meizu M2 Note pecca di qualche mancanza rispetto al modello precedente. Dovendo riferire in modo più mirato, in particolare, il lato hardware è quello che lascia più perplesso, in quanto non si è assistito a quel salto di qualità che ci si aspetterebbe da un nuovo smartphone. In questo senso, Meizu M2 Note sembra essere un depotenziamento di Meizu M1 Note, soprattutto per quanto riguarda i lato videogiochi.

Meizu M2 Note: i nostri commenti

Meizu M2 Note, preso senza fare paragone alcuno, è un prodotto riuscito e adatto a chi vuol spendere poco avendo praticamente tutto.

Su queste basi si può disquisire se è veramente uno smartphone adatto a misurarsi con i top di gamma, ma considerato che si trova intorno ai 200 euro, è sicuramente uno dei migliori smartphone Android di questa fascia di prezzo.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2015 | Peso: 149gr | Spessore: 8.7mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.0 | Aggiornamento disponibile: - | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (403 PPI) | Processore: Mediatek MT6753 – chip Octa-core 1.3 GHz Cortex-A53 | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 16GB | Memoria interna disponibile: circa 11GB | MicroSD: SÌ, fino a 128GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 3100mAh, Rimovibile: NO | 4G: SI | Dual SIM: SI

PRO

✔ Interfaccia FlyMe di Meizu molto funzionale
✔ Fotocamera sopra il livello medio dei competitor della stessa fascia
✔ Dual SIM switchabile a caldo via software
✔ Display molto buono e pannello touchscreen reattivo

CONTRO

✖ Processore meno performante per chi ama i videogiochi
✖ Frequenza italiana 4G di Wind non abilitata
✖ Qualcosa in meno rispetto al predecessore

Samsung Galaxy A3

La qualità costruttiva e’ il suo punto di forza

La nuova gamma di smartphone lanciata negli ultimi mesi da Samsung trova, come sua caratteristica peculiare, la qualità costruttiva. La rottura con la gamma S è evidente, sia per i materiali di fabbricazione sia per l’impianto generale del design. Galaxy A3 si caratterizza per la presenza di una monoscocca metallica, che consente di ridurre lo spessore del terminale fino a soli 6.9 mm e che rende la batteria non rimovibile, segno di forte cambiamento rispetto agli smartphone precedenti della casa. D’altro canto, però, alcuni segni distintivi dei dispositivi Samsung Galaxy permangono, come l’impianto generale della facciata anteriore e la posizione dei tasti soft-touch. Inutile dire quanto questo tipo di lavoro sia apprezzato da chiunque abbia un occhio attento al design, senza dimenticarsi però delle prestazioni.

La dotazione hardware di Galaxy A3 ci porta a scoprire uno degli ultimi processori nati in casa Qualcomm e l’effetto che si ha nella pratica è una buona ottimizzazione tra il processore stesso e l’interfaccia dello smartphone. Nonostante la memoria RAM risulti un po’ limitante, soprattutto se confrontata con altri terminali della fascia, nel complesso le prestazioni sono soddisfacenti. Se il vostro utilizzo verte più sulla navigazione web e sui social network non soffrirete queste limitazioni, discorso un po’ diverso se invece vorrete buttarvi sul videogaming più spinto.

Quali i difetti?

La prima “nota dolente” che salta all’occhio quando di consultano le specifiche di Galaxy A3 è la risoluzione del display: qHD risulta bassa, soprattutto per il prezzo di vendita dello smartphone. La tecnologia AMOLED adottata per il display permette comunque di fruire di un’ottima visibilità di colori, ma è indubbio che qualche sforzo in più in fatto di risoluzione non avrebbe potuto non portare commenti positivi. E’ vero che avevamo detto di non parlare all’interno della guida ai migliori smartphone Android da 250 euro, ma questo dello schermo è un limite che abbiamo  superato durante la nostra prova. Altro aspetto poco convincente la fotocamera posteriore, che risulta un po’ altalenante nella pratica quotidiana, soprattutto in modalità HDR. Buone, invece, le impressioni regalate dalla Camera frontale.

Samsung Galaxy A3: i commenti

Samsung Galaxy A3 appare lo smartphone adatto a chi ricerchi una certa eleganza nel proprio dispositivi e voglia integrare a prestazioni di fascia media una qualità costruttiva sicuramente d’eccellenza. Sebbene alcuni aspetti facciamo apparire il terminale inferiore ad altri rivali allo stesso budget, punti di forza come l’attenzione all’interfaccia, l’aggiornamento a Lollipop e la presenza di Connettività LTE non possono che accrescere il valore di Galaxy A3 e porlo all’interno di questa classifica, senza dubbio tra i migliori smartphone sotto ai 250 euro.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Ottobre 2014 | Peso: 110.3gr | Spessore: 6.9mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.4 | Aggiornamento disponibile: Android Lollipop 5.0 | Display: 4.5 pollici | Risoluzione: 540 x 960 pixel (245 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8916 Snapdragon 410 da 1.2 GHz | RAM: 1.5GB | Memoria interna totale: 16GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 8MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 1900mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌDual SIM: NO

PRO

✔ Connettività LTE;
✔ Qualità costruttiva, grazie a materiali di pregio ed elegante monoscocca;
✔ Aggiornamento ad Android Lollipop;
✔ Ottimizzazione tra processore ed interfaccia;

CONTRO

✖ Batteria non removibile, anche se presenti modalità di Risparmio Energetico;
✖ Risoluzione qHD dello schermo, non perfettamente degna di uno smartphone in questa fascia;
✖ Fotocamera posteriore altalenante;

Asus Zenfone 2 (ZE500CL)

LTE e 2 GB di RAM nella versione “Mini”

Tra i migliori smartphone ad un budget massimo di 200€ non poteva non rientrare la versione mini di Asus Zenfone 2, una delle quattro con cui il modello è stato lanciato. Parliamo in questo caso della versione ZE500CL, con memoria interna da 16 GB di memoria interna (che ha un prezzo di poche decine di euro superiore alla versione con 8 GB). Questo terminale ha un aspetto sicuramente interessante nella dotazione hardware, che si basa su processore Intel Atom, oramai fedele compagno dei dispositivi Asus, e 2 GB di memoria RAM, che costituiscono quasi un’eccezione in questa fascia di prezzo ed aiutano sicuramente a mantenere fluidità nell’utilizzo e donano una buona esperienza d’uso. La connettività LTE è sicuramente un altro vantaggio per questo terminale. Sul lato batteria, l’autonomia risulta nella media con un utilizzo non troppo stressante, anche se non colpisce per prestazioni esaltanti, che superino la giornata lavorativa.

Asus Zenfone 2: la fotocamera zoppica e manca il dual SIM…

L’aspetto multimediale sembra il lato maggiormente carente in questo device, che, grazie alla presenza della fotocamera sensore posteriore da 8 MP, regala scatti diurni buoni, ma perde di qualità quando cala la luce. In condizioni di scarsa luminosità, infatti, appare disturbante il rumore digitale, che penalizza la resa degli scatti. Un demerito, questo, che in realtà è comune alla maggior parte degli smartphone nella fascia medio-bassa.
A lasciare un po’ l’amaro in bocca è anche l’assenza di connettività Dual SIM per i due modelli con display da 5 pollici. I due fratelli maggiori, infatti, con 5.5 pollici di diagonale, hanno entrambi possibilità di utilizzare due utenze, scelta che, invece, con è stata condivisa con i “piccoli” della gamma.

Asus Zenfone 2: i nostri commenti

Grazie alle sue caratteristiche, Asus Zenfone 2 ZE500CL si merita di rientrare fra le migliori scelte da fare con un budget limitato ai 200€. Certamente, l’impossibilità di gestire due SIM su questo smartphone ci ha lasciati un po’ sorpresi, ma la presenza di 2 GB di memoria RAM, 16 GB di ROM e supporto LTE innalzano il valore di questo “piccolo” novellino in casa Asus. L’azienda di Taipei prova quindi a togliere la corona al Moto G 2014, vero re tra i migliori smartphone Android da massimo 200 euro.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Marzo 2015 | Peso: 155 gr | Spessore: 10.9 mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.0 ZenUI | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 PPI) | Processore: Intel Atom Z3560 2×2 Dual-Core da 1.6 GHz. GPU PowerVR SGX544MP2 | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 8/16 GB | Memoria interna disponibile: circa 12GB | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 8MP | Fotocamera anteriore: 2MP | Batteria: 2500mAh, Rimovibile: NO | 4G: SI | Dual SIM: NO

PRO

✔ 2 GB di RAM sono molti in questa fascia di prezzo
✔ Android Lollipop nativamente presente
✔ Interfaccia funzionale, buona grafica e funzionalità
✔ 4G molto veloce ed affidabile

CONTRO

✖ Fotocamera traballante in notturna
✖ Il peso e lo spessore impattano sulla maneggevolezza
✖ Assenza di tecnologia Dual SIM, a differenza dei “fratelli maggiori”

4. Meizu M1 Note (Ver.16GB)

La lineup di punta di Mediatek e schermo full-HD a meno di 200 euro!

Il motivo principale per cui abbiamo iniziato ad includere anche i modelli cinesi all’interno delle nostre guide all’acquisto è l’innegabile superiorità delle caratteristiche tecniche, a parità di prezzo, rispetto ai concorrenti “tradizionali”. Meizu M1 Note ne è l’esempio più lampante, grazie ad una dotazione hardware di primissimo piano: un processore Mediatek di ultima generazione, l’MT6752, con architettura a 64bit, accoppiato a 2GB di RAM, garantisce il pieno supporto a qualsiasi attività multimediale, senza soffrire l’elevata densità di pixel dello schermo (403ppi). Se siete in cerca di uno smartphone reattivo, fluido con cui dedicarvi a lunghe sessioni di gaming o di film in HD, Meizu M1 Note non potrà che soddisfare le vostre aspettative, grazie ad uno schermo ampio e definito e un’autonomia invidiabile, a cui si aggiunge la piacevole possibilità (rara in questa fascia di prezzo) di scattare foto più che apprezzabili.

Meizu M1 Note: non è esente da difetti

Purtroppo non è oro tutto ciò che luccica: se da un lato il profilo tecnico è in grado di far ingolosire i più, ci sono anche dei lati negativi che vogliamo evidenziare. Anzitutto la scocca è “unibody”, guadagnando punti in solidità ed eleganza estetica, ma costringendo l’utente a rinunciare alla possibilità di rimuovere la batteria (per sostituirla dopo qualche anno ad esempio) o di espandere la memoria interna (da 16GB nella versione che abbiamo considerato in questa guida) tramite scheda microSD. A questi punti si aggiungono le difficoltà comuni a molti dispositivi cinesi, che vedono nella non facile reperibilità online il loro svantaggio maggiore, che portano spesso a rincari ingiustificati. Infine occhio alle frequenze LTE: non supporta la frequenza a 800Mhz: la compatibilità con le reti italiane (anche nella versione non TD-LTE qui considerata) non è completa. Peccato.

Meizu M1 Note: i nostri commenti

Nonostante i difetti elencati non possiamo non riconoscere la superiorità del Meizu M1 Note rispetto alla stragrande maggioranza dei modelli sotto i 200 euro. Se a) avete la possibilità di acquistarlo al prezzo giusto b) non vi interessa troppo la compatibilità con le reti LTE e c) pensate di sfruttare memorie cloud o altro in caso di necessità di spazio in memoria, il Meizu M1 Note è la miglior scelta che potete fare.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Febbraio 2015 | Peso: 145gr | Spessore: 9mm | Sistema operativo: Android 4.4.2 KitKat – Interfaccia Flyme OS 4.2 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (403 PPI) | Processore: MediaTek MT6752 64-bit octa-core da 1.7GHz. GPU Mali-T760 MP2 a 600MHz. | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 16GB | Memoria interna disponibile: oltre 11GB | MicroSD: NO | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 3140mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ

PRO

✔ Eccellenti caratteristiche tecniche (2GB di RAM e processore MT6752)
✔ Display con risoluzione Full-HD
✔ Buona autonomia
✔ Qualità fotografica superiore a buona parte dei concorrenti di pari fascia
✔ Doppio flash a LED a supporto della fotocamera posteriore
✔ E’ dual-SIM

CONTRO

✖ Non è possibile espandere la memoria tramite scheda microSD
✖ La batteria non è rimovibile
✖ Eccessivi sovrapprezzi applicati da molti store online italiani
✖ Manca il supporto alla frequenza LTE 800Mhz

5. Huawei G Play Mini

Il diretto concorrente di Honor 4C

Huawei G Play Mini è uno degli ultimi dispositivi Huawei entrati nella fascia medio-bassa, con caratteristiche tecniche che lo mettono in aperta rivalità con Honor 4C. Grazie al processore Octa-core marchiato Huawei, 2 GB di RAM, display da 5 pollici con risoluzione HD e non solo, questo terminale riesce a mantenere ottime prestazioni nell’utilizzo quotidiano, ponendosi come buon alleato per chi cerchi un terminale completo in questa fascia di prezzo. Il supporto alla tecnologia Dual SIM è certamente un punto di forza di Huawei G Play Mini ed amplia sicuramente la fascia di utenza a cui lo smartphone è destinato. Il settore multimediale è forse il comparto che più di tutti convince in Huawei G Play Mini, grazie alla presenza di sensore principale da 13 MP e camera anteriore da 5 MP. La resa delle immagini è ottima, sia in diurna che in notturna. Huawei ci ha oramai abituato ad una buona gestione della Fotocamera, grazie all’applicazione dedicata completa e ricca di funzionalità. Non potevamo, quindi, che aspettarci grandi prestazioni da questo G Play Mini.

Peccato… peccato per il 4G

A lasciare l’amaro in bocca, più di ogni altra cosa, in Huawei G Play Mini è il mancato supporto alla rete LTE, feature che sta ormai divagando anche tra gli smartphone di fasce più basse e che non può che costituire un demerito per questo smartphone. L’architettura software si ferma ad Android KitKat, anche se l’interfaccia tipica di Huawei, EMUI, è aggiornata all’ultima versione e sembra quindi più che pronta per accogliere Android Lollipop ed ottenere il massimo dalle prestazioni dello smartphone.
La batteria da 2550 mAh regala autonomia nella media, che non supera però la giornata, anche con un uso moderato.

Huawei G Play Mini: i nostri commenti

Huawei G Play Mini è uno smartphone nel complesso adatto a chi cerchi tecnologia ma anche semplice esperienza d’uso. Il prezzo di lancio sembrava non mantenere esattamente fede alle sue caratteristiche (229€ sembrano un po’ tanti, se riportati, ad esempio, ad un altri degli ultimi smartphone Huawei, P8 Lite), ma il prezzo a cui lo si trova attualmente, soprattutto negli store online, testimonia un buon rapporto qualità/prezzo e fa ammettere che ne vale la pena.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Aprile 2015 | Peso: 162 gr | Spessore: 8.8 mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2 – Emotion UI 3.0 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 ppi) | Processore: Huawei HiSilicon Kirin 620 Octa-Core da 1.2 GHz. GPU ARM Mali-450 MP4 | RAM: 2 GB | Memoria interna totale: 8GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 32GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2550 mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: NODual SIM: SI

PRO

✔ Comparto fotografico, con buona resa anche in notturna
✔ Supporto Dual SIM
✔ Batteria removibile
✔ Interfaccia Huawei aggiornata all’ultima versione

CONTRO

✖ Manca il supporto LTE
✖ Autonomia non esaltante
✖ Non si sa ancora nulla sull’aggiornamento a Lollipop

 

6. Samsung Galaxy J5

Samsung ci riprova con la fascia bassa

Uno tra gli ultimi usciti in casa Samsung, Galaxy J5 apre le porte ad una nuova serie nel mondo del colosso coreano e le sue caratteristiche tecniche testimoniano una buona qualità per la fascia di appartenenza. I pregi sicuramente da mettere in evidenza risiedono nel comparto multimediale e nella tecnologia Dual SIM. Grazie al sensore principale da 13 MP, infatti, la fotocamera di Galaxy J5 trova pochi competitors nel mondo Android e regala scatti di buona qualità. La possibilità di utilizzare due utenze contemporaneamente dello smartphone, apre il raggio di utenza verso tutti coloro che hanno sempre desiderato affidarsi ad un dispositivo Samsung, ma che spesso hanno dovuto rinunciare proprio alla tecnologia Dual SIM sui modelli più commercializzati della casa. Non mancano, tra i pregi, la presenza di Connettività LTE e il sistema operativo basato sul nuovissimo Android Lollipop in versione 5.1.

Samsung Galaxy J5: cosa non piace?

Se tanti sono i lati positivi che fanno apprezzare la qualità di Samsung Galaxy J5, ma non manca, come sempre, qualche difetto. Tra questi, la prima punta di disapprovo, di carattere puramente estetico, va collegata al design, che richiama l’intera gamma Galaxy ed è sicuramente il biglietto da visita di Samsung, ma che forse vorrebbe trovare ogni tanto anche qualche slancio verso la novità.
Limitati a 8 sono i GB per l’archiviazione dei dati, estendibili comunque tramite MicroSD fino a 128 GB a cui si aggiungono 1.5 GB di memoria RAM, non eccessivi ma in grado comunque di garantire una certa stabilità al dispositivo. La batteria da 2600 mAh permette l’utilizzo quotidiano.

Samsung Galaxy J5: le nostre impressioni

Samsung Galaxy J5 va sicuramente ad arricchire la gamma Galaxy, con uno smartphone di buone specifiche, un buon livello di prestazioni ed una quotidiana affidabilità. La caratteristica che forse più di tutti lascia piacevolmente sorpresi è il supporto Dual SIM, che, come detto, aumenta l’appetibilità dello smartphone ed amplifica la notorietà di Samsung.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Giugno 2015 | Peso: 146 gr | Spessore: 7.9 mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.1 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 ppi) | Processore: Qualcomm MSM8916 Snapdragon 410 da 1.2Ghz. GPU Adreno 306 | RAM: 1.5 GB | Memoria interna totale: 8GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 128 GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2600 mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: SI | Dual SIM: SI

PRO

✔ Comparto multimediale di tutto rispetto
✔ Supporto Dual SIM
✔ Android Lollipop e Connettività LTE

CONTRO

✖ Design troppo simile ad altri dispositivi Samsung
✖ Il modello più “economico” monta ROM da 8 GB
✖ Prestazioni hardware nella media

 

 

7. Acer Liquid Jade Z

Connettività LTE e fotocamera interessante

Presentato al MWC di Barcellona, questo terminale si presenta con delle caratteristiche accattivanti. Prima fra tutte, la presenza di Connettività LTE, che rappresenta una eccezionalità e un punto di merito per gli smartphone di questa fascia e che permette di massimizzare la velocità di navigazione. Non da meno è la Fotocamera, che, anzi, rimane l’aspetto di Acer Liquid Jade Z a colpire maggiormente: grazie al sensore da 13 MP, infatti, la qualità delle foto rimane più che sufficiente in qualsiasi condizione di luminosità. Anche in questo, Jade Z sembra occupare un posto da eccezione nella sua categoria. Per dare un’occhiata al comparto hardware, la presenza di 1 GB di RAM permette nel complesso di avere prestazione equilibrate e nella media.

Cosa non va?

A lasciarsi con qualche dubbio, sin da quando sono state annunciate le specifiche, è il fronte autonomia. La batteria integrata da 2300 mAh riesce infatti a soddisfare la giornata lavorativa, ma purtroppo non va oltre questo, soprattutto se se ne fa un uso intenso.
Nonostante sia un dispositivo uscito da pochi mesi, Acer Liquid Jade Z non possiede nativamente Android Lollipop, come ci si sarebbe potuti aspettare, anche se l’aggiornamento è già disponibile.

Acer Liquid Jade Z: cosa ne pensiamo?

Acer Liquid Jade Z è certamente uno smartphone intrigrante, che, essendo anche Dual SIM, sembra essere in grado di riscuotere successo tra chi abbia le esigenze più disparate, ad un piccolo prezzo. Ad accrescere il giudizio positivo ci sono poi le dimensioni non eccessive e il peso “piuma” di questo terminale, che si presenta con un rapporto qualità/prezzo certamente ben calibrato e ottimizzato.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Marzo 2015 | Peso: 110 gr | Spessore: 8 mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 PPI) | Processore: Mediatek MT6732 Quad-core da 1.5 GHz. GPU ARM Mali-T760 | RAM: 1GB | Memoria interna totale: 8 GB | Memoria interna disponibile: circa 4.31GB | MicroSD: SÌ, fino a 32GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2300mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: SÌ | Dual SIM: SÌ

PRO

✔ Buon rapporto qualità/prezzo
✔ Connettività LTE
✔ Lo smartphone è leggerissimo, solo 110 grammi di peso
✔ Fotocamera di ottima qualità e resa

CONTRO

✖ L’inserimento della MicroSD impedisce di utilizzare la tecnologia Dual SIM
✖ Autonomia non tra le migliori in questa fascia, anche se è coperta la giornata lavorativa
✖ Android Lollipop non di default

8. LG G3s

Piccolo e compatto, ma con tante funzioni

Quando si parla di smartphone compatti o versioni Mini, ci si rende subito conto che chi cerca uno di questi, lo fa anche perché vuole che il design ricalchi quello dei fratelli maggiori. Per cui noi consigliamo LG G3s a chi desidera uno smartphone Android che ricalchi le stesse linee del famoso LG G3. La differenza, in termini di materiali costruttivi, si fa sentire, ma considerato che la plastica utilizzata per la scocca assume un effetto metallico, la resa finale è molto buona e, rispetto al capostipite della casa produttrice, offre anche un miglior grip e una ergonomia decisamente favorevole.

La fotocamera è uno dei punti di forza di questo smartphone Android, tanto da farlo prendere in considerazione in questa guida ai migliori smartphone da circa 250 euro. Il sensore da 8MP garantisce dei risultati sorprendenti e, grazie all’ausilio del laser integrato, la messa a fuoco è rapida e precisa: nell’uso quotidiano questa fotocamera ha colpito molto in termini di affidabilità, con scatti molto belli anche in condizioni di luce difficili. Il software, caratterizzato dall’interfaccia utente di LG, è sicuramente uno dei punti forti e si rende adatto a chi cerca una esperienza d’uso pulita, con una grafica molto minimale e con transizioni molto eleganti quando si passa da una schermata all’altra.

Prestazioni non al top

In cosa ci si aspettava qualcosa in più? Sicuramente nel processore che non è di ultima generazione ed è di fascia bassa. Le prestazioni sono comunque buone, ma se vi piace giocare un po’ ai famosi Real Racing 3 o Asphalt 8, allora potreste incontrare qualche difficoltà di troppo vista l’età della GPU utilizzata nel chip Qualcomm Snapdragon 400. Inoltre considerato che si sta parlando di una versione mini di un top di gamma, la diagonale del display da 5 pollici, non eccessivamente risoluta, potrebbe non andare incontro alle esigenze e ai gusti di chi cerca uno smartphone più tascabile.

LG G3s: i nostri commenti

LG G3s è ancora uno smartphone molto interessante, indicato per chi vuole davvero orientarsi su una versione compatta di un top di gamma, capace di offrire buone prestazioni complessive ed equilibrate con una buona resa in termini di autonomia. Purtroppo paga il prezzo di lancio abbastanza elevato e una concorrenza, soprattutto nella fascia inferiore di prezzo, davvero agguerrita e in grado di metterlo molto in difficoltà su molti fattori.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2014 | Peso: 134 gr | Spessore: 10.3mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 PPI) | Processore: Qualcomm Snapdragon 400 da 1.2Ghz. GPU Adreno 305 | RAM: 1GB | Memoria interna totale: 8 GB | Memoria interna disponibile: circa 4GB | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 8MP | Fotocamera anteriore: 1.3MP | Batteria: 2540mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Buon comparto funzionale proprietario LG
✔ Supporta le reti 4G
✔ Interfaccia piacevole
✔ Batteria con una buona autonomia che supera la giornata

CONTRO

✖ Il sistema occupa più di 4GB delle memoria interna
✖ Non è più facilmente utilizzabile con una sola mano (come il G2 Mini)
✖ Display forse troppo ampio per chi ama le versioni mini dei top di gamma

9. Hongmi Note 4G

Un’alternativa “diversa” al Meizu M1 Note!

Hongmi Note 4G è un altro smartphone cinese che ci sentiamo di includere in questa guida, frutto di un approccio e di specifiche tecniche diverse da un comune dispositivo cinese. Anzitutto è anomala la dotazione di un processore Snapdragon 400 anzichè Mediatek: prestazioninel rendering grafico di poco inferiori rispetto alla lineup di punta di Mediatek, ma con consumi più bassi, che, assieme alla risoluzione dello schermo limitata a 720p, elevano l’autonomia a quasi due giorni con utilizzo medio.

Hongmi Note 4G: quali sono i “contro”?

L’impatto visivo dei contenuti in HD è solo sufficiente: i quasi 150ppi in meno rispetto al Meizu M1 Note, purtroppo si percepiscono. Nessun problema nella navigazione web, o nell’utilizzo di app e giochi, ma per chi ama vedere video e film in alta definizione il consiglio è quello di valutare l’acquisto del Meizu M1 Note, dotato di schermo in full-HD. Inoltre la memoria è da soli 8GB (contro i 16GB di altri dispositivi, Meizu M1 Note compreso) che possono però sfruttare la comoda espansione della memoria tramite microSD (fino a 64GB), su cui eventualmente salvare tutti i contenuti multimediali di grandi di dimensioni. La qualità della fotocamera è paragonabile a quella della maggioranza di dispositivi cinesi che vantano una fotocamera da 13MP tra le specifiche (vi ricordiamo che la risoluzione del sensore NON è un indice di qualità), ovvero scarsa in condizioni di luminosità non ottimali. Per finire vi ricordiamo che anche Hongmi Note 4G non supporta la frequenza LTE a 800Mhz.

Hongmi Note 4G: perchè comprarlo?

Difficile trovare validi motivi per cui Hongmi Note 4G dovrebbe essere preferito a Meizu M1 Note. Ma se a) ritenete più importante lo spazio di memoria per i contenuti multimediali rispetto a quello per le app o b) se avete pregiudizi e siete allergici ai processori Mediatek, a cui preferite la maggiore affidabilità e stabilità di un chip Snapdragon o c) non volete impazzire nella ricerca di uno store online che venda il Meizu senza eccessivi rincari, Hongmi Note 4G può rappresentare un’ottima alternativa.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2014 | Peso: 199 gr | Spessore:9.5mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (267 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8928 Snapdragon 400 a 1.6 GHz | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 8 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 2MP | Batteria: 3200mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Utilizza un chip Qualcomm invece di Mediatek
✔ Supporta schede microSD fino a 64GB: ampie possibilità di archiviazione di file e contenuti multimediali
✔ Eccellente autonomia

CONTRO

✖ L’impatto visivo dello schermo da 5.5 pollici soffre il confronto diretto con i display full-HD
✖ Soli 8GB di memoria interna: pochi per uno smartphone cinese
✖ Anche qui è assente la fequenza LTE a 800Mhz: compatibilità in 4G non completa
✖ Qualità fotografica non del tutto soddisfacente

10. Honor 4X

Honor 4X: due motivi per comprarlo? 2 GB di RAM e grande batteria

La velocità e le prestazioni sono un punto focale dello spirito di Honor 4X, che si compone di un comparto hardware di ottime caratteristiche. Il processore Octa-Core a 64 bit è sicuramente in grado di garantire performance di alto livello, aiutato dalla presenza di 2 GB di RAM, aspetto interessante nella fascia di prezzo a cui lo smartphone appartiene. Anche sul fronte giochi, non si riscontrano particolari rallentamenti e la fluidità viene integrata perfettamente anche sul fronte software, grazie al supporto dell’interfaccia Huawei EMUI 3.0.

La batteria removibile di Honor 4X ha una capacità davvero sorprendente, che permette ogni tipo di utilizzo del dispositivo in tranquillità, senza intaccare troppo sull’autonomia. A chiudere il quadro, la presenza di connettività LTE garantisce la massima velocità di navigazione e costituisce una nota di merito in questa fascia, visto che si è spesso rinunciato al 4G per rientrare in questo budget. La tecnologia Dual-SIM, che si basa sulla presenza di due Micro-SIM è di tipo DSDS (dual-sim dual-standby).

Honor 4X: qualche nota dolente

Honor 4X è uno smartphone certamente performante in molti aspetti, ma non manca qualche punto meno convincente. Tra essi, sicuramente il design, non tanto per l’aspetto in sé, che rimane nel complesso gradevole, quanto per la scelta dei materiali, che risultano di non elevatissima fattura. Spicca, infatti, il policarbonato. Anche il comparto fotografico si rivela altalenante: se sul fronte “selfie” il terminale riesce a garantire buoni risultato, la fotocamera principale sembra riscontrare qualche rumore digitale di troppo e non dà sempre buoni scatti in condizioni di luce carente

Honor 4X: i nostri commenti

Honor 4X rimane ad oggi uno degli smartphone ad un budget di circa 200€ più interessanti sul mercato. Disponibile da poco ufficialmente in Italia, la presenza di un rivenditore diretto sicuramente può renderlo appetibile ad un numero sempre maggiore di utenti, spesso frenati nell’acquisto di un cinafonino per problemi di reperibilità o garanzie. Tenendo conto però che molti utenti ancora non si rivolgono ad internet per l’acquisto di smartphone, questo invece può rappresentare un limite. Le specifiche tecniche di Honor 4X ci mettono davanti un dispositivo completo, che può soddisfare il pubblico medio, che cerchi un alleato quotidiano e permetta di rimanere all’avanguardia e al passo con la tecnologia.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Aprile 2015 | Peso: 170 gr | Spessore:8.65mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (267 PPI) | Processore: Huawei HiSilicon Kirin 620 da 1.2Ghz Octa-Core. GPU Mali-450MP4 | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 8 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 32GB | Fotocamera principale: 13MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 3000mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: SÌ | Dual SIM: SÌ

PRO

✔ Processore performante
✔ Lunga durata della batteria
✔ Connettività LTE
✔ È un dispositivo Dual-SIM
✔ Verrà aggiornato a Lollipop

CONTRO

✖ Fotocamera posteriore non sempre soddisfacente
✖ Materiali di fabbricazioni non di primissimo livello

11. Acer Liquid E700 Trio

Tripla SIM (tutte in 3G) e 16GB di memoria interna

Acer Liquid E700 è uno smartphone unico nel suo genere: supporta infatti 3 SIM contemporaneamente, TUTTE abilitate alla connessione 3G. Quest’ultimo è un fattore non da sottovalutare dato che siamo abituati a smartphone dual-SIM in cui sono una delle due SIM è abilitata ad una connessione dati di buona velocità (3G/4G) mentre l’altra non va oltre la connessione edge. La peculiarità del supporto alle 3 SIM non è l’unico pro di questo modello: la presenza di 2GB di RAM, che offre un buon supporto all’MT6582 nel multitasking, la dotazione di 16GB di memoria interna, la presenza di uno slot per microSD con supporto di memorie fino a 64GB, e l’autonomia, forte di una batteria da 3500mAh. A questi vantaggi si aggiunge anche la possibilità di aggiornare il sistema all’ultima versione di Android (5.0, Lollipop).

Acer Liquid E700: difetti da segnalare

Tra i punti di debolezza dell’E700 c’è la qualità fotografica, non tale però da compromettere una blanda condivisione sui social dei propri scatti. Difficile però pretendere anche scatti di buona qualità in un dispositivo concepito per un utilizzo “business” e pensato per la fascia di prezzo inferiore a 200 euro.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2014 | Peso: 155 gr | Spessore:9.9mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (294 PPI) | Processore: MediaTek MT6582 da 1.3Ghz. GPU Mali-400 | RAM: 2GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: 11GB | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 8MP | Fotocamera anteriore: 2MP | Batteria: 3500mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: NO | Tripla SIM

PRO

✔ Supporta 3 SIM contemporaneamente, tutte abilitate al 3G
✔ 2GB di memoria RAM e 16GB di memoria interna
✔ Slot per microSD (fino a 64GB)
✔ Ampia batteria da 3500mAh

CONTRO

✖ Qualità fotografica non del tutto soddisfacente

12. Wiko Highway Signs

Dimensioni “tascabili” e garanzia italiana

Wiko è un brand che è riuscito ad affermarsi in Italia in poco tempo, grazie ad un’aggressiva campagna di marketing e l’affidabilità dei suoi prodotti, fattori che si affiancano ad una solida rete di assistenza in Italia. La caratteristica distintiva di Wiko Highway Signs è nelle dimensioni, grazie allo schermo da 4.7 pollici in grado di assicurare un comodo utilizzo anche con una sola mano. Il profilo tecnico di buon livello include uno schermo HD, il processore octa-core di punta di Mediatek precedente all’uscita dei chip a 64 bit, e una memoria espandibile.

Se non vi interessa il supporto alle reti 4G, e siete alla ricerca di un dispositivo non troppo grande e dalle buone caratteristiche, e soprattutto desiderate la sicurezza di poter contare sull’assistenza in Italia in caso di problemi, Wiko Highway Signs può fare al caso vostro.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Ottobre 2014 | Peso: 124 gr | Spessore:7.6mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 4.7 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixel (312 PPI) | Processore: Octa-core Mediatek MT6592 da 1.4Ghz. GPU Mali-450 | RAM: 1GB | Memoria interna totale: 8GB | Memoria interna disponibile: circa 5GB | MicroSD: SÌ, fino a 64GB | Fotocamera principale: 8MP | Fotocamera anteriore: 5MP | Batteria: 2000mAh, Rimovibile: SÌ | 4G: NO | Dual SIM: NO

PRO

✔ Utilizzabile comodamente con una sola mano, grazie allo schermo da 4.7 pollici
✔ Garanzia e assistenza in Italia
✔ Memoria interna espandibile tramite microSD
✔ Batteria rimovibile

CONTRO

✖ Non supporta le reti LTE
✖ Allo stesso prezzo, si trovano modelli con 2GB di RAM
✖ Soli 8 GB di memoria interna

1x1.trans I migliori smartphone Android economici (max 200 euro)

Hiroshi Andrea

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.

Leggi tutti gli Articoli
  • giuseppe

    Ciao. Ho intenzione di comprare un samsung galaxy s 2. Me lo consigliate???? grazie

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao,

      sicuramente il GS2 è uno smartphone fantastico. Come vedi anche dai nostri articoli è ancora uno dei più quotati e offre ottime performance. Mille rom se ti piace smanettare oppure ICS da subito. E’ più che consigliato ;)

      • giuseppe

        Grazie mille per la pronta risposta siete stati velocissimi ^_^ allora lo coprerò di sicuro perchè è da un po che lo punto!!! Per curiosità…dato che non sono molto esperto che vuol dire ICS

        • giuseppe

          che scemo!!!!!! ICS Lo so benissimo cosa significa sorry!!!!! grazie ancora

          • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

            Ciao Giuseppe, è un piacere per noi dare una mano. Il GS2 tra l’altro ora lo trovi a cifre molto più abbordabili, fai un ottimo acquisto!! Continua a seguirci e se vuoi supportaci consigliandoci ai tuoi amici (ormai siamo su tutti i social network) :)

  • Hysen Shemollari

    Buongiorno, volevo sapere quall’è il miglior smartphone2012(prezzo max + o – 200 euro) secondo voi con le migliori prestazioni.
    C’è da dire che mi interessa particolarmente : fotocamera, velocità navigazione web, applicazioni.
    Requisito molto importante deve fare anche da navigatore.
    Mi potete consigliare tre smartphone2012 con le caratteristichescritte prima (due da max 200 euro e l’altro senza un limite di prezzo)?

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Hysen,
      nella fascia di prezzo che hai indicato tu diremmo che l’Xperia U è la scelta più sensata per avere un buon compromesso tra qualità/prezzo e soprattutto perchè si tratta di un ottimo smartphone dual core. Come pro diremmo: cpu, flash della fotocamera, velocità fino a 14.4 Mbps, presto aggiornato ad ICS. Dovendo trovare un difetto diremmo sicuramente la memoria interna non espandibile (ma ci sono i servizi di storage tipo dropbox).
      Subito sotto pensiamo a Desire C: modello compatto ed economico, htc sense e ics nativo. Pecca su fotocamera (senza flash).
      Senza limite di prezzo diremmo Galaxy S3 oppure HTC One X: il top di gamma, per cui si va a gusti nella scelta!
      Tutti gli smartphone Android sfruttano il navigatore di Google, è possibile ora scaricare anche mappe offline.
      Se hai altre domande o dubbi chiedi pure e continua a seguirci ;)

      • Hysen Shemollari

        Vi ringrazio per il consiglio. Mi piacerebbe molto l’HTC X o S ma per problemi di contanti, seguirò il vostro consiglio e aquisterò qusi sicuramente il sony Xperia U.

        • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

          HTC One X è uno dei nostri terminali preferiti, ma il prezzo è davvero elevato. Capisco la tua scelta, ma credo che con Xperia U avrai le tue grandi soddisfazioni! :)
          Tra qualche giorno, magari entro la settimana prossima, dovremmo essere in grado di pubblicare anche la recensione del nuovo gioiellino di Sony ;)
          In ogni caso grazie del supporto e continua a seguirci, magari consiglianci ai tuoi amici (ormai siamo su tutti i social network) :)

  • Pasquale

    Salve, sono interessato all’acquisto di uno smartphone e tra i tanti ho notato il seguente: ANDROID 4.0 DUAL SIM i9220, vorrei un vostro giudizio, grazie mille.

    • http://www.tecnologici.net/ Matteo Sucameli

      Ciao Pasquale,
      sull’i9220 puoi trovare tutte le informazioni qui
      http://www.tecnologici.net/smartphone-cinesi-dual-sim-android-non-e-mai-stato-cosi-conveniente/
      E’ un cellulare cinese con ottime caratteristiche: cpu da 1GHz, 512MB di ram, 5mpx di fotocamera, a-gps, wifi, etc..
      Se vuoi un consiglio cerca per l’x825a. Ha 1GB di ram, sebbene uno schermo più piccolo. Tuttavia dipende da ciò che ci devi fare!
      Facci sapere la tua scelta! ;)

  • Carolina

    Ciao a tutti! devo comprare uno smartphone al volo che costi il meno possibile, quello che ho trovato al prezzo più economico è il Samsung Wave Y (99 euro). La cosa fondamentale è che abbia whatsapp e skype (devo regalarlo al mio ragazzo che parte per il Sud America!!). Cosa mi potreste dire al riguardo? Conoscete un altro smartphone ancora più economico? Grazie mille!

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Carolina,
      considera che per avere Skype e le videochiamate serve una fotocamera anteriore. C’è il defy mini che potrebbe fare al caso tuo e costare comunque 100€.
      In alternativa, ma per le videochiamate è dura ci sono Galaxy Pocket, LG Optimus L3 (in ottima offerta su amazon http://www.amazon.it/LG-Optimus-Colore-Display-pollici/dp/B007IF4PRE/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1342718720&sr=8-1)!
      Se hai dubbi o altro chiedi pure… E continua a seguirci ;)

    • Giovanni

      Ciao Carolina, non posso fare altro che sconsigliarti il terminale che hai citato per due motivi: per utilizzare skype hai bisogno della fotocamera anteriore, che il Wave Y non ha; inoltre non ha Android come sistema operativo, ma Bada ( un sistema operativo propietario di Samsung ) sul quale non sono presenti ne skype ne whatsapp. Purtroppo il budget che hai indicato, consente si di comprare un terminale android, ma non con fotocamera anteriore. Prova a cercare il Sony Xperia U, magari usato o semi nuovo su siti di annunci. Lo si può trovare anche sui 100€. Saluti.

  • Annachiara

    Buongiorno, ho appena acquistato un LG optimus L5 e mi trovo molto bene. Ho però un problema con instagram.. Ogni volta che scatto una foto non posso caricarla perchè mi risulta completamente nera! Devo forse scaricare qualche programma per farla funzionare? grazie in anticipo!

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Annachiara,

      grazie per il tuo feedback su Optimus L5. Per curiosità, hai trovato
      qualche offerta?

      Per Instagram ci puoi spiegare meglio il tuo problema? Non
      riesci a condividere le foto su Instagram o sugli altri social networks, tipo
      Facebook e Twitter? Una volta scattata la foto, tu applichi il filtro che
      preferisci e poi vai avanti col bottone in alto a destra, ancora avanti e poi
      non ti si visualizza la foto? L’app non richiede altre applicazioni aggiuntive.

      A parte il caricamento, se tu vai in galleria riesci a vedere l’immagine
      modificata di Instagram?

      Facci sapere e continua a seguirci ;)

      • Annachiara

        Per quanto riguarda instagram il problema è che, appena scattata la foto, ancora prima di applicare il filtro, la foto non viene visualizzata sulla schermata di instagram: mi risulta un’immagine completamente nera. Se vado in galleria infatti tutte le foto scattate con la fotocamera normale funzionano, mentre quelle scattate con la fotocamera di instagram sono tutte nere. Il problema quindi non è della fotocamera in sè, ma proprio di quella di instagram credo… Ti ringrazio!

        • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

          Ciao Annachiara,
          è un problema piuttosto strano. Instagram di solito è compatibile con molti smartphone. Il tuo quale è? E che versione di Android hai? Basta che vai su impostazioni -> info sul telefono. Non so se ti possiamo aiutare, ma intanto cerchiamo di capire quale è il problema :)

          • Annachiara

            È un Lg optimus L5 e ho versione android 4.0.3
            Si in effetti non capisco perchè capiti così, in ogni caso magari provo a disinstallare instagram e reinstallarlo? Magari aiuta ;) grazie comunque, siete gentilissimi

          • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

            Ciao Annachiara,
            è un piacere provare a darti una mano. Anzi ci dispiace non saperti dire subito una soluzione. Hai uno smartphone nuovo e aggiornato, per questo tendo a pensare a qualche bug momentaneo di Instagram. Prima di tutto prova a togliere e poi installare nuovamente Instagram, se non dovesse funzionare contattali tramite Play Store e probabilmente ti sapranno indicare dove è il problema (e come risolverlo)!
            In ogni caso, se dovessi avere dubbi o altro chiedi pure, e continua a seguirci, magari consigliaci anche ai tuoi amici (ormai siamo su tutti i social network) :)

          • Annachiara

            Ho provato ad inviare una mail all’android support di instagram, spero rispondano:)

          • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

            Ottima scelta, speriamo si facciano vivi presto! Solitamente i deverlopers ci tengono molto al rapporto diretto :)

          • Maretta

            Ciao Annachiara! ho appena comprato anke io un Lg L5 e mi dà lo stesso problema!io sono riuscita ad ovviarlo scattando la foto cn la fotocamera proprio del cell e poi cliccare dove c’è la possibilità d condividere, mettere instagram e lì modificare la foto con l’effetto ke desideri!credo sia l’unico modo..ho una sfilza di foto nere!!hihi
            ciaoooo a poi volevo kiederti..a me il led non si illumina..quello piccolino in alto sulla sinistra..come mai??anche a te è così?grazie ciaooo

  • Matteo

     Sono indeciso se acquistare l’Lg Optimus L3 o L5 io vorrei un cellulare per stare su internet controllare le mail e i social(twitter,face,instagram), scattare qualche foto con gli amici e giocare a qualche gioco tipo angry birds fruit ninja, secondo te quale è meglio? Ho visto che l’L5 ha uno schermo più grande ma non lo sfrutta vista la risoluzione bassa

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Matteo!
      Si tratta di due terminali entry level. La differenza di prezzo è di circa 70€. Sono entrambi terminali a bassa risoluzione (125 ppi L3 e 144 ppi L5). Diciamo che in un ipotetico confronto direi:
      – stesso chipset
      – display meglio L5
      – velocità di navigazione meglio L5 (fino a 7.2 Mbps contro i 3.6 di L3)
      – batteria meglio L3 (sono uguali, ma ha meno display da gestire L3)
      – fotocamera meglio L5.

      Se la differenza di prezzo non è ciò che ti ferma andrei su L5, ma in quella fascia di prezzo considererei anche Xperia U se non ti serve molto spazio (sono pochi GB di memoria interna).

      :)

      • sbennumi

        Ciao, ho trovato ora il vostro sito e vi faccio i miei complimenti. Causa decesso contemporaneo del vecchio telefonino mio e di mia moglie, vorremmo passare al mondo smartphone. necessità: telefonare, e navigare, soprattutto uso skype causa parenti all’estero. ero orientato al lumia 610, ma addirittura Nokia lo sconsiglia per usare Skype. cosa devo guardare, per sceglier bene, quindi? non mi interessano giochi e fotografare. grazie mille P.S. dovendone comprare due, è meglio differenziare l’acquisto o comprare uguale? che dite?

        • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

          Ciao,

          ti ringraziamo dei complimenti. Sono la nostra più grande soddisfazione :)

          Per quanto riguarda le tue domande, viste le esigenze, ti consigliamo di girare su smartphone Android. Qual è il tuo budget a disposizione? 200€ a telefonino?

          Considera che Skype è molto comodo da smartphone, ma se lo usi spesso consigliamo di usarlo sotto Wi-Fi perchè consuma parecchi dati, inoltre consuma discreta batteria.

          Riguardo alla tua domanda se meglio due uguali o meno direi che non ci sono particolari controindicazioni: uguali ha il pro che imparate insieme ad entrare nel mondo smartphone, viceversa avete modo di vedere magari diverse interfacce e funzioni.

          Ciao!

  • Stefano

    Grazie….risposta decisamente soddisfacente e visto che le recensioni parlano meglio del sony prenderò questultimo!!!!
    Stefano

  • Stefano

    Buongiorno, ho sottoscritto abbonamento con wind e dovrei scegliere uno smartphone tra questi 2:  samsung galaxy ace plus -Sony xperia U –
    Lo utilizzerei soprttutto per gestione mail e internet….quale mi consigliereste? Sono un utente scarso e vorrei fare anche foto e poterle inviare ad amici facilmente.
    Grazie
    Stefano

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Stefano,
      si tratta di tue ottimi terminali. Se pensi di caricarci sopra molti video o musica allora i 4 GB di memoria interna dell’Xperia U potrebbero starti stretti. Se invece pensi che ti possano bastare, col suo processore dual core allora vai benissimo in quanto a gestione mail, internet e intrattenimento vario.
      Per fare foto ed inviarle agli amici, essendo Android il sistema operativo, vai tranquillo che è tutto molto semplice ;)

  • pepo

    ciao, vorrei uno smarthphone che posso usare come navigatore in auto, andare su internet(fb,mail,e siti vari), qualche applicazione carina e qualche gioco carino. Ovviamente anche foto decenti. E pultroppo non mi posso allontanre da i prezzi che proponete in questo articolo.(150 euro circa) So che non posso avere per questo prezzo un s2, ma ecco, consigliatemi qualcosa di accessibile che possa farci quello che ho scritto, senza impazzire tanto e senza pentirmi dopo qualche mese dell acquisto. Io, sono molto indeciso tra l’ LG optimus one, e LG optimus L3.  Il ONE anche se è piu vecchio costa quaclosa in piu, vorrei sapere tra i 2 quale mi consigliate, o se avete altre proposte su quel prezzo che consentono di avere questi utilizzi. Graize

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao,

      tra i due, noi sceglieremmo Optimus L3 perchè più recente. 

      Non è una bomba
      dal punto di vista hardware, ma nel rapporto qualità/prezzo offre prestazioni
      più che oneste. Di sicuro risponderà alle tue richieste di navigare sul web,
      usare apps e giochi, così come essere usato come navigatore GPS :)

      Per i giochi, ovviamente, non andranno quelli in alta risoluzione. Tutto il
      resto, come Angry Birds, Temple Run, ecc sicuramente si.

  • Vilgax

    come posso usare una fotocamere per video conferenza su lg optimus 3? strano che non l abbiano fatta

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao,
      ci dispiace però purtroppo LG Optimus L3 non permette le videochiamate :-(