I migliori smartphone Android (max 300 euro)

I migliori smartphone Android (max 300 euro)

1442
CONDIVIDI

migliori smartphone android 300e I migliori smartphone Android (max 300 euro)

Comprare uno smartphone senza spendere cifre incredibili è possibile e ve lo abbiamo dimostrato con molte guide, ma se si volesse spendere circa 300 euro è ormai possibile portare a casa degli smartphone Android che offrono prestazioni ottime e consentono di ridimensionare il proprio budget senza costringere a abbonamenti pluriennali verso gli operatori. Sappiamo benissimo che esistono tantissime scelte per questo budget di prezzo, ma abbiamo provato ad analizzare la situazione in modo razionale per rispondere alla domanda: quali sono i migliori smartphone Android che si possono comprare con 300€? Vi spieghiamo anche quali sono le differenze che si possono rilevare rispetto ai migliori smartphone da 200 euro e quelli da 150 euro. La nostra priorità è scegliere modelli attuali che offrano prestazioni futuribili, a volte anche ex top di gamma, in modo di avere tutta la qualità premium che viene riservata alla fascia alta di prezzo.

Grazie a questo budget di 300 euro è possibile acquistare smartphones che tengano assolutamente testa rispetto ai top di gamma presenti sul mercato e, per determinare quali sono i migliori, abbiamo deciso di stilare un elenco di caratteristiche minime:

– Uno schermo che deve avere almeno 4.7 pollici, per favorire l’esperienza multimediale fatta di foto e video.
– La risoluzione abbinata a questa diagonale non può essere inferiore a quella HD da 1280 x 720 pixel poiché è necessaria per avere una resa dei dettagli fine. Sia chiaro che è considerata minima, perché con questo budget si possono trovare facilmente smartphone dotati di risoluzione Full HD da 1920 x 1080 pixel.
Processore in grado di sostenere tutti i giochi più pesanti dello store e quindi non deludere le aspettative di chi vuole videogiocare col proprio smartphone Android. Inseriremo anche modelli non necessariamente super-prestanti, per fornire una scelta per chi ha un occhio attento al design.
– La fotocamera deve essere in grado di garantire una qualità delle foto di alto livello, evitando le incertezze in condizioni di scarsa luminosità come avviene con smartphone di fascia inferiore.
– La batteria è uno dei punti nevralgici degli smartphone e, come tale, deve saper traghettare l’utente almeno a fine giornata. Ogni sorpresa in più è ovviamente gradita.
– L’aggiornamento ad Android Lollipop è considerato uno dei punti di merito per gli smartphone di questa fascia e ne verrà tenuto conto nel posizionamento finale.
– La memoria non deve rappresentare un limite per smartphone di questa fascia, quindi abbiamo deciso di considerare smartphone con almeno 16 GB di memoria interna oppure con memoria interna inferiore, ma espandibile tramite microSD.

Prima di rispondere alla domanda su quali sono i migliori smartphone Android da massimo 300 euro, vogliamo ancora una volta precisare che esistono moltissimi modelli in lizza con questo budget. Possono essere smartphone cinesi oppure direttamente venduti sul nostro territorio. Tenete conto che questa guida sarà costantemente aggiornate e non vedere uno smartphone in questo elenco non significa che è da noi disprezzato. Proprio per questo, in caso di dubbi, scrivete pure tra i commenti e saremo felici di darvi la nostra opinione in merito. Non dimenticate di premiarci con un mi piace alla nostra pagina Facebook, per aiutarci a crescere e aiutare ancora più persone nella scelta.

Alcune doverose precisazioni che vi dobbiamo prima della classifica:

– In questa guida abbiamo voluto scegliere i migliori smartphone sul mercato limitandoci, come già indicato, ai soli modelli con sistema operativo Android ed un prezzo inferiore (o di poco superiore) ai 300 euro;
– I prezzi di riferimento sono quelli degli store online più conosciuti (come Amazon), mediamente più vantaggiosi rispetto a quelli dei negozi fisici: è possibile quindi che i prezzi degli smartphone nei centri commerciali differiscano sensibilmente da quelli indicati su questa guida; alcuni modelli hanno un prezzo su Amazon superiore a 200 euro, ma abbiamo voluto inserirli in questa guida perchè online è possibile acquistarli a meno;
– Abbiamo deciso di includere in questa guida anche gli smartphone cinesi per la crescente disponibilità in molti store online italiani (che preferiamo non citare), e che non costringono più l’utente ad affidarsi a rischiose spedizioni dalla Cina.

Quali sono gli smartphone economici che vogliamo consigliarvi con un prezzo di 300 euro? Ecco qui la classifica e non dimenticatevi il like alla nostra pagina Facebook!

 

1. Zenfone 2 (ZE551ML)

ZenFone 2: stile Zen e potenza bruta

La parola d’ordine del modello “big” di Asus Zenfone 2 è potenza. Grazie ai 4 GB di RAM, che affiancano il processore Intel Atom a 2.3 GHz di frequenza, le prestazioni rasentano la perfezione in fatto di fluidità ed esperienza d’uso. Utilizzare questo smartphone è certamente un piacere, dalla navigazione al gaming, con livelli raggiunti senza precedenza per uno smartphone. A queste prestazione al top della categoria, sia aggiungono supporto Dual SIM, Android Lollipop e Connettività LTE, per uno smartphone nel complesso completo e adatto ai più esigenti. Dopo i primi bug che avevano lasciato storcere un po’ il naso, Asus si è ripresa seguendo il suo prodotto di punta e ottimizzando il software per garantire una usabilità davvero eccellente.

Asus Zenfone 2: prestazioni da “big” per dimensioni “big”

La maneggevolezza non è proprio il forte di Asus Zenfone 2, c’è da dirlo. È uno smartphone che fa sentire la propria presenza e non semplicemente si utilizza con una mano sola, non solo per le dimensioni del display ma anche per il peso e lo spessore, affatto esigui.

In ambito autonomia, la batteria montata è la stessa che si ritrova nel modello più “basso” (2 GB di RAM) e, sebbene la durata sia garantita fino a fine giornata, difficilmente si oltrepassa questa soglia.

Asus Zenfone 2: il nostro giudizio

L’applauso per Zenfone 2 è di dovere: ci troviamo di fronte ad un dispositivo che merita di essere annoverato tra i migliori e che attualmente non teme rivali nella sua fascia. I limiti dovuti alla portabilità “estetica” potrebbero compromettere la sua appetibilità per alcuni, ma chi cerca il massimo delle prestazioni ad un rapporto qualità/prezzo più che equilibrato non può non optare per questo terminale.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Marzo 2015 | Peso: 170 gr | Spessore: 10.9 mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.0 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (401 PPI) | Processore: Intel Atom Z3580 Quad-core 2.3 GHz. GPU: PowerVR G6430 | RAM: 4 GB | Memoria interna totale: 32 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ, fino a 64 GB | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP | Batteria: 3000 mAh, Rimovibile: NO | 4G:  | Dual SIM: SI

PRO

✔ 4 GB di memoria RAM per una esperienza d’uso senza precedenti;
✔ Connettività LTE;
✔ 32 GB di memoria interna;

CONTRO

✖ Poca praticità e maneggevolezza
✖ Stessa batteria del modello meno potente, non removibile.

 

2. OnePlus One

OnePlus One: un anno dopo, ancora qui!

La caratteristica che più frenava gli utenti nell’acquisto di OnePlus One era la presenza di un complicato sistema ad inviti che rendeva poco semplice la reperibilità della smartphone. Oggi che questo sistema è crollato, OnePlus One è un dispositivo finalmente accessibile a chiunque ricerchi uno cinafonini nella fascia di prezzo under 300€. D’altro canto, però, questa disponibilità online ha comportato un aumento dei prezzi e, se prima era possibile portarsi a casa a 299€ la versione da 64 GB di ROM, oggi dobbiamo includere, nella nostra giuda, la versione con 16 GB di memoria interna.

Il punto focale della descrizione di OnePlus One è la potenza: 3 GB di memoria RAM e un importante processore Qualcomm Snapdragon garantiscono un’esperienza d’uso di prima qualità, fluidità e velocità. Anche sul lato software, l’efficienza è garantita: OnePlus One è stato il primo smartphone a supportare OS CyanogenMod, che permette all’utente la massima personalizzazione e lo sfruttamento del terminale al massimo delle sue potenzialità. In fase di aggiornamento è la versione OxygenOS con due ROM proprietarie, che arriverà a breve sui dispostivi e avrà come base Android Lollipop 5.0.

La batteria da 3100 mAh risulta perfettamente in grado di sopportare l’uso intenso e continuativo.

OnePlus One: in cosa pecca?

A risultare un po’ incerta durante la prova quotidiana è la fotocamera, con sensore Sony da 13 MP, che, nonostante sulla carta prometta grandi prestazioni, sembra risentire nella pratica di un rumore digitale che interferisce sulla massima qualità degli scatti. L’assenza dello stabilizzatore ottico, inoltre, porta qualche difetto di nitidezza, costringendo l’utente a rimanere immobile per evitare immagini mosse.

Piccola nota di demerito va appuntata anche alla connettività LTE, a causa del mancato supporto di alcune frequenze. L’assenza, infatti, del supporto alla frequenza a 800Mhz può comportare qualche problema di segnale con operatori TIM, Vodafone e Wind. Nessun problema per i possessori di SIM 3.

OnePlus One: i nostri commenti

OnePlus One è uno smartphone che da sempre ci ha convinti, per qualità costruttiva e prestazioni. Non è un terminale esente da difetti, ma si colloca nella fascia medio-alta di diritto ed è stato uno dei primi cinafonini a portare alta qualità ad un prezzo vantaggioso per i più esigenti.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Aprile 2014 | Peso: 162 gr | Spessore: 8.9 mm | Sistema operativo: OxygenOS basato su Lollipop 5.0 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (401 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8974-AC Snapdragon 801 da 2.5 GHz | RAM: 3 GB | Memoria interna totale: 16/64 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: No | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP | Batteria: 3100 mAh, Rimovibile: NO | 4G:  | Dual SIM: No

PRO

✔ Finalmente superato il sistema ad inviti;
✔ Memoria RAM da 3 GB, per un’esperienza d’uso di eccellenza;
✔ Batteria con elevata capacità, anche se non removibile;
✔ Due ROM proprietarie e molto supporto della community

CONTRO

✖ Fotocamera di qualità inferiore rispetto ad altri smartphone della stessa fascia;
✖ Frequenze LTE non pienamente supportate in Italia;
✖ Il rialzo del prezzi consente di acquistare, a meno di 300€, solo la versione con 16 GB di ROM.

 

3. Moto X Play

Motorola fa sul serio

Nonostante il prezzo di lancio di Moto X Play superi il limite di budget di questa guida (attualmente lo smartphone costa attorno ai 350 €), la sua entrata nelle guide tra i migliori smartphone di fascia medio-alta è d’obbligo e vale l’eccezione. Il fattore di successo di Moto X Play è sicuramente la batteria, che con una capacità pari a 3630 mAh regala prestazioni durature, in grado di arrivare fino a 48 h continuative di autonomia (secondo le fonti ufficiali).

Tra gli altri punti di forza del dispositivo va certamente nominata la fotocamera, con un comparto di notevole spessore, che vanta sensore posteriore da 21 MP e che fa di questo device un ottimo alleato per chi focalizzi la propria attenzione proprio sul settore multimediale. Connettività LTE, Android Lollipop, NFC e certificazione di resistenza all’acqua vanno a completare il quadro di specifiche di Moto X Play, che si prende di diritto un posto tra “i migliori” e garantisce prestazioni all’avanguardia, in grado di soddisfare le esigenze degli utenti.

Moto X Play: prepotenza nelle dimensioni

Fattore caratterizzante degli smartphone Motorola, e che può costituire per alcuni un “difetto”, è l’aspetto estetico, non tanto per le linee che tali dispositivi regalano, quanto per le dimensioni. Con un peso di 169 gr e spessore oltre i 10 mm, certamente Moto X Play non si classifica come mostro di leggerezza ed ergonomia.

La versione italiana non è purtroppo dotata di supporto Dual SIM e rispetto ad altri device presenti sul mercato in questa fascia di prezzo, le specifiche in ambito hardware lasciano qualche perplessità, soprattutto sul fattore memoria: 2 GB di RAM non sembrano essere “all’altezza della fascia”, anche se nella pratica mantengono delle buone prestazioni.

Moto X Play: cosa ne pensiamo?

Il nostro parere su Moto X Play è sicuramente positivo, per l’equilibrio che presenta lo smartphone al suo interno e la sua affidabilità. Il prezzo di vendita appare forse un po’ eccessivo: Moto X Play è uno smartphone di fascia medio-alta, ma il suo competitor maggiori risiedono proprio nello spettro di prezzo attorno ai 300 €. Con le ultime uscite sul mercato, tra cui il celebre Moto G 3rd gen., Motorola ha dato prova di essere tornata tra i produttori top di smartphone, in grado di regalare agli utenti dei dispositivi certamente equilibrati e soddisfacenti per tutte le richieste.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Luglio 2015 | Peso: 169gr | Spessore: 10.9 mm | Sistema operativo: Android Lollipop 5.1.1 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (403 PPI) | Processore: Qualcomm Snapdragon 615 Octa-core da 1.7 GHz. GPU: Andreno 405 | RAM: 2 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ | Fotocamera principale: 21 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP | Batteria: 3630 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ | Dual SIM: SI

PRO

✔ Batteria notevole, con 3630 mAh in grado di garantire lunga autonomia
✔ Fotocamera principale da 21 MP
✔ Resistenza all’acqua

CONTRO

✖ Prezzo di lancio leggermente sovrastimato
✖ La versione italiana non supporta il Dual SIM
✖ Dimensioni e peso ne compromettono l’ergonomia

 

4. Huawei Ascend P7

Huawei P7: design al servizio delle prestazioni

E’ facile, vedendo gli smartphone inseriti in questa particolare classifica, osservare che effettivamente con circa 300€ di budget si possono comprare quasi tutti gli smartphone top di gamma dell’anno passato. Huawei Ascend P7 non è da meno, poiché ha rappresentato la consacrazione dell’azienda cinese grazie ad un design ed ad una linea estetica pregevole, materiali di prima qualità e un’architettura hardware molto equilibrata. E’ riuscito, infatti, a conquistare un posto nella nostra guida dei migliori smartphone Android da massimo 300€.

Merita una menzione il comparto fotografico che riesce a ottenere ottimi scatti in condizioni di luce difficoltose, ma toglie anche simpatici sfizi con la fotocamera frontale che scatta selfie di ottima qualità. Da considerare, infatti, anche le modalità di scatto arricchite dalla presenza dei famosi Groufie (ndr: selfie di gruppo).

Lo spessore influisce anche sul Huawei P7

E’ importante tenere a mente, se si acquista il Huawei Ascend P7, che lo spessore gioca un ruolo importante sulla resa e sulle prestazioni complessive: senza entrare in inutili tecnicismi, Huawei P7 ha come limite quello di far pesare il poco spessore in termini di raffreddamento (e quindi consumo energetico). A differenza, infatti, dei “soliti” processori, Huawei P7 monta un chipset fatto in casa, il Hisilicon Kirin 910T Quad Core da 1.8 GHz e GPU Mali450, abbinato al buon binomio di memoria: 2GB di RAM e 16GB, di cui sono a disposizione circa 12 GB per l’utente.

Questi sono sicuramente sufficienti per l’utilizzo social del dispositivo, mentre qualche piccola incertezza si può ravvisare in caso di gaming pesante dove lo spessore estremamente ridotto porta qualche surriscaldamento di troppo. Questo abbinato ad un consumo della batteria un po’ altalenante, ma mai tale da dover collegare lo smartphone al caricatore prima delle “classiche” 12-14 ore di utilizzo.

Huawei P7: i nostri commenti

In attesa dell’aggiornamento promesso ad Android Lollipop, Huawei Ascend P7 rappresenta oggi uno dei migliori smartphone Android da massimo 300€, poichè può vantare ancora un design curatissimo che sono davvero in pochi dispositivi ad offrire. Le prestazioni, fortunatamente, non si fermano al solo lato estetico ma possono contare su uno smartphone che cura molto il lato social e, al tempo stesso, sfruttano bene un comparto fotografico che ha sorpreso critica e pubblico.

Riteniamo che Huawei P7  sia particolarmente adatto a chi cerca l’eleganza in uno smartphone, lasciando alle sessioni di videogaming una tempistica più sporadica.

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Maggio 2014 | Peso: 124gr | Spessore: 6.5 mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2 | Aggiornamento disponibile: Android Lolipop 5.0 | Display: 5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (445 PPI) | Processore: Huawei HiSilicon Kirin 910T da 1.8Ghz. GPU: Mali-450MP4 | RAM: 2 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: circa 12 | MicroSD: SÌ ,microSD fino a 32GB | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 8 MP | Batteria: 2500 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Design ultra-sottile
✔ Schermo ad alta risoluzione
✔ Fotocamera anteriore adatta ai selfie
✔ Ottimo rapporto qualità-prezzo

CONTRO

✖ Processore proprietario meno performante del chip Snadragon di ultima generazione
✖ Batteria non removibile
✖ GPU non particolarmente adatta al videogaming spinto

 

5. Honor 6

Honor 6: fluidità e foto di qualità

La parola d’ordine di Honor 6 è fluidità: tutto è improntato per garantire all’utente la massima efficienza e lo smartphone non teme rivali. Grazie alla memoria RAM da 3 GB, il processore Octa-Core permette di battere ogni concorrenza in fatto di utilizzo, raggiungendo oltre 41mila ai test al benchmark. Anche il lato software vuole porre la fluidità e la semplicità al primo posto, grazie all’interfaccia EMUI, tipica di Huawei, che regala funzionalità e reattività ai comandi.

La fotocamera di Honor 6 stupisce per la qualità, in entrambi i comparti e primo fra tutti quello principale. Grazie al sensore Sony ad 13 MP e alla presenza di un doppio flash LED le immagini risultano sempre ben nitide e dai colori naturali, anche in condizioni di scarsa luminosità.

La connettività LTE si pone come ulteriore nota di merito di questo dispositivo, grazie al supporto di tutte le frequenze italiane. A differenza di altri terminali cinesi, infatti, la possibilità di accedere ai servizi in 4G è illimitata per tutti gli operatori e questo non può che accrescere l’appetibilità di Honor 6 ai consumatori.

Honor 6: qualche difetto

Il difetto principale di Honor 6 sta nell’aspetto estetico che, seppur piacevole agli occhi e non eccessivamente ingombrante, non spicca per innovazione. Le linee ricordano alcuni smartphone già presenti da tempo sul mercato, tra cui i prodotti Apple, come d’altronde anche molti degli smartphone Huawei fanno. In generale, questo è un “difetto” a cui si può facilmente passare sopra, viste le prestazioni che comunque il terminale garantisce.

La batteria non è removibile, anche se nella pratica quotidiana non tradisce mai e grazie alla capacità di 3100 mAh permette di arrivare in tranquilla a sera, e oltre, anche con un uso particolarmente intenso.

Honor 6: il nostro parere

Honor 6 è un terminale che ci ha favorevolmente sorpresi in molti aspetti e che ha contribuito ad aprire le porte della produzione Honor in modo certamente positivo. Questo smartphone risulta adatto a chi cerchi un dispositivo affidabile, che non tema confronti e sia in grado di dare soddisfazioni in tutti gli ambiti. Resta un po’ l’amaro in bocca per la scelta, da parte di Honor, di non commercializzare direttamente la versione Dual SIM nel nostro Paese. Il secondo slot presente lateralmente, infatti, è adibito alla MicroSD e non supporta la presenza di una seconda Scheda.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Agosto 2014 | Peso: 132 gr | Spessore: 7.5 mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2 EMUI 2.3 | Aggiornamento disponibile: Android Lolipop 5.0 EMUI 3.1 | Display: 5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixel (445 PPI) | Processore: HiSilicon Kirin 920, Quad-core 1.7 GHz Cortex-A15 quad-core 1.3 GHz Cortex-A7. GPU: Mali-T628 MP4 | RAM: 3 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: circa 12 | MicroSD: SÌ ,microSD fino a 64 GB | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 8 MP | Batteria: 3100 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Comparto hardware davvero convincente;
✔ Display di qualità e ottima visualizzazione;
✔ Fotocamera performante, con sensore in grado di adattarsi ad ogni condizione di luce;
✔ Lunga autonomia garantita, grazie alla batteria da 3100 mAh;

CONTRO

✖ Design curato, ma non particolarmente innovativo;
✖ Aggiornamento a Lollipop annunciato ma non ancora direttamente disponibile;
✖ Batteria non removibile, anche se performante;

 

6. Sony Xperia C4

Sony Xperia C4: un nuovo phablet multimediale

Lo smartphone Sony è sempre garanzia di eleganza e design, soprattutto quando si entra nella fascia media, dove effettivamente il colosso giapponese offre un servizio molto accurato. Xperia C4 non è il primo phablet che viene prodotto da Sony, ma stavolta migliora un po’ nell’offerta perché lo propone ad un prezzo non stellare e, grazie agli shop online, si riesce a trovare già sotto ai 300€.

In parole povere, Xperia C4 riesce a proporre dimensioni proporzionate e fa del display il suo assoluto punto di forza grazie ad una diagonale da 5.5 pollici, ma soprattutto grazie alla tecnologia IPS LCD che lo riesce a far competere anche nella visione all’aperto (ricordando molto Xiaomi Mi Note come resa). Particolarmente attento alla connettività è l’ideale per chi ama avere una connessione Wi-Fi stabile, grazie al Dual Band 2.4/5GHz.

Xperia C4: quello che non piace

Da Sony ci si aspetta due cose sostanzialmente: materiali pregiati e comparto multimediale di alto livello qualitativo. Xperia C4 zoppica un po’ in questo fronte: sebbene sia totalmente assemblato in plastica, anche molto bene, non dando adito a dubbi sulla resistenza, manca di quel feeling che può donare l’alluminio e che si può ritenere lecito trovare nella fascia di prezzo dei 300€.

La fotocamera invece è un po’ croce e delizia di Xperia C4, poiché effettivamente il sensore da 13 Megapixel si comporta molto bene con la luminosità diurna ma ottiene qualche scatto altalenante, lasciando le foto un po’ troppo rumorose rispetto alle aspettative, specialmente di notte.

Xperia C4: cosa ne pensiamo?

Sony Xperia C4 è un prodotto di fascia media, che però deve competere con smartphone di caratura ben superiore. Forse non basta il Flash LED frontale per renderlo un selfie-phone appetibile anche ai gusti delle masse. Rimane comunque il dato di fatto che Sony ha lavorato molto bene fornendo un ottimo software, finalmente ben ottimizzato per far girare Android Lollipop in modo fluido, capace anche di garantire un look semplice ma sempre efficiente.

Con un prezzo di lancio inferiore, magari sotto ai 250€, vista la dotazione dell’ottimo chipset Mediatek 6752 probabilmente staremmo parlando di un assoluto must-buy.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Febbraio 2015 | Peso: 147 gr | Spessore: 7.9 mm | Sistema operativo: Android 5.0 Lollipop | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici | Risoluzione: 1080 x 1920 pixels (401 PPI) | Processore: MediaTek MT6752 Cortex-A53 da 1.7 GHz. GPU: ARM Mali-T760 MP2 | RAM: 2 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: – | MicroSD: SÌ ,microSD fino a 128 GB | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP con Flash LED | Batteria: 2600 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Display di grandi dimensioni e molto luminoso
✔ Dimensioni fisiche contenute se rapportate al display
✔ Flash Frontale per i selfie
✔ Software Lollipop fluido

CONTRO

✖ Design curato, ma materiali plastici
✖ Fotocamera dai risultati altalenanti

 

7. Samsung Galaxy A5

Galaxy A5: design ridisegnato e ottimi selfie

Abbiamo deciso di includere il Galaxy A5 in questa guida seppur il prezzo sia leggermente superiore alla soglia perché effettivamente, rispetto al prezzo di lancio, il costo è calato molto e soprattutto perché offre delle caratteristiche che possono ammiccare ai lettori più attenti. L’aggiornamento a Lollipop è garantito per questa nuova famiglia A di Samsung e, come membro, anche il Galaxy A5 non sarà da meno. Tuttavia, anche al momento attuale, questo smartphone offre diversi spunti interessanti.

Galaxy A5 si presenta con un design sicuramente raffinato, che porta con sé una nota innovativa di Samsung: i terminali A sono i primi smartphone ad essere costruiti interamente in metallo, anche se l’impronta generale del design è quella di sempre. Questa nota innovativa non può che essere ben accolta dai consumatori particolarmente attenti anche al lato estetico e che va sicuramente a favore dell’ottimizzazione, per quanto riguarda le dimensioni del dispositivo. La monoscocca riduce, infatti, lo spessore di Galaxy A5 a ben soli 6.7 mm e questo rende lo smartphone maneggevole.

La Fotocamera del Galaxy A5 si compone di un apparato posteriore che vanta sensore da 13 MP, ma è sulla qualità della Camera anteriore, da 5 MP, che la casa produttrice punta l’attenzione, grazie a funzionalità specifiche per lo scatto di indimenticabili selfie, come la modalità “Ampio selfie”. Inutile dire che lo consigliamo a chi ama dedicarsi ai famosi autoscatti!

Ad arricchire l’esperienza di fruizione del display, interviene l’interfaccia TouchWiz che, aggiornata alla sua ultima versione, si fonde con il sistema operativo Android, per un risultato di interattività e ricchezza di funzionalità particolari, alcune delle quali richiamano il top della gamma Galaxy, Note 4.

Galaxy A5: quello che non piace

Le caratteristiche che lasciano un po’ perplessi di Galaxy A5 riguardano principalmente la dotazione hardware e la risoluzione del display. A partire da quest’ultima, ci troviamo davanti a risoluzione HD, che, seppur in grado di garantire una buona qualità, risulta inferiore rispetto alla maggior parte dei concorrenti nella stessa fascia di prezzo. Questo non implica particolari limiti nell’esperienza quotidiana, ma visto il costo è lecito aspettarsi qualcosa in più quando ci si vuole dedicare ad un video, ad esempio.

Stesso discorso viene fatto per il comparto hardware, a causa della presenza di processore Qualcomm Snapdragon 410, stesso che si trova sul “fratello minore” A3, coadiuvato da 2 GB di memoria RAM. Anche in questo senso, Samsung avrebbe potuto spingere di più. Fortunatamente la Touchwiz è stata notevolmente alleggerita e anche col tempo mantiene la fluidità complessiva.

Galaxy A5: i nostri commenti

La gamma A ha portato Samsung a accattivare un nuovo pubblico, interessato ad un design ricercato e caratterizzato dalla cura di particolari e pregio di materiali di fabbricazione. Sebbene Galaxy A5 sia uno smartphone funzionale e nella media soddisfacente, qualche prestazione in più si sarebbe aspettata, soprattutto a questo prezzo ed è anche il motivo per cui gli prepariamo altri smartphone in questa particolare classifica da massimo 300€.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Dicembre 2014 | Peso: 123 gr | Spessore: 6.7 mm | Sistema operativo: Android KitKat 4.4 | Aggiornamento disponibile: Android Lolipop 5.0 | Display: 5 pollici | Risoluzione: 720 x 1280 pixels (294 PPI) | Processore: Qualcomm MSM8916 Snapdragon 410 da 1.2 GHz. GPU: Adreno 306 | RAM: 2 GB | Memoria interna totale: 16 GB | Memoria interna disponibile: circa 11.2 | MicroSD: SÌ ,microSD fino a 64 GB | Fotocamera principale: 13 MP | Fotocamera anteriore: 5 MP | Batteria: 2300 mAh, Rimovibile: NO | 4G: SÌ | Dual SIM: NO

PRO

✔ Design curato, cura nei materiali di fabbricazione
✔ Spessore di soli 6.7 mm, grazie alla monoscocca di cui si compone il design
✔ UI TouchWiz con ampie funzionalità
✔ Aggiornamento a Lollipop annunciato da Samsung

CONTRO

✖ Comparto hardware uguale al fratello A3, con un solo ampliamento della memoria RAM
✖ Risoluzione HD
✖ Batteria non removibile, anche se l’autonomia è garantita dal Risparmio Energetico

1x1.trans I migliori smartphone Android (max 300 euro)

Stefano

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.

Leggi tutti gli Articoli
  • Fabrizio

    Vorrei comprare il mio primo smartphone. Mia moglie possiede un iPhone 4s, così vorrei sperimentare anche il mondo Android. Budget 200/300 Euro, necessità di utilizzo e-mail e navigazione web, con possibilità di vedermi i video musicali youtube anche in alta definizione. Vorrei rimanere su Samsung oppure HTC. Vi ringrazio.

  • Silvio

    xperia sole NON ha la fotocamera frontale ;)

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Grazie per la segnalazione. C’era un NON di troppo. Abbiamo provveduto a correggere ;)

  • Freddy

    ma il sony xperia u è sia nella fascia -300 che -200!!!!

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Freddy,
      è come dici tu perchè Xperia U è uscito a 250€ come prezzo di listino, per essere fissato poi sotto ai 200€ grazie a TIM. Vista questa concomitanza per ora lo lasciamo in entrambe le fasce ;)

  • Manuel

    Ciao, sono indeciso tra 3 smartphone. potreste darmi una mano please? Sono indeciso tra Samsung galaxy Ace 2, lg optimus L7 o altrimenti l’htc desire x. voi che dite?
    grazie per l’aiuto e buon lavoro :)

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Manuel, tra quelli che hai citato puoi scegliere liberamente perchè cadi sicuramente bene. Secondo noi, la scelta può essere tra Ace 2 (ottimo passo in avanti rispetto all’Ace) o il Desire X (anche se per questo ti consigliamo di attendere almeno la recensione). Se vuoi un outsider o vuoi comprarlo subito, ti consigliamo il Galaxy Nexus in offerta a 329€! Sicuramente superiore all’Ace 2 e con gli aggiornamenti sicuri ;)
      Continua a seguirci e magari supportaci con un like su FB o follow su Twitter, siamo su tutti i social network:)

  • walter

    salve a tutti, ho deciso di comprarmi uno smartphone ma non ne ho mai comprato uno. Ho letto tutte le vostre recensioni ma non capendo un accidente di hardware e software non capisco quale fra quelli sotto i 300 euro potrebbe essere il piu veloce nella navigazione in internet e nello stesso tempo abbia buone qualità grafiche…grazie anticipatamente!

    • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

      Ciao Walter,
      siamo qui per aiutarti ;) Dando per scontato che il tuo budget sia di 300€ ti consigliamo il Galaxy Nexus che costa al momento 329€ da marcopoloshop.it e lo trovi qui: http://www.marcopoloshop.it/vendita/telefonia/smartphone/samsung/samsung-nexus-i9250 . E’ un ottimo terminale con display ampio e adatto alla navigazione online, è ovviamente aggiornabile a Jelly Bean ed è molto veloce in tutto. Trovi anche la nostra recensione sul sito :)
      Continua a seguirci e magari supportaci anche sui social network, siamo su tutti :)

  • domyiu

    buongiorno a tutti, purtroppo il mio Samsung Omnia HD oggi mi ha abbandonato e quindi devo comprare un nuovo cell. Come prestazioni vorrei che quantomeno non fosse inferiore ma cò che veramente conta è che la batteria duri almeno per tutta la giornata. Uso il cell prevalentemente per sms e whatsapp. Essendo una spesa imprevista purtroppo il mio budget è solo 250€, cosa mi consigliate? ho visto che per questo prezzo si trovano Sony xperia U, HTC desire C e il galaxy s ma non saprei quale scegliere, grazie a chiunque mi aiuterà!

  • Mitch

    Ora L’xperia U si riesce a trrovare anche a 150 euro! e tra i vari modelli già di per sè era , considerando le caratteristiche di gran lungo superiore!

    • salvo

      dove a 150?

  • Raffaella88da

    Grazie! La vostra recensione mi è stata utile! :)

  • Redazione Tecnologici.Net

    Ciao Francesco,

    hai ragione: mancava l’informazione relativa alla memoria interna, questa è di 4 GB non espandibili. Per quanto riguarda White Magic, secondo le specifiche tecniche ufficiali questo display è mosso da Reality Display con Bravia Mobile Engine. Sony ha dichiarato che la tecnologia WhiteMagic dovrebbe esserci, ma saremo più precisi nella recensione finale.

    • Shanefalco

      la tecnologia white magic esiste solo su xperia P! la memoria interna di U è 8 giga (2 per il sistema operativo e il kernel, e 6 per l’utente: 4 di storage e 2 per installare le app). I prezzi al momento sono 3 (199, 229 e 249) devono ancora decidere il prezzo ufficiale in italia. Se andate nel sito sony mobile troverete il white paper con tutte le info ufficiali di tutti i modelli sony e sony ericsson.

      • Redazione Tecnologici.Net

        Grazie mille per la segnalazione.
        Effettivamente ci eravamo basati sul white paper Sony, ma c’è stata una svista per quanto riguarda la dimensione della memoria interna.
        Per il prezzo è vero che esistono tre prezzi ma considerata la natura dual core difficilmente lo vedremo sotto ai 249€ (in UK dovrebbe essere proposto a 199£).

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=1379748031 Francesco Villasmunta

    Riferendomi all’ xperia U, credo di non aver letto che la memoria è di soli 8 gb non espandibili e che white magic ci sia, mentre in realtà lo monta solo Xperia P
    saluti :)

  • http://www.tecnologici.net/ Redazione Tecnologici.net

    Ciao Clelia,

    non è difficile trovare modelli sul mercato a quel prezzo in grado di soddisfare le esigenze che hai elencato.

    Puoi fare riferimento alla nostra guida:

    http://www.tecnologici.net/i-migliori-smartphone-android-economici-del-2012-2013-max-200-euro/

    Il migliore in questa fascia è attualmente l’Acer Liquid E2 Duo, che ha anche il vantaggio di essere dual-SIM. Facci sapere cosa ne pensi e supportaci sui social :)