News Smartphone

Il futuro di Nokia: successo o fallimento?

Nov 3, 2011

author:

Il futuro di Nokia: successo o fallimento?

Il presente:

Al Nokia World 2011, la casa finlandese ha presentato i suoi primi smartphone basati su Windows Phone, a sei mesi dall’accordo siglato con la Microsoft: il Nokia Lumia 800 e il Nokia Lumia 710, con il primo che rappresenta il fiore all’occhiello che dovrebbe rilanciare il nome della società nel settore degli smartphone.

Delusione o successo? Difficile dirlo ma di certo la strategia è chiara: puntare tutto sul sistema operativo mobile della Microsoft. Ma ci si domanda: perchè non ci sono smartphone Android della Nokia?

La domanda è lecita perchè i numeri parlano chiaro: Android, con il suo impressionante 40% di market share, ha conquistato pieno potere nel mercato degli smartphone e l’ascesa non sembra arrestarsi.

Stephen Elop, l’eclettico CEO della Nokia, ha spiegato di recente i motivi per cui la Nokia ha scelto di non utilizzare la piattaforma Android ma di puntare su Microsoft.

“Ci sono troppe case ammassate nello stesso spazio (ndr Android), tutte che fanno cose innovative e interessanti”

La Nokia dunque si defila dalla concorrenza di Samsung e HTC, puntando sul successo di un sistema operativo alternativo, piuttosto che competere in termini di specifiche hardware.

Inoltre Stephen Elop sottolinea l’impossibilità di identificare il sistema Android con una specifica e definitiva interfaccia grafica per tutti i dispositivi. Al limite sono i singoli produttori ad essere identificabili (Sense per HTC, TouchWiz per Samsung), ma l’aspetto di default cambia ad ogni versione.

Sarà una mossa vincente quella di Nokia? O è solo una mossa politica per consolidare la lunga partnership con la Microsoft? D’altronde è risaputo che Elop, prima di diventare il numero uno Nokia, era capo della divisione Business di Microsoft e ha giocato un ruolo fondamentale nella partnership Microsoft-Nokia.

Le novità

Come già discusso in quest’articolo le novità di Windows 7.5 “Mango”, di cui sono dotati i due nuovi dispositivi Lumia 800 e Lumia 710,  si possono riassumere in:

  • maggiore velocità del browser (IE9), che consente una navigazione piuttosto fluida, in grado di tenere testa alla velocità di caricamento web dell’Iphone 4S.  Nonostante il supporto ad HTML5, non supporta il flash
  • multitasking: il task switch consente di visualizzare le ultime 5 applicazioni attive.
  • integrazione con i social network: dalla scheda notifiche è possibile rispondere a un tweet, postare foto o commentare stati e link di Windows Live e Facebook.

Il sistema operativo quindi, nonostante sia carente dell’enorme parco applicazioni di cui sono dotati iOS e Android, è apprezzabile e lo stesso si può dire delle specifiche hardware. Nulla di eclatante se confrontato con i dispositivi high-end di casa Samsung, HTC ed Apple, ma non si può dire che non siano di tutto rispetto.

Il processore Qualcomm Snapdragon ha una frequenza di clock di ben 1.4GHz, è un single core ma è sufficiente a garantire un solido utilizzo della piattaforma Windows.

Il display, l’AMOLED basato su tecnologia ClearBlack, già utilizzata nel Nokia E7 , è in grado di evitare la degradazione del nero verso il grigio (tipico degli LCD) sotto la luce diretta. A questo si unisce un’ottima resa cromatica al variare dell’angolo di visione e una buona luminosità. Qui di seguito potete ammirare le performance del display del Lumia 800 utilizzato sotto luce diretta.

La delusione, a giudicare dalle foto che vi abbiamo mostrato, è nella fotocamera: ci si aspettava infatti una maggiore performance a luce scarsa dal sensore da 8 megapixel, flash dual LED e obiettivo marchiato Carl Zeiss  28mm equivalente con apertura f/2.2.

Infine il prezzo: 499 euro (prezzo di listino) per il top di gamma, il Lumia 800, e 270 euro per il suo fratello minore, il Lumia 710, ci sembra decisamente troppo elevato. E nemmeno fattori come qualità ed affidabilità, che da anni hanno contraddistinto la casa finlandese, possono giustificare un prezzo prossimo a quello dei terminali di alta fascia della concorrenza.

Il futuro

Windows Phone 8

Il team Windows sembra essere già da tempo alle prese con Windows Phone 8, il successore di Windows 7.5 Mango, che potrebbe arrivare addirittura entro il primo semestre del 2012. Le novità, che gli analisti presumono saranno moltissime, non si conoscono ancora. Di sicuro (o quasi) si sa solo che Windows Phone 8 non sarà basato su Windows 8.

Chi sperava in un’unificazione di tutti gli ambienti windows, con computer portatili, desktop, server,tablet, smartphone e console basati tutti sullo stesso kernel, dovrà ancora aspettare a lungo. Alla base di questo ci sarebbe proprio la spinta di Nokia, che dopo l’accordo siglato con la Microsoft, avrebbe una grande influenza sulla roadmap di Windows Phone. L’intenzione di Nokia, quella di riprendersi la supremazia nella fascia medio-bassa, è incompatibile con i requisiti hardware richiesti da un’eventuale unificazione dei sistemi operativi.

Nuovi processori dual-core

I chipset dei futuri Windows Phone 8 saranno forniti da ST-Ericsson, azienda nata dalla joint venture tra STMicroelectronics ed EricssonNon è ancora chiaro se verranno utilizzate le piattaforme attuali NovaThor U9500, U8500 e U5500, basati su ARM Cortex A9 dual core, GPU ARM Mali 400 RAM LP-DDR2,  o se verranno sviluppate nuove piattaforme, ma di certo l’egemonia Qualcomm sul mercato Windows Phone è destinata a finire.

Cosa dobbiamo aspettarci dai futuri smartphone Nokia? Supporto alle nuove reti 4G/LTE, cattura di immagini in 3D ed encoding/decoding di video in FullHD a 1080p.

Ancora non è nota la data di uscita dei primi dispositivi dotati di Windows Phone 8 e chipset ST-Ericsson, ma ora è certo: Nokia è tornata prepotentemente sul mercato.

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.