News Smartphone

iPhone 5: interfaccia in 3D?

Gen 12, 2012

iPhone 5: interfaccia in 3D?

 

Siamo nel pieno di presentazioni di nuovi terminali: Nokia ha lanciato il suo top di gamma Lumia 900, basato su Windows Phone, e le altre aziende hanno invece spinto ancora una volta su Android presentando tantissimi prodotti come tablet e smartphone al CES 2012, ma arriva proprio in queste ore una notizia che stuzzicherà il palato di molti utenti.

Vi ricordate il concept di tastiera laser e display olografico che ha tanto spopolato in rete?

Apple ha nuovamente confermato un forte interesse verso la realizzazione di un’interfaccia utente per iPhone che non sarà più basata sul touchscreen (che ricordiamo ha fatto le fortune della casa di Copertino), ma sulla manipolazione dell’ambiente in 3D con i controlli di movimento. Questa succulenta notizia che ci fa sognare di essere in un film di Star Trek arriva dalle pagine di AppleInsider che più volte ha dimostrato la sua affidabilità in questo campo. Questo concept è stato svelato nel corso di questa settimana  ed è stato definito “Sensor based display environment“: si tratta di una sorta di display ambientale in tre dimensioni che utilizza dati riguardo l’orientamento, acquisiti attraverso sensori come il giroscopio o la bussola.

Nell’applicazione che è stata testata da Apple sono si è subito notato che non si tratta di un display completamente in tre dimensioni, in una sorta di proiezione olografica, bensì si tratta di poligoni 3D sullo schermo di un normale iPhone, in modo da creare l’illusione di un ambiente 3D che invia a sua volta due differenti immagini ad ogni occhio con un nuovo display.

A causa delle dimensioni limitate dei display di un dispositivo mobile, una interfaccia utente in tre dimensioni può essere difficilmente navigabile attraverso i mezzi convenzionali quali pennino o dito, perciò si ricorre a questo stratagemma. Si devono utilizzare spesso due mani: una per tenere il terminale e una per manipolare l’interfaccia in una prospettiva 3D.
Apple potrebbe quindi rimuovere la necessità di toccare interamente lo schermo utilizzando i sensori di movimento, si può ipotizzare un effetto simile a quello ottenuto dalle applicazioni di realtà aumentata o comunque utilizzando un giroscopio per visualizzare qualche location. Qui di seguito vediamo disegnato il concept:

 

Gli utenti potrebbero utilizzare l’iPhone disegnando sul display come una sorta di camera immaginaria immaginando una sorta di rapida occhiata ad un mondo digitale. L’idea di fondo è una sorta di 3D fatto dalle dimensioni e che può essere riempito in ogni modo, immaginiamo quindi icone poste sulle pareti laterali o sul soffitto del proprio display, una cosa che va al di là degli smartphone 3D finora immessi sul mercato (che ricordiamo essere HTC Evo 3D e LG Optimus 3D). Questo concept è stato reso pubblico questa settimana dall’U.S. Patent e Trademark Office, in pratica l’ufficio brevetti statunitense, che ha svelato lavorazioni di questo tipo sin da Luglio 2010 dall’inventore Patrick Piedmonte.

Sicuramente la gola di molti utenti è stata stuzzicata e questo rappresenta uno dei rumors che fanno più gola per chi aspetta il rilancio di Apple che, negli ultimi tempi, forse anche a causa della triste dipartita di Jobs, ha peccato un po’ nell’innovazione che ha sempre caratterizzato il proprio lavoro. Un display con un’interfaccia grafica in tre dimensioni potrebbe essere il rilancio definitivo per la casa della mela morsicata. Nuovi display, nuove risoluzioni, potenza con controllo: Apple ci ha sempre abituati bene e questo tipo di sviluppo fantasioso aiuta a ridare credito all’azienda.

Noi avevamo provato ad ipotizzare 5 cose che ci si aspettava dall‘iPhone 5 quando è stato presentato iPhone 4S, voi cosa ne pensate? L’articolo lo potete ritrovare in questa pagina.

Vi terremo aggiornati!

via

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.