News Recensioni Recensioni smartphone Video

LG X Power – Recensione: ma quanto dura la batteria!

Ott 20, 2016

LG X Power – Recensione: ma quanto dura la batteria!

LG X Power è stato il mio fedele compagno di avventura per discreto tempo e mi sono lasciato andare nelle prove più disparate, mettendo a dura prova la sua autonomia. Vi lascio al video, ma non perdete tutti i dettagli che trovate invece all’interno di questa recensione.

Video recensione di LG X Power

Design ricco di dettagli

img_2019

E’ vero che LG X Power è costruito con materiali meno nobili del metallo, ma è altrettanto vero che si tratta di uno smartphone sapientemente assemblato: la back cover con gomma soft touch è caratterizzata da una trama a puntini, i bordi presentano una curvatura spiovente che armonizza il look e, più in generale, il vetro è decisamente oleofobico, trattiene pochissime impronte. Nonostante LG X Power sia uno smartphone economico da circa 200€ osservo una serie di accorgimenti che lo rendono sicuramente più appetibile agli occhi di un potenziale acquirente.

img_2010

La particolarità di questo smartphone è rappresentata poi dall’estrema compattezza nonostante una diagonale del display non avara in termini di lunghezza: LG X Power misura 148,9×74,9×7,9 mm e pesa circa 139 grammi. E’ stato smentito ulteriormente il dogma secondo cui ad una grande batteria corrisponde uno smartphone enorme. Brava LG!

 

La luminosità del display stenta a decollare

img_2020

Il display è un buon pannello IPS LCD da 5.3 pollici, caratterizzato da una risoluzione HD da 1280×720 pixel. Questo gli consente di avere una buona nitidezza dei dettagli, ma i più attenti saranno in grado di accorgersi di qualche piccola imperfezione o qualche pixel più evidente (magari nei bordi). Il sensore di luminosità rappresenta un po’ il fulcro di questo componente: la luminosità massima non è elevatissima e per aumentare il più possibile l’autonomia, spesso vi capiterà di utilizzare lo smartphone con la luminosità al minimo (sì, proprio lo 0%). Questo implica che non appena inclinerete LG X Power non si vedrà praticamente più nulla. Qui la scelta è: fidarsi di LG ed avere benefici nell’uso della batteria o rinunciare a qualcosa per avere una migliore godibilità dei contenuti. Infine posso menzionare un display che non trattiene le impronte. Anche a schermo spento ho notato che non rimangono quelle spiacevoli ditate che costringono ogni volta a pulire con la maglietta lo smartphone. Mi è piaciuta molto la modalità lettura, attivabile via software per regolare la quantità di luce blu attraverso quattro livelli (il display diventa più giallognolo e riposante).

 

Le prestazioni di LG X Power sono buone

img_2007

Ammetto che leggendo la scheda tecnica dello smartphone non ero molto convinto e pensavo che l’utilizzo del chip Mediatek 6735 con la sua CPU quad-core fosse solo un modo di limitare il consumo energetico anche a scapito delle prestazioni. In realtà l’architettura hardware è stata ottimizzata molto bene, si può navigare molto bene su Google Chrome e mantenere comunque almeno il 33% di RAM libera (abbiamo 2 GB e 16 GB di RAM a disposizione). Forse per la RAM avrei osato di più fossi stato in LG, per mantenerla sempre su ottimi livelli e per garantire velocità anche dopo installazione di molte app. Lo smartphone gira bene, risulta fluido nell’utilizzo quotidiano e non fa sentire gravi mancanze. La presenza di questo chipset, abbinata a materiali plastici, permette anche di mantenere basse le temperature e praticamente mai ho superato i 30/35 gradi, pur in condizioni di stress.

 

La fotocamera traballa in qualche occasione

img_2006

La fotocamera di LG X Power è costituita da un sensore posteriore da 13 megapixel con apertura ƒ/2.2. Purtroppo nonostante sia, almeno sulla carta, molto buona, bisogna dire che nella vita quotidiana mi sono reso conto che il limite di questo dispositivo è dato proprio da questo componente: talvolta anche con buone condizioni di luce il risultato appare sgranato o poco definito rispetto alle possibilità. Ciò non vuol dire che sia da buttare via, ma se i problemi si presentano in diurna tendono a diventare esagerati in notturna dove la grana digitale regna incontrastata. LG X Power poi non è uno smartphone adatto ai video, ma questo viene dato per scontato dato che già in fatto di fotografie i risultati non sono eccezionali. Invece la fotocamera frontale per i selfie, caratterizzata da un sensore da 5 Megapixel, che sfrutta un flash “software”: in pratica il display diventa più bianco in modo da illuminare frontalmente la persona e il risultato è sensibilmente migliore. Purtroppo dal punto di vista del software l’app di LG X Power non mi è sembrata particolarmente entusiasmante e mancava, spesso, di funzionalità aggiuntive per rendere più creativo il reparto multimediale (ndr: manca, ad esempio, l’HDR per una migliore gestione della gamma dinamica dei colori).

20161016_204738 20161016_180928 20161016_175506
20161017_081954 20161017_081948 20161017_081919
20161017_081817 20161016_234256 20161016_234324
20161016_215348 20161016_215326 20161016_204856

 

L’autonomia: LG X Power è instancabile

LG X Power è uno smartphone instancabile, l’ho messo a dura prova in più di una occasione e non mi sono mai fermato: volevo spegnerlo a tutti costi entro sera. Non ci sono mai riuscito, il “miglior risultato” che ho ottenuto è stato quello di lasciarlo con il 14% di autonomia residua con 16h e 8m di utilizzo, una giornata in cui sono stato connesso perennemente in 4G (mai in Wi-Fi) e ho fatto un uso smodato di Whatsapp, senza dimenticare ripetuti test su AnTuTu. In una giornata normale che prevede un utilizzo misto di reti Wi-Fi e 4G. Nei miei test non ho mai disattivato la posizione, ne la connettività NFC ed utilizzando molto spesso il Bluetooth per abbinarlo alla mia soundbar, motivo per cui se non fate questo tipo di utilizzo potete solo incrementare l’autonomia complessiva. In media, con un utilizzo molto più spensierato, fatto di videogaming, navigazione web e almeno un’oretta di YouTube ogni giorno potete arrivare a sera con il 50% di autonomia residua. Chi fa un utilizzo molto più light può dimenticarsi anche di caricarlo per oltre due giorni. L’autonomia è garantita da una batteria non removibile da 4100 mAh.

Ho anche provato la funzionalità PowerBank di LG X Power: funziona a tutti gli effetti, ma onestamente non è una cosa che ripeterei al di fuori della prova. Per la ricarica completa ho impiegato in media poco più di un paio d’ore. Se vi interessa approfondire, guardate questo VLOG:

Qui di seguito vi metto qualche screenshots, ma se volete le schermate della prova live non perdete questo articolo.

screenshot_2016-10-10-16-39-02 screenshot_2016-10-08-19-45-35 screenshot_2016-10-03-23-20-02

 

Altoparlante, audio e vibrazione: capitolo a parte

Parlare di multimedialità significa affrontare il discorso dello speaker, purtroppo posto sul retro e capace di un volume non molto alto. Ho usato spesso il vivavoce nella prova e non mi ha convinto, gracchiando sul volume massimo e spesso perdendo di qualità rispetto alle aspettative. Molto meglio l’audio in capsula. Ricezione nella media, nulla da segnalare. Ottima la vibrazione: lunga o breve a seconda del tipo di messaggio (email o Whatsapp o chiamata).

 

Prezzo

LG X Power costa poco per quello che offre: questa è la mia personale opinione dopo averlo provato in modo davvero intenso. Il prezzo di listino è 199€, ma su Amazon.it fortunatamente si trova anche a meno.

 

 

Il campione di autonomia è LG X Power
LG X Power è la scelta più indicata sotto ai 200 euro per chi cerca l'autonomia più pura, quella durata che difficilmente riescono ad offrire altri smartphone con batterie della stessa capacità. LG indirizza tutti i suoi sforzi, hardware e software, rinunciando a qualcosa in termini di multimedialità (lo speaker e in generale il display non sono eccezionali), con l'unico obiettivo di rendere X Power uno smartphone campione di autonomia. Cercate l'autonomia? Avete trovato lo smartphone giusto per voi!
Design7.5
Display6.5
Prestazioni7
Autonomia9.5
Fotocamera6.5
Sistema7
PRO
Ha una autonomia invidiabile
I materiali sono plastici, ma non scalda davvero MAI
Il display è olefobico, trattiene poco le impronte
Le prestazioni sono più che adeguate
CONTRO
Il display stenta a decollare
La fotocamera offre spesso risultati scarsi
Con 1 GB di RAM in più sarebbe stato molto più futuribile
7.3

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.