CONDIVIDI
Trova il tuo smartphone ideale.
Adesso.

Meizu M5 Note mi aveva incuriosito per una dotazione hardware niente male e complessivamente non sono rimasto deluso. Manca ancora un po’ di perfezionamento software, ma con qualche update potrebbe diventare un vero best buy nella fascia economica sotto ai 200€.

Design e Costruzione

30062017-DSC01179

Solido: è questa la parola che meglio di tutte descrive il Meizu M5 Note. Uno smartphone che non dà il minimo segno di cedimento e che soddisfa anche l’utente più attento. I materiali utilizzati sul Meizu M5 Note sono di grande qualità, con un unibody in alluminio (153.6 x 75.8 x 8.1 mm) ed un vetro frontale 2.5D. Nonostante i 175 grammi di peso la presa è abbastanza comoda e piacevole, proprio grazie alla stondatura del vetro anteriore ed alle curve molto morbide della scocca. Sul fronte troviamo il “classico” pulsante Meizu. Lo sblocco attraverso l’impronta digitale è abbastanza efficace, ma ne parleremo successivamente nella sezione “Software”.

30062017-DSC01182Nella parte posteriore ci è piaciuta molto la scelta di lasciare a “filo” la fotocamera ed il flash, evitando così gli spiacevoli inconveniente dei sensori sporgenti. I tasti volume e power sono posti sulla destra ed hanno un buon feedback.

30062017-DSC01187Fortunatamente sul Meizu M5 Note non manca il jack audio da 3.5mm (inferiormente), affiancato da un speaker singolo dalla qualità sufficiente. Forse, con tutto questo spazio, si sarebbe potuto utilizzare qualcosa di più potente. Il suono non è particolarmente basso, ma è privo di corposità e pulizia. Altra nota stonata la porta Micro-USB: il salto alla Type-C dovrebbe essere uno standard ormai.

30062017-DSC01181

Display

30062017-DSC01183

Il pannello è un 5.5 pollici Full HD (1920×1080 pixel) in tecnologia IPS LCD. La qualità complessiva del display di Meizu M5 Note è buona e la luminosità adeguata (e ben gestita) anche in questi giorni molto soleggiati. Il software aiuta inoltre la visibilità sotto la luce diretta grazie ad una dominante chiare di tutti i colori (ma solo quando rileva un’illuminazione molto forte). La stondatura del display è molto piacevole, offrendo una buona sensazione al tatto. Quel che non mi ha convinto al 100% è la taratura dei colori, che li rende poco contrastati ed un pò “fiacchi”. Questo punto è però molto legato al gusto personale. I colori non sono cromaticamente scorretti, semplicemente apprezzo maggiormente delle tarature più aggressive. Si sarebbe potuto ovviare a questo “problema” attraverso delle opzioni software, ma Meizu non ha offerto la possibilità di regolare saturazione e vividezza (ma solo la temperatura), non permettendo all’utente di gestire a proprio piacimento il “look” dello schermo.

Hardware

La potenza non manca sul Meizu M5 Note: CPU Helio P10, Mali-T860 MP2 e 3GB di RAM. In game non abbiamo riscontrato problemi e complessivamente non ci si può lamentare (considerando il prezzo). Quella che non ci è piaciuta è la scelta di mettere soli 16 GB di Memoria Interna (14,5 GB effettivi) , sottodimensionati rispetto alle necessità attuali. La memoria ROM è comunque espandibile tramite MicroSD (in alternativa alla seconda SIM), permettendo di aggiungere i GB necessari all’utente.  In questi giorni di caldo torrido abbiamo notato un aumento delle temperature sul Meizu M5 Note, molto percepibile attraverso la scocca metallica. Per dovere di cronaca ve lo vogliamo segnalare, ma credo sia anche complicato trovare smartphone (freddi) con le temperature attuali.
Dal punto di vista della “connettività” mobile abbiamo notato una ricezione sottotono.  Nonostante la presenza della banda 800 Mhz (banda 20) la rete cellulare ha mostrato una stabilità non sempre ottimale, con molti switch 3G/4G, anche in punti in cui altri smartphone non hanno riscontrato problemi. Stesso discorso per il GPS, un pò lento per il primo fix. Il Wi-Fi di Meizu M5 Note invece funziona molto bene ed ha una ricezione nella media.

 

Software ed Autonomia

S70630-23521508

Come dicevamo nel titolo: tanta potenza ma da gestire meglio. Si perché il Meizu M5 Note potrebbe migliorare notevolmente con degli aggiustamenti software. La base studiata da Meizu è la solita e, rispetto ad altri produttori, la ritengo estremamente valida. Nell’interfaccia (Flyme 5.2 basata su Android 6.0) ci si può muovere solo con il tasto centrale, rendendo la navigazione molto rapida ed intuitiva. Lo sblocco del terminale con la lettura dell’impronta digitale è abbastanza efficace e funziona 7 volte su 10. Attraverso lo stesso si può tornare alla Home (con la pressione) o tornare indietro (con lo sfioramento). Al multitasking si accede con uno swipe dal basso verso l’alto dello schermo. Per il resto, la Flyme che conosciamo non ha subito modifiche in questo terminale. Quindi il software è molto pulito e non presenta bloatware (app inutili preinstallate) di sorta, confermando le ottime scelte grafiche e funzionali di Meizu.

30062017-DSC01184I problemi non mancano però. Non sono rari dei rallentamenti o dei freeze delle applicazioni, che rendono il telefono non proprio scattante. Un lavoro più di fino sul sistema avrebbe sicuramente aiutato anche la batteria, che al momento è sottotono rispetto alla capienza disponibile. Con un uso intenso sono arrivato a fare sulle 2 ore di display attivo: un po’ troppo poco considerando i 4000 mAh. Questo problema è in parte compensato dal supporto alla Quick Charge 3.0 (non ufficialmente, ma in pratica supporta la ricarica a 5,9,12V, anche con il caricabatteria in dotazione).
Il discorso fatto per il software vale anche per il browsing web: fluido ma con qualche rallentamento ogni tanto. Nonostante le criticità lo smartphone funziona abbastanza bene e tutti questi difetti sono tutto sommato giustificabili per la cifra che si spende.

Fotocamera

30062017-DSC01177

Il sensore di Meizu M5 Note da 13MP f/2.2 mi ha stupito notevolmente in diurna. Con tanta luce le foto sono particolarmente pulite ed hanno un’ottima gestione del colore. Si può dire che siano “social ready“, pronte per essere pubblicate senza ritocchi. Anche l’autofocus è estremamente valido. In tutte le condizioni (anche quelle più critiche) appare più rapido e preciso della media. In notturna la qualità fotografica ha un calo fisiologico, restando comunque in linea con altri prodotti simili.

30062017-DSC01178Buono anche il sensore frontale da 5MP, che offre scatti più che sufficienti. In ambito video l’autofocus diventa invece lentissimo, costringendo l’utente ad utilizzare il tap to focus. Anche la scelta di bloccare la registrazione a 1080p 30fps è un pò limitante per un hardware di questo livello. Il software della fotocamera è molto ricco, presentando anche una funzione totalmente manuale.

Disponibilità

Attualmente il prodotto è disponibile a circa 184€ su Amazon.it.

 

Conclusioni
Un prodotto che poteva essere perfezionato ma che comunque è assolutamente adeguato al prezzo a cui viene venduto. Meizu M5 Note una qualità costruttiva di assoluto livello, un hardware che ha poco da invidiare a prodotti più blasonati ed una fotocamera eccellente. Peccato per alcune imperfezioni software che vanificano parzialmente il lavoro svolto da Meizu.
Design8
Display7
Prestazioni6.5
Autonomia6
Fotocamera8
Sistema6
PRO
La fotocamera è "social ready"
Il display è ben visibile
E' uno smartphone solido
CONTRO
Il sistema operativo va gestito meglio
Aspettative un po' deluse sulla batteria
6.9
Trova il tuo smartphone ideale.
Adesso.