News Recensioni Recensioni smartphone

Moto X Style: la recensione completa

Dic 11, 2015

Moto X Style: la recensione completa

moto-x-style

Quando un produttore alza l’asticella del prezzo, da parte del mercato c’è sempre una risposta fredda: è questo il caso di Motorola che ha dominato il mercato degli smartphone nella fascia di prezzo più economica e ora ha invece sul mercato una serie di modelli di altissimo profilo, come il Moto X Style, oggetto della recensione in oggetto.

Moto X Style è uno smartphone di fattura pregiata, con caratteristiche che puntano chiaramente a competere con i top di gamma: 5.7 pollici abbinati a risoluzione QHD, fotocamera da 21 Megapixel, la batteria da 3.000 mAh e 3 GB di memoria RAM. La scelta del processore va su un Qualcomm Snapdragon 808, scelto probabilmente per avere meno impatti sui consumi energetici rispetto al modello più “potente” 810.

moto-x-style-portabilita-dimensioni

Ormai sul mercato da diversi mesi, grazie anche alla consueta discesa dei prezzi che caratterizza la maggior parte degli smartphone Android, Moto X Style rappresenta una piacevole alternativa per coloro che vogliono provare un’esperienza pura, abbinata ad alcuni servizi Motorola che migliorano l’esperienza d’uso quotidiana. Entriamo nel vivo della recensione completa, analizzando questo smartphone, comparto per comparto e non dimenticandoci il prezzo, una delle variabili più importanti quando si deve acquistare un nuovo device.

Videorecensione di Moto X Style

Design

moto-x-style-back-cover-trama

Se c’è una cosa che non si può dire di Moto X Style è che non sia robusto: le caratteristiche fisiche di questo dispositivo parlano chiaro, si tratta di uno smartphone molto importante in termini di dimensioni, poiché le specifiche ufficiali parlano di 153.9×76.2x11.6 mm abbinato a 179 grammi di peso, ma conferma una buona solidità di fondo. Le dimensioni dello spessore possono trarre subito in inganno perché si parla di quello massimo, dovuto principalmente alla capacità della batteria, ma che raggiunge un picco minimo intorno ai 7 mm vicino ai bordi.

L’ergonomia di Moto X Style è buona, con una presa garantita dalla trama della back cover a figure geometriche molto fini che accrescono sia il grip che l’eleganza generale del dispositivo. Però c’è un “ma”: le dimensioni sono importanti e il peso anche, impossibile definirlo leggero o compatto. Per capirci: Moto X Style è completamente paragonabile al top di gamma phablet di Samsung, il Galaxy Note 4, con tutti i pro ed i contro che ne derivano quando si parla del design di questi smartphone.

moto-x-style-bordi

Esteticamente le linee sono un mix tra la classica linea Motorola dei modelli più economici e il famoso Nexus 6, sempre prodotto dalla casa affiliata di Lenovo.

Purtroppo in Italia manca la possibilità di personalizzazione che ha reso celebre questa linea, ovvero Moto Maker, ma la scelta di smartphone sobri ed elegante può giocare a favore del design di questo dispositivo. Funzionalmente segnaliamo la presenza dello slot per microSD e SIM posto in alto, che si apre tramite apposito spillo, in basso nel bordo inferiore invece si rileva la presenza dell’host microUSB. Da segnalare sul bordo destro, comodo per i destri, meno per i mancini, la presenza del regolatore di volume e il pulsante di standby, distinguibili da una trama zigrinata sottile sul secondo.

moto-x-style-usb

Moto X Style è uno smartphone convincente e solido, nessun dubbio.

 

Display

moto-x-style-display

Per gli amanti della nitidezza e delle alte risoluzioni Moto X Style rappresenta uno dei punti più alti perché, come altri smartphone di fascia altissima, Motorola ha puntato su una risoluzione ad alta densità di pixel per questo display:2560 x 1440 pixel che su 5.7 pollici corrispondono a oltre 500 ppi. Cifre e specifiche che fanno sicuramente gola a chi ama schermi estremamente risoluti, ma che possono avere impatto sull’autonomia.

Preso in modo a se stante, Moto X Style ha un display davvero buono: all’aperto si può moto-x-style-display-coloreleggere senza difficoltà, i riflessi sono abbastanza contenuti e il vetro Gorilla Glass 3 da una sensazione di resistenza e, al tempo stesso, contiene in modo sufficiente i riflessi.

Piccolo neo: sebbene stiamo parlando di un display da top di gamma, quello di Moto X Style sfrutta la tecnologia IPS LCD che ancora non riesce a competere con le qualità di contrasto dei pannelli AMOLED. In compenso, tramite impostazioni, si può modificare la temperatura di colore tra una più naturale e una più vivace, che abbiamo preferito nella prova quotidiana per la recensione.

moto-x-style-schermo-riflessi

La reattività del display cresce notevolmente grazie a Moto Display: grazie a sensori frontali lo schermo si attiva non appena sfiorate lo schermo o avvicinate la mano allo smartphone. In questo modo sarete in grado di attivare Moto X Style solo quando realmente c’è necessità.

 

Hardware

La scelta di Motorola è quella di dotare Moto X Style del chipset Qualcomm Snapdragon 808, praticamente la versione a sei core della nota casa manifatturiera. Questo chipset, abbinato ad un sistema operativo molto pulito e simile a quello puro presente sui Nexus, permette di avere una fluidità di sistema e di velocità nell’eseguire le operazioni davvero notevole. Il chipset è costituito da 6 core, di cui due che si spingono fino a 1.8 GHz e quattro fino a 1.44 GHz. Le frequenze permettono di avere passaggi di schermate, velocità di aperture delle app e in generale operazioni praticamente istantee. La comodità maggiore, almeno nella nostra prova durante la recensione, è stata quella relativa alla memoria RAM, 3 GB, che ci hanno permesso di tenere aperte un numero importante di app aperte (anche oltre 20) con uno switch tra una e l’altra sempre inferiore al secondo, come dimostrato anche nella video recensione.

I benchmark sono stati pienamente in linea con le aspettative: su AnTuTu Benchmark il risultato medio è stato intorno ai 53.000 punti, indicando uno smartphone Android davvero rodato e potente. Di sicuro non ci è mancata la fluidità e non abbiamo ravvisato antipatici freeze o lag fortunatamente.

moto-x-style-gfx-bench moto-x-style-antutu-classifica moto-x-style-antutu-benchmark

Le prestazioni grafiche sono state misurate sia nel gaming, dove anche nei giochi più complessi dal punto di vista dei poligoni e delle textures, sia nei test al benchmark come GFXBench, con risultati, anche qui quasi scontato a dirlo, in linea con le aspettative. La competizione in questo caso è con smartphone come LG G4 piuttosto che su dispositivi come Galaxy S6 che si sono mostrati più “affamati di pixel”.

La memoria invece è disponibile in Italia nella versione da 32 GB, espandibile tramite microSD.

Spezziamo una lancia in favore di Moto X Style in merito alla potenza del dispositivo: in questo caso la vera differenza nell’uso quotidiano si può vedere nel gaming perchè smartphone come il Galaxy S6 possono fare meglio e “perdere meno frame”, ma nell’uso delle app, ed in generale di molte operazioni quotidiane, la potenza è ampiamente adeguata all’uso e l’ottimizzazione del sistema operativo rispetto al comparto hardware è pregevole.

Promosso il Moto X Style, senza indugi.

 

Connettività

Il 4G e il Wi-Fi sono due certezze di Moto X Style perché oggettivamente sono moto-x-style-GPS-fixrisultati molto stabili, molto precisi e capaci di collegarsi a modem anche non propriamente vicini. Da segnalare anche il Bluetooth 4.1, utile anche per collegarsi senza fili a dispositivi vari senza avere impatti sull’autonomia eccessivi. Ci è capitato spesso di collegare Moto X Style a speaker Bluetooth o a Soundbar con ottimi risultati: la riproduzione, ad esempio, di Spotify è stata sempre pulita e piacevole.

Non manca il chip NFC che abbiamo provato in abbinamento con una mini-stampante e il funzionamento è stato ottimale. Da segnalare l’assenza del sensore a infrarossi, non una particolare mancanza ma se vi piace usare lo smartphone come telecomando allora non potrete.

 

Fotocamera

moto-x-style-fotocamera

Moto X Style può contare su un sensore di buona qualità, molto accattivante nelle specifiche ma che non conta su un app particolarmente sviluppata. Nello specifico rileviamo un sensore da 21 Megapixel che conta su uno stabilizzatore ottico OIS ed un’apertura f/2.0. Il flash LED è di tipo dual Tone che permette di avere una buona illuminazione anche di sera, senza eccedere nel flash frontale (quindi evitando le classiche foto sbiancate e mantenendo i colori più naturali).

Le foto di giorno si dimostrano di altissimo livello qualitativo: i colori sono estremamente accurati, la foto mantiene nitidezza anche nei bordi, notoriamente tallone di Achille quando si parla di risoluzioni così alte, la grana digitale è abbastanza ridotta. Di sera, comprensibilmente, la qualità cala leggermente senza però risultare affatto insufficiente. Se diminuisce la nitidezza, aumentando leggermente la grana digitale, di contro dobbiamo piacevolmente segnalare che la qualità dei colori è veramente molto buona. Anche l’HDR che permette di gestire bene tre esposizioni di colori, dona una naturalezza molto buona alla fotocamera di Moto X Style.

L’app fotocamera invece è inadeguata per quanto ci riguarda: minimalista e spartana, non è certo questa che permette di sbizzarrire gli utenti. Con uno swype da sinistra si può accedere a poche impostazioni minime, con uno verso destra invece si accede alla galleria, macchinosa inizialmente, veloce e completa nella realtà. Fortunatamente Android permette l’installazione di molte altre app fotocamera che vi consigliamo di provare per giocare al meglio con questo smartphone.

moto-x-style-notturna-foto moto-x-style-HDR-macro-notte
moto-x-style-HDR-sera-luci-soffuse moto-x-style-HDR-sera
moto-x-style-HDR-nuvoloso moto-x-style-HDR-interno-luci
moto-x-style-HDR-paesaggi moto-x-style-HDR-piazza-repubblica

Una nota di “colore”: Moto X Style ha il Flash anche frontalmente e questo consente di scattare selfie anche laddove la luminosità non è sufficiente. La qualità è negli standard, non fa gridare al miracolo.

Lato video, come prevedibile facilmente dalla risoluzione disponibile sul Moto X Style, è possibile registrare video in 4K: come avviene per le foto, anche per i video registrati dallo smartphone, la messa a fuoco è rapida e lo stabilizzatore ottico OIS aiuta moltissimo a rendere la registrazione fluida e meno “tremolante”. Da segnalare, per gli amanti del videomaking, la possibilità di registrare video a 1080p per 60 fps.

 

Sistema operativo

Le personalizzazioni di un produttore possono essere molto invasive, non è però il caso di Motorola: Android praticamente puro con qualche piccola app preinstallata, e per giunta utile. Moto X Style infatti arriva sul mercato con Android Lollipop 5.1.1, la versione più rodata e anche più stabile in termini di bug. Inoltre per gli amanti degli aggiornamenti, si ha anche la certezza che appena possibile verrà aggiornato ad Android 6.0 Marshmallow, segno di particolare attenzione da parte del produttore.

L’interfaccia è pulita, assolutamente in puro stile Nexus, e questo rappresenta una carta vincente per chi ama personalizzare il proprio smartphone: con Moto X Style si ha carta bianca, si può scegliere se usare la versione “base” oppure se installare qualche interessante launcher alternativo senza pesare eccessivamente sulle memorie.

moto-x-style-android-marshmallow moto-x-style-interfaccia-menu moto-x-style-home

Preinstallato troviamo Moto Connect, utile per associare il proprio X Style ad altri dispositivi Motorola (ndr: forse la meno utile se non si ha ad esempio un Moto 360), Moto Migrate, per facilitare il passaggio da uno smartphone a X Style, Moto Assist, un vero e proprio assistente personale. Quest’ultimo va sicuramente impostato, ma con un po’ di prove si riesce a renderlo assolutamente utile nella vita quotidiana. Infine Moto Display è una comodità: senza la necessità di sbloccare lo schermo, si hanno tutte le informazioni su notifiche ed affini, con un dispendio energetico minimo. Inoltre, ad esempio rispetto al Moto X Play che stiamo testando, funziona molto molto bene su questo dispositivo.

Se vi piace un sistema pulito, ben ottimizzato, Moto X Style può rappresentare la scelta giusta per voi.

 

Batteria e autonomia

Una batteria non removibile non sempre incontra i gusti di potenziali consumatori, preoccupati da eventuali blocchi oppure da eventuali sostituzioni: nel primo caso basta utilizzare le combinazioni di tasti (ma onestamente nella prova per la recensione non è mai capitato), nel secondo ci si deve rivolgere all’assistenza per evitare di perdere la garanzia.

Altro nodo interessante da sciogliere: Moto X Style monta una batteria da 3.000 mAh, mentre X Play una da 3.630 mAh e questo implica chiaramente una resa di autonomia inferiore del top di gamma.

Purtroppo, nonostante gli accorgimenti relativi al risparmio energetico, attivabile anche su questo smartphone, l’autonomia non fa gridare al miracolo e si sostanzia in tempistiche nella norma: circa 3 ore e 45 di schermo acceso. Con una autonomia, che prevede il solito utilizzo medio di attività, che si attesta intorno alle 10/12 ore. Un risultato che sicuramente delude se si paragona a quelli ottenuti da Moto X Play e Galaxy Note.

 

Disponibilità e prezzo

moto-x-style-featured

Moto X Style è disponibile in due colorazioni, bianco o nero, nella versione da 3 GB di memoria RAM e 32 GB di memoria interna. Il prezzo di listino era di 499€, fortunatamente sceso un pochino col passare dei mesi. Sul noto portale ecommerce Amazon.it è disponibile al seguente link al prezzo di 459€ nel momento in cui scriviamo.

Specifichiamo che la confezione contiene una guida rapida all’uso, il certificato di garanzia, il caricatore da parete ed il cavo microUSB-USB ed una cover di tipo bumper in plastica rigida (ndr: in pratica quelle che vanno intorno al dispositivo sui bordi). Sono assenti però gli auricolari. Confezione ridotta all’osso purtroppo.

 

Conclusioni

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

Moto X Style è uno smartphone che può essere considerato a tutti gli effetti un top di gamma, il naturale concorrente del Galaxy Note 4 o 5 che può sfruttare un prezzo più aggressivo. Le differenze ci sono, vista anche l’assenza di un pennino capacitivo multifunzionale come S Pen di Samsung, ma al tempo stesso si configura come uno smartphone Android di altissimo livello.

Semplificando: Moto X Style ha un bellissimo schermo molto risoluto, una fotocamera che ci ha stupito positivamente, il sistema Android puro su una piattaforma hardware prestante e una buona qualità costruttiva. Purtroppo ci sono un paio di contro che non lo rendono perfetto: il peso è notevole e la batteria non è forse all’altezza delle aspettative.

Il giudizio della recensione di Moto X Style è eccellente, qui di seguito trovate il solito prospetto Pro-Contro.

 

 

PRO

✔ Android puro, con pochissime e utili personalizzazioni
✔ Potente e affidabile in termini di prestazioni
✔ Display ad alta risoluzione da vero top di gamma
✔ Fotocamera che ci ha stupito positivamente

CONTRO

✖ Batteria dai risultati deludenti
✖ Dimensioni davvero importanti e corpose

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.