News

Moto Z Play: smartphone modulari al #LenovoLaunch di IFA 2016

Set 1, 2016

author:

Moto Z Play: smartphone modulari al #LenovoLaunch di IFA 2016

A due giorni dall’apertura delle porte di IFA 2016, abbiamo partecipato al #LenovoLaunch event, la presentazione ufficiale dei nuovi prodotti in arrivo nel prossimo mese di settembre. L’hands-on Lenovo ha riguardato, in particolare, oltre al lancio dei PC Yoga 910 e Yoga Book, gli smartphone Moto Z e Moto Z Play, attesissimi sul mercato europeo dopo la release americana.

Le specifiche tecniche di questi terminali sono, anche per questo, note già da tempo, ma l’opportunità di provarli dal vivo ha dato certamente lo spunto per testare la loro qualità effettiva e le novità che portano con sé. L’attenzione di questo Launch si è soprattutto soffermata sui mods, ovvero i moduli applicabili ai due dispositivi Moto Z per ampliarne le funzionalità. Il design modulare non è nuovo al mondo degli smartphone (LG G5 è stato il primo esempio), e ha trovato spazio nella creatività Lenovo per dare un tocco di originalità alla gamma Moto Z.

Moto Z e Moto Z Play: il confronto tecnico


Il design di Moto Z e Moto Z Play risulta sostanzialmente invariato tra i due modelli (l’unico elemento che effettivamente li differenzia è lo spessore), così come la profondità del display da 5.5 pollici, mentre a cambiare è la maggior parte delle specifiche tecniche. Se, infatti, Moto Z monta processore Snapdragon 820 accompagnato da 4GB di RAM, all’interno di Moto Z Play troviamo chipset Snapdragon 625 unito a 3GB di RAM. Anche il comparto fotografico subisce variazioni: a fronte del sensore principale da 13MP presente su Moto Z, Moto Z Play monta camera da 16MP. Infine, Moto Z Play si distingue per la sua batteria che, con capacità di 3300 mAh, diventa la batteria più potente di sempre a bordo di un dispositivo Lenovo.

Moto Z Play sarà disponibile a partire dalle prossime settimane al prezzo consigliato di 499€.

I mods di Moto Z e Moto Z Play

IMG_1779
Quando parliamo di design modulare, intendiamo degli accessori direttamente collegabili allo smartphone che ne accrescono le funzionalità entrando completamente a far parte del suo design. Nel caso di Lenovo, i mods comprendono sia le semplici cover, da collegare al retro dello smartphone per coprire la superficie in vetro e la fotocamera di per sé sporgente, sia accessori modulari destinati a speciali funzionalità. Tra questi, abbiamo testato di persona il Picoproiettore e il modulo fotografico Hasselblad.

Il Picoproiettore, compatibile sia con Moto Z che con Moto Z Play, permette di proiettare qualsiasi contenuto, foto, video, pagine web, dallo smartphone ad una qualsiasi superficie (ad esempio, un muro) fino a 70 pollici. Si tratta di un modulo certamente interessante ed innovativo, che, nell’hands-on, ci ha divertiti molto. La qualità della proiezione non è particolarmente alta, va detto, ma assicurandosi condizioni di luminosità non troppo elevate sicuramente si possono ottenere risultati accettabili. Se, ad esempio, guardate spesso video, film o serie TV dal nostro smartphone, questo modulo può rivelarsi particolarmente utile, a fine giornata, per guardare i contenuti in una stanza con luci soffuse.

P1130712 P1130719

Il modulo fotografico optical zoom Hasselblad (pietra miliare della fotografia, prima azienda a portare sul commercio mondiale una fotocamera mirroless medio formato) è, invece, compatibile soltanto con Moto Z Play ed ha lo scopo di trasformare lo smartphone in una vera e propria macchinetta fotografica. Grazie anche al supporto di differenti modalità di scatto ed ad una buona sincronia fra modulo e dispositivo, i risultati che si ottengono sono certamente interessanti. Le perplessità nascono però principalmente su due aspetti: come impatta il modulo, privo di batteria propria, sull’autonomia di Moto Z Play? Vale la pena acquistarlo, considerando il prezzo di 299€, da aggiungere ai quasi 500€ dello smartphone?

Quel che abbiamo notato dalla prova è che l’inserimento dei moduli ha un forte impatto sulla temperatura dei terminali e questo ha una ricaduta sulle prestazioni e sull’autonomia.

La questione più grande è: ne vale veramente la pena? Aspettiamo la nostra prova ufficiale per dare una risposta a questa domanda ma, per il momento, Lenovo ci ha dato un’ottima impressione di qualità e competitività. Lo spirito giusto per iniziare questa IFA 2016!

Sempre in cerca di qualcosa di nuovo da scoprire, trova nella tecnologia un'eterna fonte di ispirazione. Attenta all'ambiente e al mondo che la circonda, è determinata a seguire le sue passioni.