CONDIVIDI
⇒ I migliori smartphone del 2017.
La classifica.

Da qualche anno a questa parte, la storia di Nokia è stata travagliata. Prima la cessione a Microsoft e poi l’annuncio di un futuro rilancio hanno lasciato tutto il pubblico in un clima di eterna attesa; attesa che, almeno così sembra, cesserà nel corso del 2017.

NOKIA 6: il grande ritorno

Il primo segnale del grande ritorno di Nokia, sulla scena della telefonia mobile, è stato dato in questi giorni con il lancio del nuovo smartphone Android Nokia 6, un dispositivo con display da 5.5 pollici, con processore Qualcomm Snapdragon 430 e 4GB di RAM.

Attenzione, però. Inutile farsi prendere subito dall’entusiasmo, perché la casa ha annunciato, per conto di HMD global, società finlandese che attualmente detiene il monopolio sul marchio Nokia, che questo promettente nuovo smartphone verrà commercializzato SOLO IN CINA a partire dagli inizi del 2017, ad un costo orientativo di circa $250. Le indicazioni in questo senso sono più che vaghe, ma certamente danno una nuova speranza a tutti i nostalgici e sostenitori di un marchio che nel tempo è stato piuttosto controverso ma che, al tempo stesso, ha segnato la storia della telefonia.

La nostra opinione

Piuttosto che soffermarci sull’elenco caratteristiche tecniche del futuro Nokia 6, dunque, facilmente reperibili online, vogliamo ragionare su cosa comporterà il rilancio di Nokia e se questo dispositivo risulterà in linea con le aspettative dell’utenza di fascia medio-alta.

L’ascesa che Nokia vorrà tentare sarà, a nostro avviso, una scalata ripida, ma al tempo stesso non impossibile. Attualmente, il panorama di offerte delle telefonia mobile è quanto più ampio, caratterizzato da moltissimi marchi che si sfidano per il miglior smartphone sul mercato. E questo discorso vale su tutte le fasce, con colpi da veri maestri soprattutto per quanto riguarda la fascia alta.

Quel che è sicuro è che Nokia tenterà di reinserirsi in un panorama dove non esiste un’azienda leader universalmente riconosciuta per gli smartphone Android (alcuni potrebbero dire Samsung, ma siamo tutti davvero convinti di questo? Anche dopo gli eventi relativi al Galaxy Note esplosivo?) e, in questo senso, il colpaccio potrebbe risultare vincente. Sicuramente, Nokia 6 deve essere un terminale aggressivo, che possa convincere gli utenti a sceglierlo, e, come lui, lo dovranno essere tutti i nuovi modelli che la casa presenterà nel corso di quest’anno.

Certamente, la presenza di un chip Snapdragon 430 è già una buona presentazione, visto il consenso che questo comparto ha sollevato e le buone prestazioni raggiunte dai terminali che lo hanno montato. La dotazione con 4GB di RAM è al passo con i tempi, nulla di più e nulla di meno, sicuramente un buon punto di partenza. I dispositivi Lumia, oramai sola prerogativa di Microsoft, ma un tempo creazione di Nokia, hanno sempre stupito per la discreta qualità fotografica e, anche in questo campo, la competizione è attualmente spietata ma Nokia ha le carte in regola per competere in questo campo.

Il futuro di Nokia

Insomma, non sarà facile, ma noi ci crediamo. Ci crediamo perché ci ricordiamo quanto sia stata innovativa questa casa produttrice sin dagli albori della tecnologia mobile e quanto gli sia affezionato il pubblico. Speriamo di poter vedere presto uno smartphone Nokia sul nostro mercato, poterlo provare, testare e commentare. Nulla è più stimolante in questo mondo che poter mettere a confronto i livelli più alti che la tecnologia ci offre e speriamo che Nokia ci fornisca pane per i nostri denti.

[Via]

⇒ I migliori smartphone del 2017.
La classifica.