Hardware

NVidia Kal-El, alias Tegra 3

Ott 3, 2011

author:

NVidia Kal-El, alias Tegra 3

Sono passati quasi 8 mesi da quando NVIDIA ha stupito il mondo mostrando per la prima volta in pubblico il primo chip mobile dotato di architettura quad core, in occasione del Mobile World Congress.

Il nuovo Chipset, denominato in codice Kal-El ma destinato ad essere conosciuto come NVidia Tegra 3  si contraddistingue per le straordinarie capacità di calcolo. Oltre ai 4 core troviamo anche una sorprendente GPU da ben 12 core invece dei 4 o 8 di Tegra 2. Il risultato? Un SoC dalle capacità di calcolo maggiori dalle 2 alle 3 volte rispetto a Tegra 2, come dimostrano le prove al benchmark.

 

 

4 core con frequenza di clock da 1.5 Ghz. Caratteristiche che destano stupore ma anche perplessità: nessun dubbio sull’importante contributo che una simile architettura  sarebbe in grado di dare al gaming e al multitasking. Ma cosa dire dell’autonomia della batteria? Qual’è la capacità minima della batteria per fare in modo che il dispositivo sia in grado di avere un’autonomia sufficiente? Ma soprattutto quali sono i consumi rapportati agli attuali processori dual-core?

E ancora: siamo sicuri che un utente medio sarebbe disposto a rinunciare parte dell’ormai preziosissima autonomia in cambio di maggiori performance? La risposta è no. Non è rincuorante vedere la barra della batteria accorciarsi a vista d’occhio e non è meno fastidioso vedere il proprio cellulare abbandonarci prima ancora di arrivare a sera. Il tutto ovviamente sulla base di un utilizzo “ragionevole”.

Nemmeno il tempo per farsi questo tipo di domande che subito NVidia annuncia la presenza di un quinto core. Infatti accanto ai 4 core di questa architettura trova spazio un quinto core, indicato come Companion. Un core low-power, a bassa frequenza di clock, dedicato ai task che richiedono elaborazioni contenute durante i quali è ragionevole minimizzare i consumi.

 

In altre parole il sistema operativo decide se utilizzare o meno più core, in particolare:

– quad-core per gaming  e  multi-tasking estremi ecc..-

– dual-core per la navigazione Web con il Flash abilitato, multitasking, video

– singolo core per le funzioni email, navigazione web, gaming in 2D

– core companion per l’ascolto della musica o riproduzione video, o la sincronizzazione con i social network

La teoria alla base è geniale: ottimizzare l’utilizzo delle risorse in funzione del carico di lavoro richiesto. Ma le perplessità ancora non svaniscono: siamo sicuri che i sistemi operativi saranno ottimizzati per l’utilizzo ottimale di una simile architettura? Altra dubbio: l’uscita del quad-core sarà accompagnato da un sufficiente quantitativo di software (giochi, applicazioni ecc..) in grado di sfruttarne le potenzialità e giustificare l’acquisto del dispositivo?

Mentre noi ci poniamo queste domande gustatevi i prossimi due video.

Il primo è una demo chiamata Glowball, mostrata al Computex 2011, che mostra tutta la potenza del Kal-El. La sfera viene mossa inclinando il tablet ma quello che colpisce, aldilà del banale funzionamento degli accelerometri, è la riproduzione delle luci dinamiche e della fisica degli oggetti. Il tutto con un buon frame rate.

 

Il secondo è invece un video rilasciato da  Madfinger Games, gli sviluppatori di “Samurai: Way of the Warrior” e “Samurai II: Vengeance” che mostrano Shadowgun, uno dei giochi che sfrutterà al meglio la CPU/GPU NVIDIA Tegra 2 e che sarà ottimizzato anche per Kal-El (Tegra 3).

 

Data di uscita 

Non sono state rilasciate informazioni ufficiali riguardo la data di uscita ma i rumors vogliono l’uscita del primo tablet dotato di NVidia Tegra 3, l’Asus EEE Pad Transformer 2, entro la fine del 2011.

 

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.