Recensioni

Pressy: la Recensione del bottone aggiuntivo per Android

Ago 26, 2014

Pressy: la Recensione del bottone aggiuntivo per Android

Ormai gli accessori ed i gadget per smartphone e tablet si sprecano, diventando spesso delle chicche dalla dubbia utilità. Ebbene, oggi vorremmo analizzare uno dei prodotti più discussi del momento, cercando di farvi capire se faccia o meno per voi. L’oggetto in questione è Pressy, un bottone ausiliario da aggiungere al vostro device Android attraverso il jack delle cuffie. Il nostro modello è derivante dalla campagna di Kickstarter ed è costato 17 Euro (circa), mentre la versione definitiva è disponibile online per 24 Euro circa.

Confezione

Pressy6

Il packaging del prodotto è ben fatto e dimostra la cura impiegata dall’azienda per la produzione di questo prodotto. Sul cartone sono stampate le istruzioni per l’attivazione dell’app di Pressy (con un codice univoco associato ad ogni bottone) ed all’interno dello stesso è sagomata la sede dove è inserito l’accessorio, protetto da una gomma morbida. E’ presente anche un porta-Pressy in silicone, da usare come portachiavi o legato al cavo delle cuffiette (non funziona con i cavi piatti).

Design

Pressy5

Il design del prodotto è molto semplice. Si tratta di un jack da 3.5 mm in metallo, alla cui estremità troviamo una sede circolare nella quale è innestato il bottone, disponibile in diversi colori: nero, blu, rosso o bianco (nel nostro caso di colore nero). La sede è molto curata e la smussatura della circonferenza garantisce l’assenza di spigoli vivi e quindi l’impossibilità che esso possa graffiare o tagliare l’utente. Il bottoncino è perfettamente inserito, a filo, nella sua sede ed è assemblato perfettamente, offrendo un ottimo feed durante l’uso. Infatti, oltre alla vibrazione che si attiva dopo il “click”, si percepisce nettamente la pressione (o meno) del tasto, evitando così delle attivazioni involontarie.

Come potete osservare dalle immagini, le dimensioni di Pressy sono estremamente ridotte, rendendolo più corto del diametro di una moneta da 2 Euro. Il peso è impercettibile.

Anche il portachiavi incluso è di buona qualità in ogni suo componente: il silicone e l’anello in alluminio. Il primo è sagomato perfettamente e, una volta inserito al suo interno, mantiene Pressy perfettamente bloccato, senza rischio di smarrimento. Inoltre rimane ben saldo al cavo delle cuffiette al quale si può fissare. Anche l’anello in alluminio non  presenta problematiche di sorta.

Pressy2

Software

Pressy3

Il vero punto di forza di questo prodotto è il software integrato. Come già detto, per poter utilizzare l’app è necessario il codice di attivazione (presente in confezione) che troverete incluso nella confezione. Questa misura è stata resa necessaria a causa della nascita di numerosi cloni a basso costo, che però non offrono un’applicazione così curata e funzionale.

Nel complesso il funzionamento è perfetto. In questi 10 giorni di utilizzo l’app non ha mai saltato un comando e non è mai crashata in modo anomalo. Inoltre, anche con un uso intenso, essa non compare nelle statistiche della batteria, consumando quindi una quantità irrisoria di energia.

Ma cosa possiamo fare con questo software abbinato a Pressy? Semplicemente, possiamo usare il bottone per attivare delle funzioni predefinite. In particolare possiamo: chiamare un determinato numero, mandare un messaggio predefinito (ad esempio di emergenza), lanciare la fotocamera, scattare una foto (con entrambe le fotocamere), accendere/spegnere il flash, effettuare una registrazione audio, lanciare la videocamera, avviare una registrazione video, far partire una determinata applicazione, assegnare dei controlli multimediali (Play/Pausa, avanti indietro) e usare tutti i toggle disponibili sul nostro smartphone (es. attivare/disattivare il bluetooth).

Per effettuare queste azioni, abbiamo a disposizione numerose combinazioni di pressioni, forse anche troppe. Le combinazioni possibili prevedono da 1 a 3 “click”, da scegliere tra brevi o lunghi. Per un esempio pratico, potete osservare l’immagine qui sopra. Nel mio caso, un “click” breve attiva la fotocamera, un “click” lungo attiva l’acquisizione di un’immagine, un doppio “click” breve attiva/disattiva il flash e un triplo “click” breve attiva/disattiva la suoneria. Può sembrare complicato, ma ad ogni vostra pressione farà seguito una leggera vibrazione (se vorrete attivarla), che vi aiuterà ad avere un feed dall’accessorio.

Una volta effettuata la combinazione necessaria, l’applicazione impiegherà 1-2 secondi per svolgere l’azione prevista. Questo ovviamente dipende anche dall’hardware del vostro device; più il dispositivo sarà potente e meno l’app impiegherà per eseguire il vostro comando.

Inoltre, è anche possibile scegliere se attivare o meno i comandi a schermo spento. Ovviamente se avete un blocco con il codice, il Pressy riceverà i comandi, ma li eseguirà solo una volta inserito il codice.

Pressy

Conclusioni Finali

Personalmente sto usando usando il prodotto con molto piacere, perché semplifica notevolmente delle azioni che andrebbero svolte cercando l’applicazione od il toggle corrispondente. Nel complesso non ho appunti da fare a questo prodotto, perché abbina una qualità costruttiva eccellente ad un software impeccabile. Inoltre va sottolineato che l’idea di questo team è tanto semplice quando geniale e, visti i numerosi cloni in giro per il web, non sono l’unico a pensarla in questo modo. Una nota negativa però c’è: il prezzo. Probabilmente 24 Euro (32 $) sono un prezzo forse eccessivo e la cifra richiesta su Kickstarter sarebbe stata certamente più ragionevole. Sta a voi decidere se il gioco vale la candela.

Pressy4

 

 

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.