Guide Guide tecniche

Proiettare lo schermo di Android su una TV [Mirroring]: come fare?

Mar 17, 2015

author:

Proiettare lo schermo di Android su una TV [Mirroring]: come fare?

mirroring android tv schermoMirroring dello schermo: cos’è?

Il progresso e la diffusione dei dispositivi mobili, smartphone e tablet, hanno concesso a chiunque la possibilità di poter svolgere alcune attività comodamente dalla poltrona, senza doversi necessariamente mettere davanti al monitor di un computer.
Talvolta però, come quando si gioca, si può presentare la necessità di disporre di un schermo più grande, ed è qui che la possibiilità di “proiettare” lo schermo, ad esempio del nostro smartphone, cioè poter fare il mirroring, può essere veramente utile.
A questo punto le possibilità che abbiamo sono di due tipi: il primo è il mirroring cablato, quindi si fa ricorso all’uso di cavi o di adattatori; il secondo è il mirroring wireless, che si effettua tramite l’utilizzo della rete wi-fi domestica.

Mirroring cablato: cosa usare?

La prima soluzione per cui possiamo optare vede l’utilizzo del cavo/adattatore MHL(Mobile High-Definition Link), compatibile con i dispositivi Android dai tempi del Galaxy SII.
Consente di poter replicare lo schermo tramite micro-usb, e nello stesso momento consente di ricaricare la batteria.
Disponibile a partire da 4,60€, fino ai 20€ se marchiati Samsung(Amazon)
mhl

La seconda soluzione, consigliata per i dispositivi che vengono supportati, prevede l’utilizzo del cavo/adattatore SlimPort.
Nonostante la compatibilità sia limitata ai dispositivi Nexus, LG, i tablet Amazon ed altri, questo connettore, compatibile con la tecnologia DisplayPort, VGA e DVI, offre una migliore prestazione nella riproduzione dei contenuti video, supportando dal full HD fino ai 4K.
Anche in questo caso l’energia necessaria non viene prelevata dal dispositivo, ma dal televisore.
Prezzo di listino che varia dai 15 ai 20€ circa(Amazon)

slimport

Mirroring wireless: come fare?

Per quanto una soluzione “vintage” conservi sempre immutato il suo innegabile fascino, si potrebbe comunque decidere di voler optare per una soluzione più al passo con i tempi e quindi di utilizzare:

  • Miracast: compatibile con tutti i dispositivi aggiornati alla versione Android 4.2, e ovviamente a tutte quelle successive. Apprezzabile sia per la facilità che per la rapidità di utilizzo, nella riproduzione di foto e video; meno per il gioco o la riproduzione di filmati ad alta risoluzione, e l’utilizzo della batteria. Prezzo che si aggira tra i 15 e i 20€(ricerca su trovaprezzi.it).mira
  • EZCast: Una volta collegato la televisione alla rete wi-fi sarà possibile, tramite app da telefonino, impostare alcuni parametri, come ad esempio la risoluzione dello schermo; e dalla schermata principale si potrà scegliere tra le varie azioni disponibili. Anche qui ci aggiriamo intorno ai 20€(Amazon)
ez
  • Chromecast: per poterlo utilizzare basterà installare  Chrome su PC e dopo aver installato l’estensione Google Cast si potrà trasmettere, dalla chiavetta al televisore, qualsiasi cosa venga visualizzata con il browser.
    Disponibile a soli 35€ sul sito ufficiale di Google.ch

Sfide del futuro

Molti dispositivi presentano delle applicazioni native, come ad esempio lo Smart Connect di Sony, tramite il quale può essere effettuato anche il mirroring dello schermo con Smart TV della medesima casa produttrice.
Si potrebbe addirittura immaginare che nei prossimi anni, superati i limiti imposti delle aziende madri, si avranno dispositivi, TV e mobili, più facilmente collegabili, senza il ricorso a nessun supporto esterno.