Default

[Recensione e Guida] Aukey Turbo Charger e Dual Car Charger

Mar 31, 2015

[Recensione e Guida] Aukey Turbo Charger e Dual Car Charger

In questo articolo vi parleremo di due prodotti interessanti, che abbinano un’ottima qualità costruttiva/funzionale a prezzi accessibili.
Ne approfitteremo anche per darvi qualche “dritta” riguardo la scelta dei caricabatterie per i vostri smartphone, aiutandovi ad evitare spiacevoli sorprese o malfunzionamenti delle batterie ( o degli stessi).

Come scegliere un caricabatteria?

In primo luogo, verificate le specifiche supportate dal vostro smartphone, tramite il manuale d’uso oppure tramite il vecchio caricabatteria. Questa fase è ormai poco utile, visto che quasi tutti gli smartphone supportano voltaggi vicini ai 5V.
E’ comunque un ulteriore fattore di sicurezza per scegliere un prodotto corretto.

Come detto, tutti i gli smartphone supportano la ricarica a 5V e tutti i charger commerciali (di marche affidabli) sono compatibili con questo standard.
Se però doveste imbattervi in “strani brand”, che propongono voltaggi molto differenti (i 5.1V-5.3V non sono un problema) , diffidate e proseguite oltre.

L’unica eccezione va fatta per i caricabatterie che supportano il “Quick Charge” (che sia esso di Qualcomm o di altre aziende) e che, necessariamente, devono operare a più voltaggi per sfruttare la ricarica rapida.

Controllato questo primo parametro, occorre concentrarsi sull’amperaggio. Se il vostro smartphone supporta una certa potenza (1A, 2A ecc), è consigliabile non scendere sotto questa. Non tanto per motivi di sicurezza, ma per motivi di lentezza della ricarica.
Caricare un dispositivo con batteria da 3000 mAh con un caricabatteria da 1A (nominali), richiede molto più tempo, rispetto a farlo con uno da 2A.

Per quanto riguarda il contrario, cioè ricaricare un device con un caricabatteria da amperaggio nominale più alto di quello supportato, non si riscontreranno problemi.
Lo smartphone si ricaricherà alla velocità massima supportata dallo stesso, senza subire danni e senza rovinare il charger. Per farvi un esempio, caricare uno smartphone che supporta 1A con un caricabatterie da 2A, non velocizzerà ne rallenterà i tempi di ricarica.

USB Turbo Charger

Anker vs samsungIl prodotto è un particolare caricabatterie, che supporta la tecnologia (di Qualcomm) QuickCharge 2.0.
Offre un output di 5V/9V/12V, rispettivamente a 2A/2A/1.5A.
Questo vuol dire che, oltre ai device compatibili con la ricarica ultrarapida, può caricare dei normali smartphone e tablet, senza alcun problema.

Rispetto ai caricabatterie economici è provvisto di alcuni accorgimenti in grado di salvaguardare i dispositivi in ricarica: protezione da sbalzi di corrente, protezione da corto circuiti e da sovraccarico della batteria, riconoscimento del corretto voltaggio per lo smartphone in carica.

La qualità costruttiva è eccellente. La finitura satinata è abbastanza resistente ai graffi e la solidità appare evidente già al primo “contatto”. Piccola nota negativa va fatta sulle dimensioni.
Purtroppo questo prodotto è abbastanza più grande della media (come potete vedere nel confronto con un caricabatteria Samsung), a causa del maggior ingombro dei componenti di controllo del voltaggio.

Nelle nostre prove il dispositivo si è comportato bene.
Con un Note 4 ed un One M8 la ricarica rapida è stata supportata correttamente, senza problemi di natura termica e senza rumori durante l’uso.  I tempi di ricarica sono stati abbattuti notevolmente (di circa il 40-45%).

I test effettuati su smartphone che non supportano questa tecnologia hanno evidenziato un funzionamento perfetto. In particolare, ho notato, sul mio Note 2, una migliore qualità della carica rispetto al caricabatterie Samsung.
L’originale si fermava ad un’erogazione di 1.5A-1.6A, mentre l’Aukey è riuscito a sfruttare appieno i 2A supportati dal device, scaldando anche meno.

Da notare che, se necessitate di amperaggi superiori ai 2A a 5V (situazione possibile per alcuni tablet), questo caricabatterie si fermerà comunque a 2A, non supportandone di superiori.

NOTA: I test sono stati effettuati con cavo originale e cavo Aukey (non incluso). I tentativi svolti con cavi economici hanno dato risultati estremamente peggiori, per questo vi consigliamo un cavo di qualità.

 aukey

Dual USB Car Charger

aukey auto

 

Il prodotto in questione è un caricabatterie doppio da auto, dal caratteristico design ultracompatto.
La massima potenza in output è di 5V a 4.8A (24W), divisi tra le due porte o per singola porta. Con questa uscita, potrete caricare contemporaneamente 2 smartphone o 2 tablet alla massima velocità possibile.

La qualità costruttiva è buona. La finitura lucida è abbastanza gradevole ed il fissaggio nell’accendisigari è solido. Non è facile inserire e disinserire l’accessorio, ma è un enorme vantaggio, soprattutto in fase di collegamento e scollegamento del cavo USB.
La grande compattezza fa si che sporga pochissimo dall’alloggiamento, diminuendo gli ingombri e migliorando l’estetica nell’abitacolo.
Una nota negativa va fatta per la copertura delle porte, che risulta essere leggermente flessibile, dando così una sensazione di scarsa qualità quando la si prende per disinserire il caricatore.

aukey auto montato

Nei test “sul campo” l’USB charger si è comportato benissimo. La potenze erogata è sempre stata corretta (sia per un Note 2 che per un iPad Retina), anche con due dispositivi collegati.
Non ci sono particolari note da fare sul funzionamento, se non quella di stare attenti a cosa si collega.
Purtroppo il dispositivo non è provvisto di un sistema di controllo dell’amperaggio e, se si dovesse superare la soglia di 4.8A, si potrebbero causare comportamenti anomali e surriscaldamenti.
E’ comunque una situazione al limite.

NOTA: I test sono stati effettuati con cavo originale e cavo Aukey (non incluso). I tentativi svolti con cavi economici hanno dato risultati estremamente peggiori, per questo vi consigliamo un cavo di qualità.

aukey auto frontale 2

 

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.