Default

Samsung al MWC: Galaxy S6 e S6 Edge

Mar 1, 2015

Samsung al MWC: Galaxy S6 e S6 Edge

La conferenza di Samsung è certamente la più attesa della giornata, se non altro per capire quale direzione prenderà il colosso coreano.

All’apertura, i dirigenti coreani hanno spiegato l’importanza della ricerca e dell’ascolto del cliente  al fine di migliorare i propri prodotti e le proprie tecnologia.

 

Galaxy S6

Samsung-Galaxy-S6-Edge-Render

Le prime “luci” sono state per il Galaxy S6 ed il Galaxy S6 Edge.
L’aspetto su cui si è posto più l’accento è il design rinnovato. Il nuovo stile, come già era trapelato nelle scorse settimane, si basa su una nuova cornice in metallo ed un Corning Gorilla Glass 4 che copre l’anteriore ed il posteriore del dispositivo.
La cornice, da 6.8 mm, non è regolare (come può apparire dalle immagini) ma ha delle piccole smussature per migliorare ergonomia e presa sul Galaxy S6.
L’Edge, presentando un doppia curvatura dello schermo, ha invece delle cornici laterali più sottili e meno lavorate.
Per entrambi i colori disponibili, che caratterizzeranno il retro ed il frontale, sono: bianco, nero, blu e verde.

L’hardware è il più potente sul mercato mobile. Il system on a chip, prodotto a 14nm, è il nuovissimo Exynos 7420 (prodotto da Samsung), con CPU octa core e GPU mali 760. Questo chip, oltre ad essere eccellente in termini di potenza, risulta essere molto meno dispendioso (in termini di consumi) e più stabile nella gestione delle temperature. Il processore supporta anche LTE Cat 9. in grado di portare audio e dati in 4G. Anche il display da 5.1″ è assolutamente di livello, grazie al pannello Super AMOLED Quad HD con 577 pixel per pollice.
Anche il comparto memoria è al top. I 3GB di ram possono godere della tecnologia DDR e la nuova memoria interna (non espandibile) è un ibrido tra un SSD ed una emmc, garantendo così prestazioni ai viste su uno smartphone, in termini di velocità di lettura scrittura. La batteria integrata (di cui non è stato specificato l’amperaggio) dovrebbe migliorare l’autonomia (già ottima) di Galaxy S5, grazie ai minor consumi della componentistica adottata. La cella sarà dotata di tecnologia per la ricarica rapida, in grado di ottenere 4 ore di autonomia con soli 10 minuti di ricarica. La carica completa avverrà nella metà dl tempo rispetto a quella di iPhone 6.
Supportate anche le tecnologie WPC e PMA per il wireless charging.

Le fotocamere sono migliorate notevolmente. Il nuovo sensore posteriore da 16MP, con stabilizzatore ottico, ha un’apertura F/1.9, che permette alla fotocamera di gestire meglio le situazioni di luminosità scarsa e la sfocatura degli sfondi. Anche l’anteriore ha subito un upgrade, grazie ai 5MP (con pixel maggiorati) ed all’apertura F/1.9. Queste nuove specifiche porteranno ad un netto miglioramento anche dell’ambito video, con miglior stabilità e migliori riprese con luce scarsa.
il lato software contribuirà a migliorare ancor di più le prestazioni in ambito foto/video. L’HDR è gestito in tempo reale e la nuova interfaccia permette un uso più semplice ed immediato. Inoltre gli utenti più esperti potranno contare su una modalità totalmente manuale, per sfruttare appieno le potenzialità dell’hardware.
Per migliorare anche i tempi di apertura, Samsung a deciso di rendere l’app della fotocamera in standby permanente; con un doppio click del tasto home sarà possibile avviare la fotocamera e scattare una foto in soli 0.7 secondi. Non manco nuove features anche per lo scatto in situazioni più concitate; è stato infatti aggiunto un sistema di tracciamento degli oggetti in movimento, in grado di mantenere il fuoco fisso sui soggetti non fermi all’interno dell’immagine.

Se questo non dovesse bastarvi, sicuramente sarete contenti di sapere che la TouchWiz ha subito un forte restyling. E’ stata notevolmente semplificata ed adeguata ai dettami di Google sul Material Design, contestualizzando i vari “ambienti” dell’interfaccia con colori diversi. Un ulteriore miglioramento riguarda la gestione del sensore delle impronte digitali, che riconoscerà l’impronta semplicemente poggiando il dito, non rendendo più necessario lo swipe dall’alto verso il basso.

A chiudere si è parlato di Samsung Pay e Knox. Il primo potrà essere usato anche in esercizi che non supportano NFC, grazie ad una particolare tecnologia chiamata MST e sarà ultrasicuro, poiché allocherà i dati nei server protetti degli istituti di credito. Il secondo, particolarmente utile in ambito enterprise, è stato potenziato e testato da agenzie della sicurezza di numerosi paesi.

La disponibilità del prodotto è prevista, insieme a numerosissimi accessori (cover, ricarica wireless, nuovo Gear VR), per il 10 Aprile in 25 paesi, nei tagli da : 32/64/128GB.

 

 

 

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.