News Smartphone Video

Samsung Galaxy Note 5: tutto quel che c’è da sapere

Set 3, 2015

Samsung Galaxy Note 5: tutto quel che c’è da sapere

galaxy note 5

Nonostante sia passato qualche tempo dall’annuncio, vogliamo fare il punto sul Galaxy Note 5, che è ancora il principale protagonista in casa Samsung (anche ad IFA 2015).

Partiamo dalle basi: tutto ruota attorno ad un display 5.7″ Super AMOLED con risoluzione Quad HD (1440 x 2560 pixel) e dotato di digitalizzatore Wacom integrato.

I colori sono molto vividi e la luminosità massima è una delle più alte sul mercato (per non dire la migliore).

Il sistema è mantenuto fluidissimo da un SoC Exynos 7420, con Cpu octa-core in configurazione big.LITTLE (quad-core Cortex A53 @1.5 Ghz + quad-core Cortex-A57 @2.1 Ghz) e GPU Mali-T760.
La RAM da 4GB è ultra veloce, potendosi appoggiare sulla tecnologia DDR4, e la rom da 32/64GB è diventata (purtroppo) non espandibile.

Anche la batteria da 3000 mAh ha subito un piccolo peggioramento ma, secondo le prime review internazionali, l’autonomia sembra essere di ottimo livello.

IMG_9409Un bel upgrade è stato effettuato nel comparto foto/video, grazie all’adozione di un nuovo sensore da 16MP con stabilizzazione ottica e F/1.9. Questo aumenterà la luminosità degli scatti e la possibilità di “giocare” con lo sfocato, senza perdere dettagli.
In ambito video la risoluzione massima è rimasta 4K a 30 frame per secondo.
Anche la frontale da 5MP appare migliorata, anche per merito di nuovi accorgimenti software apportati dalla casa (video Full HD @30fps).

IMG_9408

La qualità costruttiva ricalca quella già vista sul Galaxy S6: frame in metallo, vetro posteriore Gorilla Glass 4 e pulsante Home con lettore di impronte.
L’unica differenza risiede nell’adozione di una doppia curvatura sul retro, in grado di migliorare notevolmente l’ergonomia. Questa si avverte chiaramente quando si prende in mano il Galaxy Note 5, anche se in realtà ci si rende conto che questo pregio potrebbe essere perso in concomitanza dell’uso di una cover in TPU, ad esempio.

Ovviamente a livello connettività non manca nulla (tranne il sensore IR): LTE cat. 6, Bluetooth 4.2, Wi-Fi dual-band e A-GPS con Glonass.

Il sistema, basato su Android 5.1.1 Lollipop, ricalca quello già visto su Galaxy S6 Edge + che, a sua volta, è una piccola rivisitazione dei quello di S6/Edge. Senza rientrare nel dettaglio, ci preme ricordarvi una funzione molto utile su display di questa dimensione: il Multiwindows. Quest’ultima vi permetterà di gestire contemporaneamente più finestre a schermo, avviando ed utilizzando allo stesso momento più programmi. Il tutto può avvenire a “split screen” (cioè dividendo a metà il display), oppure attraverso finestre flottanti e ridimensionabili a piacere dell’utente (un po come avviene sui sistemi desktop).

Galaxy Note 5: i pregi di S Pen

galaxy-note5_spen_feature_multi-window

galaxy-note5_gallery_right-side_gold_s3Quello che però rende unica questa serie è la celebre S-Pen, in grado di sfruttare appieno il digitalizzatore integrato.
La nuova penna è in metallo ed ha un meccanismo di estrazione rinnovato, grazie ad un sistema a click (premendo il tasto la penna esce e si può estrarre).
E’ stato rivisto anche il “feed“, che rende la sensazione della scrittura ancora più realistica.

Ma cosa si può fare con quest’ultima?
Samsung ha ideato una serie di funzioni interessanti, integrate alla perfezione nel sistema.

Certamente la principale è quella di acquisizione rapida degli appunti.

In qualsiasi situazione, anche a schermo bloccato, estraendo la penna potrete prendere appunti a “mano libera”. Inoltre, senza alcuna azione ulteriore, reinserendo la penna essi verranno salvati ed archiviati. Indubbiamente un “plus” per chi necessita di salvare informazioni in tempi rapidi. Nella pratica tirando fuori dalla scocca il pennino, il display si accenderà rimanendo praticamente nero ed offrendovi un comodo blocco di appunti. Nella video-anteprima che trovate all’interno dell’articolo potete vedere un esempio pratico di utilizzo.

Con la utility “Air Command” potrete sfruttare anche ulteriori features interessanti.

Per chi non lo sapesse, questa suite è un insieme di funzioni racchiuse in un unico pallino (tipo Facebook Messenger per intenderci), richiamabili con un tap sullo stesso o con un click sul pulsante della S-Pen.

Una volta esteso il menù potrete: effettuare screenshot (scrivendoci appunti sopra), “ritagliare” parti della schermata (anche i modo smart, seguendo forme o contorni), prendere appunti più elaborati (selezionando colori, tipo di tratto e molto altro) o aprire S-Note. Molto simpatica l’opzione di catturare lo schermo anche quando la pagina è molto lunga, come magari accade per le pagine web.

Quest’ultima racchiude ulteriori utility per: scrivere, fare schemi e grafici, nonché disegnare.

Nel complesso il Galaxy Note 5 si presenta un vero business-phone in grado di seguire gli utenti nella produttività quotidiana, senza disdegnare lo svago.

L’arrivo in europa è previsto per il 2016, dopo un iniziale periodo di commercializzazione in alcuni mercati selezionati. Sinceramente non poteva mancare questo prodotto in Italia, visto e considerato che reputiamo la serie Note la migliore in assoluto se si parla di smartphone dalle grandi dimensioni.

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.