News Recensioni smartphone Smartphone

Samsung Galaxy W: la recensione

Nov 13, 2011

Samsung Galaxy W: la recensione

Samsung Galaxy W. Samsung ha presentato un nuovo terminale che va ad arricchire la famiglia Galaxy, si tratta del modello I8150, meglio noto come Galaxy W.

Si tratta di uno smartphone di fascia media che viene venduto al prezzo consigliato di 299€ e che monta un processore single-core molto potente da 1.4GHz in due differenti colorazioni: Elegant White e Soft Black.

E’ modello paragonabile al Galaxy S Plus, in quanto monta lo stesso processore, ma si differenzia invece per il display: Super AMOLED nel caso dell’S Plus e S-LCD nel caso del modello recensito. Più avanti analizzeremo i dettagli. Questo terminale fa parte della linea High Tier, indicata a chi cerca un compromesso tra stile/eleganza e performance elevate.

Come confezione segnaliamo l’assenza di una microSD aggiuntiva, compensata dal fatto che il device nasce con 4 GB di memoria interna, e la presenza di un caricabatteria da viaggio.

 

[slider_pro id=”8″]

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Spessore e Peso

Il terminale si presenta in115,5 x 59,8 x11,5 mm di dimensioni. All’apparenza è molto compatto, elegante e con un peso di 109,9 gr si dimostra molto maneggevole e leggero. Le scocche sono in plastica, il che, a scapito di eleganza, va a vantaggio di resistenza in caso di cadute e ovviamente del peso complessivo che è molto ridotto.

Esteticamente si nota per la scocca full candybar, tipica di quasi tutti gli smartphone di ultima generazione e con un look che non innova ma convince per compattezza e maneggevolezza. Sulla back cover troviamo un pattern retinato molto grazioso e soprattutto le plastiche utilizzate garantiscono un buon grip che permette di tenere in modo saldo in mano il terminale in mano.

L’impressione è che la parte superiore del terminale sia la più curata, soprattutto nella parte posteriore dove risiede la fotocamera. Inoltre, le dimensioni dello smartphone permettono di utilizzarlo senza problemi con una sola mano e tutti i pulsanti sono raggiungibili con una presa sicura. In definitiva si può definire come un terminale ben costruito e con diversi pattern che gli donano eleganza e un look un po’ diverso dal solito.

 

Display

Il display è un 3.7 pollici con risoluzione WVGA da 480×800 pixel. Purtroppo non monta il display con tecnologia Super AMOLED. Il risultato però, lasciatevelo dire, è decisamente ottimo: colori ben bilanciati, luminosità ai massimi livelli e soprattutto colori molto fedeli alla realtà, unico appunto per i neri che non risultano profondi, ma più tendenti al grigio.

La tecnologia S-LCD raggiunge ottimi risultati anche in questo caso. Bisogna ricordare che non c’è stata nessuna conferma ufficiale di Samsung sulla natura S-LCD del display, pertanto potrebbe essere una semplice matrice TFT LCD, anche se abbiamo notevoli dubbi a riguardo in quanto il risultato, a livello di brillantezza e nitidezza, è paragonabile a quello ottenuto dal Galaxy S I-9003 che monta sicuramente il display S-LCD. Pertanto possiamo affermare che anche sotto la luce del sole esterna il risultato è comunque buono. La densità di pixel per pollice è pari a 253 ppi, un risultato molto buono considerate le dimensioni contenute del terminale accostate alla risoluzione del device.

Purtroppo bisogna segnalare un difetto: il display tiene le impronte. Questo pare essere dovuto al fatto che il display non è protetto da vetro (sicuramente non è Gorilla Glass), ma da un tipo di plastica molto dura e resistente. Sotto la scocca del display si celano due sensori: uno di prossimità e uno di luminosità ambientale, un appunto su quest’ultimo va fatto perché è presente, ma nel menù non è possibile abilitare la gestione automatica della luminosità.

Nella parte inferiore troviamo i tre classici bottoni Samsung, uno è il Back per tornare indietro, il tasto Menu e quello centrale che può avere diverse funzionalità quali task switcher, tastiera virtuale e ricerca vocale.

 

Chipset

Il terminale monta un validissimo processore single-core, lo stesso montato dal Galaxy S Plus, uscito anch’esso di recente. Si tratta del S-o-C (system-on-chip) Qualcomm MSM8255T Snapdragon con una frequenza di clock pari a 1.4 GHz, inoltre su questo stesso sistema troviamola GPU Adreno205. A livello di processore possiamo segnalare che il terminale non ha dato problemi o impuntamenti particolari, anzi ha dimostrato un’ottima fluidità nella navigazione tra i menù e nella navigazione sul web.

Il pinch to zoom è sempre utilizzabile in galleria, email e ovviamente sul web e da qualche minimo rallentamento nel caso il rendering (caricamento completo) della pagina web non sia ancora completato. Il processore ovviamente supporta il Flash Player che quindi può essere abilitato nelle pagine web e, tenendo conto della connessione disponibile, offre buone prestazioni.

Il multitasking è ben supportato dal sistema e anche i giochi in 3D sono giocabili tranquillamente senza problemi particolari. I giochi che abbiamo testato in prova sono risultati essere pienamente compatibili.

 

Multimedialità

Questo Galaxy W monta una fotocamera da 5 MP con autofocus e flash LED. Il risultato degli scatti con alta luminosità sono stati ottimi per la fascia di riferimento della fotocamera garantendo una alta risoluzione e un’ottima tenuta dei dettagli. Con meno luce il flash ha donato una luce forse meno naturale, ma con un risultato veramente buono.

A livello video invece è garantito il supporto a 1280×720 pixel, quindi non c’è il supporto in fase di registrazione full HD, con 30 fps (ndr: frame per secondo). Per i video non c’è autofocus continuo, ma il risultato è comunque ottimale. Segnaliamo la possibilità di vedere filmati divX in modo nativo senza bisogno di applicazioni di terze parti.

Come parte telefonica segnaliamo un buon altoparlante, forse leggermente gracchiante sui volumi massimi, e un audio di livello molto alto dalla capsula interna. Qualche problema riguardo alla ricezione di segnale 3g e 2g, ma niente per cui possa essere definito difetto.

Comparto social network che fa affidamento alla solita app Samsung “Hub” che raccoglie i principali network sociali, anche se si possono sempre installare le applicazioni proprietari secondo le proprie preferenze. Sottolineiamo che di 4 GB di memoria, uno è quello disponibile per le applicazioni. GPS molto veloce nell’acquisizione del segnale dai satelliti e ben supportato a livello software.

 

Sistema operativo

Il sistema operativo montato è Android, in particolare monta l’ultima versione disponibile 2.3.5 (ricordiamo che la 2.3.6 è disponibile solo su Nexus S) e come tale offre quanto di meglio Gingerbread possa offrire. L’ottimizzazione del sistema operativo è buona, il telefono non si impunta praticamente mai durante l’uso quotidiano del sistema.

Touchwiz 4.0 è l’ultima interfaccia disponibile di Samsung ed è stata portata su questo terminale, ricordiamo che è la medesima presente su Galaxy S2. Si possono personalizzare sette finestre che possono essere navigate o tramite swipe laterali o attraverso una scroll bar; in alternativa si può sempre tenere ridurre le finestre in modo da passare in modo più rapido tra le varie finestre.

Il pinch to zoom è stato disabilitato sulla homescreen, non si riesce a capire se a causa di limitazioni hardware o un problema software. Nella gestione dei widgets è possibile spostare uno di questi fino alla homescreen con una sorta di angolazione 3D molto simpatica. Tranne per la mancanza del pinch to zoom, dobbiamo dire che questa Touchwiz 4.0 è ben integrata con il sistema.

La batteria è da 1500 mAh, nei primi giorni di utilizzo intenso fatica ad arrivare a sera, ma una volta rodata e a regime questa riesce a portarci tranquillamente a fine giornata come gli smartphone ci hanno abituato.

 

Prezzo

 
Il Galaxy W arriva sul mercato al prezzo di lisrtino 299€.

 

Valutazione finale

 
Il prezzo lo pone in diretta concorrenza con il Galaxy S. Obiettivo di Samsung era probabilmente quello di diversificare la propria offerta e con questo prodotto ci è riuscita. Siamo di fronte infatti ad un terminale che vogliamo definire “solido”. Compatto nelle dimensioni, dotato di un buon display (forse poco contrastato), molto leggero e dalle prestazioni interessanti. Non siamo di fronte alle velocità che osserviamo spesso sui recenti smartphone dual core, ma questo processore così potente lo rende estremamente fluido e con rari impuntamenti. Il rapporto qualità/prezzo ci appare quindi giustificato dalle componenti e dalle prestazioni ottenibili: un vero high tier.

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.
  • 11gianluca

    Finalmente uno smartphone dual-core con un prezzo accessibile.. Lo voglio!!

    • Anonimo

      Si si è proprio un dual-core a 300 euro, come no…babbo natale ancora non è arrivato per tua informazione 😀