China News Smartphone Video

Saygus V2: commenti e anteprima dello smartphone americano da 320 GB

Mar 8, 2015

Saygus V2: commenti e anteprima dello smartphone americano da 320 GB

saygus v2 wireless

Il V2, prodotto dall’americana Saygus, è certamente tra gli smartphone più “particolari” visti al #MWC15 di Barcellona.
Il prodotto, sicuramente unico per caratteristiche, nonostante sia stato annunciato al CES di Las Vegas, è “sbarcato” in Europa solo durante la rassegna spagnola.

Video Hands-on del Saygus V2

Anteprima del Saygus V2

Ad un primo sguardo, questo smartphone appare come un terminale high-end “classico”. Il system on a chip è il Qualcomm Snapdragon 801, con CPU quad-core @2.5 Ghz e GPU Adreno 330. A questo si aggiungono 3GB di ram ed un buon display da 5 pollici Full HD (1920 per 1080 pixel) protetto da un Corning Gorilla Glass 4. Non mancano poi le implementazioni più comuni quali: NFC, supporto alle reti 4G, Bluetooth 4.0, Wi-Fi b/g/n/ac e trasmettitore infrarossi.

IMG_6672

Un importante punto di forza risiede, però, nella memoria interna. La rom parte da 64GB, espandibili attraverso due slot per MicroSD, compatibili con memorie da massimo 128GB. Attraverso un rapido calcolo, è chiaro che la memoria massima supportata è di ben 320GB. Una quantità “monster” per uno smartphone Android, probabilmente utile a pochi utenti, ma di sicuro impatto nel mercato.

Per sfruttare al meglio un tale quantitativo di dati, l’azienda ha anche dotato il device di una USB 3.0 (per una trasmissione più veloce degli stessi) e del supporto per l’USB OTG, che permette dei trasferimenti con pendrive di tutti i tagli (con il relativo adattatore).

IMG_6666

Anche il resto della dotazione è comunque eccellente. Troviamo due fotocamere di livello, con una frontale da 13MP ed una posteriore da 21MP (con doppio led flash), dotate di stabilizzatore ottico. Il comparto multimediale si chiude con un doppio speaker frontale realizzato in collaborazione con Harman Kardon.

Per alimentare tutto ciò è prevista una batteria da 3100 mAh.

saygus v2 kevlar

Anche la qualità costruttiva è assolutamente impeccabile, grazie all’uso dell’alluminio per il frame e del kevlar per la scocca posteriore, garantendo così un’ottima resistenza agli urti ed ai graffi.

Il lato software non presenta personalizzazioni particolari. Si basa su un Android 4.4 KitKat stock ed offre un’esperienza identica a quella dei Nexus.

saygus v2 interfaccia stock

Purtroppo la commercializzazione è prevista, in un primo momento, solo negli States, ad un prezzo di 599$ che, considerando la cura hardware e costruttiva, ci sembrano assolutamente giustificati.

Commenti

Difficile non rimanere affascinati da questo smartphone Android, poiché effettivamente il Saygus V2 (ndr: V Squared come ci hanno insegnato gli stessi produttori) è un terminale che vuol far parlare di sè. E’ stato considerato, giustamente, l’outsider del #MWC15 per via di specifiche tecniche assolutamente altisonanti, ma nella prova pratica ci ha veramente stupito grazie alla assoluta stabilità del sistema. Non verrà aggiornato a Lollipop con molta probabilità perché in Saygus hanno deciso di non toccare un sistema Android giunto alla versione con massima stabilità e, tutto sommato, abbiamo potuto solo constatare che hanno ragione da vendere.

L’utilizzo del casting wireless con la frequenza da 60 GHz è stato uno dei punti più interessanti, poiché effettivamente abbiamo visto sia come i filmati Full HD non abbia risentito di alcun lag nella riproduzione su TV Full HD, sia come abbia trasformato il Saygus V2 in un potente joypad e in una console molto affidabile, dando a questo smartphone Android un tocco in più.

saygus v2 miracast

Il comparto hardware, basato su chip Qualcomm, conferma come effettivamente si sia scelto su materiali e componentistica di eccellenza assoluta, così come anche il Gorilla Glass di 4° generazione e il rivestimento in kevlar della scocca posteriore. Il prezzo, tutto sommato, per quello che rappresenta il prototipo di questa appena nata azienda statunitense (startup) conferma come ci si possa affacciare al mercato anche in modo molto aggressivo, regalando ottimi prodotti ai propri clienti. Sarà venduto inizialmente negli Stati Uniti, ma per chi ama il videogaming o la vera multimedialità si può prendere in considerazione anche l’importazione.

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.
  • Antonio

    se hanno intenzione di venderlo anche qui, faccio un pensiero

  • Damiano Tancredi

    Bene!