China News Recensioni Recensioni smartphone Video

THL T7: la recensione completa

Apr 17, 2016

THL T7: la recensione completa

thl-t7-featured

THL T7 è uno smartphone che sa catturare l’attenzione: arriva direttamente dopo THL T6 Pro e colma un gap di prodotti che l’azienda asiatica ha tardato a presentare. Era un bel po’ che non sentivamo il nome sul mercato di THL e con THL T7 possiamo confermare che il produttore cinese è tornato con tutte le carte in regola: smartphone con display da 5.5 pollici, risoluzione HD, lettore di impronte digitali, batteria super capace da 4.800 mAh, processore octa-core e 3 GB di RAM. Queste caratteristiche sono alcune di quelle peculiari di THL T7, smartphone che si può acquistare a circa 140 euro (in discesa) su TinyDeal.

Videorecensione di THL T7

Design

thl-t7-host-microUSB

Quando si prende in mano la prima volta il THL T7 ci si rende subito conto che si tratta di uno smartphone non proprio leggero visto che si toccano i 200 grammi e, complici i materiali pregiati, si ha avverte anche il senso di “pesantezza”. Superato questo primo approccio, si apprezza assolutamente la cornice in metallo, il cui taglio è abbastanza netto sui bordi. La back cover non è removibile e sotto di essa si cela la batteria dall’ampia capacità. Le principali caratteristiche del design di THL T7 riguardano il piccolo slot (apribile con apposita spilletta) che ospita le due SIM (THL T7 è uno smartphone Dual SIM Dual Standby) o che, in caso di SIM singola, può ospitare una microSD fino a 32 GB.

thl-t7-sensore-impronte

La seconda importante novità, rispetto anche al modello a cui succede, riguarda il sensore di impronte digitali: questo è posto sul retro, sotto alla fotocamera. Posizione che abbiamo trovato comoda e funzionale se utilizzate il dito indice oppure meno “comoda” se invece preferite registrare il pollice (che avrebbe trovato più fortuna al posto del tasto Home). Riguardo al funzionamento posso solo confermare l’efficacia: almeno 9 volte su 10 ha riconosciuto l’impronta. Unico neo, ma comprensibile vista anche la fascia di prezzo in cui si inserisce il THL T7, è la velocità di sblocco. Non è paragonabile a quella che potete apprezzare sui top di gamma Huawei, Apple o Samsung. Ma in un secondo o poco più, la vostra impronta sarà letta e lo smartphone sbloccato.

Non sono presenti tasti fisici frontali (quelli del menù sono a display), mentre lateralmente, sul bordo sinistro (ndr: comodo soprattutto per i mancini) trovano spazio il bilanciere del volume e il tasto di standby o accensione/spegnimento.

thl-t7-dual-sim thl-t7-spessore

L’altoparlante è invece posto nella parte inferiore della back cover, posizione che solitamente risulta infelice se poggiato su una superficie piana. In questo caso, grazie ad una leggera curvatura dello smartphone, lo speaker di THL T7 risulta ancora godibile.

thl-t7-bordo

Il THL T7 è uno smartphone che cerca di curare molto l’aspetto estetico, anche se le dimensioni importanti possono far storcere il naso agli utenti alla ricerca di compattezza e portabilità.

 

Display

thl-t7-colori

Display ampio, ampia visibilità? Si e no. In questo senso ci sono alcune considerazioni da fare: THL T7 monta un pannello IPS LCD che non eccelle per colori brillanti, ma soprattutto mostra una risoluzione HD che non fa gridare al miracolo in quanto a nitidezza. Andiamo con ordine: i colori sono molto naturali, ma sotto la luce diretta del sole non sempre la luminosità basta a renderli brillanti e ben visibili. La risoluzione HD da 1280 x 710 pixel invece paga dazio rispetto alla nitidezza: chi ci segue da parecchio sa che non siamo fan di risoluzioni esagerate (come quella 2K) ma su una diagonale così ampia (5.5 pollici) una risoluzione Full HD avrebbe garantito una qualità eccellente.

thl-t7-pixel-display

Il lato positivo di avere una risoluzione non elevatissima riguarda l’impatto energetico, che ben si sposa con l’idea di smartphone in grado di offrire una ottima autonomia.

thl-t7-riflessi-display

Noi comunque, grazie anche alla presenza dell’impostazione MiraVision di Mediatek, consigliamo di impostare la temperatura di colore su Vivido per aumentare, almeno in parte, la vivacità e la saturazione dei colori.

 

Hardware e prestazioni

In cosa non fa sentire mancanze THL T7? Sicuramente nelle prestazioni. Infatti sfrutta bene il processore octa-core MTK6753, che nonostante integri una GPU non recentissima (come la ARM-MALI T720) si è comportato molto bene anche nel gaming. Per le operazioni di uso comune, quelle da vita quotidiana, THL T7 viaggia liscio e infatti permette di gestire contemporaneamente un buon numero di app (fino a una quindicina senza avere rallentamenti o transizioni meno convinte). Per questo bisogna ringraziare anche la generosa dose di RAM, 3 GB, che almeno al momento attuale costituisce una delle principali differenze tra un cinafonino e uno smartphone più comunemente venduto nel mercato italiano.

Le prestazioni sono risultate molto convincenti in fase di navigazione web (sia sotto rete 4G che sotto rete Wi-Fi), sia nelle fasi di gaming più spensierate. Abbiamo provato THL T7 con giochi più impegnativi, come ad esempio Dead Trigger 2, Real Racing 3 e Asphalt 8 (non la versione Nitro, più leggera), e giochi più semplici come Candy Crash Saga o Two Dots o Brain It On: il risultato è rimasto invariato. Nei giochi più complessi THL T7 non ha fatto pensare di uno smartphone “monco” o con una GPU eccessivamente vecchia e il frame rate si è rivelato sempre stabile, come potete vedere anche nella videorecensione che trovate ad inizio articolo.

thl-t7-geekbench thl-t7-antutu thl-t7-vellamo

Come evidenze quantitative vi segnaliamo che THL T7 ha totalizzato 31402 punti su AnTuTu Benchmark, invece 2741 e 2612 punti su Vellamo rispettivamente con Google Chrome e con il browser di sistema; infine 624 e 2824 punti su GeekBench 3 nel test single core e in quello multiplo: punteggi che non fanno altro che confermare le buoni prestazioni generali e la buona fluidità del sistema operativo.

La velocità di questo processore è anche verificabile nei tempi di sblocco del suo lettore di impronte digitali, rapido ed efficace.

 

Connettività

THL T7 è uno smartphone decisamente completo: la tecnologia Dual SIM è efficace. Si collega rapidamente alle reti 4G, rimane stabilmente connesso alle reti Wi-Fi e non presenta difetti se si parla di connettività. Facilmente lo abbiamo connesso alla macchina grazie al Bluetooth 4.0 e, al tempo stesso, si è collegato rapidamente anche a due speaker Bluetooth (uno di iClever e uno di EasyAcc).

Il GPS, antico e annoso problema sui cinafonini dotati di chip Mediatek (gli utenti che ci seguono da più tempo ricorderanno), è ormai dimenticato: THL T7 si collega e fixa i satelliti in modo piuttosto rapido.

 

Fotocamera

thl-t7-app-fotocamera

Aspetto che meno mi ha convinto di THL T7 è la fotocamera: non tanto per la qualità degli scatti che risulta anche più che sufficiente, quanto per la lentezza nello scattare una foto. Andiamo per gradi: THL T7 monta una fotocamera da 16 Megapixel posteriormente, mentre anteriormente ne troviamo una da 8 Megapixel (interpolati, visto che reali sono 5 e, almeno gli utenti più esperti, si renderanno conto degli artifizi applicati).

Purtroppo sull’app non c’è ancora nulla da dire, ma è esattamente la stessa che conosciamo ormai da un bel po’ in quanto stock di smartphone Mediatek: ormai straconosciuta come funzionalità ed opzioni. Si segnala la presenza di modalità HDR e un tempo di scatto non proprio fulminante (un paio di secondi con la suddetta modalità di sera).

thl-t7-notte-no-flash thl-t7-giorno-nuvoloso thl-t7-giorno-foto-hdr
thl-t7-giorno-automatico thl-t7-foto-notte-hdr thl-t7-automatico-notte

La qualità degli scatti invece è molto buona in diurna, lo abbiamo paragonato ad un quasi parifascia, come Doogee Y200, ed il risultato è stato effettivamente migliore: la grana digitale è presente, ma la densità di pixel costituisce un vantaggio e c’è un buon numero di dettagli. Gli scatti in diurna sono molto buoni, mentre verosimilmente la qualità cala in modo importante in notturna.

thl-t7-fotocamera-sensore

I video invece possono essere girati in Full HD a 30 fps, senza stabilizzazione (ndr: ma è normale con questo tipo di spesa) e la qualità è adeguata all’esborso economico.

 

Sistema operativo

THL T7 monta Android Lollipop 5.1 e, sinceramente, siamo piuttosto scettici su un eventuale aggiornamento Marshmallow. In questo caso, chi si vuole cimentare nell’acquisto di smartphone cinesi, si deve armare di pazienza e dedicarsi al modding, provare con le ROM e quant’altro per avere anche quel pizzico di personalizzazione e funzionalità in più. Al di là di questo, il sistema operativo di THL T7 è ben rodato, offre le solite opzioni ed aggiunge ovviamente la possibilità di gestire le impronte, la programmazione dell’accensione dello smartphone, di personalizzare la gestione delle due SIM.

Il launcher base non è particolarmente curato da THL, offre una interfaccia poco intrigante a causa di alcune icone che hanno bordi squadrati. Problema assolutamente risolvibile con Nova Launcher o un altro dei tanti.

thl-t7-nova-launcher thl-t7-menu-vero thl-t7-home-ux3

Come app preinstallate possiamo confermare l’estrema pulizia di THL T7 che vede solo l’app di TinyDeal (shop da cui lo abbiamo comprato), il che garantisce di sfruttare al massimo lo spazio per installare app e giochi, nonché per evitare le tante app spazzatura. Inoltre, forse più del solito, va segnalato che THL T7 non presenta problemi di localizzazione e i testi in lingua straniera sono ridotti all’osso.

 

Batteria e autonomia

Altro aspetto molto interessante di THL T7 è sicuramente quello della batteria perché monta una unità da 4.800 mAh, purtroppo non removibile. Le prestazioni sono sicuramente ottime, specialmente se paragonate agli smartphone distribuiti in Europa. Siamo riusciti a raggiungere in media circa 7 ore di schermo acceso, abbinate ad un uso non troppo intenso che ha visto il videogaming limitato a circa 30 minuti al giorno. In media almeno un giorno e mezzo di autonomia ci è stato garantito da THL T7, questo nelle due settimane di prova che abbiamo usato come metro di giudizio.

 

Disponibilità e prezzo

THL T7 è uno smartphone cinese, motivo per cui acquistarlo in Europa può far salire i prezzi. Noi lo abbiamo preso su TinyDeal.com ed è disponibile in colore bianco/argento (come la nostra versione in prova) o nero. All’interno della confezione troverete il solito materiale cartaceo rapido, la spilletta per l’apertura del carrelletto dedicato alle schede, ma anche una custodia in TPU trasparente.

Il prezzo, sicuramente la discriminante più interessante nella scelta dello smartphone, è di 134€.

 

Conclusioni

THL T7 ha offerto due settimane di piacevole prova, non ha dato adito a dubbi in merito all’affidabilità perché non ha sofferto di freeze preoccupanti e perché ho apprezzato l’efficacia del sensore di impronte. L’autonomia ha convinto e lo ha reso uno smartphone intrigante soprattutto per chi cerca un prodotto dalla lunga durata.

Purtroppo il design è sicuramente un punto non particolarmente esaltante: peso importante e qualche scelta (come il taglio ripido dei bordi) non particolarmente apprezzato. Qui di seguito trovate il consueto specchietto di pro e contro.

PRO

✔ Prestazioni buone, anche in gaming
✔ Autonomia superiore alla media dei parifascia
✔ Tecnologia Dual SIM affidabile e banda 800 MHz
✔ Lettore di impronte molto efficace

CONTRO

✖ Smartphone più pesante della media
✖ Taglio dei bordi troppo netto
✖ Display dai colori non molto brillanti

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.
  • Fabrizio Grussu

    Buongiorno posso chiedere di quanto è la memoria rom effettiva? Grazie

  • Alessandro Cadoni

    e per quanto riguarda la connessione bluetooth, quale versione supporta? perché per il letv ho dovuto comprare un auricolare apposito..

  • Alessandro Cadoni

    è presente l’italiano nelle lingue per il menù? sai, nonostante lo scrivessero, ho avuto brutte sorprese in passato..

    • Ciao Alessandro, qualche voce è sicuramente non tradotta nel menu ma pochissima roba. Già dal video te ne rendi conto 🙂