CONDIVIDI
⇒ I migliori smartphone del 2017.
La classifica.

Umidigi.. è il nuovo UMI

Gli smartphone Umi sono stati tra i primissimi ad essere importati in Italia e che hanno fatto discutere per la recente decisione, dopo una storia lunga oltre 5 anni, di cambiare il nome in Umidigi. Difficile capire quali siano i motivi del cambio di nome, ma le ambizioni della casa cinese sono altissime, tanto da approfittare della vetrina offerta dal MWC per presentare il nuovo Z Pro, il primo smartphone ad uscire sul mercato marchiato con il nuovo brand. La filosofia alla base del nuovo brand resta la stessa, ovvero quella di offrire dispositivi con un profilo tecnico di alto livello a prezzi aggressivi, in primis puntando ad un hardware Mediatek in luogo della più costosa gamma Snapdragon.

thumb__DSC1194_1024

Umidigi Z Pro: caratteristiche tecniche

La caratteristica principale di Umidigi Z Pro è la doppia fotocamera posteriore, costituita da due sensori Sony IMX258 da 13MP, che consente di effettuare scatti con effetto bokeh (ovvero con lo sfondo sfuocato rispetto all’oggetto in primo piano). La scelta dei sensori può sembrare poco esaltante agli occhi degli utenti più esperti che conoscono le prestazioni del sensore, ma è doveroso segnalare che si tratta degli stessi sensori montati su LG G6, il quale uscirà a prezzi decisamente superiori.

Umidigi Z Pro è il primo smartphone sul mercato ad essere dotato del nuovo processore di punta di Mediatek. Il cuore dell’hardware è infatti costituito dal nuovissimo chip Mediatek Helio X27, affiancato dalla GPU Mali T880. Le altre caratteristiche includono un ampio display da 5,5 pollici con risoluzione Full-HD, 4GB di RAM e 32GB di memoria interna, espandibile tramite lo slot per la microSD, che supporta schede fino a 256GB. Da segnalare la presenza del lettore di impronte integrato frontalmente nel tasto home. La versione di Android installata è ancora ferma alla 6.0, mentre la batteria promette una buona autonomia, grazie ad una capacità di 3780mAh.

thumb__DSC1190_1024

Il prezzo di listino di Umidigi Z Pro, se acquistato attraverso il sito ufficiale, è di 299.99 dollari.

Umidigi Z Pro: hands-on ed opinioni

Umidigi Z Pro prova ad alzare l’asticella della qualità grazie ad una dotazione hardware che non lascia nulla di intentato, infatti già dal primo di utilizzo ci si accorge che le prestazioni sono di ottimo livello e l’interfaccia (molto vicina a quella pura) risulta molto fluida nelle varie transizioni. Abbiamo avuto una velocissima possibilità di videogiocare (circa 5 minuti a Real Racing 3 con un ottimo feeling generale) senza però avere la possibilità di stressarlo e valutare l’eventuale surriscaldamento.

L’app fotocamera è stata personalizzata, anche se ovviamente si nota la somiglianza con quelle più famose (iPhone e Huawei su tutte), arricchendo notevolmente le possibilità creative dell’utente e, al di là dei possibili plagi, è una fotocamera che può dare discrete soddisfazioni.

Il design risulta ben curato, abbandona la plastica in favore del più pregiato metallo in modo da attirare anche i palati più fini. Il primo impatto è stato molto positivo per Umidigi Z Pro, in attesa di una prova più approfondita fateci conoscere la vostra opinione nel box dei commenti o sulle nostre pagine social: siamo su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube e Google+!

⇒ I migliori smartphone del 2017.
La classifica.