News

Whatsapp per smartwatch”non beta users”, comunicare non è mai stato così semplice

Set 1, 2014

author:

Whatsapp per smartwatch”non beta users”, comunicare non è mai stato così semplice

WhatsApp-per-smartwatch

Questo potrebbe essere davvero per molti di voi un buon motivo, se non un ottimo motivo addirittura, per procedere all’acquisto di una delle più recenti innovazioni del mercato dei dispositivi mobili o per meglio dire indossabili: lo smartwatch. Difatti una delle più importanti critiche che vengono spesso mosse a questo tipo di device consta proprio nel fatto che non se ne riesce a vedere sino in fondo la sua utilità soprattutto in termini di comunicazioni non verbali. Da giorni però le cose sembra stiamo davvero cambiando dato che già i primi di Agosto era arrivata la notizia ufficiale secondo la quale prima Messager e poi Whatsapp (ma solo per i c.d. “beta users”)erano arrivati sugli smartwatch griffati Google ed ora, sull’onda di ciò, è arrivata la notizia che l’aggiornamento di Whatsapp è disponibile anche per i c,d. “non beta users“. Ma procediamo con ordine in questo nostro narrare.

Prima furono i beta users

Facebook è senza dubbio entrato con prepotenza all’interno del mercato degli smartwatch dato che già ad inizio mese la compagnia di Mark Zuckerberg ha reso Whatsapp compatibile con il sistema operativo Android Wear (quello per i device indossabili). La app era però pronta e dunque disponibile solo in versione beta e per l’appunto consentiva e consente tuttora ad i suoi possessori di leggere i messaggi ricevuti sul polso e di rispondere per il mezzo del famoso riconoscimento vocale semplicemente andando a dettare parola per parola il testo che si desidera inviare (stessa identica cosa come già detto era avvenuta per Facebook del quale era per l’appunto stata rilasciata una versione beta per smartwatch anche se ovviamente limitata a Facebook Messenger). Questo primo progresso però , seppur decisamente incoraggiante per tutti coloro che amano o che si stanno appassionando al mondo degli smartwatch non era abbastanza visto che la limitazione alla sola versione beta andava a tagliare fuori numerosissimi utenti. Per questa ragione Whatsapp ha proceduto dunque a fare quanto riportato qui di seguito.

Ed ora anche i non beta users

E venne dunque il tempo anche per i device senza la versione beta tramite l’upgrade numero 2.11.362 che dunque è in grado di ampliare i suddetti servizi di lettura di testo e di riconoscimento vocale con annesso invio anche a questa più ampia categoria di utenti dato che la versione base di Whatsapp può oramai essere scaricata e per l’effetto utilizzata da tutti coloro che hanno un dispositivo indossabile con versione pari o superiore ad Android 2.1 (praticamente impossibile trovarne uno con versioni inferiori).

Conslusioni

Come già detto e considerato nella introduzione di questo articolo la scelta fatta da Whatsapp di ampliare la portata anche alla versione non beta è una di quelle scelte che segnano un era. Infatti da oggi in poi migliaia di utenti hanno una ragione validissima in più per decidere di provare o di acquistare uno dispositivo indossabile come lo smartwatch che, ne siamo fortemente sicuri, potrà diventare il device dei prossimi anni sia in termini di praticità ed utilità sia in termini di vendite. Lo credete anche voi? Ditecelo sia qui che su Facebook. Vi aspettiamo.

Via

Si divide tra Roma e Londra, sempre alla ricerca del modo migliore per fare soldi senza lavorare, si dedica all'alchimismo nutrizionale e alla costante ricerca della dieta magica che gli consenta di mangiare chili di gnocchi ai 4 formaggi senza ingrassare. Nel tempo libero appassionato di smartphone, PS3, diritto, finanza, ogni tipo di sport e... Snoopy.