Guide Guide tecniche

1GB e 2GB di traffico dati (internet) al mese sono sufficienti? Analisi dei consumi

Mar 30, 2015

author:

1GB e 2GB di traffico dati (internet) al mese sono sufficienti? Analisi dei consumi

consumi rete dati 1gb 2gb traffico

A forza di “whatsappare”, condividere foto, controllare la casella email, guardare video su Youtube, navigare sul web e dare un’occhiata a Facebook ecc.. se stiamo spesso fuori casa e non abbiamo a disposizione una rete WiFi, rischiamo di consumare in poco tempo tutto il nostro piano dati. Ed è proprio di questo che parleremo oggi. In particolare, vogliamo trovare delle valide risposte alle seguenti domande:

1) Sono sufficienti 1GB, 2GB o 4GB di traffico dati al mese per l’utilizzo che facciamo di internet quando siamo fuori casa?
2) A quante ore di “internet” corrispondono i limiti di traffico citati? Quanti video possiamo guardare su Youtube, o ancora quante foto possiamo condividere su Facebook?

Cosa succede se oltrepassiamo il limite di traffico a disposizione?

La prima cosa da fare una volta acquistato uno smartphone è, ovviamente, attivare un piano tariffario che includa una soglia dati (in genere mensile). I quattro operatori italiani (Tim, Vodafone, Wind e Tre) propongono diversi tipi di abbonamenti, che in genere includono 1GB o 2GB di navigazione al mese.

TIM offre tre tipi di abbonamenti “Tim Special”, che includono rispettivamente 1, 2 o 3GB/mese. Tra di dettagli dell’offerta si legge che “al superamento del GB/mese disponibile, se il cliente non ha altre opzioni dati attive, Internet si blocca fino alla successiva disponibilità mensile”. Chi volesse più dati può aggiungere l’opzione di 1GB/mese aggiuntivo a 5€ o 2GB/mese a 10€.

Vodafone offre invece gli abbonamenti “Relax Mini” (minuti e SMS illimitati + 100MB a 29€ al mese), “Relax” (minuti e SMS illimitati + 2GB a 45€ al mese) o “Relax Completo” (minuti e SMS illimitati + 5GB a 75€ al mese). Anche sul sito di Vodafone, in caso di superamento dei GB mensili a disposizione, si legge che “se termini i GB mensili inclusi nel tuo piano la navigazione viene bloccata automaticamente fino al rinnovo successivo, senza costi aggiuntivi. Per tornare a navigare puoi attendere il rinnovo successivo o acquistare un’opzione EXTRA”. Le opzioni extra aggiungono al nostro abbonamento 1, 2 o 5GB/mese ad un costo di 5, 10 e 15€ al mese.

Gli abbonamenti di Wind si chiamano invece “All Inclusive King”, “All Inclusive Unlimited” e “All Inclusive Unlimited Premium” e ci danno, oltre a diverse quantità di minuti e Sms mensili, sempre 2GB di traffico dati. In caso di superamento di tale soglia “continui a navigare con una velocità ridotta ad un massimo di 32 kbps fino al rinnovo successivo dell’opzione”. Anche gli abbonamenti Wind possono essere arricchiti da opzioni extra, che ci permettono di aggiungere 1GB o 3GB a 3€ o 5€/mese.

Infine la Tre, che differenzia i suoi abbonamenti tra con e senza smartphone incluso. Si parte dal “Top Unlimited” che include 1GB LTE a 15€/mese, poi a seguire “Top Unlimited Plus” (LTE illimitato fino a 7GB/mese a 25€) e poi i vari “Top Unlimited Special, Super e Smart”, che includono diversi modelli di smartphone e offrono 1GB LTE o LTE illimitato fino a 7GB a prezzi compresi tra i 20€ e i 40€ al mese. Attenzione alla tariffazione applicata in caso di superamento del traffico dati: la tariffazione oltre soglia segue la logica degli scattoni, con addebito di 5,00€ per ogni 500MB di extrasoglia”.

Insomma, come facilmente intuibile, il superamento della soglia di traffico a disposizione comporta o delle ingenti spese o una navigazione estremamente rallentata. Ecco quindi che appare logico cercare di capire quali siano le attività più dispendiose in termini di traffico e che comportano maggiori consumi, al fine di limitarle, per quanto possibile, alle sole situazioni in cui siamo coperti da Wi-fi.

Rete dati: analisi dettagliata di tutti i consumi

Consumi della navigazione web desktop/mobile

Per sapere quanto consuma il caricamento di una pagina web, bisogna prima distinguere il caso in cui stiamo navigando su un sito ottimizzato per i dispositivi mobile (decisamente preferibile se stiamo navigando con lo smartphone), o un sito disponibile nella sola modalità desktop. In ogni caso è difficile fare una stima dei consumi perchè i fattori in gioco sono molteplici: la tipologia della pagina che stiamo visualizzando (home o singolo articolo), il numero di immagini presenti su una pagina web, il codice javascript, eventuali script di terze parti (come le pubblicità) ed eventuali opzioni di compressione del browser (come ad es. Opera). Secondo le ultime statistiche, riferite all’anno 2014, la dimensione media di una pagina web è salita negli ultimi anni fino a poco meno di 2MB. In realtà facendo qualche prova con My Data Manager abbiamo trovato un valore medio di 1MB per la home delle pagine ottimizzate per il mobile e di circa 500kB per le pagine secondarie (es. singoli articoli di un sito di notizie).

Consumi di Youtube

I video di Youtube sono tra i principali responsabili di un vertiginoso aumento dei consumi. Il problema dei video di Youtube, è che i consumi corrispondono al video “caricato”, che non per forza coincide con il tempo di visualizzazione effettiva. Questo può risultare un problema con le connessioni 4G: anche solo pochi secondi di visualizzazione del video potrebbero essere sufficienti a caricare decine di secondi di video. Chiaramente il consumo relativo ai video di Youtube dipende dalla qualità del video. Facendo qualche prova siamo giunti ai seguenti consumi, seppur approssimativi, che possono darvi un’indicazione su quanto tempo dedicare alla visione dei video a seconda del piano dati che avete scelto:

240p 1,5 MB al minuto
360p 3 MB al minuto
480p 6 MB al minuto
720p 9 MB al minuto
1080p 20MB al minuto

La qualità viene impostata in automatico a seconda della velocità di connessione rilevata (max 480p sui dispositivi mobili) ma, al fine di limitare i consumi, potete abbassarla manualmente a risoluzioni inferiori (in molti casi solo dopo aver visualizzato la pubblicità a 480p, purtroppo).

Consumi di Facebook

Se l’attività di Facebook, o più in generale sui social, si limita agli aggiornamenti di stato o alla visualizzazione della sezione Notizie, i consumi sono equiparabili a quelli della semplice navigazione web (una media di circa 2MB a minuto). Diverso è il discorso il caso di upload delle foto, il cui consumo è correlato alla risoluzione del sensore e alla qualità con cui si vuole pubblicare le foto.

Consumi delle app per la gestione delle email

I consumi delle app per leggere e gestire le e-mail sono legati alle opzioni di sincronizzazione e alle dimensioni degli allegati. Ipotizzando una ventina di Kb ad ogni aggiornamento (indipendentemente dalla ricezione delle email) è possibile calcolare i consumi mensili in base al numero di sincronizzazioni effettuate ogni ora e giungere alla conclusione che i consumi legati alla sola sincronizzazione delle email sono trascurabili. Potrebbero non esserlo invece gli allegati, la cui dimensione massima dipende dal gestore utilizzato (es. Gmail consente l’invio e la ricezione di max 25MB).

Consumi di Skype

Non utilizzando Skype, non abbiamo misurato manualmente i consumi. Possiamo però fare riferimento ai consumi indicati sul sito ufficiale di Skype.

Chiamate da Skype a Skype: 50kbps (kilobit), che equivalgono a 375KB al minuto (KiloByte, 1Byte =8bit, 50/8*60).

Videochiamate tra due dispositivi mobile: 500kbps, ovvero 3,75MB al minuto

Videochiamate tra un dispositivo mobile ed un PC: 600kbps, ovvero 4,5MB per minuto.

Consumi di Whatsapp

Il consumo di Whatsapp, se consideriamo la sola messaggistica, è minimo. Mediamente infatti ogni messaggio consuma 5KB, che equivalgono a 5MB per ogni 1000 messaggi. Il problema sono ovviamente i contenuti multimediali che passano attraverso Whatsapp, come video ed immagini. Fortunatamente le foto di grandi dimensioni (come quelle scattate da smartphone con un sensore ad alta risoluzione) vengono compresse a dimensioni inferiori, quantificabili in 100-200KB. Se da un lato è vero che le dimensioni sono indicate prima del download, dall’altro è anche vero che nel 99% dei casi non aspettiamo di essere sotto copertura Wi-fi per visualizzare foto, immagini e video.

Come scegliere il piano dati? Sono sufficienti 1 o 2GB di traffico dati?

Sulla base dei numeri che vi abbiamo indicato, anche se approssimativi, potete farvi un’idea di quello che potete fare con un determinato piano dati, e scegliere quello adatto alle vostre esigenze. Possiamo fare delle considerazioni generali:

– Con un piano dati che prevede 1GB di limite di traffico, è meglio limitare all’occasionalità (o alle situazioni in cui siamo connessi tramite WI-fi) qualsiasi attività di visualizzazione video: dai video di Whatsapp, a quelli presenti sulla sezione Notizie di Facebook (a tal proposito disattivate la riproduzione automatica!), a Youtube.

Per un utilizzo più spensierato di internet e di tutte le app che utilizzano la connessione dati, optate per un piano che preveda 2GB di limite di traffico. In tal caso non dovreste aver problemi ad utilizzare quotidianamente i social (anche in upload), guardare qualche video, navigare e visualizzare allegati.

– Per gli utenti più assidui e che passano gran parte della giornata fuori casa senza copertura Wi-fi a disposizione, 2GB di limite di traffico NON sono sufficienti, a causa della crescita esponenziale dei contenuti video su siti e social. Facciamo un esempio. Ipotizzando un utilizzo giornaliero (nemmeno troppo assiduo) che prevede la lettura di una ventina di pagine web (singole pagine web, non siti web differenti), una decina di minuti su Facebook, la visualizzazione di un paio di video da 2 minuti a 480p tra Facebook e Youtube, il caricamento di un paio di foto sui social con una fotocamera da 8MP, lo scambio di un centinaio di messaggi di Whatsapp, tra cui una decina di foto, la sincronizzazione ogni 15minuti delle mail e il download di un PDF da 2MB in allegato, si ottiene un consumo (approssimativo) giornaliero di:

20MB + 20MB + 25MB + 16MB + 500KB + 1MB + 2MB + 2MB = 86,5MB

Che fanno un consumo mensile di circa 2,6GB.

Chiudiamo con una domanda provocatoria: a cosa serve una veloce connessione 4G con un limite di traffico di 1GB?