Amazon Wi-Fi eero: il sistema mesh wireless per tutti | RECENSIONE

Un sistema Wi-Fi Mesh è sostanzialmente un insieme di componenti wireless che permettono di ampliare la copertura della propria rete domestica con un router principale e una serie di satelliti che si collegano ad esso: questo tipo di sistemi è particolarmente indicato per chi deve condividere la rete Wi-Fi su una metratura particolarmente importante. 

Oggetto della recensione di oggi è il sistema Amazon Wi-Fi eero, di recente disponibile in Italia in doppia versione con set da 1 satellite e set da 3 satelliti. Ho avuto modo di provare per circa 3 settimane questo sistema wi-fi mesh e sono pronto a raccontarvi cosa ne penso. Nemmeno c’è bisogno di dire che ovviamente questo sistema può essere controllato anche tramite Alexa, ma di questo ne parleremo più avanti.

In generale vi segnalo che la versione da 1 satellite è in vendita al prezzo di 109€, è consigliata per abitazioni fino a 140 m2, mentre la versione da tre satelliti è in vendita al prezzo di 279€ ed è consigliata per abitazioni fino a 460 m2

Wi-Fi eero: unboxing

Un momento che davvero apprezzo quando inizio a provare un nuovo prodotto è proprio l’unboxing: è tanto semplice, quanto affascinante. Rappresenta il primo momento con cui si entra in contatto con un nuovo prodotto, con una nuova esperienza da fare. Anche nel caso di Amazon Wi-Fi eero il primo impatto è convincente: box cartonato che contiene tutto l’essenziale per iniziare ad usare in modo semplice il proprio sistema Wi-Fi mesh. Nella versione che ho provato, i tre satelliti sembrano quasi dei piccoli gioielli, si stagliano in modo elegante sullo sfondo scuro della scatola. Sotto di essi trova spazio il certificato di garanzia (largo quanto la scatola, un formato poco ordinario), i tre alimentatori da parete e il cavo Ethernet per iniziare subito ad utilizzare eero.

 

Wi-Fi eero: le prestazioni e le caratteristiche tecniche

Quando si deve scegliere un prodotto si sceglie sicuramente il miglior rapporto qualità/prezzo oppure il top ad un budget predeterminato. Quindi è importante essere consapevoli che dal punto di vista hardware il sistema Wi-Fi eero è molto simile ai Beacons che aveva rilasciato un paio di anni fa la stessa azienda produttrice Eero. In questo caso la principale differenza è la presenza di un alimentatore da parete che prima era integrato, ma in questo modo dovremmo perdere un po’ di comodità e guadagnarne in usabilità (è più facile trovare delle prese appropriate viste le dimensioni). Ogni satellite possiede due porte Ethernet da 1 Gbps, assolutamente comode se volete avere una connessione diretta alla rete. Immaginate di avere un laptop o un PC e un cavo Ethernet, sicuramente comodi per sfruttare i cavi che magari avete già in casa. 

Una novità assolutamente da apprezzare (ma la davo anche per scontata) è che il nuovo sistema Wi-Fi mesh eero fornisce l’accesso alla doppia banda, sia 2.4 GHz che 5 GHz. L’unico neo, al momento in cui scrivo, è che la rete ha lo stesso nome e ho un paio di accessori (due prese smart Blitzwolf) che non supportano la frequenza a 5 GHz e non sono in grado di riconoscere la differenza di banda. Credo che sia un limite che si può superare con un aggiornamento comunque. Qui entra in gioco un’ulteriore differenza tra la versione base che sto provando e quella Pro: ci sono due antenne MIMO per entrambe le frequenze, mentre la versione Pro ha una antenna aggiuntiva che permette di avere una velocità massima più elevata quando ci si connette ai vari satelliti piuttosto che al modem centrale. Vale la pena acquistarla? A meno che non abbiate esigenze particolari (numero di dispositivi sempre collegati molto elevato), io mi accontenterei largamente della versione normale.

Una considerazione da fare riguarda il vostro provider internet: questo sistema Wi-Fi mesh permette di sfruttare al meglio la banda messa a disposizione dal gestore, ma qualora abbiate una banda limitata (ad esempio 100-200 Mbps) non otterrete grandi benefici nell’utilizzo di questo sistema.

Premesso che questa versione in prova copre fino a 460 m2 e (purtroppo ;D) la mia abitazione non arriva a queste metrature, posso assicurarvi assolutamente che Wi-Fi eero copre con costanza ogni zona dell’appartamento dove abito. E’ facile che in un condominio questo sistema possa essere usato anche per condividere la rete wireless. 

 

Wi-Fi eero: l’app e la configurazione

Una menzione a parte la merita sicuramente l’app per smartphone: davvero ben sviluppata, curata esteticamente e, soprattutto, funzionale. Come è scritto sulla scatola: vi basterà una connessione Internet e uno smartphone: tutto può essere controllato con quest’ultimo (iPhone o Android).

La parola d’ordine è semplicità: da app si può controllare quanti dispositivi sono collegati alla rete, gestire i profili (comodissimo all’interno di una famiglia), attivare reti per gli ospiti (così dovete evitare di comunicare agli ospiti complicate e lunghe password Wi-Fi), ma si può anche riavviare la rete qualora sorgano problemi.

 

Domotica tra Alexa e Apple HomeKit

Il sistema Amazon Wi-Fi eero è integrato anche con Alexa, per cui se in casa avete già l’assistente vocale potete tranquillamente controllare anche il vostro router tramite esso. C’è da sottolineare però che l’integrazione è limitata, poiché si tratta di controllo vocale che permette di sfruttare comandi basic (almeno per ora).

Sempre per rimanere in tema di domotica, è importante sottolineare che questo sistema Wi-Fi mesh supporta anche Apple HomeKit. Il primo vantaggio riguarda sicuramente la sicurezza e la protezione dei propri accessori, infatti eero offre una protezione ancora maggiore dei propri accessori HomeKit e un modo semplice per gestire i dispositivi con cui sono autorizzati a comunicare a casa e su Internet. Nella pratica se avete qualche accessorio già collegato ad HomeKit potete decidere ulteriormente quali autorizzazioni concedere in modo che sia sempre sotto il vostro controllo.

E’ presente anche un firewall all’interno del sistema Wi-Fi eero e questo impedirà agli accessori in HomeKit di comunicare con altri dispositivi, se non già previsto da voi. Se tutto questo è troppo per voi e volete qualcosa di molto più semplice, all’interno dell’app con cui controllare i dispositivi avete a disposizione anche un profilo Automatico. Questo a un accessorio di comunicare con i dispositivi e i servizi approvati dal produttore, impedendo l’accesso da parte di servizi non autorizzati. Altri due profili presenti sono Ristretto alla casa e Nessuna restrizione, dove rispettivamente e intuitivamente si darà l’autorizzazione a tutti i dispositivi già registrati in casa propria e, nel secondo caso, si darà la possibilità di interazione con tutti i dispositivi del web (e personalmente ve lo sconsiglio).

 

Considerazioni finali

Fino a pochi anni fa era davvero difficile pensare a un sistema Wi-Fi mesh a buon mercato, invece ora si può affermare con serenità che il settore è in espansione ed esistono soluzioni per tutte le tasche. Ci sono prodotti che forniscono qualche caratteristica aggiuntiva, come ad esempio l’assistente Google integrato, oppure qualche specifica tecnica superiore come il Wi-Fi 6 o altre soluzioni di sicurezza. Quello che è certo è che il sistema Amazon Wi-Fi eero costa il giusto in tutte le sue versioni e offre la comodità del controllo da app che aiuta tantissimo nella vita quotidiana. 

Una considerazione aggiuntiva riguarda anche l’attenzione che Amazon sta ponendo su questo prodotto: dopo aver acquisito eero non ha semplicemente lanciato sul mercato il prodotto, ma ha anche fatto sviluppare opzioni aggiuntive, come ad esempio l’integrazione con Apple HomeKit. La speranza, come sempre, è quella di avere un prodotto ben funzionante, nel lungo periodo e con aggiornamenti della sicurezza automatici (come è ora). 

Di Stefano Vinciguerra

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.



Lascia un commento