Recensioni

Anker Soundcore Motion+: la recensione completa

Una delle mode degli ultimi anni è quella degli altoparlanti wireless: questa si è sviluppata sia per la loro comodità che per la loro versatilità. Si tratta infatti di prodotti dalle dimensioni e dal prezzo contenuti che, sono però capaci di trasformare una festa all’aperto o in casa in un vero e proprio party.

Nelle scorse settimane ho avuto modo di provare il nuovo Anker Soundcore Motion+, uno speaker molto potente grazie soprattutto ai suoi 30W ed all’utilizzo della tecnologia BassUp. Dopo alcuni giorni di utilizzo continuo, e di gran divertimento, ho preparato per voi questa recensione dove ne analizzo pregi e difetti.

 

Anker Soundcore Motion+: caratteristiche tecniche

Prima di raccontarvi le mie impressioni vi lascio un breve riassunto delle principali caratteristiche tecniche di questo speaker Anker Soundcore Motion+ dotato di una potenza da 30W.

Questa potenza è divisa in 5 speaker, di cui 2 tweeter,  cioè altoparlanti dedicati a riprodurre le frequenze alte della gamma audio, e 2 woofers al neodimio, dedicati invece a riprodurre le frequenze basse, e un radiatore passivo, un altoparlante che si muove passivamente al movimento dell’aria di un diffusore adiacente ad esso in cassa. La frequenza d’uso è impostata su un intervallo tra 40 Hz – 50 KHz.

E’ importante sottolineare che l’altoparlante Soundcore Motion+ sfrutta la tecnologia DSP + Active Crossover per valorizzare uno o più altoparlanti e riprodurre correttamente le frequenze alte o basse. A livello di codec audio invece troviamo il Qualcomm aptX.

E’ fondamentale segnalare che si tratta di uno speaker con Bluetooth 5.0 che sfrutta anche un equalizzatore modificabile grazie all’applicazione dedicata di Soundcore.

Per non farsi mancare niente, sul Motion+ di Soundcore non manca la certificazione Hi-Res Audio ed IPX7, cioè si tratta di uno speaker che resiste anche all’acqua fino ad un metro di profondità per un massimo di 30 minuti.

Come batteria ne abbiamo una integrata da 6.700 mAh (sì, avete letto bene!) con una autonomia che viene dichiarata di circa 12 ore (e nei prossimi paragrafi vi svelerò se è vero o meno). Troviamo anche degli ingressi fisici, coperti ovviamente da pannelli di gomma soft-touch che sono sia USB Type-C (finalmente anche sugli speaker si comincia ad adottare questo standard) che AUX.

Anker Soundcore Motion+ misura 8,1 x 7,9 x 25,7 cm e pesa 1 kg. Non mi resta dunque altro da fare se non il raccontarvi la mia esperienza con questo speaker.

 

Anker Soundcore Motion+: unboxing ed utilizzo

Il prodotto arriva in una confezione in cartone, dove sono riportate le principali caratteristiche dello speaker, mentre al suo interno, oltre alla cassa stessa racchiusa nella consueta pellicola plastificata, si trovano anche il cavo USB-C, il cavo AUX ed il libretto utente (online trovate anche il manuale in più lingue).

Una volta aperta la confezione, si nota come il prodotto sia rivestito in gomma dall’ottimo feeling in mano grazie alle finiture soft touch superiore.

Poiché è resistente all’acqua, sul bordo superiore ci sono in rilievo il tasto per l’accoppiamento del volume, quelli di regolazione del  volume e quello dedicato alla riproduzione, e infine quello che abilita la tecnologia BassUP.

Dopo tanto utilizzo, posso confermare che si tratta di tasti reattivi che non tendono a consumarsi nel tempo.

 

Soundcore Motion+: la qualità audio

A livello di riproduzione musicale il test è stato superato a pieni voti e questo perché il suono esce in modo molto pulito, con un volume alto che non distorce le frequenze.

Tecnicamente questo avviene anche grazie all’inclinazione di 15 gradi del prodotto stesso, la musica viene riprodotta ed indirizzata verso l’alto, favorendone in tal modo una sua diffusione più omogenea.

Sempre a livello di suono riprodotto il Motion+ mi ha stupito per i suoi 30 W di potenza che lo rendono un prodotto ottimo da utilizzare anche all’aperto rispetto ad altri suoi concorrenti (anche se il peso di 1 kg potrebbe non rendere agevole il trasporto). Personalmente me lo sono portato dietro sia in piscina che al parco e mi sono sempre trovato molto bene.

Il mio feedback sulla qualità audio è positivo, avendo più volte testato un audio equilibrato e pulito. Sicuramente il mio consiglio è quello di utilizzare a dovere l’applicazione Soundcore sia per scegliere le frequenze, sia per optare a favore del profilo a voi più congeniale.

Unica pecca riscontrata, e questo vale soprattutto per i maniaci della pulizia, è la facilità con la quale la superficie in gomma di questa cassa trattiene le impronte.

Se poi siete patiti degli impianti surround vi ricordo che grazie alla modalità Wireless Stereo potrete abbinare due diversi Anker Soundcore Motion+ e creare dunque un effetto surround.

 

Anker Soundcore Motion+: giudizio finale e prezzo

Il giudizio complessivo è sicuramente ottimo, vuoi perché la durata effettiva della batteria coincide con quella dichiarata, vuoi per la buona potenza dello speaker e vuoi perché alla fine si tratta di un prodotto facilmente trasportabile ed adattabile a diverse esigenze (e location).

Unica piccola pecca, se così possiamo dire, è quella relativa al suo prezzo di 99€ e questo non perché non si tratti di un prodotto meritevole, anzi l’impressione è veramente ottima. Il motivo è da ricercarsi nella folta concorrenza, ragione per cui vi invito a cercare bene in rete alcuni prezzi promozionali. Un esempio è su Amazon, dove lo potete trovare molto spesso anche a 10-15€ in meno, trasformandolo in un vero best buy.

Vi piace Anker Soundcore Motion+ ?

Fatecelo sapere su Facebook, Twitter, Instagram e seguiteci anche su Youtube (canale TeamTech)!