News Recensioni

Aukey EP-T1: RECENSIONE | Cuffie True Wireless sottovalutate

Gen 31, 2019

Aukey EP-T1: RECENSIONE | Cuffie True Wireless sottovalutate

In questo nostro viaggio nelle cuffie true wireless (qui un paio molto interessante) ci siamo imbattuti nelle Aukey EP-T1, un paio che avevamo inizialmente sottovalutato, se non altro perché ci aspettavamo un prodotto molto cheap. In realtà questi auricolari in-ear si sono rivelate di buon livello, perché applicano bene il concetto true-wireless, pur senza raggiungere dei livelli eccelsi.

La costruzione degli auricolari True Wireless Aukey

Dal punto di vista costruttivo non si presentano male. La scatola esterna, che funge da contenitore e da caricatore, ha una base circolare (antiscivolo) con diametro 7 cm ed un’altezza di 3.5 cm. La capienza della batteria integrata non è dichiarata, ma vi possiamo dire che riuscirete a ricaricare circa 5 volte entrambe le cuffie. Dal punto di vista costruttivo la plastica utilizzata non è proprio premium, ma tutto sommato fa il suo lavoro ed in un mese d’utilizzo non abbiamo notato alcun tipo di difetto strutturale. Ruotando di 180° il guscio rispetto all’asse verticale, si accede alle cuffie vere e proprie, che hanno un alloggiamento magnetico estremamente funzionale.

Lasciate cadere all’interno della scatola, le cuffie manterranno la loro posizione e la loro rimozione risulterà abbastanza facile. Parlando delle capsule, abbiamo apprezzato la compattezza ed il peso (solo 5 grammi) nonostante l’impatto iniziale non sia stato dei migliori. A prima vista le cuffie non sembrano ne comode ne stabili, ma utilizzandole ci siamo ricreduti. Anche la costruzione è buona, con una finitura lucida abbastanza resistente ed un LED integrato che segnala il livello di carica e lo stato del pairing. Con una ricarica completa riuscirete a fare 3 ore circa di ascolto ad un volume medio/alto che, aggiunte alle 5 ricariche con la confezione, garantiscono un’autonomia di assoluto rispetto.

La qualità audio degli auricolari Aukey EP-T1

Dal punto di vista dell’audio, il suono risulta essere abbastanza pulito, anche se complessivamente ci è parso un pò inscatolato e sbilanciato verso i bassi. Gli alti sono buoni, ma manca abbastanza la copertura dei medi. Un audio quindi in linea con il prezzo, che non eccelle, ma che si fa apprezzare nell’uso quotidiano, soprattutto durante l’attività sportiva, dove solitamente i generi musicali più “pompati” la fanno da padroni.

L’unica cosa che non ci è piaciuta di queste cuffie è la modalità di pairing. Sia chiaro, la connessione è stabile e la disattivazione automatica al reinserimento delle cuffie nella box funziona bene, ma manca un sistema di autopairing alla rimozione. Quando infatti rimuovete le capsule dalla scatola di ricarica, dovrete necessariamente premere i tasti presenti per avviare l’accoppiamento, che quindi non partirà in automatico. Ci rendiamo conto che parliamo di cuffie economiche, ma è giusto farlo notare. Non manca comunque la possibilità di attivare una sola cuffia per utilizzarla come auricolare spaiato. Ultima critica riguarda il microfono integrato, che risulta avere un volume un pò troppo basso per gli interlocutori.

Conclusioni

In questo caso non ci sentiamo di consigliarle senza se e senza ma. Occorrerà che ogni utente faccia le sue valutazioni riguardo i due difetti citati. Personalmente, utilizzandole molto per lo sport, le ritengo una spesa valida, ma sta a voi decidere.

Acquisto qui

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Sempre pronto a testare nuovi prodotti tech.