AUKEY LS02: recensione dello SMARTWATCH economico definitivo

Gli smartwatch sono dispositivi ambiti e ricercati, a volte però troppo poco alla portata di tutti affinchè ci sia una vera e propria diffusione di massa. AUKEY, attraverso la commercializzazione dello smartwatch LS02, vuole sdoganare definitivamente questa categoria di gadget, proponendo una soluzione economica e concreta. Ci sarà riuscita? Scopriamolo in questa recensione!

Design e costruzione

Il packaging appare subito di caratura più elevata rispetto alla tradizionale scatola AUKEY in cartone riciclato. Il tutto è curato e ben confezionato, degno di un prodotto di fascia superiore. Discorso analogo vale per il design e la costruzione del prodotto.

Esteticamente ricorda moltissimo un Apple Watch, con l’aspetto quadrato ad angoli smussati. Il tutto è estremamente appagante da vedere, grazie anche ad un cinturino in gomma (20mm) dal look sportivo ma sobrio ed una colorazione molto simil “space grey” che fa una bellissima figura.

Lato costruttivo, considerato il costo e il posizionamento di mercato, siamo di fronte ad un’eccellenza in tutto e per tutto. Il corpo è in plastica, compatto e resistente. Vera chicca il frame, che pur essendo dello stesso materiale del corpo, ha un grado di rifinitura talmente elevato da essermi sembrato alluminio per diversi giorni (l’ho scoperto per puro caso).Sul lato destro è presente un tasto per accensione/spegnimento perfettamente integrato nella cornice ed anche la qualità delle giunzioni è assolutamente di buona fattura e non si avverte la minima imperfezione che sveli la natura economica del prodotto.

Nel complesso viene fuori un cocktail di qualità e carattere, elementi che danno a questo AUKEY LS02 un aspetto premium ed un grado d’assemblaggio degno di nota. Sotto questo punto di vista l’appagamento è totale e, se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, per wearable si tratta di punti di forza con enorme rilevanza.

Display

Il display è una componente di cui tener conto, visto che parliamo di un gadget che deve permettere di visualizzare correttamente l’orario in qualsiasi situazione di luce.

A bordo dell’LS02 di AUKEY troviamo un pannello da 1,4 pollici con risoluzione 320p. Non è un borderless display, ma è stato compiuto un gran lavoro di ottimizzazioni delle cornici e la zona effettivamente dedicata al display è assolutamente ampia.

L’unità equipaggiata ha matrice TFT, offre un’esperienza visiva (in termini di resa) ben oltre la sufficienza ed è molto luminosa. Quest’ultimo aspetto è per l’appunto fondamentale, in quanto una luminosità adeguata, come in questo caso, ci consente una perfetta visione dei vari menu e notifiche presenti a schermo.

Sono presenti 4 profili di retroilluminazione, per adeguarla correttamente all’ambiente circostante e 4 watchface fra le quali scegliere. Sono poche, ma tutte molto curate.

Il touchscreen è fluido e responsivo, e persino il vetro che riveste il pannello è molto più pregiato di quanto ci si potrebbe aspettare.

Prestazioni e connettività

Non essendoci a bordo WearOS nè un software “aperto”, l’hardware presente deve semplicemente occuparsi di far girare il tutto in maniera sufficiente. Quest’obiettivo viene raggiunto con tranquillità: nell’interfaccia si naviga in maniera fluida, le animazioni sono nel complesso soddisfacenti e non si ha mai l’impressione che il sistema sia in affanno.

I tempi di caricamento delle varie funzioni sono praticamente istantanei e l’uso dello smartwatch sotto questo punto di vista è più che soddisfacente. Trattandosi di un prodotto economico, che lato prestazionale fa già tanto, è assente una qualsiasi forma di memoria integrata “accessibile” e non è dunque possibile salvare alcun file.

Il collegamento avviene tramite il Bluetooth 5.0, che consente una connessione rapida e stabile.

Software e notifiche

Il software è minimale e ben ottimizzato, ma con tutte le funzioni che si possono chiedere ad uno smartwatch in questa fascia di prezzo. L’interfaccia è sufficientemente curata e priva di bug, appagante esteticamente e fluida nelle animazioni. E’ possibile visualizzare il meteo, le notifiche (sezione “Avviso”), visualizzare un pò di statistiche varie ed infine gestire la musica in riproduzione sul vostro smartphone. Oltre a questo si può far squillare il telefono attraverso apposita funzione, qualora non si riesca più a trovarlo e si possono gestire le varie opzioni di personalizzazione.

Le notifiche non sono istantanee da ritrovare, perchè sono accessibili solo dall’apposita sezione e la gestione non è delle più limpide. Alla ricezione della notifica (bisogna selezionare le app interessate dall’applicazione dedicata), la vibrazione sarà corposa e dunque ben avvertibile. Dall’apposito menù è possibile visualizzarle tutte e per intero, mentre alla ricezione si avrà semplicemente un appunto. Ovviamente non è possibile rispondere. Benissimo il controllo delle chiamate, cui è possibile solo chiudere, ma la vibrazione è ben calibrata ed il mittente è subito identificabile.

La gestione della musica funziona bene ed è molto responsiva, tuttavia dispiace che a schermo non compaia il titolo del contenuto riprodotto. E’ un peccato perchè una semplice Mi-Band riesce a farlo…

Altra mancanza che, almeno nel mio caso si è fatta sentire, risiede nella sveglia. Ci sono il timer ed il cronometro, ma non la sveglia…Badate bene, la funzione esiste, ma va gestita tramite applicazione. Anche qui Mi-Band fa meglio, peccato!

Benissimo l’accensione del display alla rotazione del polso, che funziona 9/10 ed è quasi fulminea.

Applicazione

AUKEY Fit è disponibile sia su Play Store che su App Store. L’applicazione funziona bene e la connessione col wearable è istantanea, ma è fin troppo scarna. E’ sì possibile visualizzare un’interfaccia generale con varie informazioni, ed una dedicata integralmente allo sport, ma mancano varie funzionalità che invece sarebbero necessarie.

Banalmente le notifiche si possono solo attivare/disattivare ed abilitare le app da cui riceverle. Non si può gestire in nessun modo la vibrazione, per i miei gusti fin troppo marcata così come non esiste una sezione dedicata ad esempio alle watchfaces. L’interfaccia invece è ok, abbastanza ispirata e ricca di vivacità. Insomma, gradevole alla vista ed intuitiva.

Presente la possibilità di optare per il rilevamento cardiaco automatico invece che manuale, ma questa feature dimezza di fatto l’autonomia. Utile la creazione di sveglie ed una gestione ottimale che per lo meno cerca di compensare l’assenza di un menù dedicato a bordo dello smartwatch.

Nel complesso fa ciò che deve, ma è un aspetto sul quale bisognerebbe lavorare per giungere a maturazione definitiva.

Rilevamento attività

Generalmente l’affidabilità dei vari rilevamenti su soluzioni particolarmente economiche lascia a desiderare, eppure qui invece siamo su un buon livello. Il cardiofrequenzimetro è abbastanza preciso, e soprattutto nella misurazione singola lavora meglio rispetto ad una Mi Band 5. La grafica della rilevazione è molto bella ed intuitiva, ed a 360 gradi è proprio la misurazione più affidabile.

Il contapassi infatti tende a sovrastimare, andando spesso a calcolare anche un semplice movimento del polso. Non essendo presente un GPS integrato, la distanza percorsa viene misurata attraverso quello integrato nello smartphone e di conseguenza uscendo con il solo smartwatch al polso, lasciando lo smartphone a casa, non sarà possibile calcolare il percorso compiuto.

Il monitoraggio del sonno indica semplicemente le ore che si è dormito, misurate in maniera davvero precisa, e la divisione in sonno profondo e sonno leggero. Su quest’ultima distinzione avrei da ridire, in quanto è abbastanza approssimativa.

Nella sezione sport è poi presente una lunga lista di attività sportive, ed ovviamente ogni registrazione viene inviata sullo smartphone per essere visualizzabile dall’apposita sezione dell’applicazione.

L’orologio possiede anche una certificazione IP68, che non vi consente di usarlo per immersioni da sub ma che vi garantisce una certa impermeabilità nell’uso quotidiano.

Batteria

A bordo è presente una batteria da 260 mAh, che per un’indossabile del genere è una cifra perfettamente adeguata. Durante la mia prova quotidiana infatti, con le notifiche sempre attive e il collegamento bluetooth sempre presente, ho praticamente raggiunto le 2 settimane di utilizzo.

Si tratta quindi di un’autonomia ottima, coadiuvata da un comodissimo caricatore magnetico e da una ricarica che va dallo 0% al 100% in 1 ora e mezza.

Prezzo e conclusioni

Il prezzo di questo AUKEY LS02 è di 39.99 euro di listino, spesso è soggetto però a diverse scontistiche che lo portano anche al di sotto dei 30 euro. Si tratta di una cifra estremamente bassa, che consente di accettare i limiti e le (poche) sbavature che il prodotto possiede.

Il verdetto
Nel complesso sono rimasto estremamente soddisfatto, specialmente per quanto riguarda costruzione, display e cardiofrequenzimetro. E' lo smartwatch da scegliere se si vuole sperimentare cosa significhi portare al polso un wearable, tenendo conto che è anche un oggetto appagante esteticamente. Best buy a tutti gli effetti, senza se e senza ma.
Design e costruzione
8.5
Display
8
Prestazioni e connettività
8
Software e notifiche
7.8
Applicazione
7.2
Batteria
8
Prezzo
9
Il mio voto
8.2
Cosa mi è piaciuto
Ottima costruzione
Display nitido e luminoso
Prestazioni sufficienti
Ottima connessione bluetooth
Software fluido e curato
Applicazione ben funzionante
Accensione del display alla rotazione che non perde un colpo
Precisione del cardiofrequenzimetro sopra la media
Certificazione IP68
Autonomia solida
Prezzo imbattibile
Cosa si può migliorare
Sovrastima il calcolo dei passi
Notifiche accessibili in maniera poco pratica
Applicazione scarna di funzioni
Perchè non esiste una sezione dedicata alle sveglie?
8.1
Lascia un commento
Previous Post

Corsair Sabre RGB Pro Champion Series: LA RECENSIONE | La nuova frontiera dei mouse da competizione!

Next Post

I migliori smartwatch economici a meno di 50€