Categorie
Guide Guide all'acquisto

I migliori modem router sul mercato

Spesso i problemi di connessione non dipendono solo dalle reti degli operatori telefonici… Non tutti lo sanno, ma sulla qualità finale di una connessione WiFi un ruolo molto importante lo gioca anche il modem.

Modem che, per sfruttare al meglio la linea telefonica, deve avere determinate caratteristiche. Un router WiFi potente ci consentirà infatti di avere ottime prestazioni sotto molti punti di vista: dalla semplice (ma ormai quasi indispensabile) navigazione web al download di files, al video streaming e al gaming (una connessione rapida e stabile garantisce infatti poco lag, vero incubo di tutti i videogiocatori). Con un buon router WiFi potremo scaricare in pochi minuti contenuti anche di grandi dimensioni e vedere su PC, smartphone o tablet video ad alta risoluzione senza rallentamenti.

Come in tutti i settori tecnologici, è evidente che per avere alte prestazioni serve un prodotto di qualità elevata: nella guida di oggi troverete quindi una selezione dei migliori modem router WiFi attualmente disponibili per l’acquisto.

 

 

Asus RT-AC5300

Questo router WiFi dall’eccentrico design che ricorda una corona è una vera “bestia” in grado di farci sfrecciare sul web ad altissima velocità. Grazie alla tecnologia triband, l’Asus RT-AC5300 può raggiungere l’incredibile velocità di 5.334 Mbps. Questa velocità, applicata allo streaming, significa che potremo vedere senza alcun rallentamento anche filmati in 4K, mentre in ambito gaming avremo latenze bassissime anche con più client connessi nella stessa rete.

Questo incredibile router Asus include poi molte interessanti funzionalità: collegandosi ad un’app per smartphone, potremo controllare i vari parametri di connessione di tutte le app installate sul nostro telefono. La tecnologia AiProtection, invece, garantisce un alto livello di sicurezza poiché, alla stregua di un antivirus, blocca l’accesso da siti pericolosi e da dispositivi che potrebbero contenere file infetti.
L’Asus RT-AC5300 è anche intelligente: grazie al QoS adattivo, il router adotterà la configurazione migliore in base all’attività che staremo facendo di volta in volta (e quindi se staremo utilizzando la connessione per navigare, vedere un film in streaming, videogiocare o altro).

Come se non bastasse, se collegato ad un hard disk esterno, questo router WiFi può anche scaricare in autonomia da torrent o altre sorgenti. Infine, grazie alle sue 8 antenne wireless con beamforming (che cioè individuano la posizione di qualsiasi dispositivo e vi indirizzano le onde), garantisce probabilmente la copertura del segnale migliore tra tutti i modem presenti sul mercato.

L’Asus RT-AC5300 è “grande” anche nel prezzo: su Amazon al momento è in vendita a € 379,99.

 

Sitecom Greyhound AC2600

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

Il Sitecom Greyhound AC2600 è un potente router WiFi dotato di quattro antenne wireless e tecnologia Beamforming: è quindi in grado di riconoscere dove si trovano i dispositivi collegati alla rete WiFi e indirizzare meglio il segnale.

Questo modem dual band, che può raggiungere una velocità di 2.600 Mbps, integra un processore Qualcomm dual core da 1,4 Ghz e 512 MB di memoria RAM. Il processore, grazie alla tecnologia Streamboost, riconosce le applicazioni che stiamo utilizzando ed invia di conseguenza la quota di banda ottimale in quel dato momento.

Il Sitecom Greyhound AC2600 è ottimo anche per la visualizzazione di video ad alte risoluzioni (anche in 4K) e per il gaming, visto che soffre di latenze davvero bassissime. Questo modem include due porte USB 3.0  (per il collegamento di eventuali periferiche) che garantiscono un trasferimento file ad alta velocità.

Infine, scaricando l’app gratuita per smartphone MyWiFi (disponibile per iOS e Android) potremo personalizzare le impostazioni più comuni e scaricare gli aggiornamenti software.

Il Sitecom Greyhound AC2600 è in vendita su Amazon ad € 288,12.

 

AVM FRITZ! Box 7490

AVM FRITZ! Box 7490 International Modem Router Wireless AC 1750, ADSL2+, Fibra (VDSL), Telefonia Analogica e/o VoIP, Base Dect, Centralino, Segreteria, 4 LAN Gigabit, 2 Usb 3.0, 2 FXS
Prezzo consigliato: 209.99€
Risparmi: 17.99€ (9%)
Prezzo: 192€

Ecco un modem potente ma senza ingombranti (e a volte antiestetiche antenne esterne). L’AVM Fritz! Box 7490 è un modem con WiFi dual band e supporto ai 5 Ghz, con velocità fino a 1.750 Mbps, adatte quindi a navigazione, video e gaming senza rallentamenti.

Attraverso le sue 2 porte USB 3.0, questo router permette anche di collegare un modem esterno (3G o 4G) o una chiavetta, permettendo quindi di aumentare il loro raggio d’azione su qualsiasi dispositivo.

La rete è molto stabile, anche con più dispositivi connessi, ed il QoS (la tecnologia che distribuisce e indirizza la banda a seconda dell’utilizzo) svolge assai bene il suo lavoro.

Grazie alle FRITZ!App possiamo accedere ai nostri dati con lo smartphone anche da remoto, telefonare sulla linea fissa col cellulare e gestire i nostri lettori multimediali, mentre per gli utenti più esperti, l’AVM Fritz! Box 7490 può fungere anche da NAS e media server.

L’AVM Fritz! Box 7490 è in vendita su Amazon ad € 199,90.

 

Netgear Nighthawk D7000-100PES

Netgear D7000-100PES Modem Router WiFi AC1900 Dual band Nighthawk, 4 Porte Gigabit Ethernet e 1 WAN, 2 porte USB, Nero
Prezzo consigliato: 133.89€
Risparmi: 4.89€ (4%)
Prezzo: 129€

Questo modem Netgear è dotato di tre antenne esterne che supportano la banda a 5 Ghz e gli permettono di coprire ampie distanze.

Il Netgear Nighthawk D7000-100PES può arrivare fino a 1.900 Mbps di velocità, con tempi di latenza bassissimi. Anche questo modem è dotato di tecnologia Beamforming, che individua i device connessi e indirizza il segnale in modo molto preciso, assicurando altissime prestazioni sia in fase di navigazione, che nell’utilizzo di videogiochi o video streaming.

All’interno abbiamo un processore dual core da 1 Ghz mentre esternamente, grazie alle porte USB 3.0, potremo utilizzare files o stampanti condivise con velocità di lettura e scrittura molto elevate.

Il Netgear Nighthawk D7000-100PES è in vendita su Amazon ad € 169,99.

 

TP-Link Archer D7

TP-Link Archer VR2800 Modem Router, Wi-Fi AC2800 Dual Band, ADSL/VDSL/Fibra, 4 Porte Gigabit, Wi-Fi Avanzata MU-MIMO 4 Stream, 2 USB 3.0, CPU Broadcom Dual-Core, Nero
Prezzo consigliato: 249.99€
Risparmi: 90€ (36%)
Prezzo: 159.99€

Il modem TP-Link Archer D7, oltre ad essere un ottimo modello, ha un rapporto qualità/prezzo unico. Questo router è caratterizzato da tre antenne esterne che assicurano una copertura del segnale molto estesa ed una connessione stabile.

Questo modem TP-Link supporta le bande a 5 Ghz e a 2,4 Ghz con dual band simultaneo, evitando interferenze, e può raggiungere velocità fino ai 1.750 Mbps. Sul retro abbiamo 3 porte Ethernet per la connessione cablata e 2 porte USB per condividere i dati di chiavette e stampanti sulla rete locale LAN. Infine, la porta EWAN commutabile offre la possibilità di connettersi in cascata ad altri modem con cavo, VDSL o fibra.

Il TP-Link Archer D7 è disponibile su Amazon ad € 99,98.

Categorie
Offerte Smartphone

#PrimeDay: OnePlus X in offerta a 207,49€


oneplus x

Tra le primissime offerte in ambito hi-tech dell’Amazon Prime Day, scattata a mezzanotte, troviamo lo smartphone OnePlus X, venduto all’ottimo prezzo di 249,99€.

Terzo smartphone prodotto dalla cinese OnePlus, OnePlus X ha caratteristiche simili a quelle di OnePlus One in un corpo più sottile e leggero, monta un display AMOLED, ha la possibilità di espandere la memoria tramite microSD e radio FM (non presenti nei due primi modelli, OnePlus One e OnePlus 2).

Qui di seguito trovate tutte le specifiche tecniche di questo smartphone che sotto molti punti di vista – processore, consumi e supporto tecnico – può competere con modelli ben più conosciuti.

Acquista OnePlus X a 207,49 euro

Specifiche tecniche:
Dimensioni e peso: 140 x 69 x 6,9 mm, 138 g
OS: OxygenOS basato su Android 5.1.1
CPU: Processore Qualcomm Snapdragon 801 con CPU Quad-core da 2,3 GHz
GPU: Qualcomm® Adreno™ 330
RAM: 3 GB
Spazio di archiviazione: eMMC v5.0 da 16 GB (espandibile fino a 128 GB)
SIM: 2 slot per 2 Nano SIM (DSDS) o 1 Nano SIM e 1 MicroSD
Sensori: Accelerometro, giroscopio, prossimità, luce ambiente, HALL
Batteria: Ricaricabile incorporata, 2.525 mAh
Connettività: GSM: 850, 900, 1800, 1900MHz, TDD-LTE: Bands 38/40, WCDMA: Bands 1/2/5/8, FDD-LTE: Bands 1/3/5/7/8/20
Wi-Fi: 2.4Ghz b/g/n WCN3680
Bluetooth: Bluetooth 4.0
Display: AMOLED 5″ 1080p Full HD, 441 PPI
Fotocamera posteriore: 13 MP
Fotocamera anteriore: 8 MP
Video: Full HD 1080p, slow motion; video 720p a 120fps

Non mancate di iscrivervi al nostro canale Telegram AffariConTec, vi racconteremo le migliori offerte dedicate al mondo della tecnologia senza disturbarvi con troppe notifiche.

Categorie
Smartphone

Android Nougat, tutte le novità nel nuovo sistema operativo

Android N

Al Google I/O Keynote 2016 dello scorso 18 maggio, Google ha annunciato il rilascio di una versione beta di Android N, il nuovo sistema operativo per dispositivi Android. Questa terza preview per gli sviluppatori si concentra soprattutto su tre aree: performance, sicurezza e produttività.

La nuova “build” (numero NPD35K) promette una maggiore stabilità, al punto che Google sta spingendo sia gli sviluppatori che gli utenti comuni ad installarla sul loro dispositivo principale. Vediamo quindi nel dettaglio le principali novità che arriveranno con il nuovo Android Nougat.

PERFORMANCE

Google, durante il keynote, ha parlato della API Vulkan graphics: un nuovo JIT (compilatore just-in-time) farà sì che le applicazioni si installino il 75% più velocemente, ed il codice compilatore dovrebbe ridursi del 50%. Ciò significa anche che l’irritante messaggio “Android is starting” dovrebbe sparire per sempre.

SICUREZZA

Google ha sottolineato i miglioramenti nella sicurezza attraverso un “criptaggio file-based”, un rafforzamento del componente media framework e aggiornamenti senza interruzioni. Questi ultimi, detti appunto “seamless updates”, significano che il nostro smartphone scaricherà in background le nuove software images e le preparerà per il prossimo riavvio del dispositivo. Grazie al criptaggio file-base, inoltre, al riavvio non dovremo re-inserire il nostro codice di sicurezza. 

PRODUTTIVITÀ

Per quanto concerne la produttività, Google ha dichiarato che la maggior parte degli utenti utilizza le 7 app più recenti dal drawer “app recenti”, perciò la ruota (wheel) sarà limitata solo a queste. Ci sarà anche un pulsante “Cancella tutto”. Facendo doppio clic sul pulsante delle app recenti potremo passare subito all’app precedente (in molti dispositivi questa funzione è già disponibile premendo a lungo lo stesso pulsante).

È poi presente una modalità “Multi-window” in due varianti: il classico split-screen e una modalità picture-in-picture, pensata per le TV Android. Quest’ultima modalità ci mostrerà il contenuto visualizzato sul nostro dispositivo in un piccolo riquadro in un angolo dello schermo, permettendoci di fare altro nell’area più ampia del TV. 

MENÙ RAPIDO NELLE IMPOSTAZIONI

Nel menù “Impostazioni”, in alto a sinistra, troveremo il classico pulsante opzioni (quello con le tre linee), che ci permetterà di spostarci rapidamente da un sottomenù Impostazioni ad un altro (ad esempio passando in un attimo dal menù “Bluetooth” al menù “Display”). 

RISPONDERE AI MESSAGGI DALLA BARRA NOTIFICHE

Come già visto su Apple iOS, arriva anche su Android la possibilità di rispondere ad un messaggio direttamente dalla barra delle notifiche. Questo ci permetterà quindi di rispondere senza dover chiudere l’app aperta in quel momento e anche col dispositivo bloccato. 

NUOVO PANNELLO NOTIFICHE

Il pannello notifiche è stato completamente ridisegnato: le icone nella “notification shade” sono adesso più evidenti, e sull’estrema destra c’è un apposito pulsante a freccia per espandere il pannello.

Le notifiche ora possono essere “compresse” per ottimizzare lo spazio nell’area notifiche, ad esempio riunendo in una sola riga tutte le notifiche della stessa applicazione. Per espandere invece ci basterà cliccare sull’apposita freccina.

I più smanettoni gradiranno poi la possibilità di personalizzare le notifiche scegliendo tra ben 6 livelli di importanza:

Bloccato: le notifiche non saranno mostrate

Importanza minima: visualizzate in fondo alla lista, senza avviso sonoro

Importanza bassa: visualizzate in ordine cronologico, senza avviso sonoro

Importanza normale: notifiche visualizzate e con avviso sonoro

Importanza alta: notifica a schermo e con avviso sonoro

Urgente: visualizzate in cima alla lista, a schermo e con avviso sonoro

Per impostare i livelli delle notifiche bisogna abbassare il pannello notifiche e premere a lungo sulla rotellina in alto a destra per attivare il “System UI Tuner” del menù Impostazioni; una volta entrati in questo sottomenù, andate su “Altro” e attivate la voce “Mostra tutte le impostazioni di importanza”. Da adesso quando andrete nel menù Impostazioni e poi su un’app, all’interno di “Notifiche” vedrete uno slider con cui potrete scegliere il livello di importanza delle notifiche per quell’applicazione. 

COME SCARICARE ANDROID Nougat

Se siete degli sviluppatori o semplicemente volete testare la preview build di Android 7.0 potete scaricare le immagini del nuovo sistema operativo direttamente da Google. Ricordate però che questa versione è instabile e contiene molti bug. Potete scaricarla da questo link: https://developer.android.com/preview/download.html.

Nota: la preview build è scaricabile solo sui seguenti dispositivi Nexus:

  • Nexus Player (Fugu)
  • Pixel C (Ryu)
  • Nexus 5X (Bullhead)
  • Nexus 6 (Shamu)
  • Nexus 6P (Angler)
  • Nexus 9 (Volantis)
  • Nexus 9 4G (Volantisg)

IL NOME DEFINITIVO DI ANDROID Nougat

Google ha pensato di coinvolgere i fan nella scelta del nome definitivo del nuovo sistema operativo (“Android N” è infatti il nome provvisorio della versione beta) aprendo un sito in cui ognuno può scrivere la sua proposta. Qualcuno dice che si sarebbe potuto chiamare “Nutella”, invece la scelta finale è ricaduta su Android Nougat. Vi

Categorie
Smartphone

Samsung, ecco perché il Galaxy Note 6 potrebbe chiamarsi Note 7

Samsung Galaxy Note 6

GALAXY NOTE 6 O NOTE 7?

Il nuovo phablet di Samsung, il Galaxy Note 6, in realtà potrebbe chiamarsi “Galaxy Note 7”. Il salto dal Note 5 attualmente in commercio al 7 sarebbe una semplice strategia di marketing dell’azienda coreana che, avendo appena commercializzato due smartphone top di gamma che portano il numero 7 nel loro nome (il Galaxy S7 e il Galaxy S7 Edge), se proseguisse la numerazione standard anche per il nuovo phablet – chiamandolo quindi “Galaxy Note 6” – potrebbe generare confusione negli utenti.

La denominazione “Galaxy Note 7”, invece, potrebbe aiutare non poco Samsung nell’eterna sfida ad Apple – che con tutta probabilità verso settembre/ottobre presenterà iPhone 7 e iPhone 7 Plus – poiché, nella mente dell’utente, si avrebbe la percezione di due prodotti concorrenti ma entrambi nuovi.


SPECIFICHE TECNICHE

Passando alle specifiche tecniche, i recenti rumors parlano di caratteristiche di altissimo livello, come un sottile display RGB AMOLED da 5,8 pollici, processore Qualcomm Snapdragon 823 e 6 GB o addirittura 8 GB di RAM, che lo renderebbero lo smartphone con la maggiore memoria sul mercato.

Per quanto riguarda le versioni si parla di una unica da 64 GB, e quindi non dovrebbe essere commercializzato anche un modello da 32 GB come nel caso del Galaxy Note 5.

Le indiscrezioni parlano anche di una fotocamera da 25 MP e del passaggio alla porta USB C, che garantirebbe una maggiore velocità di ricarica e la compatibilità con le uscite HDMI e Display Port.

 

DATA DI USCITA

Recentemente una fonte anonima di Samsung ha rilasciato una dichiarazione a TechRadar e Forbes secondo cui il Galaxy Note 6 (o 7) verrà lanciato in Inghilterra ad Agosto. Un’altra fonte parla invece di un lancio negli Stati Uniti previsto per il 15 agosto.

Categorie
Default

Google brevetta le “smart lenses”, le lenti a contatto smart

Google smart contact lens: monitor glucose level without needles

Google ci riprova. Dopo i Google Glass – progetto che, se non abbandonato, al momento è stato messo in stand-by – l’azienda di Mountain View ha brevettato le “smart lenses”, delle speciali lenti a contatto dalle numerose funzionalità tecnologiche.

Per installare nell’occhio umano questo dispositivo – che sul brevetto è definito “intra-ocular device” – bisognerebbe rimuovere chirurgicamente il cristallino ed iniettare un fluido che, una volta solidificato, andrà a costituire la nuova lente artificiale.

Si tratta di lenti elettroniche dotate di sensori, una memoria, una batteria e dei componenti radio che comunicano con un secondo dispositivo, esterno, che agisce da elaboratore ed alimentatore. La batteria interna, quella integrata nelle lenti e che sarà quindi a contatto coi nostri occhi, verrà infatti alimentata da un’apposita antenna, che le trasmetterà l’energia necessaria.

Google ha iniziato a ragionare sul progetto delle “smart lenses” nel 2014, anno in cui registrò un brevetto per delle lenti a contatto dotate di un minuscolo microchip senza fili che sarebbero in grado di monitorare i livelli di glucosio di chi le indossa. In seguito Google siglò una partnership con la multinazionale farmaceutica Novartis con lo scopo di sviluppare la tecnologia, e si fu molto vicini a passare dal brevetto alla realizzazione del prodotto. C’è infine da dire che, in questo particolarissimo segmento di mercato tecnologico, Google non è sola: anche Sony, infatti, ha brevettato delle lenti a contatto dotate di fotocamera e zoom.