Guide

Connessioni a confronto: GSM, GPRS, Edge, 3G e HSDPA. Tutte le differenze.

Le reti di seconda generazione: GPRS vs EDGE.

GPRS

Cos’è il GPRS?

GPRS è l’abbreviazione di General Packet Radio Service e consiste in un tipo di trasferimento dei dati detto commutazione a pacchetto, così chiamato perchè i dati vengono divisi per essere spediti separatamente per poi essere ricongiunti a destinazione. Viene anche detta generazione 2.5 G perchè si pone come il passaggio intermedio tra la seconda (GSM) e la terza generazione (3G).

 

Cosa consente di fare il GPRS?

Il GPRS è ormai una tecnologia datata e la navigazione internet tramite GRPS è piuttosto lenta, limitandola di fatto ai soli siti in versione mobile. Tramite GPRS infatti risulta difficile anche l’utilizzo di applicazioni Android e iPhone che necessitano della connessione internet, come quelli di messaggistica istantanea (Whatsapp).

 

Quali sono i gestori che utilizzano il GPRS?

La rete GPRS è utilizzata solo da Vodafone, che ovviamente dispone anche delle più veloci tecnologie basate sulle reti di terza generazione. Può capitare, in caso di copertura 3G assente o limitata, che il telefono passi da 3G a GPRS con ovvie ripercussioni sulla qualità della navigazione, rendendola di fatto inutilizzabile.

 

Che velocità raggiunge il GPRS?

Il GPRS consiste in un GSM migliorato al fine di mandare e ricevere dati più rapidamente. Con una connessione GPRS, il telefono è immediatamente in grado di rispondere ad una richiesta di trasferimento dati con velocità tipicamente intorno ai 32 – 48 kbps. Questa velocità è solamente teorica dato che dipende da diversi fattori:

  1. La distanza dalla stazione radio base. La velocità decresce con la distanza dalla stazione base radio. In aree densamente popolate, come le grandi città, coperte da una fitta rete di celle radio le velocità saranno generalmente più elevate rispetto alle zone rurali; questo perchè la distanza dalla stazione influisce anche sul tipo di decodifica utilizzato: algoritmi veloci (come CS-4) vicino alle stazioni radio, algoritmi più lenti (come il CS-1) se si è invece distanti.
  2. Il numero di utenti collegati per cella. In determinate fasce di orario (come prima di cena) il numero di utenti sarà statisticamente maggiore, rendendo più lento il GPRS.
  3. La “classe” del cellulare utilizzato. Le classi sono determinate dal numero delle cosiddette “time slot” (fessure temporali) all’interno del “time frame” TDMA (cornice temporale). Maggiore è il numero di time slot, maggiore la velocità possibile.
      • Il GPRS in Classe 8, detto anche 4R1T, ha 4 time slot per la ricezione e 1 per la trasmissione dei dati. E’ la configurazione impostata di default sui terminali che utilizzano il GPRS, ed è ideale laddove i dati sono prevalentemente ricevuti, come nella navigazione web. Questa configuarazione consente alla connessione GPRS di raggiungere velocità di 57.6 Kbit/s in download e di 14.4 Kbit/s in upload e mantenere una connessione permanente ad Internet.
      • Il GPRS in Classe 10, detto anche 3R2T, ha 3 time slot per la ricezione e 2 per la trasmissione dati. E’ la configurazione ideale nelle applicazioni dove lo scambio di dati è bilaterale come l’instant messaging;
Download (kbit/s) Upload (kbit/s)
4R1T 57,6 14,4 Classe 8
3R2T 43,2 28,8 Classe 10

 

EDGE

Cosa si intende per EDGE?

EDGE è l’acronimo di Enhanced Data rates for GSM Evolution e consiste in un tipo di trasferimento dei dati 3 volte più veloce rispetto al GPRS, grazie ad una modulazione di segnale più efficiente che permette di unire diversi canali GPRS in parallelo. Viene anche detta generazione 2.75 G perchè si pone come il passaggio intermedio tra il GPRS (2.5G) e la terza generazione (3G). Anche l’EDGE è una tecnologia datata e la navigazione internet è piuttosto lenta, ma al contrario del GPRS risulta ancora accettabile, senza limitarla ai soli siti mobile.

Cosa consente di fare l’ EDGE?

Con la connessione EDGE sarà utilizzabile un maggior numero di applicazioni che richiedono la connessione internet e inoltre introduce due nuove funzionalità: il trasferimento dei dati tramite FTP, le videochiamate su reti GSM, e il P2P (peer-to-peer) per la condivisione dei file.

Quali sono i gestori che utilizzano l’ EDGE?

La rete EDGE è utilizzata da TIM, Tre e da WIND mentre Vodafone non ha aggiornato le reti GPRS. Può capitare, in caso di copertura 3G assente o limitata, che il telefono passi da 3G a EDGE con ovvie ripercussioni sulla qualità della navigazione.

Che velocità raggiunge l’ EDGE?

La rete EDGE consiste in un GPRS migliorato in termini di velocità di trasferimento di dati. Può portare una larghezza di banda fino a 236.8 kbps con 4 time slot (letteralmente fessure temporali), circa 4 volte superiore al GPRS, e fino a 473 kbps (supponendo di utilizzare tutti e 8 gli slot). Nella pratica le velocità sono differenti da quelle teoriche appena indicate e possono variare in un range di 40-180 kbps.

Tecnologia Velocità teorica (download) Velocità effettiva
GPRS 57,6 Kbps 25-40 Kbps
EDGE 236 – 473 Kbps 40-180 Kbps

 

I fattori che limitano EDGE sono gli stessi del GPRS:

  1. distanza dalla stazione radio base. La velocità decresce con la distanza dalla stazione base radio, il quale influisce anche sul tipo di decodifica utilizzato. A differenza del GPRS, che utilizza 4 tipi di decodifca (da CS-1 a CS-4) la rete EDGE ne utilizza 9 differenti (MCS-1 la più lenta, MCS-9 la più veloce). Questo vuol dire che in aree densamente popolate, come le grandi città, coperta da una fitta rete di celle radio le velocità saranno generalmente più elevate rispetto alle zone rurali;
  2. il numero di utenti collegati per cella; maggiore è il numero di utenti che la stanno utilizzando e più è lenta la connessione. In determinate fasce di orario (come prima di cena) il numero di utenti sarà statisticamente maggiore, rendendo più lento il servizio EDGE.
  3. dal numero di time slot utilizzati all’interno del “time frame” TDMA (cornice temporale). Maggiore è il numero di time slot, maggiore la velocità possibile.