Corsair K55 RGB PRO XT: la RECENSIONE di una tastiera a membrana top

Nel corso degli ultimi anni sono tornate a diffondersi le tastiere meccaniche grazie alle loro superbe caratteristiche di durevolezza e affidabilità, ma le tastiere a membrana rimangono delle certezze sul mercato: la tastiera Corsair K55 RGB Pro XT è una di queste. I motivi per cui preferire una tastiera a membrana piuttosto che una meccanica non sono oggetto della recensione di oggi. L’obiettivo è svelare i motivi per cui questa tastiera di Corsair rappresenta un indiscutibile prodotto di alta qualità. Rispetto ad altre tastiere che ho provato di recente, come la K60 RGB Low Profile, ci sono diversi fattori da considerare in positivo per l’acquisto.

Anche la K55 RGB Pro XT è dotata di illuminazione a LED, ovviamente gestibile tramite il software iCUE (per cui vi ricordo la nostra guida in due parti), ma aggiunge sei tasti dedicati alle macro che sono integrati con il sistema Elgato Stream Deck. Come punti salienti vi faccio osservare che è certificata IP42, contro polvere e schizzi, infatti i circuiti non sono raggiungibili. All’interno della confezione non manca la presenza di un poggiapolsi realizzato in materiale soft touch e ci sono i tasti aggiuntivi dedicati al controllo del volume e dei media.

Unboxing

La tastiera Corsair K55 RGB Pro XT arriva in una dotazione quasi classica per Corsair: il prodotto è custodito all’interno di una confezione minimale, il cui cavo in gomma è saldato nella tastiera e sfrutta la porta USB-A 3.0, di seguito troviamo poi il libretto di garanzia, una guida rapida di utilizzo. Appena aperta troviamo anche il poggiapolsi, venduto insieme alla confezione senza dover fare ordini aggiuntivi.

Costruzione e design

La tastiera a membrana si presenta con uno chassis in plastica nera che combina effetti opachi e lucidi a seconda che si guardino i tasti o lo chassis in sé. Nonostante la parola plastica possa far storcere il naso, si percepisce subito una importante robustezza generale. Il form factor della tastiera Corsair K55 RGB Pro XT è full size, quindi comprensiva anche del tastierino numerico e con la presenza sul bordo sinistro di sei tasti dedicati per le macro.

Rispetto alla versione Pro, si può programmare l’illuminazione RGB per singolo tasto e ognuno di essi è illuminato singolarmente. Il peso della tastiera è di circa 1 kg, quindi non eccessivamente pesante, ma i gommini presenti sul lato inferiore permettono di renderla molto salda quando si poggia sulla propria scrivania ed è salda una volta posizionata.

Appena si comincia ad usare si notano le differenze rispetto ad una tastiera a membrana poiché i keycaps non possono essere rimossi e questi sono realizzati in plastica. Il feedback è molto silenzioso, molto vicino a quello dei tasti Cherry MX nella versione Red e decisamente lontano dai rumori degli switch Blue. Questo ha comportato, per quanto mi riguarda, un ottimo comfort quando ho utilizzato la tastiera per scrivere e per giocare in orari notturni (ho il PC in camera e i rumori avrebbero potuto disturbare).

Illuminazione LED RGB

L’illuminazione LED merita sempre un discorso a parte per quanto mi riguarda, specialmente perché sono appassionato di luci e ritengo che il corretto funzionamento di questi ultimi possa offrire un appagamento decisamente maggiore quando si usa una tastiera. La prima cosa che voglio sottolineare è il fatto di sperimentare nell’illuminazione durante il gaming: ho avuto modo di usare il profilo personalizzato di Corsair per il gioco Tom Clancy’s The Division 2 e vi assicuro che è stato veramente piacevole vedere la tastiera rispondere ad ogni differente input che gli ho impartito. Preciso che le vostre prestazioni in gaming non cambieranno per i colori, ma ovviamente saranno un piacere aggiuntivo (almeno per quanto mi riguarda).

Il software per la personalizzazione è sempre iCUE che offre la possibilità di creare profili personalizzati, magari a seconda del gioco o della attività che state svolgendo, e offre quel qualcosa in più che supera i profili che potete attivare tramite combinazioni di tasti. Il vantaggio di questo software si recepisce se avete poi anche altre periferiche Corsair perché vengono integrate tutte sotto lo stesso “cappello”.

La luminosità dei tasti è ovviamente regolabile tramite tasto apposito che troverete in alto a destra, vicino ai tasti multimediali. I tasti funzioni permettono poi di accedere a dieci tipi di effetti di luce molto gradevoli. A me piacciono molto i colori statici, ma potete sbizzarrirvi assecondando la vostra fantasia.

La mia esperienza in gaming e in scrittura

La comodità di avere i tasti macro emerge nell’utilizzo quotidiano perché, a volte, leggendo le specifiche nemmeno ci si rende conto che è molto comodo usare questi tasti per creare delle routine personalizzate, magari adattando un profilo luce particolarmente adatto al gioco, oppure, ancora più utile in fase di gioco, si possono assegnare mosse speciali o tattiche particolare. Questo vi assicuro che vi viene davvero comodo nelle modalità multiplayer. E’ stata forse una delle funzionalità che ho maggiormente apprezzato. In gaming ho apprezzato parecchio la tastiera, forse anche più delle mie aspettative, superando ampiamente il preconcetto di “è una tastiera a membrana”. Il feedback dei tasti è risultato sicuramente confortevole, più morbido degli switch blue, ma sicuramente più rumoroso di quelli marroni o neri.

In scrittura la tastiera non fa patire problemi, non ho riscontrato nemmeno problemi nella digitazione di alcuni tasti particolari come la barra spaziatrice. La mia velocità di scrittura è rimasta la stessa che ho potuto sperimentare anche con altri tastiere provate di recente, unico appunto è stato abituarmi alla presenza dei tasti macro laterali (ma solo perché solitamente non guardo la tastiera e osservo direttamente lo schermo).

E’ importante sottolineare che usando questa tastiera non mi sono mai capitati episodi imbarazzanti come quelli in cui un tasto si blocca o si inceppa, garantendo quindi la massima fluidità sia in gaming, sia in fase di scrittura.

Integrazione con Elgato Stream Deck

Se siete degli streamer e volete poi usare la piattaforma Elgato, allora un importante caratteristica di questa tastiera riguarda l’integrazione con la famosa piattaforma dedicata agli streamer. E’ presente infatti il tasto G-Key per controllare via software OBS Studio, StreamLab OBS, plugin di terze parti e molto altro.

Il funzionamento è davvero intuitivo perché basta installare sia iCUE che Elgato Stream Deck, subito dopo aprirli entrambi e, a questo punto, dal menù a tendina è possibile selezionare tutte le azioni utilizzabili con i tasti G-keys disposti lateralmente. Per chi fosse interessato, basta andare e scaricare una guida molto semplice da seguire e le porte dello streaming saranno totalmente spalancate.

Il prezzo

La tastiera Corsair K55 RGB Pro XT costa di listino 79.99€, un prezzo che sicuramente la pone in competizione con alcune tastiere meccaniche più economiche, anche presenti nella stessa lineup del brand dei pirati. E’ evidente che vanno ricercate nelle funzionalità aggiuntive le motivazioni per scegliere questa tastiera a membrana piuttosto che una tastiera meccanica priva di supporto per le Macro o supporto a Elgato StreamDeck e altro ancora.

Il verdetto
In buona sostanza la domanda che ci si può porre è: perché comprare una tastiera a membrana che costa quanto una tastiera meccanica più economica? La risposta è da ricercare negli accessori e nelle funzionalità aggiuntive, infatti questa tastiera dispone, ad esempio, dei tasti macro, dei tasti multimediali e di un poggiapolsi. Si tratta di caratteristiche aggiuntive che offrono un plus importante ad un videogiocatore che vuole fare il salto di qualità e rappresentano per me un importante motivo di acquisto. Ho particolarmente apprezzato la flessibilità di questa tastiera nel gaming, nelle personalizzazioni tramite iCUE e l'assenza di difetti tipici delle tastiere a membrana (i tasti che si inceppano molto spesso).
Design
8.7
Qualità Costruttiva
8
Prestazioni
8
Software
10
Prezzo
7.3
PRO
5 tasti G Key personalizzabili
Tasti multimediali
Poggiapolsi in dotazione standard
Software perfetto e integrazione con Elgato Stream Deck
Prestazioni godibili in gaming
CONTRO
Chassis non in alluminio
La presenza dei G Keys estende abbastanza la larghezza
8.4
Lascia un commento
Previous Post

Oppo Watch: recensione del miglior smartwatch per Android

Next Post

Groups Music Bot: utilizzare Telegram per ascoltare la musica