Corsair Vengeance RGB RS: la RECENSIONE

In attesa di conoscere le nuove RAM DDR5, Corsair ha lanciato sul mercato un nuovo modulo che prende il nome di Corsair Vengeance RGB RS, che promette ottime ottime prestazioni e sfida, in casa propria, anche i moduli RT. Più tardi, nel proseguo della recensione, vi illustrerò le differenze tra queste. Ora è importante conoscere le principali specifiche tecniche che vedono il modulo DDR4 disponibile in kit da 16GB (2x8GB) fino a 256GB (8x32GB), disponibili con diverse frequenze da 3200 MHz, 3600 MHz e 4000 MHz. Se state costruendo una build personalizzata, siete nel posto giusto perché l’oggetto della recensione sarà il kit da 16GB di Corsair Vengeance RGB RS con frequenza 3600MHz. Come gli altri moduli, anche questo è abilitato per la colorazione RGB personalizzabile.

Il design e la costruzione

Lo stile Corsair è chiaramente riconoscibile dalla consueta confezione gialla e nera, su cui spiccano subito le informazioni di riferimento: in alto a destra il modulo (quanti GB, la frequenza) e in basso le principali compatibilità.

Il modulo RAM Corsair Vengeance RGB RS, che si trova all’interno della confezione, è realizzato con il corpo in alluminio anodizzato per favorire la migliore dissipazione possibile, in modo da non avere problemi di temperatura anche quando si va in overclock della propria macchina.

Il design è studiato molto bene per essere decisamente pulito e minimale, a differenza dei moduli Pro che ammiccano prepontemente ai look aggressivi nelle build gaming. Questo prodotto offre linee squadrate dove in mezzo sfoggia il logo Vengeance, mentre ai lati risalta una sottotrama di triangoli che offrono un look futuristico.

Per riconoscere la differenza tra RT e RS, troviamo il classico “trucco” del brand di segnalare in modo molto pulito con una scritta // RS in alto a sinistra nel modulo di RAM.

E’ facile intuire che la possibilità di personalizzazione delle zone LED passa dal software iCUE (vi invito a vedere la guida super completa) che abbiamo imparato ad amare per l’alto grado di personalizzazione. Il modulo di RAM offrirà vari effetti di luce a partire dalla classica barra luminosa colorata, a luci soffuse più morbide, passando per effetti customizzati o preset che simulano l’effetto della pioggia, delle onde e via dicendo.

Le compatibilità

Quando si costruisce una build personalizzata è facile incappare in problemi di compatibilità, ma Corsair è stata molto attenta ai dettagli e, soprattutto, a favorire l’utilizzo di questi moduli RAM con la stragrande maggioranza dei prodotti sul mercato. Sono supportati infatti la serie Intel 300, 400, 500, X299, mentre per quanto riguarda la piattaforma AMD trova pieno supporto la serie AMD 300, 400, 500.

Notizia molto interessante è il supporto a Intel XMP 2.0, che permette di attivare frequenze più alte e gestire il tutto in modo molto intuitivo.

In generale mi sento dire che questa versatilità di piattaforma è un punto di forza del nuovo modulo Corsair Vengeance RGB RS. Non si tratta, infine, di un modello Low Profile, ma l’altezza permette di avere discreta compatibilità con la maggior parte dei dissipatori in commercio.

Le differenze tra RGB RS e RGB RT

E’ facile intuire che una lettera differente in un codice possa portare delle differenze tangibili nei prodotti a disposizione, ma in questo caso, almeno a mio avviso, non stiamo parlando di una differenza incredibile. Il design delle Vengeance RT, disponibile in bianco o nero, offre 10 zone LED personalizzabili, mentre il modulo RS offre 6 zone di LED personalizzabili ed è disponibile solo nella colorazione nera.

Le performance

Non giriamoci intorno: cosa vi interessa delle Corsair Vengeance RGB RS? Le prestazioni sicuramente! Il design fa sicuramente la sua parte quando la build ammicca, ma in questo caso dobbiamo affermare che queste RAM sono veramente eccellenti. Riescono ad offrire ottime prestazioni alle impostazioni base, muovendosi bene anche con diversi quantitativi di memoria. Ho particolarmente apprezzato la versatilità sia durante le operazioni quotidiane, dove ovviamente il multitasking non pesa affatto (specialmente se usato con suite ufficio, di editing foto/video) e, con occhio particolarmente attento, al gaming.

Menzione di merito per il PCB personalizzato da Corsair, completamente disegnato dall’azienda produttrice (e ereditato dalla famiglia RGB PRO SL), che permette di avere una qualità del segnale superba e soprattutto avere la massima affidabilità e stabilità nel tempo. Anche nei nostri test, le RAM si sono dimostrate molto affidabili senza grandi oscillazioni nei quantitativi di memoria analizzati.

La garanzia

Uno degli aspetti che apprezzo particolarmente del brand Corsair è il suo interesse a fidelizzare il cliente tramite una garanzia duratura. Se, ad esempio, vi si dovesse rompere la RAM avreste una garanzia per tutta la vita: vi basterà seguire le istruzioni sul sito ufficiale e con una certa procedura avrete la vostra RAM nuova fiammante indietro. Non è da tutti offrire una garanzia per tutta la vita sui propri prodotti, motivo per cui vale la pena sottolinearlo.

Disponibilità e prezzo

Il prezzo di Corsair Vengeance RGB RT varia a seconda della configurazione che andrete a scegliere: a partire dai 95$ per la versione più economica (16GB 3200MHz C16) fino ai quasi 1000$ se invece scegliere i 128GB secondo il sito ufficiale. La versione oggetto di recensione si può acquistare intorno ai 115 euro, prezzo giustificato dalla frequenza e dalle performance ottenibili. La versione da 3200MHz si può comprare su Amazon.it a circa 90€.

Lascia un commento
Previous Post

Anker Soundcore Life P2 Mini: la recensione | Auricolari best buy per tutti

Next Post

Soundcore Liberty 3 Pro: La recensione | Le nuove top di gamma di casa Anker