D-Link DCS-8325LH: LA RECENSIONE | Una cam concreta ma costosa!

Oggi parleremo di una IP cam di D-Link; marchio che sicuramente non è nuovo in questo settore, ma che con questa cam non ha particolarmente sconvolto il mercato.

Parliamo sicuramente di una cam validissima ma che per alcune scelte forse non è da prendere in considerazione come alternativa ad altre cam come quelle di Reolink che sono sicuramente molto più convenienti per rapporto qualità/prezzo; infatti per il prezzo che ha questa cam mi aspettavo qualcosa in più riguardo alcuni aspetti.

Ma andiamo con calma e vediamo le cose in ordine.

La videorecensione

Confezione e contenuto

La confezione è composta da una scatola esterna illustrata in cartone che all’interno contiene la cam, l’alimentatore con attacco intercambiabile (in confezione sono inclusi gli attacchi EU e UK), le viti e i tasselli per il montaggio a muro e l’adesivo di allineamento per i buchi sul muro in modo da non impazzire per prendere le misure. Come sempre sono inclusi anche i fogli e libretti di istruzioni e di garanzia.

La dotazione è più che completa e adatta al prodotto in questione!

Design e costruzione

Quanto a design la cam non è nè brutta nè bella. Sicuramente non è la cam più bella del mondo, ma non è neanche inguardabile. Trattandosi di una cam da interno e che quindi è facilmente visibile da eventuali ospiti io mi sarei aspettato qualcosa di meglio, però stiamo parlando di gusti e quindi ci si deve ricordare che la bellezza è un parametro soggettivo.

La costruzione è interamente in plastica, sia la basetta d’appoggio che il corpo della camera.

Sotto la basetta di appoggio sono presenti dei gommini per il grip sulla superficie d’appoggio.

Tutto sommato niente di particolare, semplicemente ciò che si ritrova in ogni cam di questo tipo. Sicuramente si tratta di una plastica abbastanza resistente ma niente di più.

Non essendo una cam da esterno, come è lecito aspettarsi, non è dotata di nessun tipo di protezione contro l’acqua.

Le dimensioni del prodotto sono 83,9 x 74,4 x 108,8 mm e pesa 140 grammi.

Specifiche, funzionalità e prestazioni

Questa IP cam è dotata di due modalità di connessione: wireless, tramite il router di casa e Bluetooth 4.0. Sicuramente la modalità preferita per questo genere di prodotti è la wireless. La connessione wireless avviene con l’account My D-Link tramite il router di casa; in questo modo la cam sarà sempre disponibile per la visualizzazione da qualsiasi smartphone in qualsiasi luogo dotato di connessione internet. Tramite l’app è poi possibile fare diverse cose, come anche gestire la registrazione, ma di questo ne parleremo nello specifico dopo.

La connessione Wireless si basa sullo standard 802.11 n/g a 2,4 GHz e sono supportate cifrature fino a WPA3. L’alimentazione è affidata all’alimentatore in confezione da 10W tramite la porta micro-USB sul retro, tuttavia il consumo reale della cam non è 10W bensì 7W circa.

Per consumare 1 kWh questa cam deve essere tenuta in funzione per ben 143 ore ovvero quasi 6 giorni (dunque lato consumi non pesa poi praticamente nulla al portafoglio). Per quanto riguarda le specifiche del reparto video ritroviamo dietro all’obiettivo un sensore CMOS 2MP FHD 30fps da 1/2,7″;dunque niente di eccezionale ma tutto sommato sufficiente. Il rapporto focale è di 2,0 e l’angolo di visuale è di 151° di diagonale (16:9).

Per la visione notturna ritroviamo poi 2 LED IR che permettono la visione di oggetti fino a 5 metri di distanza. Grazie al microfono e all’altoparlante integrati sarà possibile ascoltare e comunicare tramite l’app da qualsiasi punto del pianeta.

Questa cam è dotata inoltre di intelligenza artificiale che permette il rilevamento di oggetti in movimento, di persone e di suoni. Tramite l’app sarà possibile utilizzare l’intelligenza artificiale per ricevere messaggi di allerta sul proprio smartphone.

Le prestazioni reali di questa cam sono sufficienti. Trattandosi di un sensore 2MP sicuramente non ci si possono aspettare delle immagini più di tanto nitide ma comunque per essere una camera di sorveglianza ce li possiamo fare andare bene. La cosa che dispiace è l’assenza di uno zoom ottico, anche un banale 2x/3x, anche visto l’angolo di visuale molto alto.

Altra cosa che dispiace è la distorsione dell’immagine dovuta all’angolo di visuale ultra ampio da 151°; infatti come potete notare dagli screen che lascerò sotto, il pavimento e la porta sembrano curvi, ma in realtà sono drittissimi, si tratta solo di un’aberrazione ottica. Ricordo che il concetto di fondo è avere una visione di insieme dell’ambiente, quasi con una ottica Fish-Eye, piuttosto che avere una immagine priva di artefatti.

Per quanto riguarda la visione al buio è piuttosto buona. Si poteva fare qualcosa di più, come inserire qualche LED IR in più, ma per una visione in interna i 5 metri sono sufficienti un po’ per tutti e la qualità non è male, a meno che non abitiate nella reggia di Versailles e ogni stanza misura 90m2.

Per chiudere in bellezza, questa cam è compatibile con mydlink Smart Home, Amazon Alexa, Google Home e IFTTT.

mydlink App

L’app proprietaria di D-Link che permette la gestione di questa cam è mydlink, disponibile per Android e iOS.

Tramite l’app sarà possibile collegare la cam alla rete di casa e all’account My D-Link in modo da poterla visualizzare ovunque si desideri tramite internet. La prima configurazione è veramente semplice da eseguire, basterà scaricare l’app e seguire le poche istruzioni. (Attenzione che con alcuni dispositivi dà problemi di associazione, basterà cambiare dispositivo ed effettuare la configurazione con quello, per il resto tutto ok). Oltre a ciò sarà possibile anche modificare le impostazioni di “domotica”, gli allarmi e via dicendo.

In primis è possibile modificare le impostazioni del dispositivo (modalità privacy, microfono, rilevamento oggetti, archiviazione e via dicendo); poi è possibile creare delle scene e delle pianificazioni nonché accedere alle registrazioni in cloud; insomma le classiche funzioni smart home. Per ulteriori informazioni su queste modalità potete visionare delle guide.

La registrazione via cloud può essere impostata tramite l’App e permette di salvare clip utilizzando i server di D-Link. Sarà poi possibile rivedere in qualsiasi momento le registrazioni in streaming dal proprio account My D-Link.

Il piano gratuito permette di collegare fino a 3 cam e di registrare massimo 50 clip in HD. Le clip verranno salvate solo un giorno dopo di che verranno cancellate (non male ma neanche il massimo).

Sfortunatamente per usufruire del Cloud in FHD è necessario sottoscrivere un abbonamento da 2,50 euro al mese che permette di registrare in FHD fino a 3 cam di D-Link. Le clip, massimo 100, vengono salvate per 7 giorni dopo di che vengono cancellate. E’ presente poi il piano premium e pro che garantiscono limiti più alti e costano 5 e 10 euro mensili.

Ovviamente se non volete spendere un centesimo potete usufruire del piano gratuito e di una microSD per il salvataggio dei dati, che non rappresenta l’opzione più comoda ma di sicuro è una valida alternativa.

Impostazioni della cam

Per quanto riguarda le impostazioni e la gestione di questo dispositivo abbiamo diverse possibilità di personalizzazione tramite l’App.

Dapprima la modalità privacy che disattiva la cam quando siete in casa; abbiamo poi la possibilità di scegliere una modalità di rilevamento del movimento (tra multi-zona, zona di priorità e attraversamento confine e relativa sensibilità del rilevamento); è possibile modificare la posizione di archiviazione delle registrazioni (tra scheda SD interna fino a 256GB e Cloud D-Link); attivazione e disattivazione del microfono per l’ascolto della stanza in remoto; attivazione della visione notturna; la frequenza della modalità anti-sfarfallio, inversione immagine, accensione o spegnimento dei LED di stato e infine modifica del Wi-Fi, fuso orario e aggiornamento del firmware.

La mia esperienza

L’esperienza personale con questa cam è stata positiva perché in linea di massima si tratta di una buona cam, però un po’ troppo costosa per quello che offre realmente, e soprattutto in virtù del fatto che con poco di più si possono prendere cam veramente molto più performanti.

Avesse avuto un sensore più performante e un minimo di zoom ottico sarebbe stato sicuramente diverso, tuttavia non è così. Inoltre il fatto che non si possano impostare dei server proprietari per registrare è davvero un peccato dato che l’app è fatta comunque abbastanza bene.

Prezzo e disponibilità

Questa cam è disponibile, come tuti i prodotti D-Link, su Amazon con spedizione Prime. Il prezzo si aggira intorno a 80 euro.

Il prezzo sicuramente non è basso e con poco di più si possono avere cam molto più performanti lato video, però se si desidera avere una buona camera l’integrazione nell’ecosistema D-Link, sicuramente è una buona scelta anche questa.

Il verdetto
La DCS-8325-LH non è una IP cam per cui strapparsi i capelli, ma svolge sicuramente il lavoro per cui è realizzata. Purtroppo, dato il prezzo, le aspettative circa le performance e la scheda tecnica erano piuttosto alte. Il risultato finale comunque è accettabilissimo e i video si vedono decentemente, tuttavia per il prezzo che ha, dovete essere sicuri di volere D-Link per sfruttare l'ecosistema perfettamente integrato tra i vari prodotti che magari avete già in casa.
Design
8
Costruzione
8.5
Dotazione
9.5
Prestazioni
7.5
App
8.5
Ecosistema
8.5
Ricezione e stabilità
9
Rapporto qualità/prezzo
7.5
Pro
Facilità di montaggio e configurazione
Angolo di visuale molto ampio
Qualità video sufficiente
Visione notturna accettabile
Presenza di speaker e microfono
Connessione stabile
Integrazione con ecosistema D-Link
Compatibilità con Google e Alexa
Contro
Design minimale ma non troppo piacevole
Risoluzione del sensore bassina
Assenza di una batteria integrata
Prezzo un po' alto
8.4
Lascia un commento
Previous Post

Anker Nano II 30W: LA RECENSIONE | Il miglior alimentatore entry level

Next Post

Cloud Storage: a cosa serve? E’ sicuro?