Groups Music Bot: utilizzare Telegram per ascoltare la musica

Servizi come Discord o TeamSpeak sono rinomati per la possibilità di aggiungere ad una chiamata vari bot, i quali consentono di riprodurre musica in chiamata con dei semplicissimi comandi.

A fine 2020, Telegram, nota app di messagistica, ha aggiunto la possibilità di realizzare chat vocali fra membri di uno stesso gruppo. Un team di sviluppatori italiani ha voluto sfruttare in maniera molto originale questa possibilità, concependo un bot in grado di riprodurre musica in chat vocale meglio di quanto sia possibile fare su qualsiasi altro servizio.

Il Progetto

Groups Music è un bot pensato per riprodurre, nel modo più semplice possibile, la musica in chiamata attraverso le chat vocali di Telegram introdotte a fine 2020. L’intero progetto è stato sviluppato da un giovane team italiano di sviluppatori, ma con molta determinazione e voglia di portare avanti questo progetto pionieristico.

A livello globale è infatti la prima soluzione di questo genere, e pur essendo in uno stato ancora primitivo, le sue potenzialità sono mastodontiche.

Punti di forza

Groups Music Bot è praticamente immediato da utilizzare: basta cercare il bot, aggiungerlo al gruppo desiderato e renderlo amministratore. Una volta fatto ciò, e dato un riavvio attraverso il comando /reload, va avviata la chat vocale per poi dare il comando /play “nome canzone” e selezionare il risultato desiderato.

I PRO cui il servizio può contare sono molteplici:

  • Sicurezza è una parola chiave: il servizio ha una dashboard crittografata in cui gli utenti possono modificare la propria chiave ogni volta che lo desiderano.
  • Sincronizzazione: dashboard, playlist e riproduzione sono sincronizzate secondo per secondo, garantendo una riproduzione praticamente in totale sincronia fra i vari utenti.
  • Velocità: durante tutto il processo di interazione col bot, e di riproduzione di contenuti, non ci è capitato una singola volta che si presentassero lag o impuntamenti. E’ sempre stato tutto reattivo e performante.
  • Qualità: la qualità della stream è assimilabile a quella di una canzone riprodotta da Spotify o qualunque servizio che offra fedeltà standard. L’unico davvero differente è Tidal, del quale trovate QUI la nostra recensione.
  • Prezzo: al momento non esiste alcun piano d’abbonamento, il servizio è completamente gratis.
  • Trasparenza: Groups Music Bot si basa su una libreria open source, quindi disponibile a tutti, chiamata PyTgCalls.

Comandi e funzionalità

Pur offrendo diverse funzionalità, i comandi per gestire il bot son davvero molto semplici, tuttavia ecco una lista per venire incontro ai meno esperti:

  • /start -> Invia le varie informazioni riguardanti il bot
  • /reload -> Riavvia il bot e aggiorna la lista degli amministratori
  • /impostazioni -> Apre il pannello delle impostazioni del bot
  • /auth -> In risposta ad un messaggio, o inserendo l’username, aggiunge un utente alla lista autorizzati
  • /unauth -> In risposta ad un messaggio, o inserendo l’username, rimuove un utente dalla lista autorizzati
  • /dashboard -> Darà accesso alla dashboard del gruppo
  • /play -> Digitando /play, si avrà accesso alla playlist del gruppo (in via di sviluppo), altrimenti, specificandone il titolo di una canzone o il link, si otterrà una lista di risultati. Selezionandone il rispettivo numero, si avvierà in automatico la riproduzione.
  • /pause -> Metterà in pausa la canzone in riproduzione
  • /resume -> Avvierà la canzone messa precedentemente in pausa
  • /stop -> Farà uscire l’userbot dalla chiamata vocale
  • /skip -> Passerà alla canzone successiva

La Dashboard consente diverse azioni, fra le quali visualizzare in brani in coda, metterli in pausa, skipparli etc.

Le lingue fra cui scegliere sono 14, precisamente: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese, Giapponese, Russo, Indonediano, Indiano, Curdo, Ebraico, Farsi, Malayalam, Singalese.

Non mancano ben 9 gruppi di supporto, cui rivolgersi per necessità e problemi.

La nostra esperienza

Nel corso della mia prova, Groups Music Bot mi ha stupito per la sua semplicità d’uso, l’immediatezza nella risposta ai comandi e la qualità d’ascolto. Un mix di componenti introvabile su servizi gratuiti offerti in piattaforme quali Discord e simili. A ciò aggiungiamo le moltissime lingue disponibili, praticamente introvabili in altri bot, ben 9 gruppi di supporto, massima sicurezza e trasparenza ed infine il fatto che sia gratis.

Io ed i miei amici ne siamo rimasti soddisfatti al punto tale da impiegarlo ormai quotidianamente per tutte le nostre sessioni di gaming serali, abbandonando Discord in maniera probabilmente definitiva.

Esiste un unico limite: la musica può essere riprodotta solo in 266 stanze contemporaneamente, a causa del server impiegato al momento che altrimenti non garantirebbe performance di così alto livello, ma dagli sviluppatori ci è già arrivata conferma che già col prossimo aggiornamento il limite verrà eliminato.

Il verdetto
Groups Music Bot è il pionere nel suo genere, e vista la bontà del lavoro svolto da parte del team in italiano già in queste prime fasi di sviluppo, il servizio non potrà che migliorare. Semplicemente eccellente.
Creatività del progetto
9.2
Semplicità e cura grafica
10
Prestazioni
9
Sicurezza e trasparenza
10
Supporto dello sviluppatore
10
Prezzo
10
Il mio voto
9.5
Cosa mi è piaciuto
Idea geniale
Semplicità d'uso
Bot sempre reattivo
Ottima qualità d'ascolto
Tante funzionalità
Sicurezza e trasparenza prima di tutto
14 lingue e 9 gruppi di supporto
Completamente gratis
Cosa si può migliorare
Manca una playlist del gruppo (in fase di sviluppo)
Limite di 266 stanze contemporanee
9.7
Previous Post

Corsair K55 RGB PRO XT: la RECENSIONE di una tastiera a membrana top

Next Post

Backlight Bleeding: cos’è e come risolvere