Hardware News

Guida ai benchmark per Android: tutte le differenze

Mag 9, 2012

author:

Guida ai benchmark per Android: tutte le differenze

Benchmark “grafici”: Nenamark, GLBenchmark

Nenamark

Nenamark è un benchmark per Android utilizzato per testare le prestazioni grafiche della GPU, ed utilizza le libreria OpenGL-ES 2.0, un sottoinsieme delle librerie grafiche OpenGL realizzato per i dispositivi portatili come cellulari e PDA. Nenamark utilizza degli shader programmabili, ovvero dei programmi realizzati appositamente per calcolare gli effetti di riflettività della luce, le luci, le ombre dinamiche, le superfici parametriche ecc.. spingendo la GPU ai suoi limiti.

Il benchmark Nenamark si suddivide in Nenamark 1, rilasciato più di un anno fa e pensato per i dispositivi con un framerate di 10-15 fps (frame per secondo), e Nenamark 2, arrivato solo successivamente per adattarsi al framerate di 60fps dei dispositi Android di ultima generazione.

Il risultato al benchmark Nenamark è influenzato dalla risoluzione dello schermo: a parità di GPU, maggiore è la risoluzione e più bassi saranno i risultati al Nenamark. Ad influire è anche l’efficienza del sistema operativo utilizzato. Dispositivi basati su sistemi operativi diversi non sono quindi direttamente comparabili. Il nuovo Snapdragon S4 del nuovo HTC One X (versione USA, quello europeo è dotato di Tegra 3), dotato di GPU Adreno 225, e testato su un tablet da 7 pollici con risoluzione 1024 x 600 (non in commercio ma utilizzato solo dagli sviluppatori) ha totalizzato un punteggio di 54.9 al Nenamark 2. Risultato questo che surclassa il Galaxy S2, dotato di GPU Mali-400 e con risoluzione 800 x 480, il cui punteggio è stato di 46.2. Il divario è sorprendente se si considera che il punteggio dello Snapdragon S4 è stato ottenuto su uno schermo con risoluzione maggiore.

GLBenchmark

Il GLBenchmark misura le prestazioni 3D del vostro dispositivo, ovvero nella riproduzione delle scene 3D e delle immagini. E’ quindi indice della potenza di calcolo “grafica” della GPU, misurando l’implementazione OpenGL Ex 2.x (specifica delle applicazioni in grafica 2D e 3D) sia da un punto di vista qualitativo che numerico. E’ molto più affidabile del test Quadrant, dato che è un benchmark che combina diversi test (33 nel caso del GLBenchmark 2.1.1), alcuni dei quali forniscono un risultato in FPS, altri in millisecondi, altri ancora in numero di triangoli al secondo o ancora shader/vertex al secondo.

GLBenchmark analizza molteplici aspetti della grafica: dalle diverse modalità con cui vengono realizzati gli effetti di luci dinamiche e ombre, ai livelli di dettaglio, alla compressione delle texture, al rumore associato ad essi ecc.. E’ il benchmark che è stato utilizzato nel confronto delle prestazioni grafiche tra il nuovo iPad e l’ Asus Transformer Prime.

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.