News Recensioni smartphone Smartphone

HTC Sensation XE: la recensione

Ott 17, 2011

HTC Sensation XE: la recensione

 

 

HTC Sensation XE è una variante più potente e performante dell’HTC Sensation. La principale differenza sta nella presenza di auricolari firmati Beatsaudio, azienda leader nel settore audio, che ha appena siglato una partnership con HTC. Cosa cambia dalla versione base a questa versione XE? Non cambiano solamente i colori che vedono introdurre nelle scocche grigie e nere anche un buon filo di rosso, cambia anche la multimedialità: le novità ci sono e questo articolo vuole provare a vedere se le novità giustificano anche il prezzo da top di gamma e la differenza con il Sensation.

Se avete già provato il Sensation sapete che vi trovate di fronte ad un terminale dotato di processore dual core, ma HTC qui fa le cose in grande e propone un terminale con un processore dual core da 1.5GHz, divenendo quindi lo smartphone con il processore più potente sul mercato.

E’ potenza senza autonomia? No, perché la batteria da 1730 mAh permette di arrivare a fine giornata nonostante un utilizzo intensivo. L’impressione è che dal punto di vista dell’autonomia si debba far fronte a diverse problematiche, quali display molto grande, utilizzo massiccio di musica, connessioni dati, navigazione e video. Considerato però che abbiamo un plus in quanto a processore nonchè un utilizzo musicale più massiccio, il risultato ci pare degno di nota.

 

 

Caratteristiche tecniche

Spessore e Peso

Esteticamente si presenta in 126x65x11 mm per 151 gr di peso con linee identiche al suo predecessore. Il terminale presenta ormai il formato canonico full candybar, si presenta con una linea elegante sul mercato e un minimo di colorazione “giovane” che sicuramente giova alle linee un po’ troppo spesso grigie di HTC. E’ solido e nonostante le dimensioni importanti si presenta molto compatto e facilita un buon utilizzo anche con una mano sola. Il peso è importante, soprattutto se considerato quello degli altri top di gamma, ma a discolpa di ciò va detto che il terminale presenta tutti i tipi di sensori, una batteria più capiente e ovviamente un ridottissimo uso di plastiche con un uso prevalente di alluminio.

 

Display

Il display è un4.3 pollici TFT multitouch con risoluzione pari a 960×540 che garantisce la visualizzazione in dettaglio delle pagine web. Il display è protetto dal famoso vetro di Corning, il Gorilla Glass, noto per la sua resistenza ai graffi. Il problema che permane, come per il fratellino minore, è quello di lasciare impresse le “ditate” sul display. Probabilmente dipenderà dai materiali usati per la costruzione, ma è un difetto che spesso si riscontra sugli HTC. La densità dei pixel per pollici è pari a 256 ppi. In questo caso non sono stati riscontrate differenze tra il Sensation e la versione XE.

 

Chipset

Il terminale monta come processore dual core un Qualcomm MSM 8260 (che ottiene prestazioni molto simili all’8660 dell’HTC Evo 3D)  Snapdragon impostato alla frequenza di clock di 1.5 GHz. Questo facilita notevolmente la navigazione web con un ottimo rendering della pagina. Tra le apps provate nessuna ha dato problemi o note da segnalare. Il terminale si è ben comportato anche con l’utilizzo di apps in multitasking, sia con giochi (giochi in HD di Gameloft usati per prova), sia con apps particolarmente pesanti come il client Youtube e app di messaggistica VOIP come Viber. Promosso a pieni voti questo processore: performante.
Questo processore supporta la registrazione di video in full HD a 1080p, cosa per altro presente anche nel caso del Sensation, reti HSPA e alta connettività. Considerato il probabile supporto che riceverà dai custom firmware maker pensiamo alle immani potenzialità che questo terminale può avere.
La GPUè invece l’Adreno 220, che si conferma la stessa del fratellino minore e che pertanto non mostra particolari differenze dal punto di vista delle performance.

 

Multimedialità

La multimedialità è sicuramente il punto forte di questo terminale, con un lato audio da far “rabbrividire” tanta è la potenza e la pulizia del suono che si percepisce utilizzando i nuovi auricolari beatsaudio. Il chip DPS ovviamente aggiunge una marcia in più al comparto audio di questo terminale. Le promesse di HTC al riguardo erano molto elevate, dato che si fregiavano del fatto di proporre un suono come lo pensa l’artista. Promesse mantenute?
L’audio è infatti il punto focale di questo terminale e il Sensation XE utilizza veri e propri profili musicali che garantiscono all’utente finale una qualità audio stereo e veramente d’eccezione per questo tipo di terminali. Sono presenti inoltre alcuni tipi di equalizzatori che permettono la modifica a piacimento di ciò che stiamo ascoltando. L’impressione è quella però che a parte l’equalizzatore, che offre un risultato ottenibile tramite app di terze parti, non si può fare di più. Non fraintendeteci: la qualità del suono è ottima, ma ci aspettavamo ancora di più dai profili sul Sensation XE.

La navigazione web è invece di alto livello con un motore di rendering veramente buono. Risultati simili li abbiamo ottenuti solamente con il Galaxy S 2.
Il terminale presenta due fotocamere, una anteriore per le video chiamate da 0.6 MP ed una posteriore da 8 MP con flash LED e autofocus. Queste fotocamere sono identiche a quelle che troviamo sul Sensation.

 

Sistema operativo

Lo smartphone presenta Android Gingerbread 2.3.3. Dato il potente hardware a disposizione ci sentiamo di affermare che questo avrà sicuramente l’aggiornamento ad Ice Cream Sandwich. Oltre all’ottimizzazione del firmware rispetto al Sensation, uscito invece zoppicando in qualche caso, bisogna sottolineare la presenza della Sense 3.0.

 

Valutazione finale

 
Vi state chiedendo quale è il prodotto migliore tra HTC Sensation XE e Galaxy S 2? Difficile dare una risposta chiara e definita. Se dal punto di vista dell’interfaccia la Sense batte la Touchwiz possiamo affermare che la navigazione sul Galaxy S 2 è veramente di più alto livello. Le fotocamere si equivalgono e le potenzialità ci sono tutte. Quali sono i fattori che vi interessano di più in uno smartphone? Se la parte audio è tra questi l’ottimo Sensation XE fa al caso vostro.
QuestoSensation XE è un terminale di alta fascia che cura molto l’estetica, il lato audio, la potenza e le prestazioni: è a tutti gli effetti un top di gamma.

L’impressione generale è che effettivamente HTC abbia investito fortemente su queste nuove versioni “musicali” proprio per offrire qualcosa di diverso dalla massa e qualcosa di più vicino al consumatore che cerca non solo alte prestazioni ma una multimedialità avanzata.

In sostanza però la domanda è se spenderemmo cento euro di differenza per il Sensation XE a scapito del Sensation. La risposta è No, perchè gli effetti dell’equalizzatore si possono ottenere tramite app di terze parti e le altre differenze non ci sono sembrate così marcate da giustificare la differenza di prezzo.

Però forse per una differenza più accessibile gli auricolari ear-in stereo sono un plus niente male, così come una linea più accattivante e la nuova frequenza di clock del processore.

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.