News Recensioni Recensioni smartphone

Huawei P9 Plus: la recensione schietta del P9 in versione XL

Ago 3, 2016

author:

Huawei P9 Plus: la recensione schietta del P9 in versione XL

huawei-p9-plus (11)

Huawei P9 Plus è la versione big del famigerato Huawei P9, da cui si differenzia non solo per le dimensioni più grandi (5.5 pollici contro i 5.2 pollici di Huawei P9) ma anche per una maggiore dotazione di RAM e memoria interna (rispettivamente pari a 4GB e 64GB) e per la tecnologia del display, il quale, oltre ad essere AMOLED, integra un rilevatore di pressione simile a quello implementato su iPhone 6S.

Come si comporta rispetto a Huawei P9? E’ meglio P9 o P9 Plus? Cercheremo di rispondere a questa domande includendo in questa recensione “schietta” tutto quello che avrete bisogno di sapere prima di scegliere quale dei due modelli acquistare.

Videorecensione di Huawei P9 Plus


Caratteristiche e specifiche tecniche

Data di uscita: Maggio 2016 | Peso: 162gr | Spessore: 6.98mm | Sistema operativo: Android 6.0 Marshmallow – EMUI 4.1 | Aggiornamento disponibile: – | Display: 5.5 pollici AMOLED | Risoluzione: 1920 x 1080 pixel (401 PPI) | Processore: HiSilicon Kirin 955. GPU Mali-T880 MP4 | RAM: 4GB | Memoria interna totale: 64GB | MicroSD: SÌ, fino a 128GB | Fotocamera principale: 12MP+12MP | Fotocamera anteriore: 8 MP | Batteria: 3400mAh, Rimovibile: NO | 4G: SI | Dual-SIM: NO

Design

huawei-p9-plus (10)

Il design è da sempre uno dei punti di forza degli smartphone Huawei, anche di quelli venduti nella fascia di prezzo medio-bassa, ma con il P9 Plus Huawei riesce a superare sé stessa, proponendo una colorazione Quartz Grey davvero accattivante: metallo liscio spazzolato lucido davvero bello da vedere e soprattutto piacevolissimo al tatto, anche se il retro potrebbe lasciar intendere una presa meno sicura (può capitare che scivoli con le mani sudate).

huawei-p9-plus (13)

In mano può apparire troppo grande per chi non è abituato alle dimensioni dei phablet, ma lo spessore ridotto al minimo, pari a poco meno di 7mm, assicura una presa confortevole, e un ingombro tutto sommato accettabile per chi dà la priorità massima alla visione dei contenuti multimediali.

huawei-p9-plus (7)

Qualche ulteriore considerazione sul design:
– E’ presente un piccolo LED di notifica in alto a sinistra;
– Il tasto di accensione ha un design piuttosto aggressivo: è zigrinato ed è contornato da dei riflessi rossi che richiamano il brand Leica;
– La porta USB è di tipo C. Consiglio: comprate un adattatore microUSB standard-type C o munitevi di più cavi USB type C (su amazon costano pochissimo);

huawei-p9-plus (6)

 

Display

A differenza del P9 standard, il display del P9 Plus si basa su tecnologia AMOLED. Mettendo i dispositivi uno accanto all’altro le differenze di notano: i neri, e più in generale, i livelli di contrasti, sono decisamente più profondi, fattore che impatta sulla qualità di visione di film e video. A soffrire leggermente sono invece i bianchi: inclinando il dispositivo si può osservare una tendenza verso colori verdognoli, una tendenza lievemente più marcata anche rispetto ad altri smartphone di recente uscita con schermo AMOLED.

huawei-p9-plus -recensione (1)

La luminosità del display è ottima: sotto la luce del sole la visibilità è davvero piacevole. Tra l’altro il sensore di luminosità è impeccabile nell’impostare il livello di luminosità corretta a seconda della luminosità ambientale.

La grande peculiarità de display è nell’implementazione della tecnologia Touch Press, simile al noto 3D Touch introdotto dall’iPhone 6S. Il funzionamento è semplice: tenendo il dito premuto su un’icona si apre un menu, premendo con maggiore forza si abilitano altre funzionalità. Ad esempio premendo l’icona della fotocamera si apre il menu per la scelta della modalità di scatto (Bianco & Nero, Video, Selfie) mentre premendola con maggiore forza si attiva direttamente la fotocamera. O ancora, premendo l’icona dei messaggi c’è la possibilità di selezionare un contatto tra quelli recenti, mentre tramite una pressione decisa si entra nell’app dei messaggi. Interessante il fatto che per ogni app che supporta il Touch Press è possibile selezionare l’azione da attivare in caso di pressione decisa. Un limite vero è rappresentato dal fatto che purtroppo solo le app proprietarie Huawei supportano questa funzionalità, non tutte tra l’altro e questo sicuramente fa prendere le distanze con quanto osservato sul melafonino.

huawei-p9-plus -recensione (4)

Un paio di ulteriori considerazioni sullo schermo:
– Apprezziamo che Huawei abbia rinunciato, anche su un display di queste dimensioni, all’inutile risoluzione Quad-HD che avrebbe sovraccaricato inutilmente il processore, minando tra l’altro l’ottima autonomia;
– Non sono presenti tasti soft-touch, nè il tasto home fisico, ma i tasti Android sono a schermo. Questo consente di eliminare spazi superflui, ma allo stesso tempo il lettore di impronte è posto sul retro, in un punto raggiungibile facilmente dall’indice, ma più scomodo rispetto agli smartphone che integrano il sensore al di sotto del tasto fisico Home;

huawei-p9-plus (8)

 

Hardware e prestazioni

Le prestazioni di Huawei P9 Plus sono sorprendenti: il sistema è reattivissimo, per merito della potenza del processore HiSilicon Kirin 955, davanti a qualsiasi operazione, dall’utilizzo delle app alla navigazione web. Difficile notare per ora i vantaggi pratici dei 4GB di RAM rispetto ai 3GB del Huawei P9, ma di sicuro una dotazione di RAM così ampia garantisce un rassicurante utilizzo del sistema nel tempo, anche dopo l’installazione di un gran numero di app o dopo vari aggiornamenti di sistema. A sorprendere è il lato gaming, con un framerate impeccabile anche davanti a giochi “pesanti” come Real Racing 3, in cui è riuscito a comportarsi anche meglio rispetto ad altri dispositivi sulla carta “migliori” in termini di punteggio Antutu. Insomma, il Huawei P9 Plus non pone limiti alla tipologia e al numero di giochi e app installabili (anche perchè ricordiamolo, avete 64 GB di memoria interna), nè all’apertura contemporanea di più task.

L’altro aspetto che mi ha colpito molto è la qualità dell’audio da speaker, capace di un volume molto alto senza fastidiose distorsioni. E’ tra i pochissimi smartphone con cui potete ascoltare la musica o guardare video anche in ambienti rumorosi, o con cui potrete tranquillamente parlare in vivavoce in macchina con i finestrini abbassati. Tra l’altro la novità è che ruotando lo smartphone in posizione orizzontale, il suono non esce più solo dallo speaker posizionato in basso ma anche dalla capsula auricolare, creando un effetto “stereofonico” bilanciato, che rende l’ascolto ancora più piacevole, quando stiamo ad esempio guardando un film su Netflix.

huawei-p9-plus-vellamo huawei-p9-plus-pc-mark-1 huawei-p9-plus-antutu-benchmark

Vi ricordo che è possibile espandere la memoria tramite microSD, anche se data l’ampia disponibilità di memoria interna potete tranquillamente farne a meno.

Sistema Operativo

Huawei P9 Plus si basa su Android Marshmallow 6.0, in particolare sulla stessa interfaccia del P9 “standard”, ovvero la EMUI in versione 4.1. Troviamo quindi tutte le funzionalità associate al sensore biometrico, con cui è possibile eseguire determinate azioni come rispondere alle chiamate, scattare foto e video o terminare la sveglia ecc..

Tra le varie funzionalità, oltre al Touch Press, di cui abbiamo parlato ampiamente in precedenza, ci sono:
– la possibilità di ridimensionare lo schermo per favorire l’utilizzo con una sola mano, molto comodo in metro, sull’autobus o in tutte quelle circostanze dove non possiamo utilizzare entrambe le mani. Questa funzionalità è ancora più utile nel P9 Plus date le dimensioni del dispositivo;
– la possibilità di “splittare” lo schermo in due parti. La pecca qui è che l’utilizzo è limitato alle poche app di base proprietarie Huawei;

huawei-p9-plus-interfaccia huawei-p9-plus-batteria huawei-p9-plus-gestione-batteria

Nel complesso l’interfaccia è esteticamente piacevole e altamente personalizzabile attraverso i temi presenti nell’apposita app “Temi“;

 

Fotocamera

huawei-p9-plus (9)

Huawei P9 Plus monta la doppia fotocamera LEICA già vista e ampiamente discussa nella recensione del P9, che combina un sensore RGB con un sensore monocromatico (Bianco e Nero), entrambi da 12MP. I vantaggi della doppia fotocamera sono molteplici e includono la possibilità di scattare foto native in bianco e nero, ottenere foto con maggiore luminosità e contrasti, o ancora, di regolare la profondità di campo, applicando ad esempio filtri diversi allo sfondo o agli oggetti fotografati. La velocità dell’autofocus è buona, anche se ci aspettavamo qualcosa in più dall’autofocus laser.

L’interfaccia della fotocamera include la modalità PRO per chi, abituato con le reflex, vuole esibirsi nella modalità manuale regolando manualmente ISO, tempi di scatto, esposizione o tipologia di autofocus (singolo, continuo o manuale). Questa modalità è molto comoda ad esempio quando vogliamo fotografare una scena notturna, mantenendo l’ISO al minimo e aumentando il tempo di esposizione nell’ordine dei secondi.

Le diverse modalità includono la solita modalità bellezza che maschera i difetti della pelle, HDR, Panorama, Scatto notturno, Light Painting (per applicare qualche effetto come scie o graffiti alle nostre foto), Time-Lapse, Rallentatore o l’applicazione di una filigrana (con luogo, temperatura del luogo e data).

Qui di seguito vi mostriamo qualche scatto in modo che possiate valutare voi stessi la qualità degli scatti.

sdr mde dav
mde sdr sdr
cof cof sdr

Segnaliamo che la fotocamera frontale è dotata di un sistema che integra l’illuminazione centrale (lo schermo diventa bianco per illuminare prima dello scatto) ed autofocus utilissimo per gli amanti dei selfie, anche in condizioni notturne molto difficili.

Batteria

Come prestazioni ci siamo: sono rimasto più che convinto dalla batteria di Huawei P9 Plus, una unità da 3400 mAh che non teme l’hardware puramente energivoro. Infatti, anche nei giorni più stressanti, sono riuscito a raggiungere 5 ore di schermo acceso. Non raggiungiamo i fasti della serie Mate, ma ci si può dire più che soddisfatti. Ho particolarmente apprezzato anche la gestione delle risorse e del risparmio energetico, con un app sviluppata da Huawei molto scrupolosa nel segnalare qualsiasi app con comportamenti strani per l’autonomia.

Va segnalato anche che P9 Plus ha il Fast Charge, prerogativa di questo modello, assente in quello “base”, che permette anche di ricaricare più rapidamente la batteria.

Disponibilità e prezzo

Il punto dolente, in linea teorica, è il prezzo, dato che è uscito sul mercato al prezzo di 749 euro, ben 150 euro in più rispetto alla controparte “standard”, uscito invece a 599 euro. Oggi però, a qualche mese dall’uscita dei due modelli, la situazione è ben diversa: su Amazon il P9 plus è disponibile a circa 550 euro, mentre il P9 è venduto a circa 480 euro.

Huawei P9 Plus Smartphone, LTE, Display 5.5'' FHD, 64 GB Memoria Interna, 4 GB RAM, Fotocamera 12 MP, Batteria 3400 mAh, Grigio
Prezzo consigliato: 749€
Risparmi: 460€ (61%)
Prezzo: 289€

Conclusioni

huawei-p9-plus (12)

Se le dimensioni per voi non sono un problema vale la pena spendere qualcosa in più per il P9 Plus invece del P9 “standard”. Ha 64GB di memoria interna, grazie a cui potrete installare app e giochi in maniera spensierata, ha 4GB di RAM, tali da assicurare una buona longevità, un’autonomia migliore, un sonoro da speaker di altissima qualità e per finire è esteticamente molto più accattivante. Tra i le differenze rispetto al P9 non abbiamo incluso il sensore a infrarossi, che in pochi utilizzano, e il Touch Press, limitato ad alcune app proprietarie Huawei.

PRO

✔ Design accattivante e qualità costruttiva eccelsa
✔ Schermo AMOLED
✔ 4GB di memoria RAM
✔ Sistema reattivissimo
✔ Perfetto per il gaming estremo
✔ Fotocamera di alta qualità, con funzionalità esclusive
✔ Fotocamera frontale
✔ Sonoro da speaker di altissimo livello
✔ Ottima autonomia
✔ Prezzo inferiore di 200 euro rispetto all’uscita

CONTRO

✖ Per molti utenti 5.5 pollici possono essere eccessivi
✖ Livelli dei bianchi del display non impeccabili
✖ Il Touch Press è limitato a poche app proprietarie

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.