News Smartphone

I migliori 10 giochi per iPhone del 2011: la classifica

Nov 5, 2011

author:

I migliori 10 giochi per iPhone del 2011: la classifica

Curiosi di sapere quali sono i migliori giochi per l’iPhone del 2011? Abbiamo provato a stilare la nostra personale classifica. Qual’è la vostra?

#10:Bumpy Road

Genere: Arcade
Sviluppatore: Simogo

Bumpy Road ha come protagonista una coppia di coniugi di mezz’età che decide di fare un giro in auto. La meccanica è semplice: nella modalità principale bisognerà collezionare bonus ed evitare i baratri di cui è disseminato il percorso. Dov’è la novità? L’innovazione risiede nel fatto che non abbiamo il controllo della vettura ma del terreno sottostante, che dovrà essere opportunamente plasmato per evitare che la gita finisca malamente.

Un rilievo potrà fungere sia da ripida discesa, in grado di accelerare la corsa della vettura, che da ardua salita, le piattaforme sospese in aria potranno essere raggiunte con un piccolo balzo, o ancora sarà possibile imprimere una spinta alla vettura tramite delle “onde” nel terreno, indispensabili per superare i dirupi più ampi.

La prontezza di riflessi è fondamentale. Nonostante il comparto audiovisivo più che piacevole a soffrirne è il contenuto, che alla lunga può risultare noioso. Nonostante questo è da premiare l’originalità dell’idea di base.

 

#9: NBA Jam

Genere: Sportivo
Sviluppatore: Electronic Arts

 

NBA Jam, titolo apprezzatissimo su console Wii, conferma il suo successo anche su piattaforma iPhone. E’ un basket puramente arcade. Non aspettatevi un gioco simulativo perchè è la spettacolarità a farla da padrone. E’ dinamico e veloce, con una giocabilità immediata, supportata da un ottimo sistema di controllo.

Utilizzando uno stick analogico virtuale e tre pulsanti, si possono ovviamente effettuare tiri in sospensione, schiacciare, passare e rubare la palla, come nel basket reale, ma è nel “turbo”, negli spettacolari alley-oop e negli spintoni che si concentra il divertimento.

La longevità è garantita dalla modalità “Campagna”, in cui sceglieremo una squadra con l’obiettivo di portarla alla vittoria. Il supporto al display Retina, che garantisce una grafica eccellente, e la possibilità di sbloccare squadre e giocatori nascosti completano il quadro di un gioco riuscitissimo. Unico neo l’assenza del multiplayer online.

 

#8: Angry Birds Rio

Genere: Action
Sviluppatore: Rovio

 

Angry Birds non ha bisogno di presentazioni. Lo straordinario successo, coronato da più di 100 milioni di download, lo ha reso il gioco più conosciuto dell’era mobile. Giunge così alla terza attesissima versione, in collaborazione con la major cinamatografica 20th Century Fox, per promuovere il film “Rio”.

Stavolta gli uccelli furiosi sbarcano in Brasile, con due nuovi obiettivi: liberare uccellini rinchiusi in gabbia nel primo mondo, ed eliminare odiose scimmiette nel secondo. Le dinamiche di gioco ovviamente sono le stesse: gli uccelli vengono lanciati con una fionda per distruggere le strutture circostanti.

Il gameplay è dunque lo stesso ma è evidente una maggiore cura del comparto tecnico. 60 livelli offrono una buona longevità e se avete apprezzato le precedenti versioni, non potrete che apprezzare anche questo.

 

#7: Coin Drop

Genere: Puzzle-game
Sviluppatore: Full Fat Productions

 

Coin Drop, ispirato a Peggle, è un gioco che fa della semplicità e della casualità le sue caratteristiche distintive. La logica è semplice: far cadere dall’alto, con traiettorie verticali e in sequenze massimo di 5, le monete gialle (quelle buone) cercando di colpire quelle blu (quelle cattive).

La dinamica sembra affidata al caso dato che le monete gialle rimbalzeranno sui vari oggetti collocati all’interno della schermata. L’idea di casualità che caratterizza il gioco è enfatizzata dal fatto che agitando furiosamente il nostro iPhone, avverrà una correzione della traiettoria delle monetine, che verranno spinte verso l’alto aumentando le probabilità di raggiungere i nostri scopi.

I livelli, in attesa di aggiornamenti, sono 60 e sono arricchiti da obiettivi alternativi nel corso della partita che non rendono mai noioso il gioco.

 

#6: Sonic and Sega All star Racing

Genere: Guida arcade
Sviluppatore: Sumo Digital

 

La risposta di Sega al Mario Kart di Nintendo, è un gioco di corse arcade che ne imita la fantasia delle piste e l’utilizzo di armi da raccogliere lungo i tracciati per essere utilizzati contro avversari insidiosi.

L’attenzione qui è rivolta maggiormente alle abilità di guida piuttosto che alla confusione derivante dall’utilizzo esasperato di power-up e armi. In molti casi risulterà fondamentale la conoscenza del tracciato di corsa, che permetterà di sfruttare i suoi segreti (es. scorciatoie nascoste).

Sarà possibile controllare le vetture sia tramite una levetta per lo sterzo che sfruttando il giroscopio, che vi permetterà un controllo intuitivo e realistico impostando la sensibilità desiderata. Per gli amanti del racing, è un must-have.

 

#5: The King of Fighters-i

Genere: Picchiaduro
Sviluppatore: SNK Playmore

 

King of the Fighters-i è un picchiaduro dall’evelata qualità grafica, con supporto al display Retina che ne eleva la definizione. Non si tratta del classico picchiaduro 1 vs 1 (modalità comunque disponibile) ma potremo misurare le nostre abilità nelle modalità Team Battle, in cui con una squadra di 3 personaggi affronteremo ad oltranza team analoghi, e Endless, una sorta di survivor in cui dovremo cercare di sconfiggere il maggior numero di avversari con una sola barra di energia.

I comandi sono ben realizzati e sopperiscono alla carenze dei testi fisici: lo stick analogico virtuale sulla sinistra è accompagnato dai pulsanti sulla destra, ognuno con una funzione specifica: P(pugno), K(calcio), E(evade), S(special) e HD(hyper drive). Il tutto, combinato con le mezzelune, tipiche di questo genere su touchscreen, esalteranno le nostre abilità.

I combattimenti sono relativamente lunghi e improntati sulla strategia, e l’impossibilità di finire ko dopo pochi colpi lascia poco spazio alla fortuna. Il difetto più grande? L’assenza del multiplayer.

 

#4: Tiny Wings

Genere: Action-adventure
Sviluppatore: Andreas Illiger

 

Protagonista di Tiny Wings è un piccolo pennuto, sovrappeso e con la ali troppo piccole, che non riesce a volare a causa dei suoi impedimenti fisici e che, per farlo, è costretto a trovare un modo alternativo: scivolare sulle colline e usarle come trampolino per toccare il cielo e sorvolando isole e mari.

Come permettere al buffo uccello di realizzare il suo sogno? Una volta in volo è sufficiente premere il dito sul touchscreen per farlo cadere in picchiata, per poi rilasciarlo poco prima di affrontare un salto. Toccare il touchscreen con il tempismo sbagliato rallenterà il volo, e servirà tempo prima di tornare ad acquistare velocità.

La meccanica si basa quindi sulla pressione di un solo dito ma è nella coordinazione e nel giusto tempismo che si racchiude la difficoltà del gioco. L’obiettivo è quello di farlo volare il più lontano possibile prima che sopraggiunga la notte, momento in cui avrà termine il volo.

L’esperienza è arricchita dai tre diversi obiettivi da portare a termine di volta in volta, al completamento dei quali si avrà un nuovo nido che aumenterà il nostro punteggio. Gli effetti sonori e l’ambientazione dinamica fanno da contorno a questo divertentissimo gioco.

 

#3: Superbrothers: Sword & Sworcery

Genere: Action-adventure
Sviluppatore: Capybara Games

 

 

Superbrothers: Sword & Sworcery è un’avventura accattivante e affascinante ambientata in una misteriosa foresta, in cui vestiremo i panni di un avventuriero, The Scythian, che attraverso l’ingegno, la spada e la magia dovrà completare la sua avventura risolvendo puzzle, combattendo inquietanti boss e parlando con strani abitanti.

A colpire è la grafica retrò, ma più che uno stile obsoleto è un tripudio della “pixel art”, una soluzione estetica che unita al gameplay originale ed avvincente e un sonoro di primissima fascia (firmata Jim Cuthrie, autore di straordinarie colonne sonore del gaming), rende il gioco particolarmente adatto ai “veri giocatori”, quelli che sanno vedere aldilà della grafica.

Bastano una manciata di pixel per dare una grande personalità ai personaggi, e per rendere l’atmosfera malinconica ed evocativa. Un viaggio meraviglioso, il cui limite è solo nella longevità: 4-5 ore che fanno venir voglia di ricominciare il gioco da capo. Da applausi.

 

#2: World of Goo

Genere: Puzzle Game
Sviluppatore: 2D Boy

 

World of Goo è un autentico capolavoro, nato dalla fatica di due ragazzi di S.Francisco, e che ha spopolato su qualsiasi piattaforma.

I cosiddetti “Goo” sono dei piccoli esseri oleosi che tendono ad unirsi tramite legami elastici semi-solidi traballanti. L’obiettivo è quasi sempre lo stesso: trasportare un numero minimo di Goo fino ad una specie di tubo che le risucchia e le raccoglie in un apposito contenitore. Ma è l’ambientazione ad essere sempre diversa ed incide nella meccanica in un’incredibile esperienza di fisica e gravità.

Alla varietà delle sfide proposte si aggiunge quella dei Goo, ognuno dotato di caratteristiche diverse: quelli neri non possono essere spostati una volta posizionati, al contrario di quelli verdi, i bianchi non hanno solidità, quelli gialli si attaccano solo a superfici verticali ecc..

Un mix di semplicità e genialità. Unico avviso: crea dipendenza.

 

#1: Dead Space

Genere: Survival Horror
Sviluppatore: Electronic Arts

 

Volete sfruttare appieno le straordinaria capacità elaborative del chip A5? Dead Space è forse quello che ne esalta più di tutti le potenzialità.

La Electronics Arts riesce alla perfezione nel difficile compito di portare un gioco complesso come Dead Space su iPhone, mantenendo ad altissimi livelli la qualità grafica.

Se vi mettete le cuffie sarete immersi nel mistero e nell’angoscia nei panni di Vandal, un personaggio incaricato di manomettere alcuni impianti sulla stazione spaziale Sprawl causando la liberazione dei Necromorfi.

Il comparto tecnico è impressionante: ricco di animazioni fluide e di texture ambientali e dei personaggi ai limiti delle console portatili. Ma è nel comparto audio che raggiunge l’eccellenza, grazie al quale non farete fatica ad immedesimarvi nell’azione e nell’ambientazione.

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.