Default

I migliori smartphone Android per qualità-prezzo: la guida (2014)

Ago 2, 2014

I migliori smartphone Android per qualità-prezzo: la guida (2014)

In questo articolo ci siamo posti l’obiettivo di stilare una classifica dei migliori smartphone Android per rapporto qualità-prezzo. Prenderemo in considerazione solo device sotto i 300 Euro, ordinandoli per prezzo (dal più economico al più costoso). Questo per facilitarvi nella consultazione della guida ed aiutarvi nella scelta.

La nostra preferenza è ricaduta su questa fascia perché ci rendiamo conto che, soprattutto in questo periodo, non tutti possono (o vogliono) spendere 500/600 Euro per uno smartphone. Nonostante i prezzi più contenuti, rispetto ai top di gamma, i dispositivi contenuti in classifica sono comunque degli ottimi prodotti, che non danno alcun problema nell’uso quotidiano.

I prezzi in classifica sono per prodotti con “Garanzia Italia”.

 

1. Wiko Rainbow (dual-sim)

rainbow

Vi avevamo parlato di questo dispositivo nell’articolo riguardo “I migliori smartphone dual-sim economici”. Lo smartphone ha un rapporto qualità prezzo invidiabile, grazie ad un costo basso ed un hardware di discreto livello. Se ciò non bastasse, il produttore francese ha prestato molta attenzione al design del prodotto, offrendo anche 7 varianti di colori ed inserendo il led di notifica all’interno della capsula auricolare.

Il Rainbow ha dimensioni generose, per includere al suo interno l’ambio display da 5″ HD, che offre una buona qualità nei dettagli e nella riproduzione dei colori. Purtroppo esso influenza molto la batteria da soli 2000 mAh, che non permette di finire la giornata con un uso intenso. Per un utente medio questa durata potrebbe forse bastare.

Il Soc è caratterizzato da un quad-core a 1.3 Ghz (MT6582) e, pur non offrendo prestazioni adeguate nel gaming, garantisce una discreta fluidità di sistema nell’utilizzo quotidiano, grazie all’aiuto del singolo GB di ram. La memoria interna disponibile è di soli 4GB, ma è possibile espanderla via microSD.

Il sensore della fotocamera da 8MP ha una resa leggermente superiore alla media e permettere di riprendere video in full-HD. La fotocamera anteriore da 2MP, come avviene per quasi tutti i modelli di questa fascia, è accettabile solo per le videochiamate, meno per fare degli autoscatti. Nella parte frontale troviamo anche il sensore di luminosità. Purtroppo il software è fermo ad Android 4.2.2 e non sappiamo se arriverà Android 4.4.

Prezzo online intorno a 140/150 Euro.

 

2. Motorola Moto G 8GB

moto g

Vi avevamo già parlato di questo prodotto nella nostra guida “I migliori smartphone Android Low-Cost del 2014”. Moto G è indubbiamente il device più completo presente in questa fascia. Questo perché offre un hardware di fascia media ad un prezzo moto contenuto e viene “seguito” molto da Motorola per quanto riguarda gli aggiornamenti. Lo Snapdragon 400 quad-core a 1.2Ghz, abbinato ad 1GB di Ram, offre una fluidità di sistema invidiabile e delle buone prestazioni a livello ludico. Troviamo infatti una Adreno 305, che permette di giocare senza lag o eccessivi cali di frame rate.

Anche il display è di ottimo livello, grazie alla risoluzione 1280×768 pixel (HD) ed ai suoi 4.5″, che permettono di mantenere una buona compattezza del prodotto. Questo pannello ha anche il plus di non essere molto “energivoro” e quindi anche l’autonomia ne giova. Infatti, la batteria da 2070 mAh (non removibile) permette di coprire tranquillamente una giornata di uso intenso. Sono presenti anche: sensore di luminosità e led di notifica; due caratteristiche non sempre implementate in questa fascia di prezzo. Inoltre il software, quasi stock, è aggiornato ad Android 4.4.4 KitKat, l’ultima release disponibile ad oggi.

Ci sono ovviamente anche dei lati negativi, il cui peso è da valutare a seconda delle singole esigenze. In primo luogo, la memoria interna disponibile è di 5.2GB e, vista l’impossibilità di espanderla, può rappresentare un problema. Per ovviare, ci si deve dirigere verso la versione da 16GB ( circa 20 euro in più online) . Altra pecca è il comparto foto video, che nel complesso è sufficiente ma presenta delle criticità. La fotocamera anteriore da 1.3 MP è accettabile solo per le videochiamate, mentre la posteriore da 5 MP (con Led Flash), capace di riprendere video in HD, entra in difficoltà quando le condizioni di luce diventano più complicate.

Il prezzo online si aggira intorno ai 160-170 Euro.

 

3. Huawei G700 (dual-sim)

Ascend-G700_4

Vi avevamo già parlato di questo G700 dual-sim nel nostro articolo: “I migliori smartphone dual sim economici del 2014”. Il principale punto di forza di questo prodotto è l’hardware che, nonostante il prezzo contenuto, risulta essere di buonissimo livello. Il processore è il collaudatissimo MT6589 quad-core a 1.2 Ghz di Mediatek che si comporta egregiamente nell’uso quotidiano. Infatti, oltre ad una fluidità ottima, garantisce un’autonomia superiore alla media, grazie anche alla batteria da 2150 mAh. L’unica pecca di questo Soc è la GPU PowerVR SGX544 che entra spesso in difficoltà con i giochi più elaborati. Sorprendente è la ram da 2GB; un’eccezione per i prodotti fino a 300 Euro. Se ciò non bastasse, il device offre un display da 5″ IPS di discreta fattura con risoluzione HD.

La memoria interna da 5.7GB effettivi non garantisce uno spazio di archiviazione adeguato ma, grazie alla microSD, il problema è in parte ovviabile. Nella media la fotocamera posteriore da 8MP che, pur non offrendo prestazioni elevate, garantisce risultati accettabili. La fotocamera anteriore da 1.3MP è sotto la media.

Il software è personalizzato da Huawei con la Emotion UI, molto simile alla grafica iOS, e, purtroppo, è ancora fermo ad Android 4.2.1.

Online è disponibile a 170-180 Euro.

 

4. Moto G 8GB (2nd Generation)

New-Moto-G-Dual-SIM

 

Nella nostra classifica non poteva mancare la nuova generazione del Moto G. Il prodotto non ha subito stravolgimenti rispetto al predecessore, visto anche il grande successo ottenuto fino ad oggi.

La prima novità che salta all’occhio è indubbiamente il display. Infatti lo schermo IPS è cresciuto fino a 5″, pur mantenendo la risoluzione HD (1280 x 720 pixel). La qualità è ottima (anche grazie ad un sensore di luminosità ben funzionante) ma leggermente inferiore rispetto al primo modello. Il System on a chip rimane il solito Snapdragon 400, con CPU quad-core @1.2 Ghz e GPU Adreno 305. Nonostante l’assenza di un upgrade, i componenti si comportano bene e garantiscono una fluidità eccezionale. Anche nel gaming il device non si comporta male, offrendo prestazioni simili a quelle presenti in categoria. La RAM è sempre da 1 GB e la ROM da 8GB è espandibile via MicroSD, caratteristica presente solo nel modello LTE della versione 2013. La batteria da 2070 mAh permette di coprire la giornata lavorativa (con un uso medio), ma, visto anche il display generoso, non vi garantirà di arrivare a cena.

La fotocamera è nettamente migliorata ed il nuovo sensore da 8MP permette di ottenere risultati decenti. Purtroppo i video vengono ripresi al massimo in HD (720p). La fotocamera frontale rimane sufficiente per delle video chiamate, ma nulla di più.

Il software è basato su Android 4.4 KitKat ed è estremamente fluido, restando sempre esente da lag o blocchi indesiderati. Motorola ha già annunciato l’arrivo di Android Lollipop.

Nota di merito per la qualità costruttiva ed i doppi speaker frontali dal volume molto alto. Il peso è cresciuto fino a 145 grammi e lo spessore si assesta sul cm, facendo perdere quella maneggevolezza tipica del modello precedete.

Il prezzo online è intorno ai 185 Euro.

 

5. Lg G2 Mini

LG-G2-Mini-Launch

Avevamo parlato del G2 Mini nella guida “I migliori smartphone Android Low-Cost del 2014”E’  uno smartphone ben riuscito che, come il suo fratello maggiore, del quale ricalca il design, ha segnato una bella inversione di tendenza per LG.

Come per Moto G, parliamo di un device con 1GB di ram mosso da uno Snapdragon 400 quad-core da 1.2Ghz che, nonostante la pesante personalizzazione del produttore, riesce ad avere un’ottima fluidità. Anche nel gaming il comportamento è molto buono. Questo grazie anche al display da 4.7″ qHD (960 x 540) che, avendo una risoluzione abbastanza bassa, non stressa troppo l’hardware. Ovviamente, se da un lato il pannello aiuta a mantenere le prestazioni adeguate, dall’altro non offre una densità di pixel molto elevata, fermandosi ai 234 pixel per pollice. La memoria interna effettiva è di circa 4GB ma è espandibile via MicroSD.

Nonostante questa pecca, il dispositivo offre delle soluzioni che rappresentano un punto di forza in questo segmento; stiamo parlando del NFC e della compatibilità con le reti LTE (fino a 150 Mbps in download) .Purtroppo sono assenti sia il led di stato che il sensore di luminosità. La fotocamera posteriore è superiore alla media, grazie agli 8MP che garantiscono risultati molto buoni. La fotocamera anteriore è una 1.3MP.

Il software (aggiornato ad Android 4.4.2) è fortemente personalizzato da LG e quindi troviamo le varie features del produttore: Q-Slide, Q-Memo  e Knock Code. Sta a voi decidere se quest’aspetto è un pro od un contro, a seconda dei vostri gusti. Non si può discutere sull’autonomia che, anche se non è al livello del G2, è sopra la media per questa fascia di prezzo.

Il prezzo online è di circa 200-210 Euro per la versione da 8GB.

 

5. Motorola Moto G LTE

Le caratteristiche e l’estetica sono identiche alla versione standard, con l’ovvia aggiunta del modulo LTE. Un altro vantaggio considerevole è la presenza dello slot per l’espansione della memoria, che permette di installare MicroSD fino a 32GB.

Due aggiunte che rendono questo Moto G LTE ancora più appetibile rispetto alla versione “base”..

Il prezzo online è simile a quello di LG G2 Mini e si assesta intorno ai 200-210 Euro.

 

6. Samsung Galaxy S4 Mini

s4 mini

Vi abbiamo già parlato di questo device nel nostro articolo: “I migliori smartphone Android (max 250 euro) del 2014”. Lo smartphone è il fratellino del più noto Galaxy S4, riprendendone il design e l’Interfaccia utente. Nel complesso è un buon prodotto che, nonostante il prezzo iniziale proibitivo, in questo periodo è diventato abbastanza conveniente. Ha un display da 4.3″ da 960×540 pixel ed una CPU Snapdragon 400 dual-core a 1.7 Ghz. Nel complesso, il sistema, basato su Android 4.4.2, è abbastanza fluido. Questo grazie al display poco “risoluto” ed alla ram da 1.5GB. L’interfaccia utente è la classica TouchWiz, castrata di alcune funzioni (Air View e Air Gesture); che sia un difetto od un pregio sta a voi deciderlo.

In piena tradizione Galaxy, troviamo la batteria removibile e la microSD ad espandere i 5GB effettivi di memoria interna (è disponibile la versione 16GB più difficile da reperire).

Nota di merito per S4 Mini è il comparto foto/video. La fotocamera posteriore da 8MP offre degli scatti di qualità superiore rispetto alla media del segmento e, pur con i suoi limiti, garantisce anche una buona resa video. La fotocamera anteriore da 1.9MP si assesta nella media rispetto alla concorrenza. Altri due aspetti da non trascurare sono: la compatibilità con le reti LTE ed il peso ridottissimo, di soli 107 grammi. Non altrettanto buona è la batteria da 1900 mAh, che comunque dovrebbe riuscire a portarvi a fine giornata (con un uso medio-alto).

Il prezzo online è intorno ai 240-250 Euro, per la versione 8GB.

7. Sony Xperia SP

xperia sp

Vi avevamo già parlato di questo prodotto nell’articolo “I migliori smartphone Android del 2014 a meno di 250 Euro”. Nonostante il display da 4.7″ (1080×720 pixel), il prodotto non brilla per dimensioni e peso. Infatti, i 155 grammi e 10 mm di spessore rendono lo smartphone inadatto a quegli utenti che cercano compattezza e leggerezza. Lo Snapdragon S4 Pro dual-core da 1.7 Ghz ed il singolo GB di ram rendono l’hardware di buon livello. Anche il sistema, fermatosi ad Android 4.3, si comporta bene e la personalizzazione software di Sony offre delle discrete features extra. Anche il gaming è buono, ma se cercate un device da gioco questo prodotto non fa al caso vostro.

Come in molti altri prodotti di questa fascia, troviamo una memoria da 5GB effettivi, espandibile via MicroSD. La fotocamera posteriore ha un sensore superiore alla media; però, nonostante l’Exmor RS da 8MP, i risultati non sono all’altezza ed offrono un rumore video superiore rispetto alla concorrenza. Anche la fotocamera anteriore VGA non è certo il massimo.

La batteria da 2370 mAh si è rivelata nella media ed offre, agli utenti meno “smanettoni”, una giornata di utilizzo completa. Però sotto stress mostra i suoi limiti, al pari di quasi tutti i device di questa fascia. Certamente positivo è il comparto connettività, dotato di tutte le tecnologie attuali (LTE compreso), ad esclusione del NFC.

Prezzo online tra i 250 ed i 260 Euro.

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.