China Guide Tablet

I migliori tablet Android cinesi del 2015

Giu 5, 2015

I migliori tablet Android cinesi del 2015

migliori tablet cinesi

Dopo il nostro articolo “I migliori tablet Android da 8 pollici” (che vi invito a consultare), torniamo a stilare una classifica riguardante i tablet Android. In questo caso parleremo di quelle che riteniamo le migliori “tavolette” cinesi (ingegnerizzate e prodotte in Cina). Anche questa volta, verranno “pesati”: prestazioni, prezzo, qualità costruttiva e facilità nel reperire i prodotti. Questo tipo di articolo considera i migliori tablet cinesi del 2015, ma per ovvi motivi prenderemo in considerazione anche tablet prodotti in tempi precedenti ma che per prestazioni sono in grado di competere con quelli più recenti.

1. Cube Talk 9X

cube talk 9x

CARATTERISTICHE E SPECIFICHE TECNICHE

Data di uscita: Maggio 2014
Peso: 560gr
Spessore: 7.5mm
Sistema operativo: Android KitKat 4.4.2
Aggiornamento disponibile: –
Display: 9.7 pollici
Risoluzione: 2048 x 1536 pixel (264 PPI)
Processore: Mediatek MT8392 da 1.7Ghz. GPU Mali-450MP
RAM: 2GB
Memoria interna totale: 16GB
Memoria espandibile: SÌ, microSD fino a 32GB
Fotocamera principale: 8MP
Fotocamera anteriore: 2MP
Batteria: 10000mAh
Modulo 3G: SÌ

DESCRIZIONE

Il Cube Talk 9X è un tablet dalle altissime prestazioni ad un prezzo molto accattivante. Il primo componente che “salta all’occhio” è il display da 9.7” IPS “Retina” con risoluzione 2048 x 1536 pixel. I colori sono molto buoni e la luminosità è nella media, ma è leggermente inferiore ai concorrenti la sensibilità del pannello, a volte poco reattivo. Il Soc è il potentissimo Mediatek MT8392. La CPU è una octa-core con core cortex A7 @1.7 Ghz, mentre la GPU è una Mali-450MP. Nel complesso, grazie anche ai 2GB di Ram, la gestione del tablet (e della risoluzione molto alta) è molto buona e incorrono raramente dei lag. Anche nei giochi il comportamento è più che sufficiente. La rom è da 16GB e la memoria espandibile permette un’ottima versatilità nella gestione della stessa. Sono presenti anche: rete 3G, wi-fi b/g/n e Gps. Tutti funzionano correttamente. La batteria da 10000 mAh garantisce una buona autonomia, anche se meno di quanto ci si possa aspettare da un accumulatore così grande.

Il software, basato su Android 4.4.2, rappresenta una piccola pecca di questo prodotto. L’azienda cinese ha lasciato il sistema molto vicino allo Stock (ad esclusione del proprio Launcher), lavorando in modo non perfetto sull’ottimizzazione dell’interfaccia per tablet. Questo non inficia in alcun modo la fruizione del device, ma visto il suo alto livello ci si poteva aspettare qualcosa in più.

Le due fotocamere sono nella media per quanto riguarda il settore delle “tavolette”. La posteriore da 8MP, nonostante un flash poco potente, garantisce dei risultati buoni, soprattutto nelle macro e nelle situazioni molto soleggiate. L’anteriore da 2MP è sufficiente per delle chiamate Skype e poco più.

La qualità costruttiva è un bel punto a favore del Talk 9X. Infatti la struttura è completamente in alluminio (ad eccezione della copertura per le antenne) e ciò offre una solidità ed un look invidiabili. Il peso purtroppo è molto generoso, con i suoi 560 grammi. Le altre dimensioni sono: 237mm, 170mm e 7.5mm di spessore.

Online il prezzo è intorno ai 225 Euro.

PRO
– Tra i più sottili sul mercato
– Batteria capiente (10000mAh)
– Supporta il 3G

CONTRO
– Memoria interna inferiore rispetto ad altri concorrenti venduti nella stessa fascia di prezzo
– Peso non trascurabile

2. Xiaomi Mi Pad

xiaomi-mipad.0_standard_640.0

CARATTERISTICHE E SPECIFICHE TECNICHE

Data di uscita: Giugno 2014
Peso: 360gr
Spessore: 8.5mm
Sistema operativo: Android KitKat 4.4 MIUI For Pad
Aggiornamento disponibile: –
Display: 7.9 pollici
Risoluzione: 2048 x 1536 pixel (324 PPI)
Processore: Nvidia Tegra K1 da 2.2Ghz
RAM: 2GB
Memoria interna totale: 16/64 GB
Memoria espandibile: SÌ, microSD fino a 128GB
Fotocamera principale: 8MP
Fotocamera anteriore: 5MP
Batteria: 6700mAh
Modulo 3G: SÌ

DESCRIZIONE

Il Mi Pad è un tablet di altissimo livello, che non sfigura nel confronto con i top di gamma dei produttori più noti.

Il display è uno dei principali punti di forza di questo device di Xiaomi. E’ un’unità da 7.9″, prodotta da Sharp e Youda, con la sorprendente risoluzione di 2048×1536 pixel. Come avrete notato, la ratio dello schermo è 4:3.

Il Soc è il Tegra K1, il prodotto più potente della gamma mobile di NVIDIA. Questo chip può contare su una CPU 4+1 con clock massimo a 2.2 Ghz. Questa configurazione sfrutta la tecnologia NVIDIA “Symmetric Multi-Processing”, che permette al quad-core (Cortex A-15) di attivarsi solo per le operazioni più dispendiose (in termini di potenza ed energia), lasciando svolgere al single core a basso consumo le operazioni di routine. I principali vantaggi, rispetto ad un quad-core classico, riguardano il risparmio energetico.

La GPU è una NVIDIA Kepler a 192 core CUDA, in grado di lavorare con: Tessellation, DirectX11 e OpenGL 4.4 . La potenza è talmente tanta da renderla l’unica unità grafica per il mobile in grado di gestire l’Unreal Engine 4.

La ram è da 2GB e la rom è disponibile nei due tagli da 16/64GB, entrambi espandibili via microSD (compatibilità massima: 128GB). Nonostante tanta potenza, l’autonomia è di tutto rispetto, grazie la batteria da 6700mAh.

Le dimensioni sono: 202.1mm di altezza, 135.4mm di larghezza e 8.5mm di spessore.II tasti capacitivi, posti nella parte bassa della cornice frontale, contribuiscono a quest’altezza un po eccessiva. Il peso totale del device è di 360 grammi.

Le fotocamere sono di buon livello. La posteriore è da 8 MP e garantisce buoni risultati alla luce del sole, meno quando la luce esterna si abbassa. Il sensore è in grado di riprendere video a 1080p a 30 frame per secondo. La fotocamera frontale è da 5MP.

La connettività è ottima, ma paga l’assenza del modulo 3G/LTE e del GPS, lasciando la localizzazione alle sole reti Wi-Fi. Troviamo comunque il wi-fi dual-band a/ac/b/g/n ed il bluetooth 4.0.

Xiaomi ha fatto un grande lavoro per quanto riguarda l’ottimizzazione della sua MIUI. Ha infatti rilasciato, appositamente per questo dispositivo, la nuovissima MIUI for pad; l’interfaccia ricalca la versione originale ma è perfettamente “integrata” nel grande display da 7.9″ e, abbinata al Tegra K1, garantisce un’ottima fluidità di sistema.

Il design ricorda molto (per usare un eufemismo) quello del più famoso iPad Mini. Tralasciando questo aspetto, la qualità costruttiva è buona e la back-cover, in plastica colorata, è ben assemblata. Posteriormente troviamo due speaker per una riproduzione stereo del suono.

Online, in Italia, la versione 16GB si trova a partire dai 270 Euro.

PRO
– Eccellente soluzione per tutti gli amanti del gaming
– Risoluzione effettiva di oltre 300ppi
– Ottima personalizzazione dell’interfaccia

CONTRO
– Assente il supporto al 3G
– Assente il GPS

3. Onda V989

Onda V989

CARATTERISTICHE E SPECIFICHE TECNICHE
Data di uscita:  Giugno 2014
Peso: 490gr
Spessore: 7.9mm
Sistema operativo:  Android 4.4.2 KitKat
Aggiornamento disponibile: –
Display: Retina da 9.7 pollici
Risoluzione: 2048 x 1536 pixel
Processore:  AllWinner A80T Octa-core: 4 core Cortex A7 da 1.2 Ghz e 4 core Cortex A17 da 1.6 Ghz
RAM: 2GB
Memoria interna totale: 32GB
Memoria espandibile: SÌ, microSD fino a 128GB
Fotocamera principale: 8MP
Fotocamera anteriore: 2MP
Batteria: 8000mAh
Modulo 3G: NO

DESCRIZIONE
L’Onda V989 è arrivato sul mercato ponendosi come uno dei più potenti tablet Android. Monta infatti un processore Octa-core con tecnologia big.Little, che unisce grandi performance e risparmio energetico. Esteticamente questo Onda ricorda un po’ l’iPad: il design infatti è piuttosto curato, i materiali utilizzati sono di buona qualità e sotto le mani non scricchiola mai. Sul lato posteriore, che è in alluminio satinato, troviamo la fotocamera e due speaker, mentre nella parte superiore ci sono una presa USB 3.0 (per la ricarica veloce del tablet), una porta mini-HDMI, il jack da 3.5mm per gli auricolari e uno slot per le microSD.

Anche il display scimmiotta il tablet di Apple: si tratta infatti di un pannello Retina da 9.7″ con risoluzione 2048×1536 pixel; la luminosità è buona, i colori sono riprodotti fedelmente e possono essere migliorati ulteriormente grazie a delle apposite opzioni.

Il sistema operativo è Android Kitkat 4.4.2 con delle piccole personalizzazioni. Un’interessante funzione è il “Quick Start”, che permette di riaccendere il tablet in meno di 5 secondi (come se l’avessimo lasciato in stand-by). Purtroppo, nonostante il potente processore, l’Onda V989 è un po’ lento nel multitasking, le animazioni non sono molto fluide e non supporta alcuni giochi (come ad esempio Asphalt 8).

La fotocamera posteriore da 8 megapixel ha l’autofocus ma non il flash, quindi permette di scattare fotografie di buona qualità in condizioni di luce abbondante ma appena sufficienti quando la luce è scarsa. La messa a fuoco è leggermente lenta, lo scatto invece quasi istantaneo e si possono registrare video in FullHD 1080p a 30 fps. La batteria da 8000 mAh garantisce un’autonomia di un giorno intero anche con un intenso utilizzo del tablet.

Miglior prezzo su Amazon.it: EUR 205

PRO
– Processore potentissimo
– Display ad alta risoluzione
– Prezzo

CONTRO
– Software lento in diverse situazioni
– GPS assente
– Solo WiFi

4. Pipo T9 (Talk-T9)

201404240242521137

CARATTERISTICHE E SPECIFICHE TECNICHE

Data di uscita: Maggio 2014
Peso: 440gr
Spessore: 8.4mm
Sistema operativo: Android 4.2
Aggiornamento disponibile: –
Display: 8.9 pollici
Risoluzione: 1920 x 1200 pixel (254 PPI)
Processore: Mediatek MT6592 da 1.7Ghz. GPU Mali-450MP
RAM: 2GB
Memoria interna totale: 32GB
Memoria espandibile: SÌ, microSD fino a 32GB
Fotocamera principale: 13MP
Fotocamera anteriore: 2MP
Batteria: 7300mAh
Modulo 3G: SÌ (opzionale)

DESCRIZIONE

Il Pipo T9 è un prodotto di buon livello, con materiali e qualità costruttiva leggermente inferiori al precedente. In questo caso parliamo di un device con display da 8.9″ IPS. La risoluzione è 1920×1200 pixel e la ratio è 16:10. In questo caso il pannello è prodotto da Samsung. Il Soc è un Mediatek, per la precisione un MTK 6592. E’ dotato di una CPU octa-core Cortex-A7 con clock massimo a 1.7Ghz e GPU Arm Mali-450. La ram è da 2GB e la rom è da 32GB espandibili via microSD (massimo sd da 32GB). La batteria è da 7300mAh è dovrebbe garantire (secondo Pipo) 11 ore di navigazione web tramite wi-fi.

Le dimensioni sono di: 230mm di larghezza, 146.6mm di altezza e 8.4mm di spessore. Il peso è di 440 grammi. Purtroppo non troviamo ne uscita HDMI, ne speakers stereo frontali.

Il comparto fotografico è buono ma la bontà dell’hardware non si rispecchia nei risultati effettivi delle foto, un po sottotono. La fotocamera frontale è da 2MP a fuoco fisso, mentre la fotocamera posteriore è da 13MP ed è dotata di auto-focus e LED flash. Il sensore principale è un BSI CMOS capace di riprendere video in full-HD.

La connettività è completa: wi-fi dual-band b/g/n, 3G opzionale (anche per effettuare telefonate), GPS, Bluetooth 4.0, accelerometro, giroscopio, sensore di luminosità, bussola e compatibilità MHL.

Il software è basato su Android 4.2 e l’interfaccia utente è molto simile a quella stock. Il design è abbastanza buono ed il dispositivo coniuga un telaio in alluminio ad una back cover in metallo.

Prezzo online intorno ai 200 Euro.

PRO
– Qualità fotografica superiore a gran parte dei tablet cinesi sul mercato
– Prezzo accessibile
– Buona capienza della memoria interna

CONTRO
– Ancora basato su Android 4.2

5. Pipo P1

201405240827285304

CARATTERISTICHE E SPECIFICHE TECNICHE

Data di uscita: Agosto 2014
Peso: 620gr
Spessore: 10.8mm
Sistema operativo: Android KitKat 4.4
Aggiornamento disponibile: –
Display: 9.7 pollici
Risoluzione: 2048 x 1536 pixel (264 PPI)
Processore: Rockchip 3288 da 1.6Ghz. GPU Mali-T764
RAM: 2GB
Memoria interna totale: 32GB
Fotocamera principale: 8MP
Fotocamera anteriore: 2MP
Batteria: 10000mAh
Modulo 3G: SÌ (solo dati, opzionale)

DESCRIZIONE

Il Pipo P1 offre un display da 9.7″ IPS, con risoluzione di 2048×1536 pixel e ratio 4:3. La particolarità di questo pannello è che il componente arriva dalla stessa catena di montaggio dell’iPad 4 e ne sfrutta la tecnologia. Il system-on-a-chip è un Rockchip 3288, dotato di una CPU quad-core Cortex-A17 e clock massimo fissato a 1.6Ghz. La GPU è la Mali-T764. Il comparto “memoria” è caratterizzato da una ram da 2GB ed una rom da 32GB, espandibile via microSD.

Le dimensioni sono: 243mm di altezza, 189.8 mm di larghezza e 10.8 mm di spessore. Il peso è di ben 620 grammi, anche per colpa dell’enorme batteria da 10000 mAh.

Il tablet è dotato di 2 fotocamere. La posteriore da 8MP è una BSI (con autofocus) ed è capace di riprendere video in full-hd. L’anteriore è una 2MP a fuoco fisso. Anche in questo caso i risultati non sono eccellenti.

La connettività del device è garantita da: Wi-fi b/g/n, GPS, 3G solo dati (opzionale), bluetooth 4.0, accelerometro, giroscopio e bussola. Troviamo anche l’uscita mini HDMI e gli speaker stereo anteriori.

Il software, basato su Android 4.4.2, è molto vicino all’esperienza utente stock e garantisce un’ottima fluidità di sistema. La qualità costruttiva è buona ed il misto metallo/plastica offre un buon compromesso tra il touch&feel del metallo e la leggerezza della plastica.

Prezzo online intorno ai 190 Euro.

PRO
– Eccellente rapporto qualità-prezzo
– Batteria capiente (10000mAh)
– Supporta il 3G nell’apposita versione

CONTRO
– Qualità fotografica non soddisfacente

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.