Tablet

I migliori tablet Android da 7 pollici del 2012

Google Nexus 7

Google Nexus 7: il tablet Android economico da 7 pollici di Google

Se dobbiamo parlare dei migliori tablet Android economici usciti nel 2012, il primo che ci viene in mente è il nuovo Google Nexus 7. Scontato? Forse.

Ma il nuovo tablet da 7 pollici targato Google è pronto a riscuotere un successo planetario, cercando di colmare quel vuoto lasciato dalla scelta di Apple di non dedicarsi (per ora) alla categoria dei 7 pollici, lanciandosi alla conquista dell’invidiabile market share conquistato dalla mela sui 10 pollici.

Il Kindle Fire è stato uno dei primi a scendere sotto la soglia dei 200 dollari, puntando tutto sui contenuti. Il Google Nexus fa lo stesso, proponendo sul mercato, in collaborazione con la Asus, un modello da 8GB dal prezzo simile (in Italia lo vedremo nella sola versione da 16GB con un prezzo di listino di 249 euro).

Il Nexus 7 è un tablet Android che stupisce per un rapporto qualità-prezzo davvero invidiabile. A partire dai materiali costruttivi, un policarbonato lontano dalla plastica di bassa qualità a cui molti competitor cinesi hanno fatto ricorso, e dall’elegante design. Il Nexus 7 spicca per uno stile inconfondibile e il cosiddetto “premium feel” che mai farebbe pensare ad un prezzo così basso: una gomma ruvida con dei microfori, che lo rendono estremamente confortevole da tenere in mano.

Le misure testimoniano un abile utilizzo degli spazi: uno spessore di 10.45mm, di poco inferiore rispetto a quello del Kindle Fire, da cui però si differenzia per un peso sensibilmente più basso (solo 340 gr contro i 413 gr del rivale Amazon). Il nuovo tablet economico di casa Google infatti esalta quella che deve essere la principale caratteristica che si aspetta chi acquista un tablet da 7 pollici: la portabilità. A questo si aggiungono prestazioni di primissimo piano. Il Nexus 7 nasconde dietro il suo stile elegante, un processore quad-core NVidia Tegra 3, lo stesso (apprezzatissimo) dell’ HTC One X, da 1.2 GHz affiancato da 1GB di RAM.

In Italia verrà venduta solo la versione da 16 GB a 249€ mentre in America i due modelli sono disponibili al prezzo rispettivamente di 199 e 249 dollari. Prestazioni di tutto rispetto quindi (aldilà dei 35 secondi richiesti per l’avvio del sistema operativo) che, nella categoria dei 7 pollici lo rendono il tablet Android più performante in circolazione, adatto a chi vuole dedicarsi ad intense sessioni di gaming o chi è impaziente davanti al rendering delle pagine web.

Che dire dell’autonomia? Bene, anche da questo punto di vista il Nexus 7 non teme rivali con una durata della batteria che supera le 9 ore di utilizzo in riproduzione video senza interruzioni con il Wi-fi abilitato, ponendolo ad un livello solo di poco inferiore rispetto ai fratelli maggiori da 10 pollici. Eccellente questo risultato, se si considera lo spazio ridotto che limita le dimensioni della batteria, e soprattutto in perfetta linea con l’esigenza di portabilità che il tablet vuole soddisfare.

Purtroppo non è possibile espandere la memoria dati con una microSD, data l’assenza dell’apposito slot. Sono sufficienti 16GB? Nonostante la tendenza sempre più mercata allo storage online, non vi nascondiamo che avremmo preferito poter beneficiare di un maggiore spazio di archiviazione (almeno 32 GB). La dotazione sul fronte della connettività è ottima, con il supporto al WI-fi, al Bluetooth e all’NFC.  E’ assente però però il supporto al 3G.

Qui sorge una domanda: è lecito che un tablet da 7 pollici, votato alla portabilità e alla leggerezza, non supporti la connettività 3G/4G? In effetti anche noi non facciamo fatica ad ammettere che si tratta di un controsenso. Un dispositivo portatile che però limita alle sole zone con copertura wi-fi molte delle sue funzionalità, come il download di nuove app e giochi, la visione di video su youtube, l’aggiornamento dei social network o la lettura della posta elettronica. In Italia di fatto l’utilizzo è confinato alle sole mura domestiche, quelle dell’università e dei pochi luoghi pubblici che mettono a disposizione il collegamento wi-fi.

Lo splendido display del Nexus 7 è basato sulla tecnologia IPS con risoluzione 1280 x 800 pixel, in grado di offrire fino a 400 nit di brillantezza. Ragionevole qui la scelta di non spingere oltre i limiti la risoluzione, dato che trattandosi di uno schermo da 7 pollici, garantisce un’esperienza visiva più che soddisfacente.

Il sistema operativo non ha bisogno di presentazioni: il Nexus 7 è il primo dispositivo ad essere dotato nativamente dell’ultima versione di Android: Android Jelly Bean 4.1, di cui vi abbiamo illustrato tutte le caratteristiche e raccolto tutte le nostre impressioni nella nostra recensione. La nuova versione non stravolge quella precedente, limitandosi piuttosto ad introdurre qualche interessante funzionalità accanto ad un’esperienza d’uso più fluida. Come browser preinstallato c’è Chrome, che non supporta il flash ma che si fa apprezzare per le opzioni di sincronizzazione con il browser utilizzato su pc e smartphone.

In definitiva il punto di forza del Nexus 7 è il rapporto qualità-prezzo: economico ma con un comparto hardware di ottimo livello, affiancato dalla dotazione dell’ultimo sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean. Tra i principali difetti, l’assenza di uno slot per la microSD e del supporto alla connettività 3G. Chiediamo troppo?