Guide Guide all'acquisto

I migliori tablet Android economici (max 200 euro) del 2015

Mag 26, 2015

I migliori tablet Android economici (max 200 euro) del 2015

In questa guida cercheremo di far luce riguardo i “Migliori tablet Android sotto i 200 Euro”. Questo segmento, insieme a quello dei top di gamma, è probabilmente quello più saturo di prodotti e per questo la scelta non è stata facile. La selezione è ricaduta su quei prodotti che, pur con degli ovvi limiti legati al prezzo, hanno dimostrato affidabilità ed una certa completezza (hardware e software).

L’ordine della guida è esclusivamente legato al prezzo e non rappresenta una classifica di qualità. Questo perché, a seconda delle vostre esigenze, non è detto che un prodotto più costoso sia necessariamente migliore di uno più economico.

Tutti i prodotti sono stati presi nei tagli di memoria base.

 

1. Amazon Fire HD 6

Custodia Amazon con supporto per Fire HD 6 (4ª generazione - modello 2014), Rosa magenta
Prezzo consigliato: 29.99€
Risparmi: 25€ (83%)
Prezzo: 4.99€

Questo modello rappresenta la porta di accesso al mondo tablet di Amazon ed offre, ad un prezzo entry level, un’esperienza d’uso molto piacevole.
Come spiega chiaramente il nome, il display IPS è un 6″, con risoluzione HD (1280 x 800 pixel). I colori sono calibrati correttamente e quindi la resa cromatica è molto buona. Peccato per una luminosità massima un po bassina e per l’assenza di un sensore per la sua regolazione automatica. La resa in interni è comunque apprezzabile. Il Soc è un MediaTek MT8135V, con CPU quad core (due processori dual core a 1.2 Ghz e 1.5 Ghz) e GPU PowerVR G6200. Nel complesso questi componenti, abbinati al singolo GB di ram, mantengono il sistema molto fluido ed assicurano una discreta resa anche in ambito ludico, considerando la fascia di prezzo. La memoria interna da 8GB o 16GB non è espandibile, quindi prestate attenzione al taglio più giusto per voi. Sono presenti il wi-fi b/g/n ed il bluetooth 4.0, ma sono assenti tutte le altre connettività (GPS, NFC, Modulo telefonico). La batteria, di capienza non dichiarata, permette di coprire i 2 giorni standard. L’audio risulta essere nella media.

Il software (Fire OS 4 Sangria) si basa su Android 4.4 KitKat, ma è stato totalmente stravolto dal produttore. Non sono presenti le Google Apps (Play Store in primis) e tutto ruota intorno ai servizi Amazon. Se non avete particolari esigenze, nello store dell’azienda non manca nulla ma, se necessitate di particolari software, vi converrà verificare la loro presenza. Anche l’interfaccia utente non ricorda minimamente Android Stock e si basa su una grafica che mette al centro di tutto i contenuti (musica, libri, ecc.). La fluidità è comunque invidiabile. Purtroppo, nella versione base, sono presenti delle offerte speciali nella home. Per disattivarle il costo è di 15 Euro, ma tutto sommato la loro presenza non è per nulla invasiva.

Le fotocamere sono il vero “Tallone d’Achille” del prodotto. La posteriore da 2MP, senza led flash, offre degli scatti insufficienti in quasi tutte le condizioni. L’anteriore VGA è anche peggio, risultando scarsamente idonea anche per le video chiamate.

Nonostante l’uso del policarbonato, la qualità costruttiva è molto buona e le dimensioni sono abbastanza compatte. Gli svantaggi, per quanto riguarda l’aspetto dimensionale, riguardano principalmente il peso (10.7 mm) e lo spessore (290 grammi).

Tutti questi piccoli/grandi difetti (a seconda delle vostre esigenze) vengono compensati dal costo. Parliamo infatti di 99 Euro per la versione 8GB, disponibile in vari colori.

 

2. LG G Pad 7

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

Anche in questo caso parliamo di un device che, pur avendo un costo molto basso, garantisce performance e qualità di buon livello. Il display è probabilmente uno dei migliori della categoria. Il pannello IPS HD (1280 x 800 pixel) offre una buona resa cromatica ed una luminosità, non automatica, molto alta. Anche il resto dell’hardware è di buon livello. Il System on a chip è il “classico” Qualcomm Snapdragon 400, con Cpu quad core @1.2 Ghz e GPU Adreno 305. In ogni situazione il comportamento di questo chip è soddisfacente, permettendo di mantenere il sistema ed i giochi estremamente fluidi. Ovviamente, rimanendo in ambito gaming, le performance grafiche non sono al top, ma il frame rate rimane abbastanza stabile. La ram è da 1GB e la rom è da 8GB espandibili via MicroSD. Entrambe sono più che sufficienti nell’uso quotidiano. Oltre al Wi-Fi a/b/g/n, al Bluetooth 4.0 ed al GPS, è presente la porta infrarossi per controllare i dispositivi casalinghi. Mancano NFC e modulo 3G/4G. Anche l’autonomia non vi deluderà, assestandosi, grazie alla batteria da 4000 mAh, al top della categoria. L’audio è nella media.

Il software è basato su Android 4.4 KitKat ed ha subito una forte personalizzazione di LG. Lo stile è il solito del produttore coreano e prevede le features “standard” dell’azienda (knock code, risveglio con doppio tap, QSlide, quick remote, ecc.). Nel complesso la fluidità è quasi sempre garantita, in quasi tutti i frangenti.

La fotocamera anteriore, senza led flash, è assolutamente insufficiente. I 3.15MP, a fuoco fisso, non garantiscono quasi mai risultati sufficienti, offrendo molto rumore video e scarsa ricchezza di dettagli. La fotocamera anteriore è invece sufficiente per delle chiamate video, posizionandosi, grazie agli 1.3MP, in una fascia di qualità media.

Nonostante il prezzo contenuto ed il design non proprio accattivante, la qualità costruttiva è apprezzabile per solidità e cura. Il policarbonato, ricoperto da uno strato leggermente gommato, non scricchiola molto e dona un ottimo grip. Il  peso di 293 grammi è ben distribuito, ma purtroppo lo spessore (10.1 mm) e le cornici sono molto generosi.

Il tablet è disponibile online dai 105 Euro circa.

3. Mediacom Smart Pad 10.1 S2

Aggiornamento a cura di Antonino Neri
Il Mediacom Smart Pad S2, che monta un display da 10.1″, ha il lato posteriore in metallo, il che dà una piacevole sensazione di solidità. Lo schermo ha una risoluzione di 1280×800 pixel, quindi parliamo di un pannello ad alta definizione, ma non Full HD. La luminosità è buona, anche se la visualizzazione risulta un po’ complessa sotto la luce del sole.

L’hardware è composto da un processore dual core Cortex A9 da 1.5GHz, 1GB di RAM e 16GB di memoria interna. Molto debole invece il comparto fotografico: la fotocamera posteriore è da 2MP e quella anteriore da 0.3MP. Manca inoltre il supporto alle reti 3G e persino il GPS. Il tablet cerca di compensare queste mancanze con la presenza di una porta miniHDMI, ma ovviamente questo non può bastare…

Il sistema operativo è Android Jelly Bean 4.1 che contiene tutta la dotazione Google per Android, inclusi Youtube e Google Now, mentre manca Maps (vista la già citata assenza del chip GPS). Troviamo invece preinstallate le app ufficiali di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport ed il Play Store, per scaricare nuove applicazioni. Buona l’autonomia, che garantisce circa 2 giorni di utilizzo con il WiFi sempre attivo ed un uso intenso del tablet.

4. Asus MeMo Pad 7 (ME176CX)

Questo è uno dei tanti MeMo Pad 7 di Asus che, pur non cambiando nome, si sono succeduti nel corso del tempo. In particolare in tablet in questione e la versione ME176CX e riteniamo sia la migliore (per rapporto qualità/prezzo) disponibile sul mercato. Aspetto chiave per questi modelli è il display che, anche in questo caso, non delude. Il pannello IPS da 7″ HD (1280 x 800 pixel) offre dei colori buoni, anche se un po troppo saturi (la temperatura colore è comunque regolabile). Anche la luminosità, pur mancando l’apposito sensore per la regolazione, è nella media. Il processore è uno dei punti di forza del device. Il Soc è infatti un Intel Atom Z3745, con CPU @64 bit quad core @1.33 Ghz (1.86 Ghz in turbo boost) e GPU Intel HD Graphics. Anche se Android 4.4 non supporta il 64 bit, questo componente sorprende per potenza e resa, sia nelle operazioni standard che in game. La ram è da 1GB e la rom da 16GB, espandibili via MicroSD. Sono presenti: wi.fi b/g/n, bluetooth 4.0 e GPS. E’ assente una versione 3G/4G. La batteria è da 3950 mAh, ma non riesce a garantire un’autonomia sorprendente, fermandosi ad 1 giorno di uso intenso (o due di uso blando). L’audio è nella media.

Il software porta in dote la nuova interfaccia Asus “Zen UI”, basata su Android 4.4. Da apprezzare il lavoro svolto dal produttore per svecchiare la grafica dei suoi device, anche se all’atto pratico le features aggiunte sono poche. Anche grazie alle funzioni un po scarne, il prodotto rimane abbastanza fluido, offrendo un’esperienza d’uso appagante.

Le fotocamere, come in quasi tutti i prodotti di questa fascia, risultano sottotono. La posteriore da 2MP a fuoco fisso non garantisce risultati sufficienti e l’anteriore VGA è poco indicata anche per le semplici chiamate video.

La qualità costruttiva è discreta, anche se le plastiche usate risultano essere un po “cheap”. Nel complesso è comunque apprezzabile l’assemblaggio e la scarsa presenza di scricchiolii eccessivi tra le parti. Il peso è nella media del segmento, con i suoi 295 grammi. Lo spessore riesce a stare sotto il cm, fermandosi a 9.6 mm.

Il tablet è disponibile intorno ai 110 Euro in vari colori.

5. Archos 79 Xenon

L’Archos 79 Xenon è un prodotto dalle notevoli qualità ed offre, ad un prezzo contenuto, delle soluzioni interessanti. Il display IPS  da 7.9″ ha una risoluzione HD (1024 x 768 pixel) ed una riproduzione realistica dei colori. Inoltre la luminosità è ben gestita dal sensore integrato e la ratio in 4:3 esalta la navigazione web e la lettura. Il System on a chip è un Mediatek MT8389, con CPU quad core @1.2 Ghz e GPU PowerVR Series 5XT. Nell’uso quotidiano il componente riesce a gestire, senza particolari lag, l’interfaccia utente, ma nel gaming non riesce a mantenere stabile il frame rate dei giochi più elaborati. Il singolo GB di ram permette di mantenere il sistema abbastanza stabile e la memoria interna, da soli 8GB, è espandibile via MicroSD. Oltre al Wi-fi, sono presenti anche: GPS, Bluetooth 4.0 e connettività dati HSUPA @42.2 Mbps (anche per fare chiamate classiche). La batteria, con i suoi 4000 mAh, copre la giornata lavorativa, ma non riesce a stupire. Anche l’audio è “senza infamia e senza lode”.

Per quanto riguarda le fotocamere, siamo in linea con i concorrenti. La qualità è infatti molto bassa. Il sensore posteriore da 2MP non è sufficientemente definito e l’anteriore VGA è sconsigliato per quasi tutti gli usi.

Il software è purtroppo fermo alla versione Android 4.2.2 ma riesce ad essere abbastanza fluido, grazie alla totale assenza di personalizzazione da parte di Archos. Sono presenti solo delle app multimediali del produttore, che aggiungono alcune features in questo comparto. Sono assenti però le funzioni legate alle release successive del robottino verde.

La qualità costruttiva è assolutamente eccelsa. Il retro, ad eccezione di una banda superiore in policarbonato, è totalmente in alluminio satinato ed offre un’ottima sensazione al tatto. Al di sotto della parte in plastica troviamo gli slot per la sim e MicroSD. Però la scelta di questo materiale ha penalizzato il peso, che arriva fino a 320 grammi.
Da apprezzare invece lo spessore del tablet, di soli 8 mm.

Il tablet, in questa configurazione, è disponibile intorno ai 125 Euro online.

 

6. MSI Primo 81

i-Tronixs MSI Primo 81 7. 85
Prezzo consigliato: 16.85€
Risparmi: 7.87€ (0%)
Prezzo: 16.85€

Aggiornamento a cura di Antonino Neri
Un tablet da 130€ con lo stesso schermo dell’iPad Mini (1a gen.). No, non stiamo scherzando: l’MSI Primo 81 monta lo stesso display che troviamo sul piccolo tablet di Apple, un IPS da 7.85” a risoluzione 1024 x 768 prodotto da LG. Ovviamente questa è l’unica cosa che accomuna l’iPad Mini con il Primo 81, che è equipaggiato con un processore quad-core Allwinner A315 e dispone di 1GB di RAM. Questo tablet MSI ha la scocca in lega di alluminio, uno spessore di 7.8 mm ed un peso di 323 g.

Come già detto, il display da quasi 8″ è identico a quello dell’iPad Mini, ciò significa che avrete una grande chiarezza delle immagini, un’ottima fedeltà dei colori e molti angoli di visione. Purtroppo non potrete vedere video HD alla risoluzione nativa di 720p, ma lo schermo del Primo 81 è nettamente superiore a quelli dei suoi competitor. La fotocamera posterior da 2MP è nella media, ma non ha il flash né il tap-to-focus. La qualità delle foto in esterna è bassa e i dettagli si distinguono poco.

Sul bordo inferiore troviamo molte porte per le connessioni: nello specifico la porta microUSB per connettere l’alimentatore, l’uscita audio per gli auricolari, la porta per le microSD e anche una porta mini HDMI. Data la posizione dello speaker (in basso a sinistra sul retro del dispositivo) finirete spesso per coprirla con le dita semplicemente impugnando il tablet, quindi vi consigliamo l’utilizzo degli auricolari, specie per ascoltare la musica o vedere un video.

7. Amazon Fire HD 7

Le considerazione fatte in precedenza per il modello da 6″ sono valide anche per questa versione. Per questo motivo, troverete specificati solo quegli aspetti che differenziano i due modelli. In primo luogo, il display IPS è cresciuto fino a 7″, mantenendo una risoluzione HD (1280 x 800 pixel) ed una buona qualità. Anche la luminosità è leggermente superiore, ma è comunque assente la regolazione automatica della stessa. Il resto dell’hardware è identico, eccezion fatta per l’audio, arricchitosi con un doppio speaker stereo (in luogo del singolo del 6″). Nonostante l’aumento della grandezza dello schermo, l’autonomia è molto simile al modello precedente.

Anche le fotocamere ed il software non hanno subito alcuna modifica. Ovviamente sono lievitate in modo importante le dimensioni, a causa anche di cornici molto “generose”. Il peso è di 337 grammi, mentre le altre sono: 191 mm, 128 mm e 10.6 mm di spessore.

Il prezzo del tablet di Amazon è di 139 Euro.

 

8. Samsung Galaxy Tab 4 7″

Samsung Galaxy Tab A Tablet, 7.0, 8 GB Espandibili, WIFI [Versione Italiana], Nero
Prezzo consigliato: 159.9€
Risparmi: 32.88€ (21%)
Prezzo: 127.02€

Questo è uno dei prodotti più appetibili della fascia, offrendo un’esperienza d’uso ed un design molto vicino a quello dei segmenti superiori. Il display LCD, pur con risoluzione HD (1280 x 800 pixel), garantisce un’ottima qualità dei colori (un po saturi) ed una buona luminosità massima (non regolabile automaticamente). Il Soc non è specificato dal produttore; sappiamo solo che la CPU è una quad core @1.2 Ghz. Il componente riesce a mantenere fluido il sistema, anche in game, comportandosi come la media dei concorrenti. La ram è da 1.5GB e la rom da 8GB è espandibile via MicroSD. L’autonomia è anch’essa nella media, assestandosi sulla giornata lavorativa o sui 2 giorni “blandi”. Sono presenti: bluetooth 4.0, GPS e Wi-fi a/b/g/n. E’ presente anche una versione LTE che sfora il tetto dei 200 Euro.

Il software è bastato su Android 4.4.2 Kitkat e l’UI è la nuova TouchWiz, già vista sul Galaxy S5, abbastanza fluida e ricca di funzioni extra (come il multi windows). Nel complesso l’esperienza utente è superiore ai concorrenti, probabilmente anche grazie ai 500mb di ram extra.

Le due fotocamere sono appena sufficienti. La posteriore da 3MP entra in difficoltà appena la luminosità cala leggermente, mentre l’anteriore da 1.3MP è adeguata per le sole chiamate video.

L’assemblaggio è buono ma i materiali, soprattutto la back cover, danno una sensazione “cheap”. E’ apprezzabile il lavoro svolto da Samsung per ridurre al minimo le cornici laterali, offrendo la possibilità di tenere il tablet anche con una mano. Le dimensioni sono: 107.9 mm, 186.9 mm e 9 mm di spessore. Il peso è di 276 grammi.

Il prezzo online del tablet è molto variabile, ma è facile trovarlo intorno ai 170 Euro in alcuni store (ad esempio Amazon).

 

9. LG G Pad 8

Come per la coppia di tablet Amazon, anche in questo caso, le considerazioni fatte per il 7″ valgono per questo modello, con poche eccezioni. La prima differenza è il display, che sale a 8″, mantenendo la risoluzione HD (1280 x 800) e la stessa buona qualità generale. L’altro componente hardware che varia è la memoria interna, che sale a 16GB, rimanendo sempre espandibile via MicroSD. L’autonomia è la medesima del modello inferiore, poiché il pollice in più di schermo viene compensato da 200 mAh in più di batteria.

Il software rimane molto fluido e garantisce una buona esperienza utente, pur non offrendo features extra per una tale dimensione di schermo. La qualità costruttiva, pur buona, non migliora e le dimensioni sono ovviamente lievitate. Esse sono: 21.8 mm, 12.4 mm e 9.9 mm. Il peso è di 342 grammi.

Una nota di merito va alla fotocamera posteriore, sostituita con un sensore da 5MP. La qualità è migliorata e, almeno in condizioni di buona luce, i risultati sono sufficienti. Anche i video hanno subito un upgrade, grazie alla risoluzione FullHD. La fotocamera anteriore è la medesima.

Il costo online del tablet di dimensioni medie di LG si aggira intorno ai 185 Euro.

10. Acer Iconia Tab 7 (713 HD)

Scopri la migliore offerta su Amazon.it  

Un tablet con schermo HD, WiFi+3G e funzioni telefoniche a 158€. Questo (ed altro) è l’Acer Iconia Tab 7, un tablet da 7″ con processore quad-core ARM Cortex A7da 1.3GHz, 1GB di RAM, 16GB di memoria interna e modem 3G integrato. Nonostante la fascia di prezzo, questo tablet ha un design curato, uno spessore abbastanza ridotto (8,9mm) ed un peso di 298gr, caratteristiche indispensabili visto che, come dicevamo, l’Iconia Tab 7 può effettuare anche chiamate.

I tablet ha un display HD con risoluzione 1280 x 800 e rivestimento anti-impronte e due fotocamere: la posteriore da 5MP e la frontale da 0.3MP per le videochiamate. Il sistema operativo è Android 4.4 KitKat e a volte potremo notare dei piccoli ritardi di navigazione all’interno del software ma, ad esclusione dei videogiochi, potrete svolgere tutte le principali operazioni senza particolari problemi.

Infine troviamo un lettore di microSD, una batteria con 6 ore di autonomia ed il servizio AcerCloud, che permette di salvare online foto, video, musica e altri file e di accedervi da qualsiasi dispositivo.

 

11. Acer Iconia Tab 8

Aggiornamento a cura di Antonino Neri
L’Acer Iconia Tab 8 (A1-840) è un tablet con display da 8″ che si caratterizza per il formato 16:9, mentre i materiali utilizzati per la scocca sono gli stessi del fratello minore (l’Iconia Tab 7): il retro è in metallo, tranne le due bande plastiche sui lati corti, mentre la parte frontale è interamente coperta dal vetro. Ha uno spessore di 8,5 mm (quindi 0,4mm in meno dell’Iconia Tab 7) e si riesce a tenere abbastanza saldamente anche con una mano sola.

A differenza dell’Iconia Tab 7 monta un processore Intel Atom quad core da 1.3 GHz con supporto ai 64 bit e 2GB di RAM e 16 GB di memoria interna (espandibili tramite microSD). Questo tablet non può effettuare telefonate e non dispone del modulo 3G, quindi la connettività dati è limitata al solo Wi-Fi. Ci sono invece il bluetooth , il GPS e anche un’uscita microHDMI per vedere sul vostro televisore qualsiasi cosa stiate visualizzando sul tablet. Lo speaker si trova sul retro ed ha una discreta potenza, ma non sufficiente per sentire bene un video all’esterno.

Il display è una bel pannello IPS da 8″ con risoluzione di 1920 x 1200 pixel (quindi oltre il Full HD) ed ottimi angoli di visione, mentre purtroppo la luminosità non è regolabile automaticamente. Per quanto riguarda il comparto foto, abbiamo una fotocamera posteriore da 5MP senza Flash LED ed una anteriore da 2MP. La qualità delle fotocamere è appena sufficiente, mentre si possono registrare video a 1080p.

Il sistema operativo è Android 4.4.4 KitKat ed include molti software preinstallati, perlopiù legati ai servizi cloud di Acer e ai servizi multimediali di Amazon. Il sistema non è esattamente fluido e scattante, con qualche rallentamento nell’apertura di software o nella rotazione dello schermo. Interessante invece la funzione “Split Screen”, che permette di affiancare due applicazioni per sfruttare meglio lo spazio del display (ma solo utilizzando il tablet in orizzontale). Grazie alla batteria da 4600 mAh l’Iconia Tab 8 ha un’autonomia che, con un uso intenso, raggiunge tranquillamente le 48 ore.

12. Honor T1


Aggiornamento a cura di Antonino Neri
Con il T1 Honor (una divisione di Huawei) ha realizzato un tablet con una scocca resistente, un bel display da 8″ ed una grande autonomia. Il display è un IPS con risoluzione 1280 x 800 ed un sensore di luminosità che funziona bene. La luminosità è ottima, così come la riproduzione dei colori.

Per quanto riguarda i materiali, l’Honor T1è solido e monta un pannello posteriore comodo da impugnare e realizzato con un alluminio anti-impronte. Il processore Qualcomm Snapdragon da 1.2Ghz non è potentissimo, ma grazie ad un wattaggio bassissimo e ad una batteria da ben 4800 mAh comporta un consumo davvero contenuto, quasi nullo quando in standby; il T1 arriva fino a 3 giorni di autonomia con un uso medio (Wifi sempre attivo, luminosità automatica, navigazione internet, visualizzazione di alcuni video e qualche minuto di videogiochi).

Le fotocamere, purtroppo, sono di bassa qualità: la frontale è una VGA da 800 x 480 pixel, una risoluzione così bassa che è ormai quasi desueta. La posteriore è da 5MP, ma ha la messa a fuoco fissa, è senza flash ed è anche poco reattiva negli scatti. Anche il comparto sonoro è deludente: l’audio è mono ed esce da un solo altoparlante frontale (quantomeno il volume è abbastanza alto).

13. LG G Pad 10.1

Questo device, ad esclusione dello schermo, è identico alla versione da 8″, per questo le considerazioni fatte per il primo sono valide.

L’unico aspetto veramente differente è il display IPS da 10.1″ con risoluzione HD (1280 x 800 pixel). La qualità è leggermente inferiore al modello precedente, principalmente per il fatto che la risoluzione comincia ad essere un po bassa per questa grandezza, lasciando intravedere la griglia dei pixel. Nonostante il pannello più grande, la batteria da 8000 mAh riesce a mantenere l’autonomia sul livello del 8″.

L’altra differenza è ovviamente rappresentata dalla grandezza del device. Le nuove misure sono: 260.9 mm, 165.9 mm e 8.9 mm di spessore. Il peso arriva a 523 grammi.

Il prezzo online di LG G Pad 10 si aggira intorno ai 200 Euro.

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.